Slide background
Slide background




Impianti a rischio di incidente rilevante: le norme UNI 11226-1/2

ID 2530 | | Visite: 3142 | Incidente RilevantePermalink: https://www.certifico.com/id/2530

Impianti a rischio di incidente rilevante: le nuove norme per il Sistema di Gestione della Sicurezza UNI 11226-1 e 2

La norma UNI/TS 11226:2007 “Impianti di processo a rischio di incidente rilevante - Sistemi di gestione della sicurezza - Procedure e requisiti per gli audit”, è stata riconosciuta come riferimento per accertare la conformità del SGS-PIR (Prevenzioni Incidenti Rilevanti) ai requisiti strutturali della UNI 10617 attraverso la verifica dei contenuti tecnici specificati dalla UNI 10616.

Questo riconoscimento è stato affermato dal D.Lgs 26/06/2015 n. 105 (che recepisce la direttiva 2012/18/UE sul controllo dei pericoli derivanti da incidenti rilevanti connessi con determinate soglie di sostanze pericolose) nell'All. I dove “si specifica che le tariffe relative alle ispezioni di cui all'art. 27 del decreto medesimo si applicano in misura ridotta del 20% per gli stabilimenti soggetti a rilascio di Autorizzazione Integrata Ambientale ai sensi del TU ambientale che adottano un sistema di certificazione volontario (EMAS, ISO 14001, OHSAS 18001) o un sistema di gestione della sicurezza per la prevenzione degli incidenti rilevanti conforme alla UNI 10617 esottoposto a verifica secondola UNI TS 11226”.

La versione del 2007, tuttavia, ha necessitato di una revisione (anche in conformità con i regolamenti normativi che richiedono che le specifiche tecniche vengano riviste più spesso delle norme tecniche) per poter essere adeguata sia al mercato, evolutosi dall'anno di pubblicazione della specifica, sia alle nuove versioni delle UNI 10616 e UNI 10617, pubblicate a dicembre 2012; inoltre, seguendo una nuova impostazione per la pubblicazione delle norme sulla qualifica delle professioni non regolamentate (ovvero quelle senza un albo di riferimento, come in questo caso gli auditor di sistemi SGS-PIR), la vecchia versione della specifica è stata divisa in due parti distinte, che verranno pubblicate contemporaneamente:

UNI 11226-1 “Impianti a rischio di incidente rilevante: le norme SGS - Sistemi di gestione della sicurezza - Linee guida per l’effettuazione degli audit”

UNI 11226-2 “Attività professionali non regolamentate - Figure professionali che eseguono audit sui Sistemi di gestione della sicurezza - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”.

La parte 1, ovvero quella che tratta l'azione dell’audit propriamente detta, identifica per ogni punto della UNI 10617 (e quindi della UNI 10616) quelle caratteristiche, sistemi o procedure che devono essere presenti nell’impianto per soddisfare i requisiti dettati dalle norme sopra citate, che sono riferimento legislativo per il settore; inoltre, la UNI 11266-1 fornisce una serie di tabelle e un sistema di punteggio che permette all'auditor (o al controllore, se del caso) di identificare con semplicità la qualità dei vari sottosistemi dell'impianto, così come di dare un giudizio complessivo della rispondenza dell'impianto a quanto richiesto dalle norme. Questo sistema permette inoltre di poter velocemente visualizzare i punti deboli del sistema, in modo da poter apportare interventi migliorativi specifici negli aspetti individuati come maggiormente critici.

La parte 2, invece, si inserisce nella serie di norme volte alla qualifica delle professioni; in tal senso occorre sottolineare alcuni elementi fondamentali:

- le norme sono di applicazione volontaria il che implica che, per quanto riguarda quelle di qualificazione delle professioni, non vi sono impedimenti alla professione per chi non soddisfacesse i requisiti della norma

- le norme contengono le specifiche dei requisiti di abilità, conoscenza e competenza peculiari della figura professionale. Queste definizioni sono mutuate dal sistema EQF (European Qualification Framework), il che permette una comparazione dei livelli di formazione a livello europeo

- la norma ha un triplice scopo: permettere agli operatori già in possesso delle caratteristiche indicate di qualificarsi e avere quindi una designazione riconosciuta spendibile sul mercato; fornire agli utenti finali un veloce metodo di comparazione tra diversi addetti, in modo da avere facilmente un criterio di massima per la scelta tra più professionisti; fornire a chi non in possesso dei requisiti per la qualificazione uno strumento comodo e funzionale che indichi la strada per migliorare la propria professionalità.

Fonte: UNI

Pin It

Tags: Chemicals Rischio Incidente Rilevante

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Regolamento UE 2020 1245
Set 03, 2020 710

Regolamento (UE) 2020/1245

Regolamento (UE) 2020/1245 Regolamento (UE) 2020/1245 della Commissione del 2 settembre 2020 che modifica e rettifica il regolamento (UE) n. 10/2011 riguardante i materiali e gli oggetti di materia plastica destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari GU L 288/1 del 03.09.2020… Leggi tutto
Convention on Nuclear Safety
Set 03, 2020 91

Convention on Nuclear Safety

Convention on Nuclear Safety The Convention on Nuclear Safety (CNS) aims to commit Contracting Parties operating land-based civil nuclear power plants to maintain a high level of safety by establishing fundamental safety principles to which States would subscribe. The Convention is based on the… Leggi tutto
Report 2019 PIC
Ago 31, 2020 102

Relazione Annuale 2019 esportazioni importazioni Regolamento PIC

Relazione Annuale 2019 esportazioni importazioni Regolamento PIC ECHA - Reports on PIC chemicals exported and imported under Regulation 649/2012 | 2019 Le notifiche delle società dell'UE relative all'esportazione di determinate sostanze chimiche pericolose al di fuori dell'Unione hanno continuato a… Leggi tutto
Linee guida gestione del rischio filiera acque modello Water Safety Plan
Ago 25, 2020 168

Linee guida gestione del rischio filiera acque modello Water Safety Plan

Linee guida gestione del rischio filiera acque modello Water Safety Plan Linee guida per la valutazione e gestione del rischio nella filiera delle acque destinate al consumo umano secondo il modello dei Water Safety Plan Rapporti ISTISAN 14/21 L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha introdotto… Leggi tutto
Linee guida informazione apparecchiature trattamento acqua consumo umano
Ago 22, 2020 97

Linee guida informazione apparecchiature trattamento acqua consumo umano

Linee guida informazione apparecchiature trattamento acqua consumo umano Linee guida per l’informazione sulle apparecchiature per il trattamento dell’acqua destinata al consumo umano Rapporto ISTISAN 15 / 8 Le linee guida sono state elaborate al fine di contribuire a garantire un’adeguata… Leggi tutto
Linee guida dispositivi di trattamento acque destinate al consumo umano
Ago 22, 2020 182

Linee guida dispositivi di trattamento acque destinate al consumo umano

Linee guida dispositivi di trattamento acque destinate al consumo umano Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 20 marzo 2013 - In allegato Il Ministero della salute, in collaborazione con l’Istituto superiore di… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Feb 28, 2020 35011

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto
Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 29165

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto