Slide background
Slide background
Slide background

Reazione al fuoco dei materiali: Quadro normativo IT/EU

ID 6472 | | Visite: 1256 | Prevenzione IncendiPermalink: https://www.certifico.com/id/6472

Reazione al fuoco quadro normativo

Reazione al fuoco dei materiali: Quadro normativo raccordo IT/EU

Scheda ID 6472 del 07.07.2018

Quadro normativo IT/EU sulla reazione al fuoco dei materiali e prodotti da costruzione ai fini della Prevenzione Incendi, con Documento allegato completo e cenni sulle prove di Reazione al fuoco, in riferimento al regime omologativo IT del D.M. 26/06/1984D.M. 10/03/2005 (con la modifica del Decreto 25 ottobre 2007) e regime della classificazione EU (marcatura CE) in accordo con il Regolamento (UE) 305/2011 CPR e Regolamento delegato (UE) 2016/364 e norma UNI EN 13501-1:2009 armonizzata per il regolamento CPR.

In allegato Documento completo Riservato Abbonati Sicurezza (Accedi / Acquista)

Per “reazione al fuoco” si intende il grado di partecipazione di un materiale combustibile al fuoco al quale è sottoposto, a seguire le definizioni del D.M. 30 novembre 1983, del DM 26 Giugno 1984, del DM 3 agosto 2015, della norma UNI CEI EN ISO 13943:2012, UNI 9177:2008 e UNI EN 13501-1:2009.

D.M. 26/06/1984
...
2.2. Reazione al fuoco.
Grado di partecipazione di un materiale combustibile al fuoco al quale è sottoposto.
In relazione a ciò i materiali sono assegnati alle classi 0, 1, 2, 3, 4, 5 con l'aumentare della loro partecipazione alla combustione; quelli di classe 0 sono non combustibili.

UNI CEI EN ISO 13943:2012 Sicurezza in caso di incendio - Vocabolario
-
4.272 reazione al fuoco
risposta di un provino (4.321) quando è esposto al fuoco (4.97) in condizioni specificate durante una prova al fuoco (4.132)

NOTA
La resistenza al fuoco (4.121) è considerata come caso particolare e normalmente non come una reazione alla proprietà del fuoco

DM 3 agosto 2015
...
G.1.13 Reazione al fuoco
1. Reazione al fuoco: una delle misure antincendio di protezione da perseguire per garantire un adeguato livello di sicurezza in condizione di incendio ed in particolare nella fase di prima propagazione dell’incendio (pre-flashover). Essa esprime il comportamento di un materiale che, con la sua decomposizione, partecipa al fuoco al quale è stato sottoposto in specifiche condizioni.

D.M. 30 novembre 1983
1.10 - Reazione al fuoco
....

UNI 9177:2008
Reazione al fuoco 
...
UNI EN 13501-1:2009
Reazione al fuoco 
Risposta di un prodotto che contribuisce, con la propria decomposizione, ad un incendio al quale è esposto, in condizioni specifiche.
...

Classe di reazione al fuoco

La classe di reazione al fuoco  non è relativa al prodotto tale e quale, ma è riferita al suo impiego e alla sua posa in opera, un prodotto può avere, infatti, una diversa classe secondo il suo impiego.

In Italia per primo il D.M. 26/06/1984 ha stabilito norme, criteri e procedure per la classificazione di reazione al fuoco e l'omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi, con esclusione dei rischi derivanti dai fumi emessi in caso d'incendio dai suddetti materiali.

I materiali sono assegnati alle classi: 0, 1, 2, 3, 4, 5 con l'aumentare della loro partecipazione alla combustione, pertanto il comportamento di un materiale combustibile al fuoco è tanto migliore quanto più bassa è la classe i materiali di classe 0 sono incombustibili (vedi UNI 9177).

Classe italiana  Definizione
0 materiali incombustibili
1 materiali combustibili non infiammabili
2 materiali combustibili difficilmente infiammabili
3 materiali combustibili infiammabili
4 materiali combustibili facilmente infiammabili
5 materiali combustibili estremamente infiammabili

Ai prodotti imbottiti quali poltrone, divani, ecc. è invece attribuita la classe di reazione 1IM, 2IM, 3IM (all'aumentare del grado di partecipazione all'incendio) che deve intendersi riferita al complesso costituito da rivestimento, imbottitura ed eventuale interposto.

Ad alcuni materiali è attribuita la classe di reazione al fuoco 0, senza la necessità che siano sottoposti alla prova di non combustibilità prevista dal D.M. 26/06/1984. Tali materiali sono elencati nel D.M. 14/01/1985.

Documento completo allegato Abbonati Sicurezza:

Reazione al fuoco dei materiali Quadro normativo

Classificazione reazione al fuoco IT

- Classe 1 / 2 / 3 / 4 / 5 (prodotti combustibili) secondo UNI 9177 
- Classe 0 (prodotti incombustibili) secondo DM 03/09/2001 
- Classe 1IM, 2IM, 3IM (mobili imbottiti) secondo UNI 9175

Omologazione materiali ai fini della prevenzione incendi

I Materiali e prodotti da costruzione, per essere ritenuti idonei e quindi utilizzabili nell’ambito di attività soggette alle disposizioni di prevenzione incendi, devono essere omologati, secondo la procedura indicata dallo stesso D.M. 26/06/1984.

La procedura di omologazione consiste in:

1. una prima fase di “prova”, da svolgersi presso la struttura preposta del Dipartimento dei Vigili del fuoco oppure presso uno dei laboratori autorizzati dal Ministero dell'interno, ed a seguito della quale viene rilasciato il “certificato di prova”
2. rilascio da parte del Ministero dell'Interno stesso dell'atto di approvazione (approvazione di tipo o omologazione).

D.M. 26/06/1984
...
2.3. Omologazione di materiale ai fini della prevenzione incendi.

Procedura tecnico-amministrativa con la quale viene provato il prototipo di materiale, certificata la sua classe di reazione al fuoco ed emesso da parte del Ministro dell'Interno il provvedimento di autorizzazione alla riproduzione del prototipo stesso prima della immissione del materiale sul mercato per la utilizzazione nelle attività soggette alle norme di prevenzione incendi.

2.4. Certificato di prova.

Rapporto rilasciato dal Centro Studi ed Esperienze del Ministero dell'interno (C.S.E.), o da altro Laboratorio legalmente riconosciuto dal Ministero stesso, nel quale si certifica la classe di reazione al fuoco del campione sottoposto ad esame.

Atto di Omologazione
L’omologazione ha validità di 5 anni ed è rinnovabile.

Atto di Estensione
E' possibile estendere l'omologazione a quei materiali in possesso già di un atto di omologazione in corso di validità la cui campionatura di prova sia identica a quella del prodotto omologato che hanno le stesse carattristiche di omologazione, senza ripetere le prove di omologazione.
Validità 5 anni.

Atto di integrazione
Se un produttore sè già in possesso di una omologazione in corso di validità, può richiedere di "integrare" l'atto rilasciato per impieghi o posa in opera diversi da quelli per cui è stato emesso lo stesso. Viene rilasciata una ulteriore omologazione, che rappresenta un'appendice all'omologazione di riferimento di cui acquisisce la stessa scadenza. L'ulteriore omologazione non si rilascia per i prodotti imbottiti.

Riferimenti per le procedure di omologazione:

Nota ministeriale del 22/11/1996, n. 6859
- Circolare 22/04/2005, n. 11 (Tariffe)

Materiali non combustibili

Per i materiali non combustibili (classe di reazione 0) non occorre alcun atto di omologazione, essi sono elencati nel D.M. 14/01/1985.

Procedure per omologazione dei materiali 

Procedure per omologazione dei materiali DM 26/06/1984 e DM 03/09/2001 (decreto modifiche e integrazioni al DM 26/06/1984)

DM 26/06/1984
...
Art. 8: procedure per omologazione dei materiali
- Certificazione presso Laboratorio autorizzato dal Ministero dell’Interno
- Istanza di omologazione al Ministero dell’Interno
- Rilascio di omologazione dal Ministero dell’Interno
- Dichiarazione di conformità del Produttore

Nel caso in cui il prodotto sia marcabile CE perché esiste una norma armonizzata, la procedura di omologazione viene sostituita dalla “Marcatura CE ” (solo "materiale da costruzione"(1))

(1) E’ considerato materiale da costruzione qualsiasi prodotto fabbricato al fine di essere permanentemente incorporato in opere da costruzione, il D.M. 10 marzo 2005 non si applica a mobili imbottiti, mobili, tendaggi, materiale scenico, ecc. 

Reazione al Fuoco Normativa raccordo VVF

VVF Reazione al fuoco - normativa di prevenzione incendi
- D.M. 15 marzo 2005 “Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo”. 
- D.M. 10 marzo 2005 “Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della sicurezza in caso d'incendio”.
- Circolare N. 9 - MI.SA prot. n. P525/4122 sott. 56 del 18/04/2005 “D.M. 15/03/2005 recante “Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo” - Chiarimenti e primi indirizzi applicativi”. 
- Circolare N. 10 prot. n. DCPST/A2/3163 del 21/04/2005 “D.M. 10 marzo 2005 concernente “Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della “sicurezza in caso d’incendio”. Chiarimenti e primi indirizzi applicativi”.

Reazione a fuoco di materiali e prodotti da costruzione CE

Il D.M. 10/03/2005 ha stabilito, in accordo con le decisioni della Commissione europea, nuove classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della sicurezza in caso d'incendio.

D.M. 10/03/2005
...

Art. 1 - Campo di applicazione

1. Il presente decreto si applica ai materiali da costruzione, così come definiti dall’art. 1 della direttiva del Consiglio 89/106/CEE (sostituita dal Regolamento (UE) 305/2011) e dall’art. 1 del D.P.R. 21/04/1993, n. 246, per i quali sono richiesti specifici requisiti di reazione al fuoco. Si considera materiale da costruzione, di seguito denominato «prodotto», qualsiasi prodotto fabbricato al fine di essere permanentemente incorporato in opere da costruzione.

2. Il presente decreto stabilisce, in conformità a quanto previsto dal decreto recante «Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della sicurezza in caso di incendio», le caratteristiche di reazione al fuoco che devono possedere i prodotti installati in attività ricomprese nel campo di applicazione delle vigenti disposizioni tecniche di prevenzione incendi, in luogo delle classi italiane previste dal decreto ministeriale 26 giugno 1984, e successive modifiche ed integrazioni. 

Note
Il decreto si applica ai prodotti da costruzione. Sono quindi esclusi materiali e prodotti non riconducibili alla fattispecie di “prodotti da costruzione” (tendaggi, mobili imbottiti, guanciali, materassi, ecc.) per i quali si continuano ad applicare le disposizioni italiane vigenti (D.M. 26/06/1984).

Il sistema di classificazione europeo privilegia, come parametro fondamentale, la valutazione del rilascio di calore in funzione del tempo, considerando il gocciolamento e la produzione di fumo (in termini di opacità e non di tossicità) quali parametri accessori. Si tratta quindi di criteri di prova e classificazione difficilmente comparabili con quelli finora utilizzati in Italia in quanto fondati su un diverso approccio (per modello di fuoco, ventilazione, dimensioni, sistema di rilevazione dati, ecc.) ed effettuati sulla base di differenti parametri caratteristici. Ne discende un’organizzazione in classi principali e classi aggiuntive, che dà luogo ad una possibilità di combinazione relative alle prestazioni del prodotto estremamente più articolata di quella prevista dal sistema italiano

Con l’introduzione del sistema di classificazione europeo di reazione al fuoco, si è reso necessario definire i requisiti dei prodotti da costruzione da installare nelle attività ricomprese nel campo di applicazione delle regole tecniche di prevenzione incendi, in luogo delle classi italiane previste dal D.M. 26/6/1984. Ove in tali regole tecniche si richiede l’impiego di prodotti classificati alla reazione al fuoco in base al sistema di classificazione italiano (0, 1, 2, 3, 4, 5), vengono indicate quali sono le corrispondenti classi europee utilizzabili, in funzione del tipo di impiego previsto (pavimento, parete, soffitto, ecc.). Non è stata introdotta nessuna ulteriore prescrizione aggiuntiva sui requisiti di reazione al fuoco rispetto a quelle già previste nelle specifiche “norme verticali” di prevenzione incendi.

Il decreto non prevede alcuna sostituzione dei materiali (prodotti da costruzione) conformi alle disposizioni in materia di reazione al fuoco vigenti al momento della loro installazione.

Euroclassi EN 13501-1

La classificazione di reazione al fuoco di tutti i prodotti da costruzione è effettuato ai sensi della norma armonizzata UNI EN 13501-1:2012 “Classificazione al fuoco dei prodotti e degli elementi da costruzione - Parte 1: Classificazione in base ai risultati delle prove di reazione al fuoco”.

Il D.M. 10/03/2005 (come moficato dal Decreto 25 ottobre 2007, che ha sostituito gli allegati A e C del D.M. 10/03/2005), presenta i seguenti allegati:

Allegato A - Classificazione dei prodotti da costruzione
Allegato B - Elenchi delle classi di reazione al fuoco attribuibili in conformità alla norma EN 13501-1
Allegato C - Elenco dei materiali da considerare come appartenenti alle classi A1 e A1FL di reazione al fuoco di cui alla decisione 2000/147/CE senza dover essere sottoposti a prove (Decisione abrogata dal Regolamento delegato (UE) 2016/364).

Esso individua le  “euroclassi”, dalla A1 (materiale o prodotto incombustibile) alla F con l'aumentare della partecipazione alla combustione.

Allegato A  Decreto 25 ottobre 2007 (concernenti le classi di reazione al fuoco, i metodi di prova ed i rispettivi criteri di classificazione):

- Tabella 1 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO PER I PRODOTTI DA COSTRUZIONE AD ECCEZIONE DEI PAVIMENTI, DEI PRODOTTI DI FORMA LINEARE DESTINATI ALL'ISOLAMENTO TERMICO, DEI CAVI ELETTRICI: A1, A2, B, C, D, E, F.
- Tabella 2 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO PER I PAVIMENTI: A1FL, A2FL, BFL, CFL, DFL, EFL, FFL.
- Tabella 3 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO PER PRODOTTI DI FORMA LINEARE DESTINATI ALL’ISOLAMENTO TERMICO: A1L, A2L, BL, CL, DL, EL, FL.
- Tabella 4 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO DEI CAVI ELETTRICI: ACA, B1CA, B2CA, CCA, DCA, ECA, FCA.

In aggiunta alla classificazione generale, le euroclassi contemplano anche i seguenti parametri:

- per i prodotti da costruzione che per i pavimenti (ma non per i prodotti destinati all’isolamento termico e per i cavi elettrici): fumo (“s” - smoke)
- solo per i prodotti da costruzione, con esclusione di pavimenti, prodotti destinati all’isolamento termico e cavi elettrici: gocciolamento (“d” - drops).

Ciascuno di questi parametri aggiuntivi ha una sua sottoclassificazione che va da 0 (assente) a 3 (elevato).

Nell’Allegato B del D.M. 10/03/2005 è ripportato l’elenco delle classi di reazione al fuoco attribuibili in base alle varie combinazioni, ad esempio un prodotto da costruzione potrà avere euroclasse “B s1,d2”), mentre un pavimento potrà avere euroclasse “BFL s2”.

EuroclasseEsempio
A1, A2  Lana di roccia, pannello a base di gesso
B Pannello a base di gesso verniciato
C Pannello a base di gesso con tappezzeria cartacea
D Legno
E EPS ignifugo
F Materiale non testato, EPS

 

Classi aggiuntive per la produzione di fumo Classi aggiuntive per la produzione di gocce ardenti
s1
l'elemento strutturale può emettere una quantità estremamente limitata di gas di combustione
d0
l'elemento strutturale non deve emettere gocce o particelle ardenti
s2
l'elemento strutturale può emettere una quantità limitata di gas di combustione 
d1
è possibile che vengano rilasciate limitate quantità di gocce o particelle ardenti
s3
non è prevista alcuna limitazione della produzione di gas di combustione
d2
non è prevista alcuna limitazione della produzione di gocce e particelle ardenti

Materiali in regime di marcatura CE (omologazione IT non prevista)

In allegato al D.M. 10/03/2005 è riportata la Decisione 2000/147/CE (abrogata dal Regolamento delegato (UE) 2016/364) che elenca:

- materiali da considerare come appartenenti alle classi A1 e aA1FL di reazione al fuoco senza dover essere sottoposti a prove;
- prodotti e/o materiali da costruzione ai quali è attribuita senza dover essere sottoposti a prove la classe in relazione alle caratteristiche tecniche specificate ed alla conformità ad una norma armonizzata di prodotto e sono:
- - pannelli a base di legno;
- - pannelli di cartongesso;
- - pannelli decorativi laminati ad alta pressione;
- - prodotti di legno da costruzione;
- - legno lamellare;
- - rivestimenti laminati per pavimentazioni;
- - rivestimenti resilienti per pavimentazioni;
- - rivestimenti tessili per pavimentazioni;
- - pavimentazioni in legno;
- - pannelli e rivestimenti in legno massiccio.

Prodotti che restano in regime di classificazione D.M. 26/06/1984

La classificazione di cui al D.M. 26/06/1984 resta in vigore per tutti quei materiali e prodotti che:

1. non rientrano nella definizione sopra fornita di “prodotto da costruzione” ai sensi del D.M. 10/03/2015, come ad esempio elementi di arredo, ecc; 
2. per i "prodotti da costruzione" per i quali non esiste una norma armonizzata con requisito richiesto di reazione al fuoco.

Circolare n. 1 del 24 febbraio 2016 - Omologazione di materiali ai sensi del D.M. 26/06/1984.
Le indicazioni riguardano materiali di finitura di mobili imbottiti, l'utilizzo di "materiali di chiusura " di mobili imbottiti e le sedie imbottite con seduta o schienale in materiale non rigido, le sedie non imbottite con seduta e schienale in materiale non rigido. Inoltre, vengono fornite una serie di indicazioni per l’omologazione in serie di supporti imbottiti di materassi (sommier) e testiere imbottite, topper, coprimaterasso e materassi sfoderabili.

Il Regolamento delegato (UE) 2016/364 della Commissione del 01/07/2015 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea n. L68 del 15/03/2016 ed in vigore dal 04/04/2016 - ha provveduto ad apportare modifiche ai criteri di classificazione all’interno delle classi “F”, per le quali la vecchia normativa riportava il riferimento “nessuna prestazione determinata” (o “reazione non determinata”), non compatibile con un sistema di classificazione a norma del Regolamento (UE) n. 305/2011.

Regolamento (UE) n. 305/2011 Nessuna Prestazione Determinata NPD 

La decisione 2000/147/CE (abrogata dal Regolamento delegato (UE) 2016/364) prevedeva varie classi di reazione all'azione del fuoco e conteneva le classi F, FFL, FL ed FCA, definite come «Reazione non determinata». 

Secondo la definizione di cui all'articolo 2, paragrafo 7, del Regolamento (UE) n. 305/2011, per «classe» s'intende la gamma di livelli di prestazione di un prodotto da costruzione delimitata da un valore minimo e da un valore massimo. 

Le classi definite con il riferimento «Nessuna Prestazione Determinata NPD» (o «reazione non determinata») non corrispondono a tale definizione e quindi non possono essere inserite in un sistema di classificazione a norma del Regolamento (UE) n. 305/2011

L'articolo 6, paragrafo 3, lettera f) del Regolamento (UE) n. 305/2011 prevede l'uso del riferimento «Nessuna Prestazione Determinata NPD» in sede di redazione della dichiarazione di prestazione. 

L'Allegato del Regolamento delegato (UE) 2016/364 riporta le "Classi di prestazioni in relazione alla reazione all'incendio" ed un insieme di tabelle:

-Tabella 1: Classi di prestazione dei prodotti da costruzione in relazione alla reazione al fuoco, ad eccezione dei pavimenti, dei prodotti di forma lineare destinati all'isolamento termico di condutture e dei cavi elettrici
-Tabella 2: Classi di prestazione dei pavimenti in relazione alla reazione al fuoco
-Tabella 3: Classi di prestazione dei prodotti di forma lineare destinati all'isolamento termico di condutture in relazione alla reazione al fuoco
-Tabella 4: Classi di prestazione dei cavi elettrici in relazione alla reazione al fuoco

Tabelle D.M. 10/03/2015 / Regolamento delegato (UE) 2016/364

Nelle more delle modifiche che dovranno essere apportate alle relative tabelle del D.M. 10/03/2015 devono essere applicate le tabelle di cui al Regolamento delegato (UE) 2016/36.
Prove di reazione al fuoco (*)

Prove necessarie per le classi 1 / 2 / 3 / 4 / 5

- prova di materiali investiti dalla fiamma su entrambe le facce (UNI 8456):

Reazione al fuoco 01

- prova di materiali investiti dalla fiamma su una sola faccia (UNI 8457):
...

- prova di materiali sottoposti all'azione di una fiamma d'innesco in presenza di calore radiante (UNI 9174):
Reazione al fuoco 03

Prova necessaria ai fini della classe 0

- prova di non combustibilità (UNI ISO 1182):
...

Prove necessarie ai fini della classe 1IM/ 2IM /3IM

- Prova di manufatti imbottiti sottoposti all’azione di una piccola fiamma (UNI 9175):
Reazione al fuoco 05

Prove Regolamento (UE) n° 305/2011

Il regolamento stabilisce che i prodotti da costruzione devono garantire il rispetto di uno o più dei seguenti punti:

1 - resistenza meccanica e stabilità
2 - sicurezza in caso di incendio
3 - igiene, salute e ambiente
4 - sicurezza nell’uso
5 - protezione contro il rumore
6 - risparmio energetico ed isolamento termico
7 - uso sostenibile delle risorse naturali per la realizzazione delle costruzioni

Prove necessarie Euroclassificazione secondo EN 13501-1

Il requisito 2 “SICUREZZA IN CASO DI INCENDIO” valuta:

- la capacità portante dell’edificio possa essere garantita per un determinato periodo di tempo
- la produzione e la propagazione del fuoco e del fumo all'interno delle opere siano limitate
- la propagazione del fuoco a opere vicine sia limitata
- gli occupanti possano lasciare l'opera o essere soccorsi altrimenti
- la sicurezza delle squadre di soccorso sia presa in considerazione

PROVE DI LABORATORIO

- prova di non combustibilità (UNI EN ISO 1182) Fornetto ISO;
- misura del PCS potere calorifico superiore (UNI EN ISO 1716) Bomba di Mahler;
- prova di esposizione ad un attacco termico mediante un Single Burning Item (UNI EN 13823) SBI;
- prova di infiammabilità per contatto diretto di fiamma (UNI EN ISO 11925-2) Piccola fiamma;
- prova di comportamento al fuoco dei pavimenti con l'utilizzo di una fonte di calore radiante (UNI EN ISO 9239-1) Pannello radiante pavimenti.


Esempio di classificazione: A2-s1,d0   B-s1,d0   B-s2,d1   A2FL- s1


- prova di non combustibilità (UNI EN ISO 1182)
...

- misura del PCS quantità di calore che si rende disponibile per effetto della combustione completa a pressione costante della massa unitaria del combustibile, quando i prodotti della combustione siano riportati alla temperatura iniziale del combustibile e del comburente UNI EN ISO 1716:
...

- prova di infiammabilità a contatto diretto di fiamma (UNI EN ISO 11925-2):
Reazione al fuoco 08

- prova di esposizione ad un attacco termico mediante un Single Burning Item SBI (UNI EN 13823):
...

- Valutazione del comportamento al fuoco dei pavimenti utilizzando una sorgente di calore radiante (UNI EN ISO 9239-1):
....

Impatto su prevenzione incendi

Classi di reazione IT

Diversi sono i decreti di prevenzione incendi che ancora riportano le classi di reazione al fuoco italiane.

Classe italiana  Definizione
0 materiali incombustibili
1 materiali combustibili non infiammabili
2 materiali combustibili difficilmente infiammabili
3 materiali combustibili infiammabili
4 materiali combustibili facilmente infiammabili
5 materiali combustibili estremamente infiammabili

Classi di reazione EU escluso pavimenti secondo EN 13501-1 (a carattere indicativo, si rimanda alla tabella ufficiale)

ALLEGATO B
ELENCHI DELLE CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO ATTRIBUIBILI IN CONFORMITÀ ALLA NORMA EN 13501-1
PRODOTTI DA COSTRUZIONE ESCLUSI I PAVIMENTI
...

Tabelle di conversione Classicazione reazione al fuoco IT / UE

Il ministero dell’Interno con il DM 15 marzo 2005 integrato con il DM 16 febbraio 2009, riporta delle tabelle negli allegati con le quali si possono “convertire” le classi di reazione al fuoco italiane in Euroclassi; nei decreti riguardanti la prevenzione incendi delle varie attività, la classificazione di reazione al fuoco italiana (0, 1, 2, 3, 4, 5), ha una sua corrispondente europea (A1, A2, B, C, D, E, F, completata da s1, s2, s3 e d0, d1, d2)

Tabelle DM 15 marzo 2005 integrate con DM 16 febbraio 2009

Tabelle DM 15 marzo 2005 integrate con DM 16 febbraio 2009
Panoramica delle classi europee e delle classi nazionali più usate

Europa EN 13501-1:2012
Germania DIN 4102-1,1998 (spesso indicata come “B1”)
Francia NF P92-507:2004 (spesso indicata come “M1”)
Regno Unito BS 476-6:1989 +A1:2009 e BS 476-7:1997
...

Note classificazione Reazione / Resistenza al fuoco

I requisiti di sicurezza antincendio previsti dalle normative edilizie nazionali sono spesso basati sulla diffusione degli incendi (curva di incendio standard).

Flash over

La reazione al fuoco è un parametro specificatamente riferito ai materiali come tali, che assume particolare rilevanza nelle costruzioni, per la caratterizzazione dei materiali di rifinitura e rivestimento, delle pannellature, dei controsoffitti, delle decorazioni e simili, e si estende anche agli articoli di arredamento, ai tendaggi e ai tessuti in genere.

Classificazione

I requisiti relativi ai materiali utilizzati e alle strutture dipendono dall'utilizzo dell'edificio, dalle dimensioni, dal carico di fuoco e dal funzionamento.

a) Classificazione al fuoco dei materiali: Reazione all'incendio (espansione dell'incendio)

- I materiali appartenenti alla classe A1 sono classificati come non combustibili; tale requisito non può essere combinato con quelli previsti per l'appartenenza ad alcuna altra classe. 
- Anche i materiali appartenenti alla classe A2 sono classificati come non combustibili, in quanto la loro applicazione evita il verificarsi di fenomeni di autoaccensione. 
- Per le classi da A2 a D sono previste classi aggiuntive, che prendono in considerazione la produzione di fumo - s1, s2 o s3 - e la quantità di gocce ardenti emesse - d0, d1 o d3 (ad esempio A2-s1, d0). 
- Per la classe E è prevista solo la classe aggiuntiva d2. 
- La classe F comprende i prodotti non documentati, i prodotti che non rispettano i criteri previsti per nessuna delle altre classi, o quelli per i quali il produttore non ha specificato le proprietà di reazione al fuoco. Anche per la classe F i requisiti non possono essere combinati con quelli previsti per l'appartenenza ad altre classi. 
- Quando si indica l'euroclasse dei materiali utilizzati per l'isolamento dei tubi, è necessario specificare il sottoindice “L” (ad es., A2L – s1, d0).

b) Classificazione delle strutture: Resistenza al fuoco (compartimentazione degli incendi)

Mentre i prodotti vengono classificati in base alla loro reazione al fuoco, i tetti, le pareti, i pavimenti, i soffitti e gli impianti degli edifici, inclusi i condotti di ventilazione e le tubazioni, vengono classificati in base alla loro resistenza al fuoco. Il sistema di classificazione è stato elaborato sulla base di requisiti funzionali. Le proprietà di resistenza la fuoco vengono testate in un forno in scala reale utilizzando una curva di incendio standard per l'andamento della temperatura in funzione del tempo. Vengono testate e classificate le seguenti proprietà.

D.M. 9 marzo 2007
Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco (S.O. n. 87 alla G.U. n. 74 del 29 marzo 2007)
...
Allegato 1. Termini, definizioni e tolleranze dimensionali
....
j) resistenza al fuoco: una delle fondamentali strategie di protezione da perseguire per garantire un adeguato livello di sicurezza della costruzione in condizioni di incendio.
Essa riguarda la capacità portante in caso di incendio, per una struttura, per una parte della struttura o per un elemento strutturale nonché la capacità di compartimentazione rispetto all’incendio per gli elementi di separazione sia strutturali, come muri e solai, sia non strutturali, come porte e tramezzi.

= Isolamento. Tempo necessario perché si produca un aumento di temperatura sul lato freddo dell'elemento strutturale, solitamente pari a 140 ⁰C. 
E = Integrità. Indica per quanto tempo l'elemento strutturale mantiene la sua integrità in presenza di fiamme o di gas ad alta temperatura durante un incendio standard. 
R = Capacità di sopportare un carico. Indica per quanto tempo l'elemento strutturale in questione è in grado di sopportare il carico corrente durante una fase di normale sviluppo di un incendio. 
M = Effetto meccanico. Indica la capacità dell'elemento strutturale di reagire all'impatto meccanico durante un incendio standard.

I risultati della prova sono espressi sotto forma di time stamp, che indicano per quanti minuti l'elemento strutturale resiste al fuoco prima che venga superata la soglia definita per ciascun criterio. Se il prodotto è conforme ai requisiti previsti per la classe REI 60, significa che l'elemento strutturale è in grado di resistere al fuoco per un'ora, per quanto riguarda la sua capacità di sopportare un carico, la sua integrità e il suo isolamento. La capacità di isolamento è determinata dalla temperatura sul lato opposto se la temperatura del fuoco non può superare i 140 gradi. In alcuni casi, è possibile includere nella classificazione dei criteri aggiuntivi. M indica la resistenza agli urti ed è solitamente richiesta per le paratie parafiamma.

c) Classificazione degli impianti degli edifici

La costruzione degli impianti elettrici ad alta tensione e a corrente alternata, ad esempio, ha un ruolo importante nella progettazione della sicurezza antincendio di un edificio. Per limitare la diffusione di un incendio a una singola cella, i condotti di ventilazione e le tubazioni devono essere conformi ai requisiti antincendio previsti. Gli elementi passanti all'interno delle pareti collegati a un'altra cella devono essere progettati in mod da impedire la propagazione delle fiamme.

Esistono anche norme armonizzate relative alle prove di resistenza la fuoco degli impianti degli edifici, come i condotti di ventilazione, le tubazioni e blindosbarre. Esistono numerose norme EN relative alle procedure di prova, ma nessuna norma di prodotto armonizzata per tutti gli impianti. Per informazioni sulle normative e sui requisiti locali consultare le pagine relative al proprio paese.

d) Classificazione degli edifici

All'avvio di un progetto edilizio, durante la fase di pianificazione, il progettista deve stabilire la classe tecnica operativa e costruttiva a cui l'edificio deve essere conforme. In molti casi non vi sono alternative, ma talvolta è possibile scegliere tra più classi.

Normativa specifica

DM. 26/06/84
Classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi.

Decreto 14 gennaio 1985
Attribuzione ad alcuni materiale della classe di reazione al fuoco 0 (zero) prevista dall'allegato A1.1 al decreto ministeriale 26 giugno 1984: "Classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi"

Circolare 27 MI (SA) del 21/09/1985
Caratteristiche non essenziali di omologazione nel campo della reazione al fuoco. Estensione delle omologazioni

Circolare n. 17 MI (SA) del 16 Aprile 1987
Omologazioni ed estensioni delle omologazioni per i materiali omogenei prodotti in spessori e colori variabili

Nota Ministeriale n. 15580/4190 Sott. 3 del 30/12/93
Omologazione di serie di mobili imbottiti.

Circolare n. 3 MI.SA. (95) 3 del 28/02/1995
D.M. 26.6.1984 - Omologazione nella reazione al fuoco di materiali di rivestimento e di materiali isolanti in vista posti non in aderenza agli elementi costruttivi.

Nota prot. NS 2809/4190 sott. 3 del 05/07/1995
Omologazioni di serie di materassi, guanciali e supporti imbottiti per materassi sommier).

Nota Ministeriale Prot. NS 2580/4190 sott. 3 del 08/05/1996
Omologazione di serie di materassi e guanciali.

Nota Ministeriale Prot. n. NS 6859/4190 sott. 3 del 22/11/1996
Procedure per la richiesta di omologazione dei materiali ai sensi del D.M. 26 giugno 1984.

Decreto 3 settembre 2001
Modifiche ed integrazioni al decreto 26 giugno 1984 concernente classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi.

Lettera Circolare Prot. n. 7590/4190 sott. 3 del 15 Novembre 2001
Attuazione del D.M. 3 Settembre 2001 recante "Modifiche ed integrazioni al decreto 26 giugno 1984 concernente classificazione di Reazione al Fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi".

Circolare n. 13 del 16/10/2002
DD.MM. 26/06/1984 e 03/09/2001 - Omologazione di divani-letto e poltrone-letto ai fini della reazione al fuoco.

Circolare n. 22 del 24 Novembre 2003
DD.MM. 26/06/1984 e 03/09/2001 - Omologazione di copriletti e coperte ai fini della reazione al fuoco.

Circolare n. 7 del 18 Giugno 2004
DD.MM. 26/06/1984 e 03/09/2001 - Omologazione di mobili fissati, e non, agli elementi strutturali, realizzati con più materiali omogenei.

Decreto Ministeriale 5 agosto 1991
Commercializzazione e impiego in Italia dei materiali destinati all'edilizia legalmente riconosciuti in uno dei Paesi CEE sulla base delle norme di reazione al fuoco.

Circolare n. 18 del 03/08/98
Reazione al fuoco dei materiali - Decreto del Ministero dell'Interno del 5 agosto 1991 - Procedura per il rilascio dell'omologazione da parte del Ministero dell'Interno per prodotti già omologati in un paese dell'Unione Europea.

Decreto 10 marzo 2005
Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della sicurezza in caso d'incendio.

Allegato A (sostituito dall’allegato 1 al Decreto 25 ottobre 2007)
Allegato B (---)
Allegato C (sostituito dall’allegato 2 al Decreto 25 ottobre 2007)

Decreto Ministeriale 15 marzo 2005
Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo.

Circolare n. 10 del 21 aprile 2005
Decreto del Ministero dell'Interno 10 marzo 2005 concernente "Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della "sicurezza in caso d'incendio". Chiarimenti e primi indirizzi applicativi.

Decreto 25 ottobre 2007
Modifiche al D.M. 10 marzo 2005, concernente classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della sicurezza in caso d'incendio

Decreto 16 febbraio 2009
Modifiche ed integrazioni al decreto del 15 marzo 2005 recante i requisiti direazione al fuoco dei prodotti da costruzione

Circolare n. 1 del 24 febbraio 2016
Omologazione di materiali ai sensi del decreto del Ministro dell ' interno 26 giugno 1984.

Testo coordinato VVF 
- D.M. 15 marzo 2005 “Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo”.
- D.M. 10 marzo 2005 “Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della sicurezza in caso d'incendio”.
- Circolare N. 9 - MI.SA prot. n. P525/4122 sott. 56 del 18/04/2005 “D.M. 15/03/2005 recante “Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo” - Chiarimenti e primi indirizzi applicativi”.
- Circolare N. 10 prot. n. DCPST/A2/3163 del 21/04/2005 “D.M. 10 marzo 2005 concernente “Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della “sicurezza in caso d’incendio”. Chiarimenti e primi indirizzi applicativi”.

(*) Immagini di prove fonte Istituto Giordano

Elaborato Certifico Srl - IT | Rev. 00 2018
©Copia autorizzata Abbonati



Scarica questo file (Circolare n. 1 del 24 febbraio 2016.pdf)Circolare n. 1 del 24 febbraio 2016 IT3932 kB(30 Downloads)
Scarica questo file (Decisione 2000 147 CE.pdf)Decisione 2000/147/CE IT181 kB(37 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 25 ottobre 2007 Allegato I.pdf)Decreto 25 ottobre 2007 Allegato 1 IT258 kB(25 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 25 ottobre 2007 Allegato 2.pdf)Decreto 25 ottobre 2007 Allegato 2 IT291 kB(29 Downloads)
Scarica questo file (Reazione al Fuoco Normativa VVF.pdf)Reazione al Fuoco NormativaVVFIT910 kB(47 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 16 febbraio 2009.pdf)Decreto 16 febbraio 2009 IT1486 kB(39 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 25 ottobre 2007.pdf)Decreto 25 ottobre 2007 IT527 kB(39 Downloads)
Scarica questo file (Circolare n. 10 del 21 aprile 2005.pdf)Circolare n. 10 del 21 aprile 2005 IT59 kB(26 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 15 marzo 2005.pdf)Decreto 15 marzo 2005 IT118 kB(32 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 10 marzo 2005 Allegato C.pdf)Decreto 10 marzo 2005 Allegato C IT344 kB(25 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 10 marzo 2005 Allegato B.pdf)Decreto 10 marzo 2005 Allegato B IT73 kB(25 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 10 marzo 2005 Allegato A.pdf)Decreto 10 marzo 2005 Allegato A IT323 kB(22 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 10 marzo 2005.pdf)Decreto 10 marzo 2005 IT695 kB(34 Downloads)
Scarica questo file (Circolare n. 18 del 03 agosto 1998.pdf)Circolare n. 18 del 03/08/98 IT15 kB(24 Downloads)
Scarica questo file (Decreto Ministeriale 5 agosto 1991.pdf)Decreto Ministeriale 5 agosto 1991 IT12 kB(23 Downloads)
Scarica questo file (Circolare n. 7 del 18 Giugno 2004.pdf)Circolare n. 7 del 18 Giugno 2004 IT64 kB(24 Downloads)
Scarica questo file (Circolare n. 22 del 24 Novembre 2003.pdf)Circolare n. 22 del 24 Novembre 2003 IT42 kB(21 Downloads)
Scarica questo file (Circolare n. 13 del 16 ottobre 2002.pdf)Circolare n. 13 del 16/10/2002 IT51 kB(24 Downloads)
Scarica questo file (Lettera Circolare Prot. n. 7590 4190 sott. 3 del 15 Novembre 2001.pdf)Lettera Circolare Prot. n. 7590/4190 sott. 3 del 15 Novembre 2001 IT61 kB(24 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 3 settembre 2001.pdf)Decreto 3 settembre 2001 IT60 kB(36 Downloads)
Scarica questo file (Nota Ministeriale Prot. n. NS 6859 4190 sott. 3 del 22 novembre 1996.pdf)Nota Ministeriale Prot. n. NS 6859/4190 sott. 3 del 22/11/1996 IT74 kB(27 Downloads)
Scarica questo file (Nota Ministeriale Prot. NS 25804190 sott. 3 del 08 maggio 1996.pdf)Nota Ministeriale Prot. NS 2580/4190 sott. 3 del 08/05/1996 IT58 kB(33 Downloads)
Scarica questo file (Nota prot. NS 2809 4190 sott. 3 del 05 luglio 1995.pdf)Nota prot. NS 2809/4190 sott. 3 del 05/07/1995  40 kB(29 Downloads)
Scarica questo file (Circolare n. 3 MI.SA. 95 3 del 28 febbraio 1995.pdf)Circolare n. 3 MI.SA. (95) 3 del 28/02/1995 IT53 kB(27 Downloads)
Scarica questo file (Nota Ministeriale n. 15580 4190 Sott. 3 del 30 dicembre 1993.pdf)Nota Ministeriale n. 15580/4190 Sott. 3 del 30/12/93 IT50 kB(27 Downloads)
Scarica questo file (Circolare n. 17 MI SA 16 Aprile 1987.pdf)Circolare n. 17 MI SA 16 Aprile 1987 IT51 kB(25 Downloads)
Scarica questo file (Circolare 27 MI SA 21 Settembre 1985.pdf)Circolare n. 27 MI SA 21 Settembre 1985 IT43 kB(25 Downloads)
Scarica questo file (Decreto 14 gennaio 1985.pdf)Decreto 14 gennaio 1985 IT39 kB(32 Downloads)
Scarica questo file (DM 26 Giugno 1984.pdf)DM 26 Giugno 1984 IT70 kB(66 Downloads)

Tags: Sicurezza lavoro Prevenzione Incendi Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Più letti Prevenzione Incendi

Mag 07, 2018 14266

Decreto Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151

Decreto Presidente della Repubblica 1° agosto 2011 , n. 151 Disponibile, in allegato, il testo aggiornato con modifiche e note Riservato Abbonati in formato PDF stampabile/copiabile aggiornato data articolo. Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla… Leggi tutto
DPR 151/2011
Lug 12, 2018 10368

Elenco Attività soggette visite Prevenzione Incendi D.P.R. 151/2011

ebook Google Android | ebook Apple iOSElenco delle attività soggette alle visite e ai controlli di Prevenzione Incendi DPR 151/2011 N N.* ATTIVITA' CATEGORIA A CATEGORIA B CATEGORIA C Regola_Tecnica______________ 1 191011 Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas infiammabili e/o… Leggi tutto

Ultimi inseriti Prevenzione Incendi

Decreto Legislativo 13 ottobre 2005 n  217
Lug 09, 2018 67

Decreto Legislativo 13 ottobre 2005 n. 217

Decreto Legislativo 13 ottobre 2005 n. 217 Ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco a norma dell'articolo 2 della legge 30 settembre 2004, n. 252. GU n.249 del 25-10-2005 - Suppl. Ordinario n. 170 Entrata in vigore del decreto: 9-11-2005 _________ In allegato Testo… Leggi tutto
D M  18 settembre 2002
Giu 27, 2018 96

D.M. 18 settembre 2002

D.M. 18 settembre 2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private (GU n. 227 del 27 settembre 2002) Art. 1. Scopo e campo di applicazione 1. Il presente decreto ha per scopo l'emanazione… Leggi tutto
Prevenzione incendi mercati aree pubbliche
Giu 20, 2018 75

Nota prot. 003794 del 12.03.2014

Nota prot. 003794 del 12.03.2014 OGGETTO: lndicazioni tecniche di prevenzione incendi per l'installazione e la gestione di mercati su aree pubbliche con presenza di strutture fisse, rimovibili e autonegozi Un gruppo di lavoro costituito da rappresentanti del Corpo Nazionale dei Vigili delfuoco, del… Leggi tutto
Decreto Ministeriale 22 febbraio 1996 n  261
Giu 20, 2018 105

Decreto Ministeriale 22 febbraio 1996 n. 261

Decreto Ministeriale 22 febbraio 1996 n. 261 Regolamento recante norme sui servizi di vigilanza antincendio da parte dei Vigili del fuoco sui luoghi di spettacolo e trattenimento. (in Gazz. Uff., 16 maggio, n. 113) Entrata in vigore del decreto: 31/5/1996 ... Art. 1. Obiettivi. 1. La vigilanza… Leggi tutto
D M  18 marzo 1996
Giu 20, 2018 119

D.M. 18 marzo 1996

D.M. 18 marzo 1996 Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio degli impianti sportivi (GU n.085 Suppl.Ord. del 11.4.96) In Allegato Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni introdotte dal D.M. 6 giugno 2005 (Gazzetta Ufficiale N. 150 del 30 giugno 2005). Con l'entrata in vigore… Leggi tutto
Marcatura CE maniglioni antipanico
Giu 19, 2018 407

Maniglioni antipanico: normativa

Maniglioni antipanico: marcatura CE Le porte antincendio, salvo casi particolari, devono "aprirsi a semplice spinta dall'interno nel verso dell'esodo", i dispositivi di apertura del tipo maniglioni o piastre ai apertura pur non esssendo obbligatori, sono altamente consigliati per soddisfare il… Leggi tutto
Uscite sicurezza tornelli porte scorrevoli
Giu 18, 2018 221

Circolari VVF Uso di uscite di emergenza con tornelli o porte scorrevoli

Circolari VVF Uso di uscite di emergenza con tornelli o porte scorrevoli Il 4 aprile 2012 dal Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, ha emanato due circolari riguardanti la sicurezza delle vie di esodo:Circolare n. 4962 2012 “Uso delle vie e uscite di emergenza in presenza di sistemi di controllo… Leggi tutto