Slide background
Slide background




Tabella adempimenti Seveso III D.Lgs. 105/2015

ID 11375 | | Visite: 841 | Documenti Riservati ChemicalsPermalink: https://www.certifico.com/id/11375

Tabella adempimenti SEVESO III

Tabella adempimenti Seveso III D.Lgs. 105/2015 | Rev. 0.0 Agosto 2020

ID 11375 | 21.08.2020 - Documento completo allegato

Principali adempimenti previsti dal D.Lgs. 105/15, con gli obblighi per gli stabilimenti di soglia superiore, di soglia inferiore, la periodicità di aggiornamento, le specificità per stabilimenti nuovi, preesistenti ed altri e le sanzioni previste.

Lista adempimenti Stabilimenti Soglia Superiore SSS e Soglia Inferiore SSI:

- Verifica sostanze di cui all’Allegato 1 e classificazione ai fini Seveso dello stabilimento
- Notifica (Art. 13, Allegato 5)
- Rapporto di Sicurezza preliminare (Artt. 16, 17 e 18)
- Rapporto di Sicurezza definitivo (Artt. 15, 16, 17, 18)
- Studio di Sicurezza
- Verifica di assoggettabilità alla VIA (Art. 18)
- Documentata dichiarazione di non aggravio del rischio (Allegato D)
- Politica di prevenzione degli incidenti rilevanti (Art. 14)
- Sistema di Gestione Sicurezza (Art. 14)
- Informazione/formazione/addestramento (Art. 14, Allegato B)
- Analisi dell’effetto Domino esterno (Art. 19)
- Aree a elevata concentrazione (Art. 19)
- PEI (Stabilimenti SS) (Art. 20)
- PEI (Stabilimenti SI)
- Documentazione per la predisposizione del PEE (Art. 21)
- Informazioni per il Comune (Pianificazione urbanistica) (Art. 22)
- Accadimento incidente rilevante (Art. 25)
- Accadimento incidente rilevante da notificare alla commissione (Art. 26)
- Presentazione al CTR di una sintesi non tecnica del rapporto di sicurezza (Art. 23 c. 4)
- Procedure semplificate di prevenzione incendi (Art. 31)

Schema sintetico obblighi SSS ed SSI

Tabella obbligi SSS e SSI

Adempimenti D.Lgs. 105/15

Tabella adempimenti SEVESO III

___________

Art. 13 Notifica

1. Il gestore dello stabilimento è obbligato a trasmettere, con le modalità di cui al comma 5, al CTR, alla Regione e al soggetto da essa designato, al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare tramite l’ISPRA, alla Prefettura, al Comune, al Comando provinciale dei Vigili del fuoco una notifica, redatta secondo il modulo riportato in allegato 5, entro i seguenti termini:

a) per i nuovi stabilimenti, centottanta giorni prima dell’inizio della costruzione o sessanta giorni prima delle modifiche che comportano un cambiamento dell’inventario delle sostanze pericolose;
b) in tutti gli altri casi, entro un anno dalla data a decorrere dalla quale la direttiva 2012/18/UE si applica allo stabilimento.

2. La notifica, sottoscritta nelle forme dell’autocertificazione secondo quanto stabilito dalla disciplina vigente, contiene le seguenti informazioni:

a) il nome o la ragione sociale del gestore e l’indirizzo completo dello stabilimento;
b) la sede legale del gestore, con l’indirizzo completo;
c) il nome e la funzione della persona responsabile dello stabilimento, se diversa da quella di cui alla lettera a);
d) le informazioni che consentano di individuare le sostanze pericolose e la categoria di sostanze pericolose presenti o che possono essere presenti;
e) la quantità e lo stato fisico della sostanza pericolosa o delle sostanze pericolose in questione;
f) l’attività, in corso o prevista, dello stabilimento;
g) l’ambiente immediatamente circostante lo stabilimento e i fattori passibili di causare un incidente rilevante o di aggravarne le conseguenze, comprese informazioni, se disponibili, sugli stabilimenti adiacenti, su siti che non rientrano nell’ambito di applicazione del presente decreto, aree e sviluppi edilizi che potrebbero essere all’origine o aggravare il rischio o le conseguenze di un incidente rilevante e di effetti domino.

3. Quanto previsto ai commi 1 e 2 non si applica se, anteriormente al 1° giugno 2015, il gestore ha già trasmesso la notifica, ai sensi del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, ai destinatari di cui al comma 1 e se le informazioni contenute nella notifica soddisfano i requisiti di cui al comma 2 e sono rimaste invariate.

4. Il gestore, unitamente alla notifica di cui al comma 1, invia ai medesimi destinatari le ulteriori informazioni indicate nelle sezioni informative del modulo di cui all’allegato 5;

5. La notifica, corredata delle informazioni di cui al comma 4, è trasmessa dal gestore ai destinatari di cui al comma 1 in formato elettronico utilizzando i servizi e gli strumenti di invio telematico messi a disposizione attraverso l’inventario degli stabilimenti suscettibili di causare incidenti rilevanti di cui all’articolo 5, comma 3. Nelle more della predisposizione dei suddetti servizi e strumenti di invio telematico, il gestore è tenuto a trasmettere la notifica ai destinatari di cui al comma 1 esclusivamente via posta elettronica certificata firmata digitalmente. Le informazioni contenute nella notifica sono rese disponibili, tramite il suddetto inventario nazionale, agli organi tecnici e alle amministrazioni incaricati dei controlli negli stabilimenti.

6. Il gestore degli stabilimenti può allegare alla notifica di cui al comma 1 le certificazioni o autorizzazioni previste dalla normativa vigente in materia ambientale e di sicurezza e quanto altro eventualmente predisposto in base a regolamenti comunitari volontari, come ad esempio il Regolamento (CE) n. 1221/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2009, sull’adesione volontaria delle imprese del settore industriale a un sistema comunitario di eco gestione e audit, e norme tecniche internazionali.

7. Il gestore aggiorna la notifica di cui al comma 1 e le sezioni informative di cui all’allegato 5, prima dei seguenti eventi:

a) una modifica che comporta un cambiamento dell’inventario delle sostanze pericolose significativo ai fini del rischio di incidente rilevante, quali un aumento o decremento significativo della quantità oppure una modifica significativa della natura o dello stato fisico delle sostanze pericolose o una modifica significativa dei processi che le impiegano;
b) modifica dello stabilimento o di un impianto che potrebbe costituire aggravio del preesistente livello di rischio ai sensi dell’articolo 18;
c) chiusura definitiva dello stabilimento o sua dismissione;
d) variazione delle informazioni di cui ai commi 2 e 4.

8. Il gestore di un nuovo stabilimento ovvero il gestore che ha realizzato modifiche con aggravio del preesistente livello di rischio ovvero modifiche tali da comportare obblighi diversi per lo stabilimento stesso ai sensi del presente decreto, previo conseguimento delle previste autorizzazioni, prima dell’avvio delle attività ne dà comunicazione ai destinatari della notifica di cui al comma 1.

9. Le attività per la verifica delle informazioni contenute nella notifica, ai fini dell’assolvimento dell’obbligo di comunicazione da parte del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare alla Commissione europea, ai sensi dell’articolo 5, comma 2 e in conformità alla decisione 2014/895/UE, sono effettuate da ISPRA, con oneri a carico dei gestori.

___________

Allegato 1 Sostanze pericolose

Le sostanze pericolose comprese nelle categorie di pericolo elencate nella colonna 1 della parte 1 del presente allegato sono soggette alle quantità limite di cui alle colonne 2 e 3 della parte 1. 

Qualora una sostanza pericolosa sia compresa nella parte 1 del presente allegato e sia elencata anche nella parte 2, si applicano le quantità limite di cui alle colonne 2 e 3 della parte 2. 

PARTE 1 
Categorie delle sostanze pericolose 

La presente parte comprende tutte le sostanze pericolose che rientrano nelle categorie di pericolo elencate nella colonna 1: 

Allegato I

...

segue in allegato

Fonti
Decreto Legislativo 26 giugno 2015 n. 105

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2020
©Copia autorizzata Abbonati

Matrice Revisioni

Rev. Data Oggetto Autore
0.0 21.08.2020 --- Certifico Srl

Collegati



Tags: Chemicals Rischio Incidente Rilevante Abbonati Chemicals

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Ott 20, 2020 51

D.P.R. 10 settembre 1982 n. 904

D.P.R. 10 settembre 1982 n. 904 Attuazione della direttiva (CEE) n. 76/769 relativa alla immissione sul mercato ed all'uso di talune sostanze e preparati pericolosi. (GU n.336 del 7-12-1982) In allegato testo consolidato 2020 Collegati[box-note]Direttiva 76/769/CEERegolamento (CE) n. 1907/2006… Leggi tutto
Ott 19, 2020 55

Direttiva 76/769/CEE

Direttiva 76/769/CEE Direttiva 76/769/CEE del Consiglio, del 27 luglio 1976, concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati Membri relative alle restrizioni in materia di immissione sul mercato e di uso di talune sostanze e preparati… Leggi tutto
Ott 19, 2020 36

Direttiva 2002/62/CE

Direttiva 2002/62/CE Direttiva 2002/62/CE della Commissione, del 9 luglio 2002, che adegua al progresso tecnico per la nona volta l'allegato I alla direttiva 76/769/CEE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri… Leggi tutto
EU chemical strategy
Ott 14, 2020 59

EU Chemicals Strategy for Sustainability

EU Chemicals Strategy for Sustainability 14.10.2020 - Chemicals Strategy for Sustainability Towards a Toxic-Free Environment La Commissione europea ha pubblicato una strategia per la sostenibilità delle sostanze chimiche il 14 ottobre 2020. Fa parte del progetto inquinamento zero dell'UE, che è un… Leggi tutto
IARC monograpsh 100C
Ott 03, 2020 248

IARC monographs 100C

IARC monograpsh 100C Arsenic, metals, fibres, and dusts Soon after IARC was established in 1965, it received frequent requests for advice on the carcinogenic risk of chemicals, including requests for lists of known and suspected human carcinogens. It was clear that it would not be a simple task to… Leggi tutto
EIGA 233 20
Set 30, 2020 106

Emergency response planning

Emergency Response Planning Doc. EIGA 233/20 Companies are required to take reasonable measures to prevent emergency situations such as fires or leaks from happening, but emergencies are still possible on any site. Every site should therefore have an emergency plan and the necessary resources in… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Feb 28, 2020 36765

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto
Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 29960

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto