Slide background
Slide background




Relazione ECHA 2017 | Roadmap SVHC

ID 5980 | | Visite: 1480 | Documenti Chemicals ECHAPermalink: https://www.certifico.com/id/5980

Roadmap SVHC ECHA Aprile 2018

Relazione ECHA 2017 - Roadmap sostanze estremamente preoccupanti (SVHC)

ECHA Helsinki, 17 aprile 2018 

L' ECHA ha pubblicato la relazione annuale che descrive i progressi compiuti nel 2017 nell'attuazione della Roadmap delle SVHC. La relazione riassume i principali risultati e le attività svolte nell'anno precedente e delinea le attività pianificate per l'anno successivo. 

Per diversi anni, gli Stati membri e l'ECHA hanno esaminato attentamente le sostanze che destano preoccupazione esaminando sistematicamente le informazioni disponibili nei fascicoli di registrazione REACH ed in altre banche dati. Il focus di questo screening si è spostato verso l'osservazione di gruppi di sostanze con proprietà pericolose simili.

Il controllo di conformità e i processi di valutazione delle sostanze generano ulteriori informazioni sulle sostanze e si concentrano principalmente sulle proprietà di rischio più importanti per proteggere la salute umana e l'ambiente, quali cancerogenicità, mutagenicità e tossicità, proprietà endocrine e persistenti, bioaccumulative o tossiche.

Attualmente sono in fase di valutazione 750 sostanze. La relazione fornisce ulteriori dettagli sul numero e sul tipo di sostanze alle quali le autorità stanno lavorando per chiarire la loro priorità per l'ulteriore generazione di informazioni e per ulteriori azioni di regolamentazione. I dati generati consentiranno alle autorità di confermare o smentire le preoccupazioni individuate e di avviare la gestione del rischio normativo laddove necessario.

Obiettivo della Roadmap

La "Roadmap per l'identificazione e l'attuazione di SVHC delle misure di gestione dei rischi del REACH da ora al 2020"  dà un impegno a livello UE per l'inclusione di tutte le pertinenti sostanze attualmente note di altissima preoccupazione (SVHC) nell'Elenco delle sostanze candidate 2020. L'obiettivo della tabella di marcia SVHC è presentare un processo credibile per garantire che questo obiettivo sia raggiunto. La tabella di marcia SVHC delinea una metodologia per lavorare verso il raggiungimento di questo obiettivo, con risultati chiari, pianificazione e condivisione delle responsabilità.

Piano di attuazione della roadmap SVHC

È stato sviluppato un piano su come implementare la Roadmap SVHC da qui al 2020. Il piano di implementazione della roadmap SVHC si concentra su come il seguente lavoro può essere organizzato, coordinato e realizzato:

- Screening per identificare nuove sostanze che destano preoccupazione, e
- Analizzare le opzioni di gestione del rischio (RMO) appropriate per la particolare sostanza che interessa.

Il piano di attuazione fornisce anche una descrizione di come sono previsti il ​​monitoraggio dei progressi e la comunicazione verso le parti interessate e il pubblico in generale.

Trovare e analizzare nuove sostanze per la gestione del rischio normativo

La roadmap SVHC al 2020 prevede l'utilizzo di metodi di screening e analisi delle opzioni di gestione del rischio (RMOA) per identificare le sostanze rilevanti che destano preoccupazione utilizzando le informazioni dal database di registrazione ECHA, altri database REACH e CLP e ulteriori dati pertinenti. 

La tabella di marcia SVHC fino al 2020 elenca alcuni gruppi di sostanze che devono essere coperti dal piano di attuazione:

- Carcinogeni, mutageni, tossici per la riproduzione (categorie 1A / 1B), sensibilizzanti,
- Persistente, bioaccumulabile e tossico (PBT) o molto persistente, molto bioaccumulabile (vPvBs),
- Interferenti endocrini (ED), e
- Sostanze per il flusso di petrolio / carbone che sono CMR o PBT.

 

La relazione offre anche una panoramica della situazione attuale nella classificazione armonizzata, le diverse fasi del processo di autorizzazione e le restrizioni.

Il rapporto contiene anche un'analisi dello stato normativo di tutte le SVHC attualmente note. Le SVHC sono sostanze persistenti (o molto persistenti), bioaccumulabili (o molto bioaccumulabili) e tossiche (PBT / vPvB), interferenti endocrini (ED) e / o cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (CMR).

L'ECHA, insieme agli Stati membri e alla Commissione europea, si concentrerà ora su tutte le restanti sostanze che sono state registrate al di sopra di 100 tonnellate all'anno e mirerà a chiarire se queste siano o meno preoccupanti. Questo lavoro verrà svolto incorporando i processi REACH e CLP nella Strategia di regolamentazione integrata, che continuerà il lavoro iniziato dalla roadmap SVHC.

La strategia di regolamentazione integrata mira a:

- selezionare in modo efficiente le sostanze che sollevano un potenziale problema, generando le informazioni necessarie per valutare la loro sicurezza per poi essere affrontate attraverso lo strumento normativo di gestione dei rischi più idoneo;
- assicurare un intervento appropriato e tempestivo da parte di tutti gli attori; e
- aumentare la fiducia tra le parti interessate e il pubblico che i dichiaranti soddisfano i requisiti di informazione REACH, seguito da una migliore comunicazione sull'uso sicuro nella catena di approvvigionamento.

Strategy

Fig. Fonte ECHA "Strategia normativa integrata"

La tabella di marcia per l'identificazione e l'attuazione di SVHC delle misure di gestione dei rischi del REACH da ora al 2020 (tabella di marcia SVHC) dà un impegno a livello di UE per avere tutti i pertinenti sostanze attualmente conosciute di altissima preoccupazione (SVHC) identificate e incluse nel Elenco dei candidati entro il 2020. Nel corso degli anni, anche l'attuazione della tabella di marcia è stata sostenuta l'ulteriore integrazione di altri processi REACH e CLP, allo scopo di chiarire quali altri, ancora sconosciute, le sostanze hanno proprietà SVHC e ottenere un'ulteriore gestione del rischio normativo misure in atto dove necessario.

Nel 2016, l'ECHA, gli Stati membri e la Commissione hanno iniziato a rivedere i vari elementi dell'attuazione della tabella di marcia SVHC. Oltre a riferire sui progressi nell'indirizzamento tutte le sostanze attualmente conosciute rilevanti, gli elementi esaminati erano:

- l'approccio RMOA;
- trasparenza e prevedibilità; come affrontare le impurità di preoccupazione;
- sensibilizzanti e specifici tossicità per organi bersaglio (STOT) nello screening;
- e cooperazione e coordinamento del lavoro delle autorità.

Tutti questi punti sono stati discussi con le autorità.

La revisione conferma che l'implementazione della roadmap SVHC fornisce una solida base per il lavoro oltre il 2020 ed ha garantito la creazione di un sistema per l'identificazione di nuove sostanze di preoccupazion. Questo sistema ha fornito una base e supporta già l'implementazione di Strategia di regolamentazione integrata dell'ECHA. Queste conclusioni sono supportate dal più ampio REACH revisione intrapresa dalla Commissione, che ha riconosciuto che i lavori nell'ambito della SVHC La tabella di marcia sta procedendo oltre le aspettative.

Questa relazione annuale:

- dimostra che le autorità hanno istituito un sistema che consente l'identificazione di gruppi di nuove potenziali sostanze preoccupanti attraverso lo screening, la generazione di dati e valutazione, e RMOA, in modo che queste sostanze possano essere portate avanti per ulteriori normative misure di gestione del rischio; e
- definisce come ottimizzare ulteriormente il sistema in atto per garantire che le sostanze con potenziale impatto elevato sulla salute umana e sull'ambiente sono identificati e indirizzata.

La roadmap SVHC

Dal 2013, l'implementazione della Roadmap SVHC ha già consolidato quanto segue elementi chiave della tabella di marcia:

- Pianificazione chiara e priorità definite per l'analisi delle opzioni di screening e di gestione dei rischi (RMOA).

- Un esercizio a rotazione che prende in considerazione nuove informazioni (ad esempio in relazione a sostanze recentemente classificate come cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (CMR)) e utilizza efficientemente le informazioni derivate da altri processi REACH (ad esempio, registrazione, dossier e valutazione delle sostanze) per identificare le esigenze di gestione del rischio normativo come parte della proiezione comune.

- Maggiore trasparenza e prevedibilità nei confronti delle parti interessate e del pubblico in generale (ad esempio attraverso l'uso dello strumento di coordinamento delle attività pubbliche (PACT)).

- Un elenco definito di responsabilità basato sul coinvolgimento e sulla cooperazione di tutte le pertinenti attori (Stati membri, Commissione e ECHA), si riflettono nei gruppi istituiti nel contesto dell'attuazione della tabella di marcia (ad esempio il gruppo di esperti per la riduzione degli interferenti endocrini (ED EG), il gruppo di lavoro sulle sostanze del flusso di petrolio e carbone (PetCo). 

_________

Table of Contents
Foreword
Executive summary
1 Introduction
2 All currently known CMRs, PBT/vPvB and EDs addressed by authorities
3 Common screening
4 Data generation and assessment
5 Regulatory management option assessment (RMOA)
6 Substances are moved to regulatory risk management
7 How to further optimise the system
Appendix 1. Analysis of all relevant currently known substances of very high concern (SVHCs)
Appendix 2. Update on regulatory risk management activities (2008-2017)
Appendix 3. Overview of Member State activities in screening, RMOA, substance evaluation and the PBT and ED Expert Groups
Appendix 4. Progress monitoring indicators

Fonte: ECHA

Collegati:

Pin It


Tags: Chemicals Abbonati Chemicals Candidate list Guida ECHA

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Practical Guide on Biocidal Products Regulation
Nov 15, 2019 40

Practical Guide on Biocidal Products Regulation

Practical Guide on Biocidal Products Regulation The basic principle in the Biocidal Products Regulation ((EU) No 528/2012 (BPR)) is that a biocidal product (BP) must be authorised before it can be made available on the market or used in the European Union (EU)/ European Economic Area (EEA). This… Leggi tutto
Rettifica Decreto 9 maggio 2019 n  72
Nov 14, 2019 95

Rettifica Decreto 9 maggio 2019 n. 72

Rettifica decreto del Ministro della salute 9 maggio 2019 n. 72 Avviso di rettifica - Comunicato relativo al decreto del Ministro della salute 9 maggio 2019, n. 72 concernente il «Regolamento recante l'aggiornamento al decreto del Ministro della sanita' 21 marzo 1973, recante: "Disciplina igienica… Leggi tutto
RapportoISTISAN 1918
Nov 11, 2019 52

Metalli in prodotti cosmetici | Valutazione dei rischi per la salute

Metalli in prodotti cosmetici: procedure raccomandate per la determinazione e valutazione dei rischi per la salute ISTISAN 19/18 Il Regolamento (CE) 1223/2009 sui prodotti cosmetici contiene le disposizioni armonizzate per proteggere la salute dei consumatori (art. 3) e garantire il buon… Leggi tutto
Regolamento CE  428 2009
Nov 08, 2019 53

Regolamento (CE) N. 428/2009

Regolamento (CE) N. 428/2009 Regolamento (CE) N. 428/2009 del Consiglio del 5 maggio 2009 che istituisce un regime comunitario di controllo delle esportazioni, del trasferimento, dell’intermediazione e del transito di prodotti a duplice uso GU L 134/1 del 29.5.2009 Data di entrata in… Leggi tutto
Micotossine alimenti
Ott 30, 2019 73

Relazione controllo delle micotossine negli alimenti | anno 2018

Relazione riguardante il controllo delle micotossine negli alimenti anno 2018 A cura di Ministero della Salute Anno 2019 Il Ministero della Salute, in collaborazione con l’Istituto superiore di sanità, ha predisposto a partire dall’anno 2016 il Piano nazionale di controllo ufficiale delle… Leggi tutto
Pridina
Ott 21, 2019 117

Piridina

Piridina Monografie IARC vol 77 (2000) e Vol 119 (2019) E' usata come solvente nella sintesi di prodotti chimici e nell'industria. E anche usata come denaturante in miscele di alcol e antigelo, come solvente per vernice, gomma e resine in policarbonato, come intermedio nella produzione di… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 21577

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto
Mar 02, 2019 20687

Regolamento (CE) n. 2023/2006 (Regolamento GMP)

Regolamento (CE) n. 2023/2006 Regolamento (CE) N. 2023/2006 della Commissione del 22 dicembre 2006 sulle buone pratiche di fabbricazione dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con prodotti alimentari (Regolamento GMP - Good Manufacturing Practices) ... Il presente regolamento… Leggi tutto