Slide background

Polar Code

ID 6356 | | Visite: 1077 | IMOPermalink: https://www.certifico.com/id/6356

Polar Code front cover 2016 edition  2

Polar Code

Il "Polar Code" copre l'intera gamma di questioni relative a progettazione, costruzione, equipaggiamento, funzionamento, addestramento, ricerca e soccorso e protezione ambientale relative alle navi che operano nelle acque inospitali che circondano i due poli.

Il "Polar Code" comprende misure obbligatorie relative alla parte di sicurezza (parte IA) e alla prevenzione dell'inquinamento (parte II-A) e disposizioni di raccomandazione per entrambe (parti IB e II-B).

Il codice imporrà alle navi che intendono operare nelle acque definite dell'Antartico e dell'Artico di richiedere un certificato di nave polare, che classificherà la nave come

nave di categoria A - navi progettate per funzionare in acque polari almeno in ghiaccio medio del primo anno , che può includere vecchie inclusioni di ghiaccio;

Nave di categoria B - una nave non compresa nella categoria A, progettata per funzionare in acque polari in ghiaccio ghiacciato almeno per il primo anno, che può comprendere inclusioni di ghiaccio vecchie; o

nave di categoria C - una nave progettata per operare in acque aperte o in condizioni di ghiaccio meno severe di quelle incluse nelle categorie A e B.

Il rilascio di un certificato richiede una valutazione, tenendo conto delle condizioni operative e dei pericoli che la nave potrebbe incontrare nelle acque polari. La valutazione include informazioni su limiti operativi identificati e piani o procedure o attrezzature di sicurezza supplementari necessari per mitigare incidenti con potenziali conseguenze sulla sicurezza o ambientali.

Le navi devono avere un Manuale operativo per fornire al proprietario, all'operatore, al comandante e all'equipaggio informazioni sufficienti in merito alle capacità operative e alle limitazioni della nave al fine di supportare il loro processo decisionale.

I capitoli del Codice stabiliscono obiettivi e requisiti funzionali, includendo quelli relativi alla struttura della nave; stabilità e suddivisione; integrità a tenuta stagna e all'intemperie; installazioni di macchinari; sicurezza operativa; sicurezza antincendio / protezione; apparecchi e congegni salvavita; sicurezza della navigazione; comunicazioni; pianificazione del viaggio; equipaggio e addestramento; prevenzione dell'inquinamento da petrolio; prevenzione dell'inquinamento da sostanze liquide nocive dalle navi; prevenzione dell'inquinamento da acque reflue dalle navi; e prevenzione dell'inquinamento mediante scarico di rifiuti dalle navi.

Il capitolo 12 del codice polare sull'equipaggio e la formazione dispone che le imprese devono assicurarsi che i primi ufficiali e gli ufficiali incaricati di sorvegliare la navigazione a bordo di navi che operano in acque polari abbiano completato una formazione adeguata, tenendo conto delle disposizioni della Convenzione internazionale sul Standard di formazione, certificazione e guardia per la gente di mare (STCW) e il relativo codice STCW.

Requisiti minimi obbligatori per la formazione e le qualifiche di comandanti e ufficiali di coperta sulle navi che operano in acque polari sono stati adottati anche dal comitato per la sicurezza marittima dell'IMO nel novembre 2016. Essi diventano obbligatori ai sensi della convenzione STCW e del codice STCW a partire dal 1 ° luglio 2018.

La sicurezza delle navi che operano nelle aree polari difficili, remote e vulnerabili e la protezione degli ambienti incontaminati attorno ai due poli sono sempre state motivo di preoccupazione per l'IMO e molti requisiti, disposizioni e raccomandazioni sono stati sviluppati nel corso degli anni.

Le tendenze e le previsioni indicano che il trasporto polare aumenterà di volume e si diversificherà in natura nei prossimi anni e queste sfide devono essere soddisfatte senza compromettere né la sicurezza della vita in mare né la sostenibilità degli ambienti polari.

Le navi che operano negli ambienti artico e antartico sono esposte a una serie di rischi unici. Le cattive condizioni meteorologiche e la relativa mancanza di buoni grafici, sistemi di comunicazione e altri aiuti alla navigazione rappresentano una sfida per i marinai. La lontananza delle aree rende le operazioni di salvataggio o di pulizia difficili e costose. Le temperature fredde possono ridurre l'efficacia di numerosi componenti della nave, che vanno dalle macchine di coperta e alle attrezzature di emergenza alle aspirazioni marine. Quando il ghiaccio è presente, può imporre carichi aggiuntivi sullo scafo, sul sistema di propulsione e sulle appendici.

Fonte: IMO

Collegati:

Pin It


Tags: Abbonati Sicurezza IMO Trasporto marittimo