Slide background
Slide background
Slide background

Bollettino WMO | Emissioni gas effetto serra 2016

ID 4856 | | Visite: 1819 | Documenti Ambiente EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/4856

Bollettino WMO | Emissioni gas effetto serra 2016

30 Ottobre 2017 WMO Greenhouse gas bulletin

The State of Greenhouse Gases in the Atmosphere Based on Global Observations through 2016

Le concentrazioni di anidride carbonica nell'atmosfera sono aumentate a velocità record nel 2016 al livello più alto di 800 000 anni, secondo il Bollettino sulle emissioni di gas serra dell'Organizzazione mondiale meteorologica.

I cambiamenti peggiorativi dell'atmosfera, testimoniati negli ultimi 70 anni, sono senza precedenti.

Le concentrazioni globalmente globali di CO2 hanno raggiunto 403,3 parti per milione nel 2016, a partire da 400,00 ppm nel 2015 a causa di una combinazione di attività umane e di un forte evento El Niño. Le concentrazioni di CO2 sono ora del 145% dei livelli preindustriali (prima del 1750), secondo il Greenhouse Gas Bulletin.

I livelli atmosferici in rapida crescita di CO2 e di altri gas a effetto serra hanno il potenziale di avviare cambiamenti senza precedenti nei sistemi climatici, portando a "gravi interruzioni ambientali ed economiche", ha dichiarato la relazione.

Il bollettino annuale si basa sulle osservazioni del WMO Global Atmosphere Watch Program. Queste osservazioni aiutano a tenere traccia dei cambiamenti dei livelli di gas a effetto serra e servire come un sistema di allarme rapido per i cambiamenti in questi principali driver atmosferici del cambiamento climatico.

La crescita della popolazione, le pratiche agricole intensificate, l'incremento dell'uso del suolo e la deforestazione, l'industrializzazione e l'uso associato di energia da fonti di combustibili fossili hanno contribuito all'aumento delle concentrazioni di gas a effetto serra nell'atmosfera dall'era industriale, a partire dal 1750.

A partire dal 1990, il totale degli obblighi radiativi - l'effetto di riscaldamento sul nostro clima - è stato aumentato del 40% da tutti i gas ad effetto serra a lungo termine e un aumento del 2,5% da 2015 a 2016 da solo, secondo le cifre del National Oceanic USA e Amministrazione atmosferica citata nel bollettino.

"Senza rapidi tagli delle emissioni di CO2 e di altre emissioni di gas a effetto serra, andremo verso gli aumenti di temperatura pericolosi entro la fine di questo secolo, ben al di sopra dell'obiettivo fissato dall'accordo di Parigi sul cambiamento climatico", ha affermato il segretario generale WMO Petteri Taalas. "Le generazioni future erediteranno un pianeta molto più inospitale", ha detto.

"Il CO2 rimane nell'atmosfera per centinaia di anni e negli oceani ancora più a lungo. Le leggi della fisica significano che in futuro ci troviamo ad affrontare un clima molto più caldo e più estremo. Attualmente non c'è una bacchetta magica per rimuovere questa CO2 dall'atmosfera ", ha detto il signor Taalas.

L'ultima volta che la Terra sperimentava una concentrazione comparabile di CO2 era di 3-5 milioni di anni fa, la temperatura era di circa 2-3 ° C e il livello del mare era di 10-20 metri più alto di quello attuale.

Il Bollettino del gas serra di WMO riferisce sulle concentrazioni atmosferiche dei gas a effetto serra. Le emissioni rappresentano ciò che va nell'atmosfera. Le concentrazioni rappresentano ciò che rimane nell'atmosfera dopo il complesso sistema di interazioni tra l'atmosfera, la biosfera, la criosfera e gli oceani. Circa un quarto delle emissioni totali è occupato dagli oceani e un altro trimestre dalla biosfera, riducendo così la quantità di CO2 nell'atmosfera.

Una relazione separata delle emissioni di inquinamento da parte dell'ambiente delle Nazioni Unite, che verrà rilasciata il 31 ottobre, segue gli impegni politici adottati dai paesi per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e analizza come tali politiche si tradurranno in riduzioni delle emissioni entro il 2030.

"I numeri non mentono, stiamo ancora emettendo troppo e questo deve essere invertito. Gli ultimi anni hanno visto un enorme assorbimento di energie rinnovabili, ma dobbiamo ora raddoppiare i nostri sforzi per garantire che queste nuove tecnologie a basse emissioni di carbonio siano in grado di prosperare, abbiamo già molte delle soluzioni per affrontare questa sfida. Ciò che abbiamo bisogno di ora è la volontà politica globale e un nuovo senso di urgenza ", ha dichiarato Erik Solheim, responsabile dell'ambiente delle Nazioni Unite.

Il Bollettino sulle emissioni di gas serra e il rapporto sulle emissioni insieme costituiscono una base scientifica per il processo decisionale dei negoziati delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, che si terrà dal 7 al 17 novembre a Bonn, in Germania.

Il WMO, l'ambiente delle Nazioni Unite e altri partner stanno lavorando verso un sistema integrato globale di informazione sui gas a effetto serra per fornire informazioni che possono aiutare le nazioni a tenere traccia dei progressi verso l'attuazione delle proprie pegno di emissione nazionali, migliorare le relazioni nazionali sulle emissioni e informare ulteriori azioni di mitigazione. Questo sistema si basa sull'esperienza a lungo termine di WMO nelle misurazioni strumentali del gas a effetto serra e nella modellazione atmosferica.

WMO si sforza inoltre di migliorare i servizi meteorologici e climatici per il settore delle energie rinnovabili e di sostenere l'economia verde e lo sviluppo sostenibile. Per ottimizzare l'utilizzo della produzione solare, eolica e idroelettrica, sono necessari nuovi tipi di tempo, clima e servizi idrologici.

Risultati chiave del Bollettino 

Diossido di carbonio

Il CO2 è di gran lunga il più importante gas a effetto serra antropogeno a lungo termine. Le concentrazioni globali a livello di CO2 hanno raggiunto 403,3 parti per milione nel 2016, a partire da 400,00 ppm nel 2015. Questo aumento annuo registrato di 3,3 ppm è dovuto in parte al forte 2015-2016 El Niño, che ha causato la siccità nelle regioni tropicali e ha ridotto la capacità di "pozzi" come foreste, vegetazione e gli oceani per assorbire CO2.

Le concentrazioni di CO2 sono ora del 145% dei livelli preindustriali (prima dei 1750).

Il tasso di aumento del CO2 atmosferico negli ultimi 70 anni è quasi 100 volte più grande di quello alla fine dell'ultima era glaciale. Per quanto riguarda le osservazioni dirette , tali bruschi cambiamenti nei livelli atmosferici di CO2 non sono mai stati mai visti.

 

Negli ultimi 800 000 anni il contenuto di CO 2 pre-industriale è stato inferiore a 280 ppm, ma è salito alla media mondiale del 2016 a 403,3 ppm.

Dalle più recenti ricostruzioni ad alta risoluzione dai nuclei di ghiaccio, è possibile osservare che i cambiamenti in CO 2 non sono mai stati così veloci come negli ultimi 150 anni.

Le variazioni di ghiaccio naturale in CO2 sono sempre state precedute da corrispondenti variazioni di temperatura.

I dati geologici mostrano che i livelli attuali di CO2 corrispondono a un clima "di equilibrio" osservato a metà Pliocene (3-5 milioni di anni fa), un clima che è stato più caldo di 2-3 ° C, dove l'Antartide della Groenlandia e dell'Ovest i fogli di ghiaccio si sciolsero e anche alcuni dei ghiacci antartici orientali sono stati persi, portando a livelli di mare che sono stati 10-20 m più alti di quelli di oggi.

Metano

Il metano (CH4) è il secondo più importante gas a effetto serra a lungo termine e contribuisce circa il 17% del forzamento radiativo. Circa il 40% del metano viene emesso nell'atmosfera da fonti naturali (ad esempio, zone umide e termiti) e circa il 60% deriva da attività umane come l'allevamento di bestiame, l'agricoltura del riso, lo sfruttamento dei combustibili fossili, le discariche e la combustione di biomasse.

Il metano atmosferico ha raggiunto un nuovo livello di circa 1 853 parti per miliardo (ppb) nel 2016 ed è ora del 257% del livello preindustriale.

Ossido nitroso

L'ossido di azoto (N2O) viene emesso nell'atmosfera sia dalle fonti naturali (circa il 60%) sia dalle fonti antropiche (circa il 40%), compresi gli oceani, il suolo, la combustione di biomasse, l'utilizzo di fertilizzanti e vari processi industriali.

La sua concentrazione atmosferica nel 2016 era di 328,9 parti per miliardo. Questo è il 122% dei livelli preindustriali. Inoltre svolge un ruolo importante nella distruzione dello strato stratosferico dell'ozono che ci protegge dai raggi ultravioletti dannosi del sole. Rappresenta circa il 6% dei forzamenti radiatori dai gas a effetto serra a lungo termine.

Fonte: WMO - World Meterological Organization

Pin It
Scarica questo file (GHG Bulletin 13 EN final.pdf)WMO - GHG Bulletin WMO 30 ottobre 2017EN1340 kB(224 Downloads)

Tags: Ambiente Emissioni

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

First national census on HFC italian alternative technologies
Lug 22, 2019 15

First national census on HFC italian alternative technologies

First national census on HFC italian alternative technologies L'”Emendamento Kigali” al Protocollo di Montreal che mira a ridurre la produzione e il consumo di idrofluorocarburi (HFC), avrà impatti significativi sui Paesi in via di sviluppo, dove il passaggio dagli HCFC (Idroclorofluorocarburi)… Leggi tutto
Rapporto 310 2019
Lug 17, 2019 34

Le attività di ISPRA per la tutela dei beni culturali

Le attività di ISPRA per la tutela dei beni culturali: la partecipazione al progetto Artek ArTeK (Satellite Enabled Services for Preservation and Valorisation of Cultural Heritage) è un progetto finalizzato a fornire uno strumento che permetta di monitorare lo stato di conservazione e il rischio di… Leggi tutto
Delibera n  4 del 25 giugno 2019
Lug 13, 2019 105

Delibera n. 4 del 25 giugno 2019

Delibera n. 4 del 25 giugno 2019 (GU Serie Generale n.166 del 17-07-2019) Criteri e modalità di svolgimento delle verifiche per i responsabili tecnici di cui all’articolo 13 del decreto del Ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro dello sviluppo… Leggi tutto
Delibera n  3 del 25 giugno 2019
Lug 13, 2019 110

Delibera n. 3 del 25 giugno 2019

Delibera n. 3 del 25 giugno 2019 (GU Serie Generale n.166 del 17-07-2019) Modifiche e integrazioni alla deliberazione n. 6 del 30 maggio 2017, recante requisiti del responsabile tecnico di cui agli articoli 12 e 13 del decreto del Ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, di… Leggi tutto
Circolare n  6 del 10 luglio 2019
Lug 12, 2019 107

Circolare n. 6 del 10 luglio 2019

Circolare n. 6 del 10 luglio 2019 Attribuzione codice EER 20 03 07. Integrazione circolare prot. n. 691 del 12 giugno 2013 Estratto: "Sono pervenute a questo Comitato nazionale numerose richieste di attribuzione del codice EER 20.03.07 nelle iscrizioni alla categoria 2-bis delle imprese che… Leggi tutto
Circolare MATTM 20 05 2019
Lug 09, 2019 135

Circolare MATTM 20.05.2019 Accumuli di Posidonia oceanica spiaggiati

Circolare “Gestione degli accumuli di Posidonia oceanica spiaggiati" MATTM 20 maggio 2019 Oggetto: gestione degli accumuli di Posidonia oceanica spiaggiati Gli accumuli di Posidonia oceanica che si formano quando i residui di foglie e rizomi trascinati dalle correnti e dal moto ondoso raggiungono… Leggi tutto

Più letti Ambiente