Slide background
Slide background




Legge 28 aprile 2015 n. 58

ID 4743 | | Visite: 2663 | Sicurezza nuclearePermalink: https://www.certifico.com/id/4743

Legge 28 aprile 2015 n. 58

Ratifica ed esecuzione degli Emendamenti alla Convenzione sulla protezione fisica dei materiali nucleari del 3 marzo 1980, adottati a Vienna l’8 luglio 2005, e norme di adeguamento dell’ordinamento interno

Art. 1. Autorizzazione alla ratifica

1. Il Presidente della Repubblica è autorizzato a ratificare gli Emendamenti alla Convenzione sulla protezione fisica dei materiali nucleari del 3 marzo 1980, adottati a Vienna l’8 luglio 2005, di seguito denominata «Convenzione».

Art. 5. Scenari di riferimento e piani di protezione fisica

1. Il Ministero dell’interno definisce gli scenari di riferimento per la predisposizione dei piani di protezione fisica dandone comunicazione al Ministero dello sviluppo economico, al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e dell’autorità di cui all’articolo 4, comma 2.

2. I requisiti di protezione fisica passiva e le modalità di redazione dei relativi piani sono stabiliti con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’interno e con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, da adottare entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta dell’autorità di cui all’articolo 4, comma 2, della presente legge.

Art. 6. Protezione fisica delle materie e delle installazioni nucleari

1. L’esercente di un’installazione nucleare deve essere munito di nulla osta per la protezione fisica passiva, rilasciato dal Ministero dello sviluppo economico, previo parere del Ministero dell’interno, del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e dell’autorità di cui all’articolo 4, comma 2, che formulano eventuali prescrizioni.

2. Ai fini del rilascio del nulla osta di cui al comma 1, l’esercente presenta al Ministero dello sviluppo economico un piano di protezione fisica.

3. Nel caso di trasporto di materie nucleari, il vettore autorizzato deve essere munito di un attestato di protezione fisica passiva rilasciato dal Ministero dello sviluppo economico, previo parere obbligatorio dell’autorità di cui all’articolo 4, comma 2. Copia dell’attestato è trasmessa al Ministero dell’interno, al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. Ai fini del rilascio dell’attestato, il trasportatore autorizzato presenta un piano di protezione fisica.

4. Sulla base del piano di protezione fisica, il Ministero dell’interno stabilisce il livello di protezione fisica attiva necessario e, in caso di trasporto, autorizza il relativo programma di trasporto.

Art. 7. Recupero e messa in sicurezza delle materie nucleari

1. Il Ministero dell’interno, anche a seguito delle comunicazioni previste dall’articolo 25 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, coordina gli interventi e predispone,
sentito il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, un piano d’intervento per il recupero e la messa in sicurezza di materie nucleari, fermi restando gli obblighi di informazione alla popolazione sui rischi e sul comportamento da adottare in caso di emergenza.

Art. 8. Modifiche al codice penale e al codice di procedura penale

1. Dopo l’articolo 433 del codice penale è inserito il seguente:
«Art. 433 -bis (Attentato alla sicurezza delle installazioni nucleari) . - Chiunque attenta alla sicurezza delle installazioni nucleari ovvero degli impianti, dei luoghi o dei mezzi adibiti alla produzione, alla conservazione o al trasporto di materie nucleari è punito, qualora dal fatto derivi pericolo per la pubblica incolumità, con la reclusione da quattro a otto anni.
Se dal fatto deriva un disastro, la pena è della reclusione da cinque a venti anni».

2. All’articolo 33 -bis , comma 1, lettera c) , del codice di procedura penale, dopo le parole: «433, terzo comma,» sono inserite le seguenti: «433 -bis , secondo comma,».

Art. 9. Inosservanza delle disposizioni e delle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni

1. Ferma restando l’applicazione delle norme sanzionatorie di cui all’articolo 10, comma 1, in caso di inosservanza delle disposizioni contenute nelle autorizzazioni, l’autorità di cui all’articolo 4, comma 2, formula specifiche prescrizioni al fi ne di ripristinare le condizioni ivi previste, comunicando tempestivamente al Ministero dello sviluppo economico, al Ministero dell’interno e al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare le inosservanze riscontrate e le prescrizioni impartite.

2. Nel caso di mancato adempimento delle prescrizioni di cui al comma 1, il Ministero dello sviluppo economico, acquisite le eventuali giustifi cazioni del titolare del provvedimento autorizzativo, d’intesa con il Ministero dell’interno, su segnalazione dell’autorità di cui all’articolo 4, comma 2, dispone la sospensione del provvedimento autorizzativo.

3. Nel caso di gravi e reiterate inosservanze, il Ministero dello sviluppo economico revoca l’autorizzazione, d’intesa con il Ministero dell’interno e con il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, previo parere obbligatorio dell’autorità di cui all’articolo 4, comma 2.

4. Nei provvedimenti di sospensione o revoca devono essere indicate, ove necessario, le disposizioni per garantire la protezione fi sica delle materie, la sicurezza nucleare, la protezione sanitaria dei lavoratori, della popolazione e dell’ambiente.

Art. 10. Sanzioni amministrative per l’inosservanza delle disposizioni e delle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni

1. Salvo che il fatto costituisca reato, il titolare di un’autorizzazione che non rispetti le disposizioni ivi contenute è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 5.000 a euro 20.000. Il mancato rispetto delle prescrizioni di cui all’articolo 9 è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 8.000 a euro 50.000. La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sarà inserita nella Raccolta uffi ciale degli atti normativi della Repubblica italiana. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
______

GU n.109 del 13.05.2015

Entrata in vigore del provvedimento: 28/05/2015

Collegati


Scarica questo file (Legge 28 aprile 2015 n. 58.pdf)Legge 28 aprile 2015 n. 58.pdfProtezione fisica dei materiali nucleari IT5663 kB(439 Downloads)

Tags: Chemicals Radioattivi

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Piano nazionale delle attivit  di controllo sui prodotti chimici 2021
Set 18, 2021 23

Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici 2021

Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici 2021 A cura di Ministero della Salute Anno 2021 Il Piano è stato predisposto dal Ministero della Salute con la collaborazione del Gruppo tecnico interregionale REACH - CLP, con il Centro nazionale delle sostanze chimiche, prodotti… Leggi tutto
Set 02, 2021 78

Rettifica del regolamento (UE) 2020/1683 | 02.09.2021

Rettifica del regolamento (UE) 2020/1683 | 02.09.2021 Rettifica del regolamento (UE) 2020/1683 della Commissione, del 12 novembre 2020, che modifica gli allegati II e III del regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio sui prodotti cosmetici (Gazzetta ufficiale dell’Unione… Leggi tutto
Decisione di esecuzione della Commissione del 26 agosto 2021
Ago 30, 2021 83

Decisione di esecuzione della Commissione del 26 agosto 2021

Decisione di esecuzione della Commissione del 26 agosto 2021 Decisione di esecuzione della Commissione del 26 agosto 2021 che rettifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/2182 che stabilisce, a nome dell’Unione, la risposta definitiva sulla futura importazione di talune sostanze chimiche a norma… Leggi tutto
Piano nazionale ricerca residui 2020
Ago 27, 2021 95

Piano nazionale per la ricerca dei residui relazione anno 2020

Piano nazionale per la ricerca dei residui relazione anno 2020 Il Piano Nazionale Residui viene predisposto annualmente dal Ministero della salute sulla base delle indicazioni previste dalle norme europee e viene attuato a livello locale grazie alla collaborazione delle Autorità competenti… Leggi tutto
Ago 27, 2021 76

Decreto Ministeriale 9 maggio 1927

Decreto Ministeriale 9 maggio 1927 Approvazione di disposizioni concernenti l'impiego dei gas tossici di cui al regolamento approvato con R.D. 9 gennaio 1927, n. 1947.(GU n. 111 del 13 maggio 1927) Collegati
Regio Decreto 9 gennaio 1927 n. 147
Leggi tutto
Ago 27, 2021 75

Decreto Luogotenenziale 12 luglio 1945 n. 417

Decreto Luogotenenziale 12 luglio 1945 n. 417 Istituzione dell'Alto Commissariato per L'igiene e la sanita' pubblica. (GU n.144 del 31.07.1945) Collegati
Regio Decreto 9 gennaio 1927 n. 147
Leggi tutto
Ago 27, 2021 123

Decreto ministeriale 23 settembre 1969

Decreto ministeriale 23 settembre 1969 Riconoscimento ufficiale come gas tossico della sostanza denominata «acido fluoridrico» (GU n. 240 del 22.09.1969) Collegati
Regio Decreto 9 gennaio 1927 n. 147Vademecum impiego gas tossiciGas tossici: quadro normativo
Leggi tutto
Ago 26, 2021 108

Decreto Ministeriale 20 gennaio 1978

Decreto Ministeriale 20 gennaio 1978 Riconoscimento dei gas tetraidrotiofene, dietilsolfuro, etilisopropilsolfuro, etilmercaptano ai sensi e per gli effetti del regolamento speciale per l'impiego di gas tossici. GU n. 43 del 13.02.1978)_______ Art. 1.Le sostanze denominte, « Tetraidrotiofene »,… Leggi tutto
Ago 26, 2021 91

Decreto ministeriale 27 agosto 1930

Decreto ministeriale 27 agosto 1930 Variazioni ed aggiunte al prospetto allegato al regolamento concernente l'impiego dei gas tossici approvato con R. decreto 9 gennaio 1927, n. 147. (G.U. n. 209 del 06.09.1930) Art. 2. La sostanza denominata «Piombo tetraetile» (Fluidoethyl), avente la formula… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Mag 04, 2021 51061

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto