Slide background




Radiazioni ionizzanti sotto controllo: nuove norme ISO

ID 2635 | | Visite: 4124 | Documenti ISOPermalink: https://www.certifico.com/id/2635

Radiazioni ionizzanti sotto controllo

Nel nostro quotidiano siamo esposti a radiazioni ionizzanti: sono generate da fonti naturali, come la terra e l’acqua, o hanno origine artificiale come nel campo medico, dove sono largamente utilizzate a fini terapeutici e diagnostici. Una eccessiva esposizione può però essere l’origine di gravi malattie: il randon, ad esempio, un gas radioattivo di origine naturale, risulta la seconda causa di cancro ai polmoni.

Tenuto conto della varietà delle tipologie e delle condizioni di esposizione, l’ISO ha nel tempo elaborato una serie di norme per valutare e gestire l’esposizione alle radiazioni, misurare i rischi e mantenerli entro limiti di sicurezza. Alle norme già pubblicate ora se ne aggiungono altre 2 in tema di controllo dosimetrico del personale medico e sul randon rilasciato dai materiali da costruzione.

In campo medico, il crescente uso di radionuclidi comporta la necessità di efficaci programmi di sorveglianza che controllino l’esposizione del personale alle radiazioni.

La nuova ISO 16637:2016“Radiological protection - Monitoring and internal dosimetry for staff members exposed to medical radionuclides as unsealed sources” specifica i requisiti per la progettazione di programmi volti a monitorare i lavoratori esposti al rischio di contaminazione interna per via inalatoria in medicina nucleare per immagini o in uso terapeutico. Essa va a completare la serie di norme:

- ISO 20553;
- ISO 27048;
- ISO 28218

utilizzate per la sorveglianza e la valutazione dosimetrica.

Il randon è un gas radioattivo potenzialmente pericoloso che si trova naturalmente nel suolo, ma che può anche essere rilasciato da materiali da costruzione: questo processo è noto come “randon exhalation”.

La ISO 11665-9:2016 “Measurement of radioactivity in the environment - Air: radon-222 - Part 9: Test methods for exhalation rate of building materials” definisce un metodo per determinare il tasso di esalazione del randon da materiali da costruzione. La norma è stata recentemente integrata dalla ISO 11665-11:2016 “Measurement of radioactivity in the environment - Air: radon-222 - Part 11: Test method for soil gas with sampling at depth” che specifica i requisiti generali per le tecniche di campionamento in situ della concentrazione di attività del randon-222 rilasciato per volatilizzazione dal terreno: essa fornisce una serie di metodi di prova per differenti contesti che vanno dalle miniere sotterranee agli edifici pubblici.

Come spiega Alain Rannou, presidente dell’ISO/TC 85/SC 2 che ha elaborato le norme, la richiesta di metodi di prova e di programmi di monitoraggio normalizzati è in continuo aumento, così come risulta sempre più stringente la domanda di requisiti legali in materia di gestione delle attività che presentano un rischio di esposizione alle radiazioni. “E’ stata fortemente sentita la necessità di disporre di una metodologia comune per rendere comparabile tra un Paese e l’altro la valutazione dei tassi di esalazione di randon nei materiali da costruzione. La ISO 11665-11 ci fornisce la soluzione, oltre ad aiutare gli enti preposti a stabilire a livello legislativo i limiti di sicurezza”.

Alle norme già citate elaborate dall’ISO/TC 85/SC 2 sono in corso di definizione le:

ISO 11665-12 “Measurement of radioactivity in the environment - Air: radon-222 - Part 12: Determination of the diffusion coefficient in waterproof materials: membrane one-side activity concentration measurement method”

ISO 11665-13 “Measurement of radioactivity in the environment - Air: radon-222 - Part 13: Determination of the diffusion coefficient in waterproof materials: membrane two-side activity concentration measurement method”.

Fonte UNI

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (ISO 16637_2016 Radiological protection.pdf)ISO 16637:2016
Radiological protection
EN225 kB953

Tags: Normazione Norme ISO

Articoli correlati
Articoli correlati

Ultimi archiviati Normazione

Nov 29, 2022 71

UNI/TS 11461:2022

UNI/TS 11461:2022 ID 18219 | 29.11.2022 / Preview in allegato UNI/TS 11461:2022 - Impianti di co-combustione, incenerimento e co-incenerimento - Determinazione della frazione di energia rinnovabile prodotta dall'impianto mediante la misura del 14C al camino La specifica tecnica fornisce i principi… Leggi tutto
ISO 9094 2022 Small craft fire protection
Nov 29, 2022 55

ISO 9094:2022

ISO 9094:2022 / Small craft fire protection ID 18218 | 29.11.2022 / Preview in attachment ISO 9094:2022 - Small craft - Fire protection This document covers the prevention of fire and the protection of life in case of fire on small craft. It is intended to ensure that the design and layout of the… Leggi tutto
UNI EN ISO 19258 2019
Nov 25, 2022 43

UNI EN ISO 19258:2019

UNI EN ISO 19258:2019 ID 18181 | 25.11.2022 / In allegato Preview Qualità del suolo - Linee guida per la determinazione dei valori di fondo La norma detta le linee guida per i criteri e metodi più importanti per la determinazione dei valori di fondo per le sostanze organiche ed inorganiche dei… Leggi tutto
UNI ISO 21001 2019 Requisiti organizzazioni di istruzione e formazione
Nov 14, 2022 375

UNI ISO 21001:2019

UNI ISO 21001:2019 / Requisiti organizzazioni di istruzione e formazione ID 18074 | 14.11.2022 / In allegato Preview UNI ISO 21001:2019Organizzazioni di istruzione e formazione - Sistemi di gestione per le organizzazioni di istruzione e formazione - Requisiti e raccomandazioni per la loro… Leggi tutto
UNI 11648 2022   Project Manager
Nov 09, 2022 422

UNI 11648:2022

UNI 11648:2022 / Attività professionale del Project Manager ID 18032 | Preview in allegato UNI 11648:2022 Attività professionali non regolamentate - Project Manager - Requisiti di conoscenza, abilità, autonomia e responsabilità La norma definisce i requisiti relativi all'attività professionale del… Leggi tutto

Più letti Normazione