Slide background




Vademecum Filtri HEPA

ID 11009 | | Visite: 1436 | Documenti Riservati NormazionePermalink: https://www.certifico.com/id/11009

Vademecum filtri HEPA

Vademecum Filtri HEPA 

ID 11009 | 31 Luglio 2020

Documento di approfondimento sulla norma EN 1822-1:2019 Filtri per l'aria ad alta efficienza (EPA, HEPA e ULPA) - Parte 1: Classificazione, prove di prestazione, marcatura.

La norma europea EN 1822 “Filtri per aria ad alta efficienza (EPA, HEPA e ULPA)” si applica ai filtri per aria ad alta ed altissima efficienza e a bassissima penetrazione (EPA, HEPA e ULPA), utilizzati nel campo della ventilazione e del condizionamento dell’aria, come pure in processi tecnologici quali la tecnologia delle camere bianche o dell’industria farmaceutica. Essa stabilisce un procedimento per la determinazione dell’efficienza sulla base di un metodo di conteggio delle particelle per mezzo di un aerosol liquido (o in alternativa solido) di prova e permette di classificare questi filtri, in modo normalizzato, in funzione della loro efficienza.

Il filtro HEPA (High Efficiency Particulate Air filter) è un particolare sistema di filtrazione ad elevata efficienza di fluidi (liquidi o gas).

È composto da foglietti filtranti di microfibre (generalmente in borosilicato) assemblati in più strati, separati da setti in alluminio. I foglietti filtranti in microfibra hanno il compito di bloccare le particelle solide inquinanti (o particolato) presenti nella corrente fluida da trattare.

Le particelle solide possono essere infatti nocive per la salute oppure possono pregiudicare la qualità del prodotto finale che si desidera ottenere.

I filtri HEPA fanno parte della categoria dei cosiddetti "filtri assoluti", a cui appartengono anche i filtri ULPA (Ultra Low Penetration Air).

Il termine "filtro assoluto" è giustificato dal fatto che i filtri HEPA e ULPA hanno una elevata efficienza di filtrazione. In particolare, i filtri HEPA presentano un'efficienza di filtrazione compresa tra l'85% (H10) e il 99,995% (H14), mentre i filtri ULPA presentano un'efficienza di filtrazione tra il 99,9995% (U15) e il 99,999995% (U17).

Vengono classificati in base all'efficienza di filtrazione delle particelle di 0,3 µm, in accordo alle norme UNI EN 1822. Sono infatti raggruppati in 5 classi (da H10 ad H14) con caratteristiche prestazionali crescenti.

Sono collaudati con il metodo della dispersione di un aerosol di dioctilftalato (DOP test): l'efficienza calcolata è > del 99,999 % con particelle con diametro 0,3 µm (penetrazione 0,001%).

I filtri HEPA hanno moltissime possibilità di utilizzo ad esempio possono essere impiegati nei laboratori di analisi, sale operatorie, in ambito chimico e in ambito farmaceutico, come elemento filtrante negli aspirapolvere, nei climatizzatori d'aria e nelle cappe a flusso laminare e nelle mascherine di protezione.

Possono assumere diverse posizioni lungo il percorso di filtraggio, anche in serie.

Hanno la capacità di formare un flusso laminare o turbolento di aria sterile che viene utilizzata nei processi farmaceutici di sterilizzazione.

______

UNI EN 1822-1:2019

Filtri per l'aria ad alta efficienza (EPA, HEPA e ULPA) - Parte 1: Classificazione, prove di prestazione, marcatura

Data entrata in vigore: 16 maggio 2019

La norma si applica ai filtri per l'aria ad alta ed altissima efficienza e a bassissima penetrazione (EPA, HEPA e ULPA), utilizzati nel campo della ventilazione e del condizionamento dell'aria, come pure in processi tecnologici quali la tecnologia delle camere bianche o dell'industria farmaceutica.

Essa stabilisce un procedimento per la determinazione dell'efficienza sulla base di un metodo di conteggio delle particelle per mezzo di un aerosol liquido (o in alternativa solido) di prova e permette di classificare questi filtri, in modo normalizzato, in funzione della loro efficienza.

Traduzione in IT non ufficiale

Classificazione

Gli elementi filtranti sono classificati in gruppi e classi in base alle loro prestazioni di filtrazione (efficienza o penetrazione).

Gruppi di filtri

Secondo questo standard, gli elementi filtro rientrano in uno dei seguenti gruppi:

Gruppi

Gruppi e classi di filtri

I filtri sono classificati in gruppi e classi. Per ogni gruppo si applica una procedura di prova leggermente diversa.

Tutti i filtri sono classificati in base alle prestazioni di filtrazione.

I filtri del gruppo E sono suddivisi in tre classi:

Gruppo E

I filtri del gruppo H sono suddivisi in due classi:

Gruppo H

I filtri del gruppo U sono suddivisi in tre classi:

Gruppo U

Requisiti

L'elemento filtrante deve essere progettato o contrassegnato in modo da impedire un montaggio errato.
L'elemento filtrante deve essere progettato in modo tale che, se montato correttamente nel condotto di ventilazione, non si verifichino perdite lungo il bordo di tenuta.
Se, per qualsiasi motivo, le dimensioni non consentono la verifica di un filtro in condizioni di prova standard, è consentito il montaggio di due o più filtri dello stesso tipo o modello, purché non si verifichino perdite nel filtro risultante.

Materiale

L'elemento filtrante deve essere realizzato in materiale adatto per resistere al normale utilizzo e alle esposizioni a quelle temperature, umidità e ambienti corrosivi che possono essere incontrati.
L'elemento filtrante deve essere progettato in modo tale da resistere a vincoli meccanici che possono essere incontrati durante l'uso normale.
La polvere o le fibre rilasciate dal mezzo filtrante dal flusso d'aria attraverso l'elemento filtrante non devono costituire un pericolo o un fastidio per le persone (o i dispositivi) esposte all'aria filtrata.

Prestazioni di filtrazione

Le prestazioni di filtrazione sono espresse dall'efficienza o dalla penetrazione delle particelle MPPS.

Dopo i test, gli elementi filtranti sono classificati in base alla tabella 1, in base alla loro efficienza o penetrazione MPPS integrale (locale E) o locale (gruppi H e U).

I filtri con mezzi filtranti a carica elettrostatica sono classificati secondo la tabella 1, in base alla loro efficienza o penetrazione scaricata secondo la norma EN ISO 29463-5: 2018, allegato C.

Tabella 1 - Classificazione dei filtri EPA, HEPA e ULPA

 Tabella 1

Marcatura

H13

Il filtro deve essere contrassegnato con i seguenti dettagli di identificazione del tipo:

a) nome, marchio o altri mezzi di identificazione del fabbricante;
b) tipo e numero di serie del filtro;
c) numero della presente norma;
d) classe del filtro;
e) portata nominale del volume d'aria alla quale il filtro è stato classificato.

Se non è possibile dedurre il corretto montaggio nel condotto di ventilazione, è anche necessario contrassegnare la direzione del flusso d'aria (ad es. Con “TOP”, “Direzione del flusso” o un simbolo a freccia).

La marcatura deve essere il più chiaramente visibile e il più durevole possibile.

...segue in allegato

Certifico Srl - IT Rev. 0.0.2020
©Copia autorizzata Abbonati

Matrice Revisioni

Rev. Data Oggetto Autore
0.0 31.07.2020 --- Certifico Srl

Collegati



Tags: Normazione Abbonati Normazione Vademecum

Articoli correlati

Ultimi archiviati Normazione

Decisione di esecuzione UE 2020 1808
Dic 01, 2020 21

Decisione di esecuzione (UE) 2020/1808

Decisione di esecuzione (UE) 2020/1808 Decisione di esecuzione (UE) 2020/1808 della Commissione del 30 novembre 2020 che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2019/1698 per quanto riguarda le norme europee relative a determinati articoli per puericultura, ai mobili per l’infanzia, alle… Leggi tutto
UNI EN ISO 19014 4 2020
Nov 22, 2020 72

UNI EN ISO 19014-4:2020

UNI EN ISO 19014-4:2020 Macchine movimento terra - Sicurezza funzionale - Parte 4: Progettazione e valutazione del software e trasmissione dati per parti del sistema di comando relative alla sicurezza Data entrata in vigore : 19 novembre 2020 La norma specifica i principi generali per lo sviluppo… Leggi tutto
UNI 11472 2019 Rilievo incidenti stradali
Nov 22, 2020 95

UNI 11472:2019

UNI 11472:2019 Rilievo degli incidenti stradali - Modalità di esecuzione 12 settembre 2019 La norma descrive la procedura per il rilievo degli incidenti stradali, ponendo l’attenzione su cosa deve essere rilevato e con quali modalità, affinché tali rilievi possano costituire una valida base di… Leggi tutto
UNI 11294 Tecnici per la ricostruzione degli incidenti stradali
Nov 22, 2020 101

UNI 11294:2020

UNI 11294:2020 | Tecnici per la ricostruzione degli incidenti stradali Qualificazione dei tecnici per la ricostruzione e l'analisi degli incidenti stradali - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza UNI, 05 novembre 2020 La norma definisce i requisiti necessari per svolgere l'attività… Leggi tutto
Programma di normazione nazionale CEI 2020
Nov 21, 2020 45

Programma di normazione nazionale CEI 2020

Programma di normazione nazionale CEI 2020 ID 12107 | 21.11.2020 Il Programma di normazione nazionale, presentato di seguito, raccoglie tutti i progetti di norme tecniche in fase di elaborazione da parte del CEI. Tale documento, oltre a consentire una visione complessiva e allo stesso tempo di… Leggi tutto
Nov 20, 2020 70

ISO 22328-1:2020

ISO 22328-1:2020 Security and resilience — Emergency management — Part 1: General guidelines for the implementation of a community-based disaster early warning system Leggi tutto
Nov 20, 2020 53

ISO/DIS 16090-1:2020

ISO/DIS 16090-1:2020 Machine tools safety — Machining centres, milling machines, transfer machines — Part 1: Safety requirementsEd. 2.0 Collegati[box-note]UNI EN ISO 16090-1:2019 | Requisiti di sicurezza macchine utensiliISO 16090-1:2017ISO/DIS 16090-1: Requisiti di Sicurezza macchine… Leggi tutto
Nov 20, 2020 65

ISO 20414:2020

ISO 20414:2020 Fire safety engineering — Verification and validation protocol for building fire evacuation models Collegati
ISO 20710-1ISO/TR 23932-2:2020 Fire safety engineering - General principles - Part 2: Example of a dry-cleaning store
Leggi tutto

Più letti Normazione