Slide background

Sicurezza laser: Norme riferimento e Responsabile Sicurezza Laser (LSO)

ID 3901 | | Visite: 13259 | Documenti Riservati NormazionePermalink: https://www.certifico.com/id/3901

Sicurezza laser in campo sanitario: Norme di riferimento e Responsabile Sicurezza Laser (LSO) IEC TR 60825-14

Safety Laser Administrative policies IEC TR 60825-14

Un Documento sul rischio radiazioni artificiali (laser) in riferimento al D.Lgs 81/2008 Titolo III Capo V Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche artificiali e le norme IEC e CEI di riferimento, con particolare attenzione al Rapporto Tecnico IEC TR 60825-14 (CEI 76-11) per la Gestione del rischio laser per le Organizzazioni in campo sanitario attraverso le "Administrative policies" e la figura del "LSO" Laser Safety Officer (Responsabile Sicurezza laser).

Scheda

La gestione degli agenti fisici in ambiente sanitario, richiede una particolare attenzione nei confronti di una importante sorgente di rischio diffuso.
Si tratta dei LASER medicali che appartengono alla categoria delle cosiddette sorgenti di radiazioni non ionizzanti.

Essi sono in continua evoluzione sia per tecnologia che per le diverse applicazioni in campo medico e vengono impiegati con ottimi risultati in chirurgia, fisioterapia e medicina estetica.

Tuttavia, è necessario considerare il fatto che, a causa di una normativa che non contempla in modo specifico le procedure di sicurezza da adottare per tali dispositivi medici, è piuttosto recente l’attenzione ai problemi di sicurezza inerenti il loro uso che espone a rischi importanti sia gli operatori che i pazienti. L’attuale quadro normativo, infatti, solo attraverso le “misure generali di tutela” a carico dei datori di lavoro regolamenta l’impiego dei LASER e le relative procedure per la gestione degli aspetti della sicurezza connessi al loro utilizzo.

Sicurezza laser: le norme di riferimento

Come tutte le apparecchiature, anche i laser devono rispettare gli obbiettivi di sicurezza delle Direttive di Prodotto applicabili, es nel caso, la Direttiva Bassa Tensione 2014/35/UE (costruzione) e del D.Lgs. 81/2008 (uso). 

In materia di laser la norma vincolante a livello internazionale principale è la IEC 60825-1 armonizzata Direttiva Bassa Tensione 2014/35/UE.

La versione attuale in italiano è la CEI EN 60825-1:2015 e il titolo: «Sicurezza degli apparecchi laser. Parte 1: Sicurezza dei prodotti laser Parte 1: Classificazione degli apparecchi e requisiti».

Il Rapporto Tecnico IEC TR 60825-14:2004Safety of laser products - Part 14: A user's guide

Il Rapporto Tecnico IEC TR 60825-14 (CEI 76-11 Sicurezza degli apparecchi laser Parte 14: Guida per l’utilizzatore) permette di assistere gli utilizzatori nella comprensione dei principi generali di sicurezza, in particolare consente:

- l'identificazione delle situazioni di potenziale pericolo,
- la valutazione dei rischi derivanti da tali situazioni,
- la determinazione delle necessarie misure di protezione e controllo.


Al capitolo 3 di IEC TR 60825-14 (solo in lingua inglese), sono individuate figure e competenze dei soggetti individuati nella Politica della Sicurezza di un Organizzazione che usa laser, ad esempio in campo sanitario (vedi a seguire):

- Safety responsibilities (Responsalità Sicurezza)
- Competent persons (Persone competenti)
- LSO Laser Safety Officer (Responsabile Sicurezza laser)
- Information and training (Formazione e Informazione)


Per i sistemi di telecomunicazione a fibre ottiche, le prescrizioni di sicurezza sono contenute nella norma EN 60825-2:2006+Amd2011 «Sicurezza degli apparecchi laser. Parte 2: Sicurezza dei sistemi di telecomunicazione a fibre ottiche (OFCS)».

Vedi il Focus EN 60825-1

CEI EN 60825-1:2015 «Sicurezza degli apparecchi laser. Parte 1: Sicurezza dei prodotti laser Parte 1: Classificazione degli apparecchi e requisiti».

https://my.ceinorme.it/index.html#detailsId=0000014497

Potenziale di pericolo delle classi laser

Il concetto di laser non basta a descrivere il pericolo rappresentato da un dispositivo che emette radiazioni elettromagnetiche coerenti. Il potenziale di rischio può variare di molto secondo l’apparecchio e le condizioni d’uso. Per questo motivo la norma internazionale raccomanda che ogni sistema laser sia attribuito ad una specifica classe, in modo che il potenziale di pericolo sia immediatamente chiaro a tutti. Il rischio aumenta con l’aumentare della classe.

Obbligo di classificazione: chi mette in circolazione apparecchiature laser può consegnare il prodotto all'utilizzatore solo dopo averlo attribuito ad una delle sette classi definite nella norma sui laser (in caso contrario l’utilizzatore dovrebbe rispettare le regole severe della classe 4).

Quest’obbligo viene meno se il prodotto è un modulo che può funzionare solo se viene integrato in un impianto.

Classe 1 innocuo in esercizio normale(1) nessuna misura necessaria
Classe 1M innocuo senza strumenti ottici  avvertire le persone che utilizzano strumenti ottici
Classe 2 innocuo se l’esposizione è momentanea non osservare direttamente il raggio laser;
non direzionare il laser sul volto
Classe 2M senza strumenti ottici: come classe 2 avvertire le persone che utilizzano strumenti ottici
Classe 3A eliminata trattare come la classe 1M o 2M
Classe 3R limitatamente pericoloso lasciar utilizzare solo da personale qualificato
Classe 3B(2) raggio diretto pericoloso per gli occhi; radiazione diffusa non pericolosa 

designare l’addetto alla sicurezza laser;
delimitare la zona di utilizzazione con misure architettoniche;
controllare gli accessi;
dichiarare la presenza di laser all’entrata;
lasciar utilizzare solo da personale qualificato;
indossare eventualmente occhiali di protezione

Classe 4(2) raggio pericoloso per occhi e pelle;
radiazione diffusa ev. pericolosa per gli occhi;
pericolo di incendio

stesse precauzioni che per la classe 3B;
utilizzare i DPI necessari

(1) In condizioni normali i laser di classe 1 devono essere sicuri anche senza particolari istruzioni.
Se la sicurezza dipende dalle istruzioni impartite, la non pericolosità dell'apparecchio deve essere indicata non con la classe 1, ma con una dichiarazione
del tipo: Nessun pericolo nella nella zona contrassegnata

(2) Il laser deve essere dotato di un interruttore a chiave e di una presa per il collegamento di un circuito di sicurezza esterno. Se questo collegamento manca, l’apparecchio non deve emettere alcun fascio laser.

Classificazione

Secondo il materiale attivo e la sorgente di pompaggio il laser può emettere in modo continuo (= cw = continuous wave, vale a dire: durata di emissione > 0.25 s), in modo pulsato o pulsato ripetitivamente, oppure emana la sua energia sotto forma di un unico impulso gigante.

Questi parametri sono determinanti per classificare i sistemi laser. La guida per classificare le apparecchiature laser è una parte essenziale della norma EN 60825-1.

Tavola sinottica IEC/CEI

IEC 60825-1:2014  
Safety of laser products - Part 1: Equipment classification and requirements 
CEI EN 60825-1:2015 CEI 76-2
IEC 60825-2:2004+AMD1:2006+AMD2:2010 CSV   
Safety of laser products - Part 2: Safety of optical fibre communication systems (OFCS)
CEI EN 60825-2/A2
CEI EN 60825-2/A1
CEI 76-4;V2
CEI 76-4;V1
IEC TR 60825-3:2008   
Safety of laser products - Part 3: Guidance for laser displays and shows
--- ---
IEC 60825-4:2006+AMD1:2008+AMD2:2011 CSV   
Safety of laser products - Part 4: Laser guards
CEI EN 60825-4
CEI EN 60825-4/A1
CEI EN 60825-4/A2
CEI 76-5
CEI 76-5;V1
CEI 76-5;V2
IEC TR 60825-5:2003
Safety of laser products - Part 5: Manufacturer's checklist for IEC 60825-1
--- ---
IEC TR 60825-8:2006   
Safety of laser products - Part 8: Guidelines for the safe use of laser beams on humans
  CEI 76-6
IEC 60825-12:2004   
Safety of laser products - Part 12: Safety of free space optical communication systems used for transmission of information
CEI EN 60825-12:2005 CEI 76-7
IEC TR 60825-13:2011   
Safety of laser products - Part 13: Measurements for classification of laser products
--- ---
IEC TR 60825-14:2004
Safety of laser products - Part 14: A user's guide
---- CEI 76/11
IEC TR 60825-17:2015   
Safety of laser products - Part 17: Safety aspects for use of passive optical components and optical cables in high power optical fibre communication systems
--- ---
IEC 60601-2-22:2007+AMD1:2012 CSV   
Medical electrical equipment - Part 2-22: Particular requirements for basic safety and essential performance of surgical, cosmetic, therapeutic and diagnostic laser equipment
CEI EN 60601-2-22:2014 CEI 66-42
--- --- CEI 76:1998
Guida per l'utilizzazione di apparati laser
DS/EN 14255-1:2005
Measurement and assessment of personal exposures to incoherent optical radiation – Part 1: Ultraviolet radiation emitted by artificial sources in the workplace
--- ---
DS/EN 14255-2:2006
Measurement and assessment of personal exposures to incoherent optical radiation – Part 2: Visible and infrared radiation emitted by artificial sources in the workplace
--- ---

LSO Laser Safety Officer (Responsabile Sicurezza laser)

Responsabile Sicurezza Laser (LSO)

La nomina di un Responsabile sicurezza laser (laser officer), raccomandato dalla norma, è obbligatorio ai sensi del D.Lgs. 81/2008 nel caso di adesione ad un SGSL (organizzazione della sicurezza in caso di rischi specifici).

La designazione di un LSO e i suoi doveri devono essere messi per scritto dalla direzione aziendale.

5.4 Formazione Responsabile Sicurezza Laser (LSO)

Il Responsabile Sicurezza Laser deve possedere le conoscenze necessarie per assolvere al meglio il proprio compito.
...

Il Testo Unico Sicurezza e le radiazioni ottiche artificiali

...
7. D.Lgs 81/2008 sulle radiazioni ottiche artificiali


Il D.Lgs 81/2008 al titolo VIII "AGENTI FISICI" Capo V tratta della Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche artificiali(*).

a) radiazioni ottiche: tutte le radiazioni elettromagnetiche nella gamma di lunghezza d'onda compresa tra 100 nm  e 1 mm. Lo spettro delle radiazioni ottiche si suddivide in radiazioni ultraviolette, radiazioni visibili e radiazioni infrarosse:

1) radiazioni ultraviolette: radiazioni ottiche a lunghezza d'onda compresa tra 100 e 400 nm. La banda degli ultravioletti è suddivisa in UVA (315-400 nm), UVB (280-315 nm) e UVC (100-280 nm);
2) radiazioni visibili: radiazioni ottiche a lunghezza d'onda compresa tra 380 e 780 nm;
3) radiazioni infrarosse: radiazioni ottiche a lunghezza d'onda compresa tra 780 nm e 1 mm. La regione degli infrarossi è suddivisa in IRA (780-1400 nm), IRB (1400-3000 nm) e IRC (3000 nm-1 mm);

b) laser (amplificazione di luce mediante emissione stimolata di radiazione): qualsiasi dispositivo al quale si possa far produrre o amplificare le radiazioni elettromagnetiche nella gamma di lunghezze d'onda delle radiazioni ottiche, soprattutto mediante il processo di emissione stimolata controllata;

c) radiazione laser: radiazione ottica prodotta da un laser;

d) radiazione non coerente: qualsiasi radiazione ottica diversa dalla radiazione laser;

e) valori limite di esposizione: limiti di esposizione alle radiazioni ottiche che sono basati direttamente sugli effetti sulla salute accertati e su considerazioni biologiche. Il rispetto di questi limiti garantisce che i lavoratori esposti a sorgenti artificiali di radiazioni ottiche siano protetti contro tutti gli effetti nocivi sugli occhi e sulla cute conosciuti;
...

segue

Premessa
1. Potenziale di pericolo delle classi laser
2. Classificazione
2.1 Classe / Pericoli / Misure
2.2 Parametri
3. Norme tecniche
3.1 Tavola sinottica IEC/CEI
3.2 IEC TR 60825-14 (CEI 76-11)
4. Estratto IEC TR 60825-14:2004
5. IEC TR 60825-14:2004 Personale addetto laser - Figura LSO
5.1 Regole di sicurezza
5.2 Formazione
5.3 Responsabile Sicurezza Laser (LSO)
5.4 Formazione Responsabile Sicurezza Laser (LSO)
6. Requisiti per un laboratorio laser
6.1 Definizioni
6.2 Requisiti e misure di protezione più importanti
7. D.Lgs 81/2008 sulle radiazioni ottiche artificiali

Certifico Srl - IT Rev. 00 2017

Vedi il Focus EN 60825-1

Documento compreso nel Servizio di Abbonamento Tema Normazione



Tags: Normazione Norme IEC Abbonati Normazione

Articoli correlati

Ultimi archiviati Normazione

Lug 07, 2018 43

UNI EN 13501-1: Reazione al fuoco dei prodotti da costruzione

Reazione al fuoco dei prodotti da costruzione: la UNI EN 13501-1 Elaborata dal comitato europeo CEN/TC 127 "Sicurezza contro l'incendio in edilizia" a supporto del secondo requisito essenziale del Regolamento (UE) 305/2011 Prodotti da Costruzione, la norma UNI EN 13501-1 "Classificazione al fuoco… Leggi tutto
Lug 04, 2018 374

ISO 19011:2018 Guidelines for auditing management systems

ISO 19011:2018 Guidelines for auditing management systems This document provides guidance on auditing management systems, including the principles of auditing, managing an audit programme and conducting management system audits, as well as guidance on the evaluation of competence of individuals… Leggi tutto
Giu 29, 2018 170

Documenti EAD Regolamento CPR: Giugno 2018

Documenti EAD per la Valutazione Europea dei Prodotti da Costruzione (CPR Art. 22) Comunicazione 2018/C 228/03 del 26 Giugno 2018 Comunicazione della Commissione nell’ambito dell’applicazione del regolamento (UE) n. 305/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2011, che fissa… Leggi tutto

Più letti Normazione