Slide background
Slide background




UNI/PdRxx:2019 | Esperto del ciclo di vita delle sostanze

ID 7785 | | Visite: 1212 | News NormazionePermalink: https://www.certifico.com/id/7785

Esperto del ciclo di vita delle sostanze

UNI/PdRxx:2019 Esperto del ciclo di vita delle sostanze

UNI, 15 Febbraio 2019

Prassi di riferimento UNI: Attività e requisiti dei profili professionali di Responsabile Schede Dati di Sicurezza (RSDS) e di Esperto del Sistema Rifiuti (ESR)

Avvio della consultazione pubblica del progetto di prassi di riferimento dal titolo “Esperto del ciclo di vita delle sostanze - Attività e requisiti dei profili professionali di Responsabile Schede Dati di Sicurezza (RSDS) e di Esperto del Sistema Rifiuti (ESR)” 

Frutto della collaborazione con EPTAS - Esperti della Prevenzione per la Tutela dell’Ambiente e della Salute, il progetto di Prassi di Riferimento è ora sottoposto alla fase di consultazione pubblica, con scadenza il prossimo 18 marzo, al fine di raccogliere osservazioni da parte del mercato.

Il documento è finalizzato a definire i requisiti relativi a due tra i possibili profili che sono riconducibili alla figura professionale di “Esperto del ciclo di vita delle sostanze”: il profilo di Responsabile Schede Dati di Sicurezza (RSDS) e quello di Esperto del Sistema Rifiuti (ESR), individuandone le attività, i compiti e le relative conoscenze, abilità e competenze, definite sulla base dei criteri del Quadro europeo delle qualifiche. Il documento fornisce, inoltre, gli elementi per la valutazione e convalida dei risultati dell’apprendimento, finalizzati alla certificazione dei profili professionali.

L’esperto del ciclo di vita delle sostanze, nelle sue due declinazioni RSDS (Responsabile Schede di Dati di Sicurezza) e ESR (Esperto Sistema Rifiuti), si occupa di seguire le sostanze, in quanto tali o contenute in miscele, dalla loro immissione sul mercato fino al loro smaltimento come rifiuto nelle possibili matrici ambientali.

A oggi non sono presenti nella legislazione dell’Unione Europea profili professionali orientati da competenze specifiche sul ciclo di vita delle sostanze, dalla loro immissione sul mercato alla loro fine vita come rifiuto o parte di esso, di conseguenza:

− il profilo RSDS opera con competenze specifiche relativamente alla caratterizzazione dei pericoli/rischi di sostanze e miscele affinché un’organizzazione possa adempiere agli obblighi legislativi garantendo la salvaguardia della salute dei lavoratori e dell’ambiente come pure dei consumatori finali in qualità di utilizzatori di sostanze e miscele;
− il profilo ESR opera, con competenze professionali all’avanguardia nei diversi ambiti della gestione rifiuti (raccolta, trasporto, stoccaggio, smaltimento, ecc.) affinché l’organizzazione possa adempiere agli obblighi ambientali in modo regolare e soprattutto sicuro dal punto di vista legislativo.

I due profili professionali di dettaglio coprono, quindi, funzioni di:

− RSDS: raccolta ed analisi dei dati aziendali che necessitano per l’elaborazione di SDS di sostanze e miscele immesse sul mercato dell’Unione Europea;
− ESR: descrizione dell’intero processo di gestione dei rifiuti, al fine di ottimizzare quest’ultimo principalmente dal punto di vista dell’impatto ambientale ma anche, dove potenzialmente possibile, dal punto di vista economico.

La finalità è quella di definire i requisiti professionali dell’esperto del ciclo di vita delle sostanze, nelle sue due declinazioni, RSDS e ESR,

− creando uno standard che riconosca il ruolo di un professionista Responsabile SDS e di un professionista Esperto Sistema Rifiuto, e che permetta alle imprese di portare al proprio interno strumenti, metodologie e competenze certificate;
− rendendo il RSDS un ruolo strategico per assicurare una corretta caratterizzazione di sostanze e miscele attraverso la SDS fornita ai destinatari;
− rendendo la funzione dell’Esperto Sistema Rifiuto tassello strategico per assicurare una corretta funzionalità dell’intero ciclo di un rifiuto ;
− mappando le competenze tecnico specialistiche e trasversali dei profili professionali del RSDS ed ESR;
− fornendo all’utenza un riferimento ai fini dell’attestazione della formazione dei due professionisti, comprese le indicazioni inerenti gli aspetti etici e deontologici applicabili.

Le aree di intervento che possono essere individuate nel ruolo del profilo professionale di RSDS sono:

− Classificazione ed etichettatura di sostanze e miscele (rispettivamente fabbricate e formulate), importate o distribuite da un’impresa
− Analisi e validazione dei dati relativi alla classificazione ed etichettatura nelle SDS delle materie prime fornite ad un’impresa che fabbrica sostanze, formula miscele o produce articoli
− Redazione, analisi e validazione dei testi per le 16 sezioni della SDS
− Redazione, analisi e validazione degli eventuali scenari espositivi da allegare alla SDS
− Monitoraggio degli aggiornamenti legislativi che determinano la revisione delle SDS fornite ai destinatari di sostanze e miscele
− Redazione di eventuali schede informative per sostanze e miscele non soggette all’obbligo di redazione della SDS
− Redazione di eventuali schede informative per articoli contenenti sostanze pericolose
− Comunicazione delle informazioni da monte a valle e viceversa secondo le disposizioni contenute negli artt.31-36 (titolo IV) del Regolamento REACH
− Distribuzione delle SDS nelle lingue previste a tutti i destinatari
− Analisi e implementazione delle informazioni ricevute dai destinatari concernenti i pericoli/rischi presentati da sostanze e miscele fornite
− Archiviazione e conservazione di informazioni e documenti funzionali all’adempimento degli obblighi di cui agli articoli 31 e 32 del Regolamento (CE) 1907/2006.

Le aree di intervento che possono essere individuate nel ruolo del profilo professionale di Esperto Sistema Rifiuti sono:

− Identificazione del rifiuto (trattamento individuale presso il produttore)
− Analisi del ciclo produttivo
− Attribuzione corretta dei codici CER dei rifiuti presso il produttore/detentore
− Valutazione e identificazione dell’idonea destinazione dei rifiuti (recupero o smaltimento) a livello nazionale, UE o extra UE
− Attribuzione corretta dei codici HP ai sensi del Regolamento (UE) n.1357/2014
− Controllo della corretta compilazione della scheda di caratterizzazione o descrizione del rifiuto
− Attribuzione della classificazione per il trasporto ADR, RID, IMDG Code (se applicabile)
− Verifica dei movimenti sui documenti cartacei relativi al carico/scarico del rifiuto;
− Verifica della redazione della documentazione accompagnatoria cartacea;
− Verifica della redazione del documento cartaceo relativo al carico/scarico del rifiuto;
− Verifica della gestione del deposito temporaneo, lo stoccaggio e la movimentazione;
− Verifica degli scarti e dei residui di produzione.

....

Fonte: UNI

Collegati:

Pin It

Tags: Normazione Chemicals Schede Dati Sicurezza SDS Ambiente Rifiuti Prassi di Riferimento

Ultimi archiviati Chemicals

EIGA 177 20
Gen 21, 2020 10

Medical Gas Cylinders Colour Coding

Medical Gas Cylinders Colour Coding EIGA Doc. 177/20 Medical Gas Cylinders Colour Coding Questo documento tratta la codifica a colori delle bombole utilizzati per l'uso di gas medicinali e medici in Europa, dove vengono applicati gli standard europei (EN). Può essere utilizzato anche in altri paesi… Leggi tutto
livelli massimi di tetraidrocannabinolo
Gen 15, 2020 139

Decreto Ministero della Salute 4 novembre 2019

Decreto Ministero della Salute 4 novembre 2019 Definizione di livelli massimi di tetraidrocannabinolo (THC) negli alimenti. (GU Serie Generale n.11 del 15-01-2020) Art. 1. Campo di applicazione 1. Il presente decreto fissa i valori delle concentrazioni massime (limiti massimi) di THC totale… Leggi tutto
Regolamento delegato UE 2020 11
Gen 10, 2020 296

Regolamento delegato (UE) 2020/11

Regolamento delegato (UE) 2020/11 Regolamento delegato (UE) 2020/11 della Commissione del 29 ottobre 2019 che modifica il regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele per quanto… Leggi tutto
Gen 08, 2020 56

Nichel: Quadro Chemicals

Nichel: Chemicals, Health e Safety Il Nichel e suoi composti sono naturalmente presenti nella crosta terrestre e sono emessi in atmosfera attraverso fonti naturali (come la polvere portata dal vento, le eruzioni vulcaniche, i fumi prodotti da incendi boschivi e la polvere meteorica), nonché da… Leggi tutto
Piano nazionale OGM 2015 2018
Gen 06, 2020 83

Piano nazionale OGM 2015-2018

Piano nazionale OGM 2015-2018 Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti 2015-2018 Il Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di organismi geneticamente modificati (OGM) negli alimenti rappresenta la realizzazione di una… Leggi tutto
Relazione Piano nazionale OGM   risultati del 2018
Gen 06, 2020 84

Relazione Piano nazionale OGM | risultati del 2018

Relazione Piano nazionale OGM | Risultati del 2018 Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti risultati anno 2018 Il 2018 è il quarto anno della programmazione del Piano Nazionale OGM 2015-2018. Introduzione Con il 2018 si conclude il… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 23089

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto
Mar 02, 2019 21876

Regolamento (CE) n. 2023/2006 (Regolamento GMP)

Regolamento (CE) n. 2023/2006 Regolamento (CE) N. 2023/2006 della Commissione del 22 dicembre 2006 sulle buone pratiche di fabbricazione dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con prodotti alimentari (Regolamento GMP - Good Manufacturing Practices) ... Il presente regolamento… Leggi tutto
Regolamento  CE  n  178 2002
Set 04, 2019 21469

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto