Slide background

Linee indirizzo MMC pazienti ISO TR 12296 (MAPO) | RL

ID 8455 | | Visite: 952 | Documenti Sicurezza EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/8455

Rischio MMC ISO 11226 Pazienti

Linee indirizzo MMC pazienti TR 12296 (MAPO) | RL 

ID 8455 | 27.05.2019

Come in altri ambiti il quadro normativo di riferimento è spesso più avanzato rispetto alla realtà. Per questo settore, in particolare, oltre alle norme in materia di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori vi sono quelle relative all’accreditamento delle strutture sanitarie e socio-sanitarie e quelle per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

In questo complesso di norme si inserisce a pieno titolo il recente Technical Report (TR) 12296 “Ergonomics: Manual handling in health care sector” pubblicato nel giugno 2012.

In estrema sintesi questo TR si pone due obbiettivi principali:

a) Il miglioramento delle condizioni di lavoro degli operatori addetti all’assistenza (diminuendo i sovraccarico biomeccanico)
b) Il miglioramento della qualità di assistenza.

Definisce una precisa strategia di intervento che, partendo dalla valutazione del rischio (Annesso A), possa attuare una gestione del rischio basata su aspetti di tipo organizzativo (Annesso B), sulla scelta di adeguate attrezzature/ausili (annesso C), sull’ambiente di lavoro - in termini di spazi e di passaggi - (Annesso D), su un’efficace formazione degli operatori (Annesso E) ed infine sulla continua verifica di efficacia delle azioni intraprese (Annesso F).
...
Il metodo MAPO, adotatto con queste linee di indirizzo di Regione Lombardia, è aderente in tutte le sue parti allo schema individuato nel TR sia perchè prevede una valutazione del rischio per step successivi (individuazione del pericolo, checklist MAPO e valutazione analitica del rischio) sia perché considera tutti gli aspetti che devono essere considerati nel risk management. Inoltre appare utile avere a disposizione degli strumenti che, per la loro sinteticità, forniscano informazioni chiare e semplici sulle quali operare delle scelte, da cui possono discendere risultati sicuramente quantificabili e confrontabili. D’altronde questa strada, che indubbiamente può presentare delle carenze rispetto all’ampia variabilità che si può incontrare nei diversi contesti lavorativi, è quella perseguita dall’ISO che ha sempre proposto, per la valutazione dei rischi lavorativi, metodi parametrici. Premesso che, al di là delle modalità con cui si effettua una valutazione del rischio, quello che importa è il risultato che si riesce ad ottenere, vale la pena fare alcune puntualizzazioni:

1) Identificazione del pericolo nella movimentazione dei pazienti: è necessario porre una domanda chiave (key enter) che deve condurre ad una risposta del tipo Si/No.

Il criterio adottato sia nel TR che nel metodo MAPO è: “nel servizio da indagare è presente un paziente che deve essere movimentato?”.

Il fatto che sia presente identifica la presenza di un pericolo che non necessariamente è sinonimo di rischio (cioè di una condizione che aumenta la probabilità di avere un danno).

2) Qualora sia presente un pericolo, è necessario procedere alla Stima/Valutazione del rischio. Con il metodo MAPO è possibile procedere per step successivi effettuando prima una stima del rischio (checklist MAPO) e, qualora dalla stima risulti la presenza di un rischio, poi procedere alla valutazione analitica del rischio (MAPO Analitico). 
...
segue in allegato

Collegati

Pin It


Tags: Sicurezza lavoro Rischio MMC Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Sentenze cassazione penale
Set 20, 2019 32

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 38380 | 17 Settembre 2019

Infortunio mortale per inalazione di gas nella centrale termoelettrica Cassazione Penale, Sez. 4, 17 settembre 2019, n. 38380 Infortunio mortale per inalazione di gas nella centrale termoelettrica: mancata bonifica preventiva, mancata chiusura dell'altoforno, mancata predisposizione di rapide via… Leggi tutto
Set 15, 2019 35

Circolare n. 24 del 04-08-2005

Circolare n. 24 del 04-08-2005 Circolare esplicativa concernente il D.M. 07.01.2005 recante "Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili di incendio" Collegati
Decreto 7 gennaio 2005Vademecum estintori: Controllo | Manutenzione | Uso
Leggi tutto
Set 15, 2019 30

Circolare n. 661 del 20 gennaio 2012

Circolare n. 661 del 20 gennaio 2012 Apparecchi estintori carreallati d’incendio omologati ai sensi del D.M. 06/03/1992 ___________ MINISTERO DELL'INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICAAREA… Leggi tutto
Set 15, 2019 30

Circolare n. 655 del 20 gennaio 2012

Circolare n. 655 del 20 gennaio 2012 Apparecchi estintori portatili d’incendio omologati ai sensi del Decreto Ministeriale del 7 gennaio 2005 ________ DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICAAREA VI -… Leggi tutto
Set 15, 2019 37

Decreto 6 marzo 1992 | Estintori carrellati

Decreto 6 marzo 1992 Norme tecniche e procedurali per la classificazione della capacita' estinguente e per l'omologazione degli estintori carrellati di incendio. (GU n.66 del 19-03-1992) Leggi tutto
Set 15, 2019 31

Decreto 6 marzo 1992

Decreto 6 marzo 1992 Norme tecniche e procedurali per la classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei prodotti vernicianti ignifughi applicati su materiali legnosi. (GU n.66 del 19-03-1992) Leggi tutto
Valutazione dei rischi e lesioni da punture da aghi
Set 15, 2019 55

EU-OSHA: Valutazione dei rischi e lesioni da punture da aghi

EU-OSHA: Valutazione dei rischi e lesioni da punture da aghi E-fact n. 40: Valutazione dei rischi e lesioni da punture da aghi La salute dei lavoratori, in particolare di quelli occupati nei settori della sanità e dell’assistenza, è a rischio a causa dell’esposizione sul luogo di lavoro a germi… Leggi tutto

Più letti Sicurezza