Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Scientific assessment of Ozone depletion: 2022

ID 18596 | | Visite: 857 | Documenti AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/18596

Ozone report

Scientific assessment of Ozone depletion: 2022

ID 18596 | 10.01.2023

NAIROBI, 9 gennaio 2023

La scienza è stata una delle fondamenta del successo del Protocollo di Montreal. Questa valutazione evidenzia i progressi e gli aggiornamenti nella comprensione scientifica dell'esaurimento dell'ozono dalla valutazione scientifica dell'esaurimento dell'ozono del 2018 e fornisce informazioni scientifiche rilevanti per le politiche sulle sfide attuali e sulle scelte politiche future.

L'ultima edizione del rapporto di valutazione quadriennale del gruppo di valutazione scientifica sostenuto dalle Nazioni Unite al protocollo di Montreal sulle sostanze che riducono lo strato di ozono conferma l'eliminazione graduale di quasi il 99% delle sostanze vietate che riducono lo strato di ozono.

Lo strato di ozono è sulla buona strada per riprendersi entro quattro decenni, con l'eliminazione graduale globale delle sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono che sta già beneficiando degli sforzi per mitigare il cambiamento climatico. Questa è la conclusione di un gruppo di esperti sostenuto dalle Nazioni Unite, presentato oggi al 103° meeting annuale dell'American Meteorological Society. Esaminando per la prima volta nuove tecnologie come la geoingegneria, il panel mette in guardia contro impatti indesiderati sullo strato di ozono.

Sulla buona strada per il pieno recupero

Il rapporto di valutazione quadriennale del gruppo di valutazione scientifica sostenuto dalle Nazioni Unite per il protocollo di Montreal sulle sostanze che riducono lo strato di ozono, pubblicato ogni quattro anni, conferma l'eliminazione graduale di quasi il 99% delle sostanze vietate che riducono lo strato di ozono. Il Protocollo di Montreal è così riuscito a salvaguardare lo strato di ozono, portando a un notevole recupero dello strato di ozono nella stratosfera superiore a una diminuzione dell'esposizione umana ai dannosi raggi ultravioletti (UV) del sole.

Se le politiche attuali rimarranno in vigore, lo strato di ozono dovrebbe tornare ai valori del 1980 (prima della comparsa del buco dell'ozono) intorno al 2066 sopra l'Antartide, entro il 2045 sopra l'Artico ed entro il 2040 per il resto del mondo. Le variazioni delle dimensioni del buco dell'ozono antartico, in particolare tra il 2019 e il 2021, sono state guidate in gran parte dalle condizioni meteorologiche. Tuttavia, il buco nell'ozono antartico sta lentamente migliorando in area e profondità dal 2000.

“Che il recupero dell'ozono sia sulla buona strada secondo l'ultimo rapporto quadriennale è una notizia fantastica. L'impatto che il Protocollo di Montreal ha avuto sulla mitigazione dei cambiamenti climatici non può essere sopravvalutato. Negli ultimi 35 anni, il Protocollo è diventato un vero campione per l'ambiente”, ha affermato Meg Seki, Segretario esecutivo del Segretariato per l'ozono del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente. "Le valutazioni e le revisioni intraprese dal gruppo di valutazione scientifica rimangono una componente vitale del lavoro del protocollo che aiuta a informare i responsabili politici e decisionali".

Impatti sui cambiamenti climatici

La decima edizione del Comitato di valutazione scientifica ribadisce l'impatto positivo che il trattato ha già avuto per il clima. Un ulteriore accordo del 2016, noto come emendamento di Kigali al protocollo di Montreal, richiede la riduzione graduale della produzione e del consumo di molti idrofluorocarburi (HFC). Gli HFC non riducono direttamente l'ozono, ma sono potenti gas per il cambiamento climatico. Il gruppo di valutazione scientifica ha affermato che si stima che questo emendamento eviterà un riscaldamento di 0,3-0,5°C entro il 2100 (questo non include i contributi delle emissioni di HFC-23).

L'azione dell'ozono costituisce un precedente per l'azione per il clima. Il nostro successo nell'eliminare gradualmente le sostanze chimiche che consumano ozono ci mostra cosa si può e si deve fare - con urgenza - per abbandonare i combustibili fossili, ridurre i gas serra e quindi limitare l'aumento della temperatura", ha affermato il segretario generale dell'OMM Prof. Petteri Taalas .

L'ultima valutazione è stata effettuata sulla base di ampi studi, ricerche e dati raccolti da un ampio gruppo internazionale di esperti, tra cui molti dell'Organizzazione meteorologica mondiale (WMO), del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP), della National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti ( NOAA), la US National Aeronautics and Space Administration (NASA) e l'Unione Europea.

Geoingegneria

Per la prima volta, il gruppo di valutazione scientifica ha esaminato i potenziali effetti sull'ozono dell'aggiunta intenzionale di aerosol nella stratosfera, nota come iniezione di aerosol stratosferico (SAI). Il SAI è stato proposto come potenziale metodo per ridurre il riscaldamento climatico aumentando la riflessione della luce solare. Tuttavia, il panel avverte che le conseguenze indesiderate del SAI "potrebbero anche influenzare le temperature stratosferiche, la circolazione e la produzione di ozono, i tassi di distruzione e il trasporto".

...

Fonte: ONU

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Scientific assessment of Ozone depletion 2022.pdf
 
6668 kB 0

Tags: Ambiente Emissioni Abbonati Ambiente Clima

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Decisione di esecuzione  UE  2024 1956
Lug 17, 2024 47

Decisione di esecuzione (UE) 2024/1956

Decisione di esecuzione (UE) 2024/1956 ID 22269 | 17.07.2024 Decisione di esecuzione (UE) 2024/1956 della Commissione, del 16 luglio 2024, che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2016/2323 che istituisce l'elenco europeo degli impianti di riciclaggio delle navi a norma del regolamento (UE) n.… Leggi tutto
Specie aliene nei nostri mari 2024
Lug 15, 2024 77

Specie aliene nei nostri mari

Specie aliene nei nostri mari / Opuscolo ISPRA 2024 ID 22261 | 15.07.2024 / In allegato La biodiversità del Mar Mediterraneo è in continua evoluzione, colonizzato da specie in espansione di areale che arrivano attraverso corridoi naturali, come lo Stretto di Gibilterra, e da specie non indigene o… Leggi tutto
Lug 11, 2024 119

Legge 29 ottobre 1987 n. 441

Legge 29 ottobre 1987 n. 441 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 agosto 1987, n. 361, recante disposizioni urgenti in materia di smaltimento dei rifiuti. (GU n.255 del 31.10.1987) Collegati
Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361
Leggi tutto
Lug 11, 2024 98

Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361

Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361 Disposizioni urgenti in materia di smaltimento dei rifiuti. Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 29 ottobre 1987, n. 441 (in G.U. 31/10/1987, n.255). (GU n.203 del 01.09.1987)______ Aggiornamenti all'atto 31/10/1987 LEGGE 29 ottobre 1987, n.… Leggi tutto
Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia Anno 2023
Lug 01, 2024 128

Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia: Anno 2023

Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia: Anno 2023 ID 22151 | 01.07.2024 / In allegato Durante il 2023 l’Italia è stata colpita da incendi boschivi per una superficie complessiva di 1073 km2 (quasi un terzo della Val D’Aosta). Di questi, circa 157 km2 (una superficie confrontabile con… Leggi tutto

Più letti Ambiente