Slide background
Slide background

Security ADR: Procedure e Piano ADR 1.10

ID 4037 | | Visite: 6185 | Documenti Riservati Trasporto ADRPermalink: https://www.certifico.com/id/4037

Security ADR: Procedure e Piano 

Documento sulla "Security" del trasporto di merci pericolose su strada ADR completo di:

- Illustrazione della norma Cap. ADR 1.10
- Procedure secondo i punti del Cap. ADR 1.10
- Modello Piano Security.

Nel trasporto di merci pericolose ADR, si intendono per "Sicurezza" (nel contesto del documento "Security") le misure o le precauzioni da prendere per minimizzare il furto o l'utilizzo improprio delle merci pericolose che possano mettere in pericolo persone, beni o l'ambiente.

Il capitolo 1.10 dell'ADR, introdotto dopo i fatti dell'11 Settembre 2001, stabilisce disposizioni di sicurezza sul trasporto di merci pericolose, in particolare ad "alto rischio", definite in apposita tabella dell'ADR 1.10.3.1.2.

Si intendono "ad alto rischio" le merci pericolose che potrebbero essere utilizzate in modo improprio da terroristi e che, in tal caso, e causare perdite numerose di vite umane, distruzioni di massa o, soprattutto nel caso della classe 7, sconvolgimenti socio-economici.

In particolare deve essere predisposto un "Piano Security" da parte di chiunque è coinvolto negli obblighi di cui ai Capitoli 1.4.2 e 1.4.3 dell’ADR.

I trasportatori, gli speditori e gli altri operatori menzionati, che intervengono nel trasporto di merci pericolose ad alto rischio o di materie radioattive ad alto rischio devono adottare ed applicare "effettivamente" deii "Piani di Security".
______

Excursus 

Il Capitolo 1.10 dell’ADR tratta la “Security” e quanto esposto nello stesso si applica a tutte le merci, (eventuale esenzione se le merci sono trasportate in esenzione “parziale” 1.1.3.6.3) ed in particolare, in 1.10.3, sono riportate le disposizioni riguardanti le “merci pericolose ad alto rischio”, definite come “merci pericolose che rischiano di essere utilizzate in modo improprio da terroristi e che, in tal caso, potrebbero causare perdite numerose di vite umane, distruzioni di massa o, soprattutto nel caso della classe 7, sconvolgimenti socio-economici”, elencate con i limiti quantitativi, suddivisi per classe ADR e modalità di trasporto:

- cisterna
- rinfusa
- colli.

Le soglie di esenzione “parziale” di cui a 1.1.3.6.3 hanno la precedenza sui limiti quantitativi prescritti nel capitolo 1.10 ove questi ultimi siano più bassi di quelli riportati nella sottosezione 1.1.3.6.3.

Le soglie quantitative si riferiscono a ciascuna unità di trasporto. Ciò non impedisce che la quantità totale annua trasportata o manipolata da un’Impresa sia superiore a questo limite.

Se le soglie quantitative sono superate, si applicano le prescrizioni di cui alle Sezioni 1.10, 1.10.1 e 1.10.2. Nel caso di merci pericolose ad "alto rischio", si applica anche la Sezione 1.10.3.

La Sezione 1.10.3 introduce norme speciali specifiche e più onerose per le merci pericolose a maggiore rischio potenziale, richiamandosi non solo a un loro uso improprio in generale e ai pericoli connessi, ma più specificatamente ad un uso improprio a scopi terroristici e alle gravi conseguenze potenziali che da essi potrebbero derivare.

Il seguente schema evidenzia la sequenza delle decisioni da prendere (quantità relative alle merci in colli, così come al trasporto in cisterne o in contenitori per trasporto alla rinfusa):



1.10. Disposizioni riguardanti la sicurezza 
Ai fini del presente capitolo si intendono per "sicurezza" le misure o le precauzioni da prendere per minimizzare il furto o l'utilizzo improprio delle merci pericolose che possano mettere in pericolo persone, beni o l'ambiente.
....
1.10.3.1. Definizione delle merci pericolose ad alto rischio


1.10.3.1.1.
Per merci pericolose ad alto rischio, si intendono le merci pericolose che rischiano di essere utilizzate in modo improprio da terroristi e che, in tal caso, potrebbero causare perdite numerose di vite umane, distruzioni di massa o, soprattutto nel caso della classe 7, sconvolgimenti socio-economici.
...


Tabella 1.10.3.1.2.: Lista delle merci pericolose ad alto rischio


a Senza oggetto.

b Le disposizioni della 1.10.3 non si applicano, qualunque siano le quantità.

c Un valore indicato in questa colonna si applica soltanto se il trasporto in cisterne conformemente alla colonna (10) o (12) della tabella A del capitolo 3.2 è autorizzato. Per le materie che non sono autorizzate al trasporto in cisterne, l'indicazione in questa colonna è senza oggetto.

d Un valore indicato in questa colonna si applica soltanto se il trasporto alla rinfusa conformemente alla colonna (10) o (17) della tabella A del capitolo 3.2 è autorizzato. Per le materie che non sono autorizzate al trasporto alla rinfusa, l'indicazione in questa colonna è senza oggetto.
---

6. Piani di sicurezza

1.10.3.2.1.

I trasportatori, gli speditori e gli altri operatori menzionati alla 1.4.2 e 1.4.3 che intervengono nel trasporto di merci pericolose ad alto rischio (vedere tabella 1.10.3.1.2) o di materie radioattive ad alto rischio (vedere 1.10.3.1.3) devono adottare ed applicare effettivamente dei piani di sicurezza comprendenti almeno gli elementi definiti alla 1.10.3.2.2.
....

PIANO DI SICUREZZA PER IL TRASPORTO STRADALE 

Premessa

Nella definizione di Piani di security, sono individuati i seguenti stadi:

Primo stadio

Identificare i tipi di minaccia

- che cosa riportano le notizie diffuse dai mezzi di informazione relativamente alla situazione nazionale e internazionale riguardo a possibili azioni terroristiche
- quali sono le segnalazioni della Polizia sulla possibilità di un attacco terroristico nell’area organizzativa delle operazioni?
- c’è qualcosa nelle infrastrutture, nelle operazioni o nell’ambito del personale che potrebbe indurre a un attacco terroristico?
- la sua localizzazione fa sì che l’organizzazione possa subire un danno collaterale da un attacco ad un centro ad alto rischio nelle vicinanze?

Secondo stadio

Identificare ciò che deve essere protetto ed in particolare valutare la vulnerabilità a un attacco terroristico.

Terzo stadio

Identificare le azioni necessarie per ridurre il rischio a un livello accettabile (non è possibile eliminare il rischio in assoluto)

Stadio conclusivo - Piano security

Una volta che i piani sono realizzati:

- devono essere seguiti;
- devono essere tenuti sotto revisione per riflettere i cambiamenti a livello di strutture e di personale;
- devono essere periodicamente testati con esercitazioni a intervalli regolari. 


...

Modello

...

Indice
1. Ambito di applicazione
2. Disposizioni riguardanti la sicurezza
2.1 Opzioni tecniche per la messa in sicurezza applicabili alle aree di stoccaggio temporaneo
3. Controlli di sicurezza
4. Formazione sulla sicurezza
5. Disposizioni riguardanti le merci pericolose ad alto rischio
5.1 Esenzioni relative alle quantità trasportate per unità di trasporto
6. Piani di sicurezza
6.1 Prassi di gestione e procedure operative per ridurre i problemi legati alla security
6.1.1 Prassi di gestioni operative
6.1.2 Procedure operative 
6.1.3 Opzioni tecniche di prevenzione dei furti o di interferenze con veicoli o carichi durante le operazioni di trasporto
7. Modello di piano di security aziendale
Fonti

Formato pdf
Pagine 34
Rielaborabile: SI
Riservato Abbonati: Merci pericolose/3RED/Full

Certifico Srl - IT Rev. 00 2017



Tags: Merci Pericolose Security Abbonati Trasporto ADR

Articoli correlati

Ultimi archiviati Merci Pericolose

ADR 2019 Applicazione e recepimento
Nov 26, 2018 116

Direttiva (UE) 2018/1846

ADR 2019: Applicazione e recepimento Direttiva (UE) 2018/1846 della Commissione del 23 novembre 2018 che modifica gli allegati della direttiva 2008/68/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al trasporto interno di merci pericolose al fine di tenere conto del progresso scientifico e… Leggi tutto
Modello comunicazione esenzione consulente ADR
Nov 12, 2018 234

Modello comunicazione esenzione nomina consulente ADR

Modello comunicazione esenzione nomina consulente ADR In allegato modello di Comunicazione esenzione di nomina consulente ADR, ai sensi dell'articolo 11 D.lgs 35/2010, in formato .doc/pdf. Il modello riguarda l'esenzione per tipologia di attività ed interessa precisamente le imprese che effettuano… Leggi tutto
DM 4 luglio 2000
Nov 11, 2018 240

D.M. 4 luglio 2000

D.M. 4 luglio 2000 Individuazione delle imprese esenti dalla disciplina dei consulenti alla sicurezza per trasporto di merci pericolose su strada e per ferrovia, ai sensi dell'art. 3, comma 3, lettera b) del decreto legislativo 4 febbraio 2000, n. 40. (GU n. 170 del 22 luglio 2000)_______...Art. 1.… Leggi tutto
Circolare protocollo 25480 del 18 10 2018
Nov 10, 2018 83

Circolare protocollo 25480 del 18/10/2018

Circolare protocollo 25480 del 18/10/2018 Oggetto: Approvazione valvole, ed altri equipaggiamento di servizio, per i quali nella tabella del punto 6.8.2.6.1 dell’ADR è indicata una norma di riferimento, destinate a cisterne per il trasporto di merci pericolose ad esclusione della classe 2 (gas). Il… Leggi tutto
Equipaggiamento di servizio
Ott 06, 2018 369

Cisterne trasporto di merci pericolose - Equipaggiamento di servizio

Cisterne per il trasporto di merci pericolose - Equipaggiamento di servizio Serie norme tecniche UNI, in vigore dal 04 Ottobre 2018, relative alle cisterne per il trasporto di merci pericolose, e precisamente: 1 - UNI EN 14596:2018 - Cisterne per il trasporto di merci pericolose - Equipaggiamenti… Leggi tutto

Più letti Merci Pericolose

Set 07, 2017 37448

GHS - Fourth revised edition

in GHS
GHS - Fourth revised edition GHSGlobally Harmonized System of Classification and Labelling of Chemicals Il GHS è un regolamento internazionale per la classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio di sostanze chimiche che deve essere integrato nel diritto nazionale.Nel quadro della Conferenza… Leggi tutto