Slide background

UNI/PdRxx:2019 | Esperto del ciclo di vita delle sostanze

ID 7785 | | Visite: 457 | News NormazionePermalink: https://www.certifico.com/id/7785

Esperto del ciclo di vita delle sostanze

UNI/PdRxx:2019 Esperto del ciclo di vita delle sostanze

UNI, 15 Febbraio 2019

Prassi di riferimento UNI: Attività e requisiti dei profili professionali di Responsabile Schede Dati di Sicurezza (RSDS) e di Esperto del Sistema Rifiuti (ESR)

Avvio della consultazione pubblica del progetto di prassi di riferimento dal titolo “Esperto del ciclo di vita delle sostanze - Attività e requisiti dei profili professionali di Responsabile Schede Dati di Sicurezza (RSDS) e di Esperto del Sistema Rifiuti (ESR)” 

Frutto della collaborazione con EPTAS - Esperti della Prevenzione per la Tutela dell’Ambiente e della Salute, il progetto di Prassi di Riferimento è ora sottoposto alla fase di consultazione pubblica, con scadenza il prossimo 18 marzo, al fine di raccogliere osservazioni da parte del mercato.

Il documento è finalizzato a definire i requisiti relativi a due tra i possibili profili che sono riconducibili alla figura professionale di “Esperto del ciclo di vita delle sostanze”: il profilo di Responsabile Schede Dati di Sicurezza (RSDS) e quello di Esperto del Sistema Rifiuti (ESR), individuandone le attività, i compiti e le relative conoscenze, abilità e competenze, definite sulla base dei criteri del Quadro europeo delle qualifiche. Il documento fornisce, inoltre, gli elementi per la valutazione e convalida dei risultati dell’apprendimento, finalizzati alla certificazione dei profili professionali.

L’esperto del ciclo di vita delle sostanze, nelle sue due declinazioni RSDS (Responsabile Schede di Dati di Sicurezza) e ESR (Esperto Sistema Rifiuti), si occupa di seguire le sostanze, in quanto tali o contenute in miscele, dalla loro immissione sul mercato fino al loro smaltimento come rifiuto nelle possibili matrici ambientali.

A oggi non sono presenti nella legislazione dell’Unione Europea profili professionali orientati da competenze specifiche sul ciclo di vita delle sostanze, dalla loro immissione sul mercato alla loro fine vita come rifiuto o parte di esso, di conseguenza:

− il profilo RSDS opera con competenze specifiche relativamente alla caratterizzazione dei pericoli/rischi di sostanze e miscele affinché un’organizzazione possa adempiere agli obblighi legislativi garantendo la salvaguardia della salute dei lavoratori e dell’ambiente come pure dei consumatori finali in qualità di utilizzatori di sostanze e miscele;
− il profilo ESR opera, con competenze professionali all’avanguardia nei diversi ambiti della gestione rifiuti (raccolta, trasporto, stoccaggio, smaltimento, ecc.) affinché l’organizzazione possa adempiere agli obblighi ambientali in modo regolare e soprattutto sicuro dal punto di vista legislativo.

I due profili professionali di dettaglio coprono, quindi, funzioni di:

− RSDS: raccolta ed analisi dei dati aziendali che necessitano per l’elaborazione di SDS di sostanze e miscele immesse sul mercato dell’Unione Europea;
− ESR: descrizione dell’intero processo di gestione dei rifiuti, al fine di ottimizzare quest’ultimo principalmente dal punto di vista dell’impatto ambientale ma anche, dove potenzialmente possibile, dal punto di vista economico.

La finalità è quella di definire i requisiti professionali dell’esperto del ciclo di vita delle sostanze, nelle sue due declinazioni, RSDS e ESR,

− creando uno standard che riconosca il ruolo di un professionista Responsabile SDS e di un professionista Esperto Sistema Rifiuto, e che permetta alle imprese di portare al proprio interno strumenti, metodologie e competenze certificate;
− rendendo il RSDS un ruolo strategico per assicurare una corretta caratterizzazione di sostanze e miscele attraverso la SDS fornita ai destinatari;
− rendendo la funzione dell’Esperto Sistema Rifiuto tassello strategico per assicurare una corretta funzionalità dell’intero ciclo di un rifiuto ;
− mappando le competenze tecnico specialistiche e trasversali dei profili professionali del RSDS ed ESR;
− fornendo all’utenza un riferimento ai fini dell’attestazione della formazione dei due professionisti, comprese le indicazioni inerenti gli aspetti etici e deontologici applicabili.

Le aree di intervento che possono essere individuate nel ruolo del profilo professionale di RSDS sono:

− Classificazione ed etichettatura di sostanze e miscele (rispettivamente fabbricate e formulate), importate o distribuite da un’impresa
− Analisi e validazione dei dati relativi alla classificazione ed etichettatura nelle SDS delle materie prime fornite ad un’impresa che fabbrica sostanze, formula miscele o produce articoli
− Redazione, analisi e validazione dei testi per le 16 sezioni della SDS
− Redazione, analisi e validazione degli eventuali scenari espositivi da allegare alla SDS
− Monitoraggio degli aggiornamenti legislativi che determinano la revisione delle SDS fornite ai destinatari di sostanze e miscele
− Redazione di eventuali schede informative per sostanze e miscele non soggette all’obbligo di redazione della SDS
− Redazione di eventuali schede informative per articoli contenenti sostanze pericolose
− Comunicazione delle informazioni da monte a valle e viceversa secondo le disposizioni contenute negli artt.31-36 (titolo IV) del Regolamento REACH
− Distribuzione delle SDS nelle lingue previste a tutti i destinatari
− Analisi e implementazione delle informazioni ricevute dai destinatari concernenti i pericoli/rischi presentati da sostanze e miscele fornite
− Archiviazione e conservazione di informazioni e documenti funzionali all’adempimento degli obblighi di cui agli articoli 31 e 32 del Regolamento (CE) 1907/2006.

Le aree di intervento che possono essere individuate nel ruolo del profilo professionale di Esperto Sistema Rifiuti sono:

− Identificazione del rifiuto (trattamento individuale presso il produttore)
− Analisi del ciclo produttivo
− Attribuzione corretta dei codici CER dei rifiuti presso il produttore/detentore
− Valutazione e identificazione dell’idonea destinazione dei rifiuti (recupero o smaltimento) a livello nazionale, UE o extra UE
− Attribuzione corretta dei codici HP ai sensi del Regolamento (UE) n.1357/2014
− Controllo della corretta compilazione della scheda di caratterizzazione o descrizione del rifiuto
− Attribuzione della classificazione per il trasporto ADR, RID, IMDG Code (se applicabile)
− Verifica dei movimenti sui documenti cartacei relativi al carico/scarico del rifiuto;
− Verifica della redazione della documentazione accompagnatoria cartacea;
− Verifica della redazione del documento cartaceo relativo al carico/scarico del rifiuto;
− Verifica della gestione del deposito temporaneo, lo stoccaggio e la movimentazione;
− Verifica degli scarti e dei residui di produzione.

....

Fonte: UNI

Collegati:

Tags: Normazione Chemicals Schede Dati Sicurezza SDS Ambiente Rifiuti Prassi di Riferimento

Ultimi archiviati Normazione

UNI EN 6892019
Mag 17, 2019 58

UNI EN 689:2019

UNI EN 689:2019 Esposizione nei luoghi di lavoro - Misurazione dell'esposizione per inalazione agli agenti chimici - Strategia per la verifica della conformità coi valori limite di esposizione occupazionaleData entrata in vigore: 16 maggio 2019 La norma definisce una strategia per effettuare misure… Leggi tutto
UNI EN ISO 37402019
Mag 03, 2019 108

UNI EN ISO 3740:2019

UNI EN ISO 3740:2019 Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora delle sorgenti di rumore - Linee guida per l'utilizzo delle norme di baseData entrata in vigore: 30 aprile 2019 [alert]La norma fornisce le linee guida per l'utilizzo di un set di dodici norme internazionali basilari… Leggi tutto
EN ISO 5349 2 Guida pratica valutazione rischio vibrazioni alla mano
Apr 25, 2019 147

EN ISO 5349-2 Guida pratica valutazione rischio vibrazioni alla mano

EN ISO 5349-2:2015 Vibrazioni meccaniche - Misurazione e valutazione dell'esposizione dell'uomo alle vibrazioni trasmesse alla mano - Parte 2: Guida pratica per la misurazione al posto di lavoro La norma è stata aggiornata nei riferimenti normativi (punto 2) e sostituisce alcuni punti come quello… Leggi tutto
EN 14253 Guida pratica valutazione esposizione vibrazioni
Apr 25, 2019 105

EN 14253 Guida pratica valutazione esposizione vibrazioni corpo intero

EN 14253:2008 Vibrazioni meccaniche - Misurazione e calcolo dell’esposizione professionale alle vibrazioni trasmesse al corpo intero al fine di tutelare la salute dell’operatore - Guida pratica La presente norma è la versione ufficiale della norma europea EN 14253:2003+A1 (edizione novembre 2007).… Leggi tutto
Apr 23, 2019 115

UNI EN ISO 9612: Metodo di misurazione esposizione al rumore lavoratori

UNI EN ISO 9612:2011 Acustica - Determinazione dell'esposizione al rumore negli ambienti di lavoro - Metodo tecnico progettualeLa presente norma è la versione ufficiale in lingua inglese e italiana della norma europea EN ISO 9612 (edizione aprile 2009). La norma descrive un metodo tecnico… Leggi tutto
Apr 13, 2019 226

CEI 82-25 Guida realizzazione sistemi e fotovoltaici

CEI 82-25 Guida realizzazione sistemi e fotovoltaici Guida alla realizzazione di sistemi di generazione fotovoltaica collegati alle reti elettriche di Media e Bassa Tensione Data: 01/set/2010 La presente Guida tecnica fornisce i criteri per la progettazione, l'installazione e la verifica dei… Leggi tutto
Apr 13, 2019 114

CEI 104-44: Guida alle prove ambientali (Meccaniche e climatiche)

CEI 104-44 Guida alle prove ambientali (Meccaniche e climatiche) La presente Guida Tecnica descrive il significato e le finalità della prove ambientali (Meccaniche e Climatiche). La Guida fornisce una panoramica estesa sulle svariate e molteplici prove ambientali attualmente in uso, si sofferma sui… Leggi tutto
Esposdizione Campi elettromagnetici
Apr 13, 2019 171

CEI EN 62209-1 e CEI EN 50527-2-2: Esposizione dispositivi comunicazione/medici EMC

CEI EN 62209-1 e CEI EN 50527-2-2 esposizione dispositivi di comunicazione/medici EMC Aggiornate le prescrizioni per i dispositivi di comunicazione a contatto con il corpo, tra i quali telefoni cellulari, cordless, auricolari, bypass e affini. Disponibili da novembre due importanti aggiornamenti in… Leggi tutto

Più letti Normazione