Slide background
Slide background

DPI Calzature Panoramica requisiti EN ISO 20349-2:2017

ID 5084 | | Visite: 5476 | Documenti Riservati Marcatura CEPermalink: https://www.certifico.com/id/5084

Copertina DPI calzature

DPI Calzature Panoramica requisiti Protezione rischi saldatura | EN ISO 20349-2:2017

Il presente elaborato fornisce una breve panoramica dei requisiti di base e supplementari dei DPI calzature.

Oltre alle dotazioni di base minime, difatti, possono essere necessarie protezioni supplementari rispetto a rischi specifici, quali ad esempio il rischio elettrico o rischio termico.

 Esistono poi anche “protezioni particolari per attività specifiche, come nel caso delle calzature resistenti:

 - al calore e spruzzi di metallo fuso, come può avvenire in fonderia o in saldatura, per cui è richiesto l’uso di specifica calzatura atta a proteggere contro i rischi termici”;

 - al taglio da motosega a mano (sega a catena), sempre necessarie in tutte le attività che comportano il maneggiare una sega a catena (ad es. lavori boschivi, costruzioni, industria del legno, ecc.); sono marcate con un pittogramma supplementare rappresentante una sega a catena ed un livello di protezione (riferito alla velocità utilizzata nella prova). È importante che i pantaloni siano infilati all’interno della calzatura sotto il materiale di protezione. Il livello di protezione dipende dalla velocità della catena”;

- agli incendi: “le calzature resistenti ai rischi per la lotta agli incendi (protezione dal fuoco F) hanno una classificazione complessa ma, in estrema sintesi, sono marcate con un pittogramma apposito e un simbolo (Hln) che indica il livello di protezione relativo all’isolamento dal caldo”

In particolare nell’ultima parte del presente focus vengono illustrati i Requisiti delle calzature di protezione contro i rischi presenti nelle fonderie e nelle operazioni di saldatura, di cui alla norma EN ISO 20319-2:2017.

EN ISO 20349-2:2017 specifies requirements and test methods for footwear protecting users against risks, such as those encountered in welding and allied process. Footwear complying with this document also offers other protection as defined in ISO 20345.

_______________

Attenzione: documento elaborato su norma norma ISO EN 20319-2:2017, possibili riferimenti ad altre norme riportate non più in vigore.

...

Direttiva 89/686/CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1989, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative ai dispositivi di protezione individuale (G.U. n. L 399 del 30/12/1989).

Direttiva 89/656/CEE del Consiglio, del 30 novembre 1989, relativa alle prescrizioni minime in materia di sicurezza e salute per l'uso da parte dei lavoratori di attrezzature di protezione individuale durante il lavoro (G.U. n. L 393 del 30/12/1989).

Regolamento (UE) 2016/425 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 marzo 2016 sui dispositivi di protezione individuale e che abroga la direttiva 89/686/CEE del Consiglio (G.U. n. L 81/51 del 31/3/2016)

- EN ISO 20345:2011 Dispositivi di protezione individuale - Calzature di sicurezza

- EN ISO 20346:2014 Dispositivi di protezione individuale - Calzature di protezione

- EN ISO 20349-2:2017 Personal protective equipment -- Footwear protecting against risks in foundries and welding Requirements and test methods for protection against risks in welding and allied processes

- EN ISO 20347:2012 Dispositivi di protezione individuale - Calzature da lavoro

Excursus

Requisiti di base DPI calzature

Le calzature antinfortunistiche si differenziano in relazione alle esigenze specifiche di utilizzo ed alle caratteristiche corrispondenti richieste.

La scelta del corretto DPI dipende dalla mansione del lavoratore, dalle caratteristiche delle stesse e dai rischi presenti nei luoghi di utilizzo.

Requisiti di base DPI calzature

Requisiti aggiuntivi per attività specifiche

Esistono poi protezioni particolari per attività specifiche, come nel caso delle calzature resistenti:

- al taglio da motosega a mano (sega a catena), sempre necessarie in tutte le attività che comportano il maneggiare una sega a catena (ad es. lavori boschivi, costruzioni, industria del legno, ecc.); sono marcate con un pittogramma supplementare rappresentante una sega a catena ed un livello di protezione (riferito alla velocità utilizzata nella prova). È importante che i pantaloni siano infilati all’interno della calzatura sotto il materiale di protezione. Il livello di protezione dipende dalla velocità della catena.

Figura3

al calore e spruzzi di metallo fuso, come può avvenire in fonderia o in saldatura, per cui è richiesto l’uso di specifica calzatura atta a proteggere contro i rischi termici.

figura5

Requisiti calzature di protezione contro i rischi presenti nelle fonderie e nelle operazioni di saldatura

Requisiti specifici

Altezza del tomaio

Quando viene testato in accordo alla ISO 20345:2011, 5.2.2, l’altezza del tomaio non deve essere minore del Disegno B. Se è presente una linguetta, deve avere almeno l’altezza del tomaio. Progetto del tomaio

Non ci devono essere caratteristiche della superficie esterna che possano trattenere il metallo fuso per circa i 2/3 anteriori della calzatura. Cinghie e fibbie sono consentite per 1/3 della calzatura. Le misurazioni sono effettuate sulla parte superiore dal punto più esterno posteriormente alla parte anteriore della punta (vedi Figura 6).

Non devono esserci cuciture rivolte verso l’alto nei 2/3 anteriori della calzatura. Le cuciture rivolte verso l’alto, ad esempio sono permesse solo per 1/3 nella parte posteriore della calzatura. Le misurazioni sono effettuate sulla parte superiore dal punto più esterno posteriormente alla parte anteriore della punta (vedi Figura 6).

La mascherina deve essere costituita da un unico pezzo.

Se c’è una linguetta dovrebbe essere completamente coperta da parti del tomaio. Se il materiale della calzatura è esposto in qualsiasi punto, deve essere trattato come il tomaio. 

Figura 6 – Progetto del tomaio

fi6

Legenda
l lunghezza totale della calzatura dalla punta al tacco
...

Indice
1. Premessa
2. Requisiti di base DPI calzature
3. Requisiti aggiuntivi
4. Marcatura e Nota Informativa
5. Requisiti aggiuntivi per attività specifiche
5.1 Requisiti calzature di protezione contro i rischi presenti nelle fonderie e nelle operazioni di saldatura
5.1.1 Requisiti specifici
5.2 Prova con piccoli spruzzi di metallo fuso
5.3 Comportamento al fuoco
5.4 Innocuità
5.5 Marcatura
5.6 Informazioni fornite dal fabbricante
5.7 Proprietà elettriche
5.7.1 Calzature antistatiche
5.7.2 Calzature elettricamente isolanti
Fonti

Certifico Srl - IT Rev. 00 2017

Collegati



Tags: Marcatura CE Regolamento DPI Norme armonizzate direttiva DPI Abbonati Marcatura CE

Ultimi archiviati Marcatura CE

Apr 18, 2019 44

D.Lgs. 25 gennaio 2010 n. 12

Decreto Legislativo 25 gennaio 2010 n. 12 Attuazione della direttiva 2007/45/CE che reca disposizioni sulle quantita' nominali dei prodotti preconfezionati, abroga le direttive 75/106/CEE e 80/232/CEE e modifica la direttiva 76/211/CEE. (GU n.37 del 15-02-2010)Collegati[box-note]Direttiva… Leggi tutto
Apr 17, 2019 51

D.P.R. 26 maggio 1980 n. 391

D.P.R. 26 maggio 1980 n. 391 Disciplina metrologica del preconfezionamento in volume o in massa dei preimballaggi di tipo diverso da quello C.E.E. (GU n.211 del 2-8-1980 )______ Testo vigente al 17-04-2019 aggiornato da: 20/06/1985DECRETO 12 giugno 1985, (in G.U. 20/06/1985,… Leggi tutto
Apr 17, 2019 35

Direttiva 2007/45/CE

Direttiva 2007/45/CE Direttiva 2007/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 settembre 2007, che reca disposizioni sulle quantità nominali dei prodotti preconfezionati, abroga le direttive 75/106/CEE e 80/232/CEE del Consiglio e modifica la direttiva 76/211/CEE del Consiglio. GU L 247… Leggi tutto
Legge 25 ottobre 1978 n  690
Apr 17, 2019 67

Legge 25 ottobre 1978 n. 690

Legge 25 ottobre 1978 n. 690 Adeguamento dell'ordinamento interno alla direttiva del consiglio delle Comunità europee n. 76/211/CEE relativa al precondizionamento in massa o in volume di alcuni prodotti in imballaggi preconfezionati (GU n. 316 del 11 novembre 1978) ... Art. 1. Campo di applicazione… Leggi tutto
D L 03 Luglio 1976 n  451
Apr 17, 2019 47

D.L 03 Luglio 1976 n. 451

Decreto Legge 03 Luglio 1976 n. 451 Attuazione delle direttive del consiglio delle Comunità europee n. 75/106/CEE relativa al precondizionamento in volume di alcuni liquidi in imballaggi preconfezionati e n. 75/107 relativa alle bottiglie impiegate come recipientimisura.GU n° 175 del… Leggi tutto
Apr 17, 2019 51

Direttiva 76/211/CEE

Direttiva 76/211/CEE Direttiva del Consiglio del 20 gennaio 1976 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al precondizionamento in massa o in volume di alcuni prodotti in imballaggi preconfezionatiGU n. L 046 del 21/02/1976 Collegati[box-note]Preimballaggi: Quadro… Leggi tutto
Apr 17, 2019 47

Direttiva 75/107/CEE

Direttiva 75/107/CEE Direttiva 75/107/CEE del Consiglio, del 19 dicembre 1974, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative alle bottiglie impiegate come recipienti-misura GU L 42 del 15.2.1975Abrogato da: Direttiva 2007/45/CE Collegati[box-note]Preimballaggi: Quadro… Leggi tutto
Apr 17, 2019 16

Direttiva (UE) 2016/2037

Direttiva (UE) 2016/2037 Direttiva (UE) 2016/2037 della Commissione, del 21 novembre 2016, che modifica la direttiva 75/324/CEE del Consiglio per quanto riguarda la pressione massima ammissibile dei generatori aerosol e adegua le sue disposizioni concernenti l'etichettatura al regolamento (CE) n.… Leggi tutto

Più letti Marcatura CE

Ott 01, 2017 40442

Regolamento Prodotti da Costruzione (UE) 305/2011 - CPR

Regolamento CPR (UE) 305/2011 Regolamento (UE) N. 305/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 marzo 2011 che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione e che abroga la direttiva 89/106/CEE del Consiglio (Testo rilevante ai fini del SEE) G.U.U.E L… Leggi tutto