Slide background
Slide background
Slide background




Studio elenco delle materie prime essenziali per l'UE (2020)

ID 11479 | | Visite: 221 | Documenti Ambiente UEPermalink: https://www.certifico.com/id/11479

Studio valutazione materie prime essenziali 2020

Studio elenco delle materie prime essenziali per l'UE (2020)

EU, Settembre 2020

La pressione sulle risorse è destinata ad aumentare: ne sono causa l'incremento della popolazione mondiale, l'industrializzazione, la digitalizzazione, la crescita della domanda da parte dei paesi in via di sviluppo e la transizione verso la neutralità climatica che utilizzerà metalli, minerali e materiali biotici nelle tecnologie e nei prodotti a basse emissioni. Secondo le previsioni dell'OCSE, nel 2060 la domanda di materiali a livello mondiale sarà più che raddoppiata, passando dai 79 miliardi di tonnellate di oggi a 167 miliardi di tonnellate. Nel prossimo decennio la concorrenza mondiale per le risorse diventerà agguerrita. La dipendenza dalle materie prime essenziali potrebbe presto sostituire l'attuale dipendenza dal petrolio.

La comunicazione "Il Green Deal europeo" della Commissione europea, adottata l'11 dicembre 2019, riconosce che l'accesso alle risorse costituisce una questione di sicurezza strategica per l'ambizione dell'Europa di raggiungere la neutralità climatica nel 2050 e per rendere più ambiziosi gli obiettivi in materia di clima per il 2030. Un approvvigionamento sicuro e sostenibile di materie prime minerarie e secondarie, in particolare di materie prime essenziali, per le tecnologie fondamentali e i settori strategici quali l'energia rinnovabile, l'elettromobilità, il digitale, lo spazio e la difesa, è uno dei prerequisiti per conseguire la neutralità climatica. La nuova strategia industriale per l'UE affronta la sfida della sicurezza e della sostenibilità e chiede un piano di azione per le materie prime essenziali ed alleanze per le materie prime guidate dall'industria.

La Commissione prosegue in tal modo i suoi sforzi volti ad affrontare le crescenti preoccupazioni relative alla sicurezza del l'approvvigionamento di materie prime preziose per l'economia dell'UE. Già nel 2008 la Commissione europea aveva varato l'iniziativa "Materie prime". Quest'iniziativa dell'UE persegue una strategia di diversificazione mirata ad assicurare l'approvvigionamento delle materie prime non energetiche per le catene del valore industriali ed il benessere della società nell'Unione europea.

La diversificazione dell'approvvigionamento implica la riduzione delle dipendenze da tutti i punti di vista, mediante l'approvvigionamento di materie prime minerarie dall'UE e da paesi terzi, l'aumento dell'approvvigionamento di materie prime secondarie attraverso l'efficienza nell'uso delle risorse e l'economia circolare e trovando soluzioni alternative per le materie prime scarse. Una delle azioni prioritarie dell'iniziativa "materie prime" era la compilazione di un elenco di materie prime essenziali a livello dell'UE. Il primo elenco è stato pubblicato nel 2011 ed è aggiornato ogni tre anni per valutare periodicamente il livello di criticità delle materie prime essenziali per l'UE. Sono considerate materie prime essenziali quelle che rivestono una grande importanza economica per l'UE e presentano un elevato rischio di interruzione improvvisa dell'approvvigionamento.

Il presente studio è la quarta valutazione tecnica delle materie prime essenziali per l'UE basata sulla metodologia sviluppata dalla Commissione europea in collaborazione con il gruppo di lavoro ad hoc per la definizione delle materie prime essenziali nel 2017. La prima valutazione (2011) ha individuato 14 materie prime essenziali su 41 materie prime "candidate" non energetiche e non agricole. Nell'esercizio 2014 sono state individuate 20 materie prime essenziali su un totale di 54 "candidate". Nel 2017 sono state identificate 27 materie prime essenziali su 78 "candidate".

La valutazione del 2020 riguarda un numero maggiore di materiali: 83 materiali singoli o 66 materie prime "candidate" comprendenti 63 materiali singoli e 3 raggruppati [dieci elementi singoli delle terre rare pesanti (HREE), cinque elementi delle terre rare leggere (LREE) e cinque metalli del gruppo del platino (PGM)]. Sono stati valutati cinque nuovi materiali (arsenico, cadmio, stronzio, zirconio e idrogeno).

 

...

Fonte: EU

Collegati:



Tags: Ambiente Abbonati Ambiente

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Nov 30, 2020 19

Decreto 20 gennaio 2017

Decreto 20 gennaio 2017 Attuazione della direttiva 2016/774/UE del 18 maggio 2016, recante modifica dell'allegato II della direttiva 2000/53/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, relativa ai veicoli fuori uso. (GU n.28 del 03-02-2017) Collegati[box-note]Direttiva (UE) 2016/774Direttiva… Leggi tutto
Nov 30, 2020 21

Decreto Legislativo 23 febbraio 2006 n.149

Decreto Legislativo 23 febbraio 2006 n.149 Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 24 giugno 2003, n. 209, recante attuazione della direttiva 2000/53/CE in materia di veicoli fuori uso (GU n. 86 del 12 aprile 2006) Collegati[box-note]Decreto Legislativo 24 giugno 2003 n. 209 |… Leggi tutto
Decreto 30 luglio 2020
Nov 27, 2020 56

Decreto 30 luglio 2020

Decreto 30 luglio 2020 Attuazione delle direttive delegate della Commissione europea (UE) 2020/362 e (UE) 2020/363 del 17 dicembre 2019, recanti modifiche all'allegato II della direttiva 2000/53/CE sui veicoli fuori uso. (GU n.295 del 27.11.2020) ... Articolo unico Modifiche all’allegato II… Leggi tutto
Rapporto SNPA 16 2020
Nov 25, 2020 71

Rapporto controlli ambientali SNPA AIA - SEVESO | 2017-2018

Rapporto controlli ambientali SNPA AIA – SEVESO relativo agli anni 2017-2018 Il presente rapporto rappresenta i controlli ambientali effettuati dal sistema a rete SNPA (ISPRA/ARPA/APPA) su installazioni industriali assoggettate alla direttiva IED 2010/75 Industrial Emission Directive nel rispetto… Leggi tutto
Rendis 2020
Nov 23, 2020 53

Rapporto ReNDiS 2020

Rapporto ReNDiS 2020 Rapporto ReNDiS 2020: la difesa del suolo in vent'anni di monitoraggio ISPRA sugli interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico ISPRA Rapporti 328/2020 Il progetto ReNDiS (Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo) è nato con l’obiettivo di… Leggi tutto
Il Mare UNMIG 2020
Nov 22, 2020 42

Il mare UNMIG 2020

Il mare UNMIG 2020 ID 12118 | 22.11.2020 La Strategia per l’Economia Blu riconosce che i mari e gli oceani rappresentano un motore per l’economia europea con enormi potenzialità per l’innovazione e lo sviluppo sostenibile nei settori marino e marittimo. Altresì in mare sono localizzate… Leggi tutto
DM 175 del 13 Agosto 2020
Nov 19, 2020 47

DM 175 del 13 Agosto 2020

DM 175 del 13 Agosto 2020 - Modalità di funzionamento degli Osservatori Ambientali Decreto del Ministero dell’Ambiente 13 agosto 2020 in attuazione di quanto disposto dall’art. 28, comma 2 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 così come modificato dall’articolo 50, comma 1, lettera p) del… Leggi tutto

Più letti Ambiente