Slide background

Indicazioni operative per le aziende del settore pirotecnico

ID 5822 | | Visite: 3853 | Guide Sicurezza lavoro INAILPermalink: https://www.certifico.com/id/5822

indicazioni operative aziende settore pirotecnico

Indicazioni operative per le aziende del settore pirotecnico

INAIL 2018

Il settore dei prodotti pirotecnici, sebbene costituisca un comparto circoscritto in termini di numero di aziende e addetti, rientra tra quelli più rischiosi nel quale si sono verificati incidenti con infortuni quasi sempre mortali, anche plurimi.

L’opuscolo - frutto della collaborazione tra l’Inail, il Dipartimento dei Vigili del fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa civile, la Direzione armamenti terrestri del Segretariato generale della Difesa/DNA e il Dipartimento della Pubblica sicurezza, Ufficio per l’amministrazione generale del Ministero dell’interno - alla luce dell’analisi delle principali criticità, intende dunque fornire alcune indicazioni sulla gestione dei rischi più rilevanti e sull’attuazione degli aspetti normativi in termini di salute e sicurezza dei lavoratori, inclusa l’implementazione delle specifiche norme di prevenzione incendi.

Il settore dei prodotti pirotecnici, sebbene costituisca un comparto circoscritto, in termini di numero di aziende e addetti, va sicuramente annoverato tra quelli più rischiosi e nel quale si sono verificati infortuni mortali, anche plurimi.

Secondo i dati della Consulenza statistico attuariale dell’Inail, nel quinquennio 2012- 2016, risulta pervenuto (alla data di rilevazione 30.04.17) un totale di 65 denunce d’infortunio (mediamente 15 l’anno), di cui ben 20 con esito mortale. Da sottolineare, in particolare, il verificarsi di casi mortali plurimi, con 4 infortuni mortali nel 2013 a Città Sant’Angelo (Pescara), 3 nel 2014 a Tagliacozzo (AQ), 10 a Modugno (Bari) e 4 a Giugliano (Napoli) nel 2015.

Tali incidenti hanno reso evidenti notevoli criticità nella gestione della sicurezza, imputabili a una molteplicità di fattori, quali ad esempio:

- scarsa coerenza delle varie normative di sicurezza e prevenzione che regolano il settore, contribuendo a non fornire regole chiare e inequivocabili ai datori di lavoro;
- parziale o totale inadeguatezza degli ambienti di lavoro;
- ricorrente carenza nella formazione e nell’addestramento delle maestranze utilizzate;
- complessità nella classificazione e gestione di sostanze e miscele manipolate o prodotte;
- insufficiente selezione e verifica della qualifica dei fornitori di sostanze e miscele.

A rendere il quadro più complesso è la peculiarità del settore produttivo, costituito per lo più da piccole imprese artigiane che non sempre hanno una struttura organizzativa adeguata a gestire la complessa e articolata normativa in materia, che include sia gli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro che quelli di pubblica sicurezza e di sicurezza antincendi (d.lgs.81/2008 e s.m.i., regio decreto 773 del 18 giugno 1931 e s.m.i - cosiddetto Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza regio decreto 635 del 6 maggio 1940, cosiddetto RETULPS, d.lgs. 151/2011, d.lgs. 105/2015, ecc.).

Per le ragioni suddette, gli autori, appartenenti a Inail (Consulenza tecnica accertamento rischio e prevenzione, Dipartimento Innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici, Consulenza statistico attuariale), alla Direzione centrale per la prevenzione e la sicurezza tecnica del Dipartimento dei Vigili Indicazioni operative per le aziende del settore pirotecnico: fabbriche, depositi di fabbriche e di vendita del fuoco, al Soccorso pubblico e della difesa civile, alla Direzione armamenti terrestri del Segretariato generale delle Difesa/DNA del Ministero della Difesa e al Dipartimento della Pubblica sicurezza - ufficio per l’amministrazione generale del Ministero dell’interno, hanno lavorato al presente volume, con l’intento di fornire indicazioni sulla gestione dei rischi più rilevanti e sull’attuazione degli aspetti normativi in termini di salute e sicurezza dei lavoratori, nonché per favorire l’implementazione delle specifiche norme di prevenzione incendi secondo le procedure vigenti.

La pubblicazione intende rappresentare anche un esempio di come la gestione della sicurezza richieda un approccio interdisciplinare in grado di includere ruoli, approcci e competenze diverse, al fine di perseguire in maniera sempre più efficace la tutela dei lavoratori e della popolazione.

___________

Prefazione
Scopo
1. Aspetti normativi e criticità applicative
1.2 Aspetti autorizzativi
1.3 La valutazione dei rischi
1.4 Le misure di prevenzione e protezione
1.5 La formazione del personale
1.6 I rischi verso l’esterno per l’incolumità delle persone
2. Analisi del fenomeno infortunistico
2.1 Gli infortuni in Italia
2.2 Confronto con altri contesti europei
3. Analisi dei cicli lavorativi e punti critici
3.1 Processi lavorativi di una fabbrica di fuochi d’artificio
3.2 Criticità del ciclo produttivo
4. Valutazione dei rischi
4.1 La valutazione dei rischi
4.2 Caratteristiche dei luoghi di lavoro
4.3 Lay-out del sito produttivo
4.4 Attrezzature di lavoro
4.5 Impianti e apparecchiature elettriche
4.6 Sostanze pericolose
4.7 Rischio di incendio ed esplosione
4.8 Campi elettromagnetici
4.9 Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro
4.10 Innovazioni tecnologiche e rischi emergenti
5.1 Misure strutturali
5.1.1 Accesso ai luoghi di lavoro
5.1.2 Lay out del sito produttivo
5.1.3 Caratteristiche costruttive dei laboratori e depositi – cenni
5.2 Misure gestionali
5.2.1 Gestione delle emergenze
5.2.2 Formazione, informazione e addestramento
5.2.3 Cultura della sicurezza e consapevolezza del rischio
5.2.4 Impiego di dispositivi di protezione individuale
5.3 Sistema di gestione della sicurezza per il pericolo di incidenti rilevanti
5.3.1 Aspetti generali
5.3.2 Ispezioni negli stabilimenti/depositi di esplosivi e pirotecnici a rischio di incidente rilevante
5.3.3 Indicazioni operative e gestionali
6. Riferimenti bibliografici e normativi
Appendice 1 - Valutazione di rischi specifici
Appendice 2 - CEI 64-2 - Impianti e apparecchiature elettriche di grado di protezione 3
Appendice 3 - Sostanze e miscele utilizzate nella preparazione di articoli pirotecnici
Appendice 4 - Articolazione delle schede di sicurezza in sezioni
(Allegato II del Regolamento UE n. 830/2015)

Fonte: INAIL 2018

Collegati:

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Indicazioni Operative Settore Pirotecnico.pdf)Indicazioni operative per le aziende del settore pirotecnico
INAIL 2018
IT1214 kB936

Tags: Prevenzione Incendi Guida INAIL

Articoli correlati

Ultime Linee guida INAIL archiviate

Cognitive computing   INAIL 2022
Giu 16, 2022 55

Cognitive Computing e linguaggio naturale per l’analisi dell’evoluzione dei Bandi Isi 2014-2018

Cognitive Computing e linguaggio naturale per l’analisi dell’evoluzione dei Bandi Isi 2014-2018 INAIL 2022 Attraverso il ricorso a strumenti di intelligenza artificiale, lo studio analizza i dati contenuti nella documentazione inviata dalle aziende che hanno beneficiato dei finanziamenti Inail per… Leggi tutto
Vademecum medico competente PA
Giu 12, 2022 146

Vademecum medico competente PA

Vademecum per il medico competente della Pubblica Amministrazione Il manuale, tratto dalla esperienza professionale maturata dai medici del lavoro dell'Inail nella Pubblica Amministrazione, e un agile strumento di lavoro per coloro che svolgono l'attivita di medico competente in questo particolare… Leggi tutto
Censimento apparecchiature di risonanza magnetica al 31 12 2021
Mag 16, 2022 181

Censimento apparecchiature di risonanza magnetica al 31.12.2021

Censimento apparecchiature di risonanza magnetica al 31.12.2021 INAIL - 16.05.2022 Censimento delle apparecchiature di risonanza magnetica total body a scopo medico alla data del 31 dicembre 2021: la banca dati dell’Inail La Sezione di supporto tecnico al SSN in materia di radiazioni è depositaria… Leggi tutto
Rischio biologico nelle attivit  Agro Zootecniche
Apr 19, 2022 227

Rischio biologico nelle attività Agro-Zootecniche

Rischio biologico nelle attività Agro-Zootecniche ID 16427 | 19.04.2022 / Pubblicazione in allegato La pubblicazione ha l’obiettivo di fornire informazioni sulle misure di prevenzione e protezione correlate al rischio biologico per la tutela della salute degli operatori del settore agro-zootecnico.… Leggi tutto
Esposizione occupazionale a formaldeide in laboratorio di anatomia patologica
Apr 07, 2022 274

Esposizione occupazionale a formaldeide in laboratorio di anatomia patologica

Esposizione occupazionale a formaldeide in laboratorio di anatomia patologica ID 16348 | 07.04.2022 La formaldeide è uno dei composti organici volatili più diffusi. Classificata cancerogeno certo per l’uomo dallo IARC, è ancora ampiamente utilizzata in diversi comparti lavorativi. In quello… Leggi tutto

Linee guida INAIL più lette

Rischio Stress lavoro correlato ISPESL 2010
Ott 21, 2018 48134

ISPESL: La valutazione dello Stress Lavoro-Correlato

ISPESL: La valutazione dello Stress Lavoro-Correlato 2010 La valutazione dello Stress Lavoro-Correlato - Proposta metodologica [alert]Aggiornamenti Guida aggiornata da:La metodologia per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro-correlato 2017Valutazione e gestione del rischio stress… Leggi tutto
Rischio Stress lavoro correlato INAIL 2011
Ott 21, 2018 38001

Valutazione e Gestione del Rischio da Stress lavoro-correlato

Valutazione e Gestione del Richio da Stress lavoro-correlato Manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. [alert]Aggiornamenti Guida aggiornata da:La metodologia per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro-correlato 2017Valutazione e gestione del rischio stress… Leggi tutto
Set 15, 2017 37069

Linea guida ISPESL carrelli elevatori

Linea guida Ispesl carrelli elevatori Linea guida per il controllo periodico dello stato di manutenzione ed efficienza dei carrelli elevatori e delle relative attrezzature.ISPESL 2006 Vedasi prodotto: Leggi tutto