Slide background

Convenzione MARPOL

ID 5142 | | Visite: 5215 | IMOPermalink: https://www.certifico.com/id/5142

Convetion MARPOL

Convenzione MARPOL

La convenzione MARPOL 73/78, tra le più importanti convenzioni ambientali internazionali, è nata con lo scopo di ridurre al minimo l'inquinamento del mare derivante dai rifiuti marittimi, idrocarburi e gas di scarico. Il suo obiettivo dichiarato è quello di preservare l'ambiente marino attraverso la completa eliminazione dell'inquinamento da idrocarburi e da altre sostanze nocive e la riduzione al minimo dello sversamento accidentale di tali sostanze.

La Convenzione MARPOL originale è stata firmata il 17 febbraio 1973. L'attuale convenzione è una combinazione di due trattati adottati rispettivamente:

1. nel 1973 (MARPOL '73)
2. nel 1978 (TSPP - Tanker Safety and Prevention of Pollution).

E' entrata in vigore il 2 ottobre 1983. 

Tutte le navi battenti bandiera dei paesi firmatari della convenzione MARPOL e costruite successivamente alla sua entrata in vigore, sono soggette alle relative prescrizioni, a prescindere dal luogo in cui navigano ed i singoli paesi membri sono responsabili per le navi iscritte nei propri porti.

La storia

La convenzione internazionale per la prevenzione dell'inquinamento provocato dalle navi (MARPOL) è la principale convenzione internazionale relativa alla prevenzione dell'inquinamento dell'ambiente marino da parte di navi provenienti da cause operative o accidentali. 

1972 - La questione dell'inquinamento marino è stato discusso alla Conferenza delle Nazioni Unite sulll'ambiente Umano (Stoccolma, 1972)

1973 - Atto finale della Conferenza internazionale sull'inquinamento marino, 1973 (MARPOL, 1973) e Convenzione

1978 - Protocollo del 1978 relativo alla convenzione internazionale relativa alla prevenzione dell'inquinamento provocato dalle navi, 1973.

Struttura

La convenzione è composta da 20 articoli, 3 protocolli e 6 annessi. Nei 20 articoli troviamo le disposizioni generali, definizioni, ispezioni, campo di applicazione, ecc. I tre protocolli sono:

1° Protocollo - Impone l'obbligo di rapportare allo stato costiero più vicino qualunque incidente che provochi inquinamento.

2° Protocollo - Indica la procedura da effettuare per l'arbitrato.

3° Protocollo - è l'applicazione dell'annesso 6.

Annessi

La convenzione Marpol contiene 6 annessi, ognuno specifico per la prevenzione delle diverse forme di inquinamento marino provocato dalle navi:

Annesso I - Norme per l'inquinamento da oli minerali;

Annesso II - Norme per la prevenzione dell'inquinamento da sostanze liquide nocive trasportate alla rinfusa;

Annesso III - Norme per la prevenzione dell'inquinamento da sostanze dannose trasportate in colli;

Annesso IV - Norme per la prevenzione dell'inquinamento da acque di scolo delle navi;

Annesso V - Norme per la prevenzione dell'inquinamento da rifiuti solidi scaricati dalle navi;

Annesso VI - Norme per la prevenzione dell'inquinamento atmosferico da SOx e da NOx da scarichi dei motori marini.

Uno Stato che aderisce alla convenzione Marpol accetta le norme degli annesso I e II. Le norme di cui agli annesso III, IV, V, VI sono invece facoltative.

La MARPOL, è ratificata in Italia con le Leggi 462/80 e Legge 438/82.

Fonte: IMO



Tags: Abbonati Trasporto ADR IMO Trasporto marittimo