Slide background

Lavori su impianti elettrici in bassa tensione

ID 6520 | | Visite: 2066 | Guide Sicurezza lavoro INAILPermalink: https://www.certifico.com/id/6520

Lavori impianti elettrici bassa tensione

Lavori su impianti elettrici in bassa tensione

INAIL 2018 - Salute e sicurezza 18 Luglio 2018

Con la pubblicazione del d.lgs. 81/2008 e delle norme CEI 11-27, IV edizione e CEI EN 50110-1:2013, i datori di lavoro hanno accesso a tutte le disposizioni legislative e normative da mettere in atto per ridurre il rischio nei lavori sugli impianti elettrici a bassa tensione.

Quanto è riportato nel testo è di interesse per i lavoratori che si occupano dell’esercizio, della manutenzione o delle verifiche dei sistemi elettrici e per i lavoratori che svolgono la propria attività nei pressi di tali impianti, pur non avendo direttamente a che fare con essi.

Il rischio elettrico è qualcosa a cui la maggior parte dei lavoratori sono esposti solo a seguito del venir meno delle barriere di sicurezza di cui sono stati dotati in fase realizzativa gli impianti o le apparecchiature, pertanto solo a seguito di un’errata realizzazione o di incuria nell’uso.

Vi sono invece lavoratori, come quelli che si occupano dell’esercizio, della manutenzione o delle verifiche dei sistemi elettrici, che hanno particolarmente a che fare con il rischio elettrico durante l’attività lavorativa.

Il Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (d.lgs. 81/2008 e s.m.i.) dedica un intero “Capo” (il III del Titolo III) all’attenzione che il datore di lavoro deve dedicare alla riduzione del possibile rischio elettrico.

Il presente lavoro ha lo scopo di presentare:

- le disposizioni legislative e normative,
- esempi e procedure per la sicurezza dei lavoratori

_______

Contenuti:

1. Obblighi di legge per i lavori elettrici sotto tensione a tensioni superiori a 1000 V a frequenza industriale
1.1 Introduzione
1.2 Definizioni
1.3 I lavori con rischio elettrico
1.3.1 I lavori sotto tensione in bassa tensione
1.3.2 I lavori sotto tensione in media e alta tensione
1.3.3 I lavori in vicinanza di parti attive
1.4. Il d.m. 4 febbraio 2011
2. La sicurezza nell’esecuzione dei lavori elettrici
2.1. Introduzione
2.2. Definizioni ulteriori rispetto a quelle del capitolo 1
2.2.1. Esclusioni
2.3. Valutazione del rischio
2.4. Sicurezza
2.4.1. Personale (CEI 11-27, punti 4.2, 4.2.1, 4.2.2)
2.4.2. Organizzazione dell’attività lavorativa (CEI 11-27, punto 4.3)
2.4.3. Condizioni e posto (zona) di lavoro (CEI 11-27, punti 4.3.4 e 4.5, EN 50110-1, punto 4.5)
2.4.4. Condizioni ambientali (CEI 11-27, punto 6.1.3)
2.4.5. Manovre 34
2.4.6. Comunicazioni (CEI 11-27, punto 4.4)
2.5. Procedure di lavoro
2.5.1. Pianificazione del lavoro (CEI 11-27, punto 6.1.1)
2.5.2. Lavoro fuori tensione (CEI 11-27, punto 6.2.1)
2.5.3. Lavori in prossimità di parti attive (CEI 11-27, punto 6.4)
2.5.4. Lavori sotto tensione in bassissima e bassa tensione (categorie 0 e I) (CEI 11-27, punto 6.3)
2.6. Protezione dal fuoco - Provvedimenti antincendio (CEI EN 50110-1, punto B.4)
2.7. Luogo di lavoro che presenta rischi di esplosione (CEI EN 50110-1, punto B.7)
2.8. Misure di emergenza (CEI EN 50110-1, punto B.7) 
3. Persone coinvolte nei lavori elettrici 
3.1. Introduzione 
3.2. Persona o Unità Responsabile dell’impianto elettrico 
3.3. Persona designata alla conduzione dell’impianto elettrico 
3.4. Persona o Unità Responsabile della realizzazione del lavoro 
3.5. Persona preposta alla conduzione dell’attività lavorativa 
3.6. Alcune considerazioni sulle diverse figure coinvolte nell’organizzazione e nell'esecuzione dei lavori
3.7. Considerazioni sulla figura del preposto ai lavori
4. I dispositivi di protezione individuale 
4.1. Introduzione 
4.2. Definizione 
4.3. Obbligo di uso dei DPI 
4.4. Requisiti di sicurezza dei DPI e marcatura CE 
4.5. Classificazione in categorie 
4.6. Contenuti delle istruzioni e informazioni del fabbricante 
4.7. Requisiti di sicurezza supplementari contro lo shock elettrico 
4.8. Scelta dei DPI 
4.9. Dispositivi di protezione individuale per i lavori elettrici sotto tensione
4.10. Panoramica non esaustiva di DPI, abbigliamento e attrezzature per i lavori elettrici
5. La formazione per i lavori in bassa tensione 
5.1. Cosa si intende per lavori elettrici e chi può eseguirli? 
5.2. Cosa si intende per formazione in ambito di lavori elettrici? 
5.3. Quali devono essere le qualità di PES e PAV? 
5.4. Chi stabilisce se a un lavoratore può essere attribuita la condizione di PES o PAV?
5.5. Quanto dura la condizione di PES o PAV? 
5.6. Come si sviluppa l’attività formativa per PES e PAV? 
5.7. Chi può svolgere i lavori sotto tensione?
5.8. Cos’è l’idoneità? 
5.9. Come si acquisiscono le conoscenze teoriche e pratiche necessarie per ottenere l’idoneità?
5.10. Quali sono le conoscenze necessarie per ottenere l’idoneità? 
5.11. Come viene attribuita l’idoneità ai lavoratori dipendenti? 
5.12. Come ottengono l’idoneità i datori di lavoro o i lavoratori autonomi?
5.13. Quanto dura nel tempo l’idoneità?
6. Lavori in prossimità di linee elettriche aeree
6.1. Introduzione 
6.2. La legislazione vigente 
6.3. I riferimenti normativi
6.3.1. Lavori non elettrici (in vicinanza) ad esclusioni dei Cantieri
6.3.2. Lavori non elettrici (in vicinanza) nei Cantieri 
6.4. Evoluzione normativa 
6.5. Considerazioni sul calcolo delle distanze 
7. Considerazioni su manutenzione, verifiche, misure, prove e ricerca di guasti
7.1. Scopo di verifiche, misure, prove e ricerca di guasti 
7.2. Verifiche 
7.3. Manutenzione 
7.4. Predisposizione di procedure operative
8. Misure con valutazione del rischio semplificata 
8.1. Valutazioni del rischio semplificate 
8.2. Misura di tensione all’interno di un quadro elettrico (primo esempio, punto 5.3.1.2, CEI 11-27) 
8.3. Misura di tensione all’interno di un quadro elettrico (secondo esempio, punto 5.3.1.2, CEI 11-27)
8.4. Misura di tensione all’interno di un quadro elettrico (terzo esempio, punto 5.3.1.2, CEI 11-27)
8.5. Misura di tensione all’interno di un quadro elettrico (quarto esempio, punto 5.3.1.2, CEI 11-27)
9. Esempi di moduli da utilizzare per i lavori elettrici 
9.1. Introduzione 
10. Le novità della norma CEI 11-27 ed. 2014 
10.1. Introduzione 
10.2. Elenco delle principali novità 
11. Riferimenti 
11.1. Legislazione 
11.2. Norme tecniche 
11.3. Guide
11.4. Bibliografia

Fonte: INAIL

Collegati:


Pin It
Scarica questo file (Lavori su impianti elettrici in bassa tensione.pdf)Lavori su impianti elettrici in bassa tensioneINAIL 2018IT1508 kB(514 Downloads)

Tags: Sicurezza lavoro Rischio elettrico INAIL Guide Sicurezza INAIL

Ultime Linee guida INAIL archiviate

Esposizione a micotossine
Nov 05, 2019 134

Esposizione a micotossine aerodisperse

Esposizione a micotossine aerodisperse: un rischio occupazionale? INAIL, 2019 Numerosi studi epidemiologici riportano effetti sanitari dovuti a ingestione di alimenti contaminati. Meno studiato è il rischio di contrarre patologie a seguito di inalazione di spore fungine o particelle di polvere… Leggi tutto
Scaffolder
Ott 18, 2019 291

Formazione e addestramento scaffolder e rigger

Formazione e addestramento per la salute e sicurezza Di scaffolder e rigger nel settore degli spettacoli e dell’intrattenimento INAIL, 2019 Il documento, in attuazione del Protocollo d’intesa tra Inail e Assomusica del 30/10/2014, rinnovato in data 18/01/2018. Fornisce, in relazione a quanto… Leggi tutto
Nuove tariffe dei premi infortuni lavoro e malattie professsionali INAIL 2019
Ott 11, 2019 283

Tariffe dei Premi INAIL

Tariffe dei Premi INAIL 2019 Nuove tariffe dei premi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali - Ed. 2019 Con l'entrata in vigore del decreto interministeriale 27 febbraio 2019 innovativo del T.U. n. 1124/1965, in materia di assicurazione contro gli infortuni… Leggi tutto
Protoclli sorveglianza sanitaria strutture INAIL
Set 14, 2019 306

I protocolli di sorveglianza sanitaria nelle strutture INAIL

I protocolli di sorveglianza sanitaria nelle strutture INAIL Come è noto il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. ha innovato il D.Lgs. 626/94 e s.m.i. e, quello che prima era previsto negli artt. 16 e 17, ora si ritrova, meglio normato, all’art. 25 (Obblighi del Medico Competente) e 41 (Sorveglianza sanitaria).… Leggi tutto
Procedura
Set 02, 2019 316

Ritardanti di fiamma alogenati in ambienti di lavoro

Procedura sperimentale per la determinazione di ritardanti di fiamma alogenati presenti in ambienti di lavoro INAIL, 02.09.2019 I ritardanti di fiamma alogenati sono impiegati in comuni oggetti o materiali facilmente infiammabili per ridurre, in caso di incendio, lo sviluppo di fumo e contenere la… Leggi tutto
Il rischio da sovraccarico biomeccanico restauratori
Lug 22, 2019 575

Il rischio da sovraccarico biomeccanico restauratori

Il rischio da sovraccarico biomeccanico restauratori Il rischio da sovraccarico biomeccanico del rachide nel settore del restauro conservativo di superfici decorate e beni di interesse storico ed artistico: analisi delle movimentazioni manuali dei carichi (MMC) e delle posture incongrue tipiche… Leggi tutto

Linee guida INAIL più lette

Set 15, 2017 27089

Linea guida ISPESL carrelli elevatori

Linea guida Ispesl carrelli elevatori Linea guida per il controllo periodico dello stato di manutenzione ed efficienza dei carrelli elevatori e delle relative attrezzature.ISPESL 2006 Vedasi prodotto: Leggi tutto