Slide background
Slide background
Slide background




Decisione di esecuzione (UE) 2019/2000

ID 9611 | | Visite: 670 | Legislazione RifiutiPermalink: https://www.certifico.com/id/9611

Temi: Ambiente , Rifiuti

Comunicazione dei dati sui rifiuti alimentari

Comunicazione dei dati sui rifiuti alimentari

Decisione di esecuzione (UE) 2019/2000 della Commissione del 28 novembre 2019 che stabilisce un formato per la comunicazione dei dati sui rifiuti alimentari e per la presentazione della relazione di controllo della qualità conformemente alla direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio [notificata con il numero C(2019) 8577]

GU L 310/39  del 02.12.2019

________

La Commissione Europea,
visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea, vista la direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive, in particolare l'articolo 37, paragrafo 7, considerando quanto segue:
(1) La direttiva 2008/98/CE impone agli Stati membri l'obbligo di controllare e valutare l'attuazione delle loro misure di prevenzione dei rifiuti alimentari misurando i livelli di rifiuti alimentari sulla base di una metodologia comune e di comunicare tali dati alla Commissione. I dati devono essere accompagnati da una relazione di controllo della qualità.
(2) Il formato che gli Stati membri sono tenuti a utilizzare per la comunicazione dei dati sui livelli di rifiuti alimentari deve tener conto delle metodologie stabilite nella decisione delegata (UE) 2019/1597  della Commissione, che fornisce la metodologia comune per misurare i livelli di rifiuti alimentari prodotti negli Stati membri.
(3) La decisione delegata (UE) 2019/1597 mette a disposizione degli Stati membri una serie di metodi per la misurazione dei rifiuti alimentari. Al fine di garantire una comunicazione armonizzata è necessario raccogliere informazioni dettagliate sui metodi utilizzati in ciascuno Stato membro.
(4) Le misure di cui alla presente decisione sono conformi al parere del comitato istituito a norma dell'articolo 39 della direttiva 2008/98/CE,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

Gli Stati membri comunicano i dati e presentano la relazione di controllo della qualità sull'attuazione dell'articolo 9, paragrafo 5, della direttiva 2008/98/CE nel formato riportato nell'allegato della presente decisione.

...

ALLEGATO

FORMATO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI SUI LIVELLI DI RIFIUTI ALIMENTARI

FORMATO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI SULLE QUANTITÀ DI RIFIUTI ALIMENTARI E DEI DATI RELATIVI ALLA PREVENZIONE DEI RIFIUTI ALIMENTARI

Dati sulle quantità di rifiuti alimentari (in tonnellate metriche di massa fresca) 

Fase della filiera alimentare

Rifiuti alimentari di cui all'articolo 1 della decisione delegata (UE) 2019/1597 

 

Rifiuti alimentari eliminati come acque di scarico o insieme ad esse [di cui all'articolo 3, lettera b), della decisione delegata (UE) 2019/1597]

Rifiuti alimentari totali

Frazioni dei rifiuti alimentari totali, costituiti da parti di alimenti destinati ad essere ingeriti dagli esseri umani [di cui all'articolo 3, lettera a), della decisione delegata (UE) 2019/1597]

Produzione primaria

 

 

 

Trasformazione e fabbricazione

 

 

 

Vendita al dettaglio e altre forme di distribuzione degli alimenti

 

 

 

Ristoranti e servizi di ristorazione

 

 

 

Famiglie

 

 

 

Somma

 

 

 

 Dati sulla gestione dell'eccedenza alimentare connessa alla prevenzione dei rifiuti alimentari (in tonnellate metriche di massa fresca)

Fase della filiera alimentare

Alimenti ridistribuiti per il consumo umano [di cui all'articolo 3, lettera c), della decisione delegata (UE) 2019/1597]

Alimenti immessi sul mercato per essere trasformati in mangimi [di cui all'articolo 3, lettera d), della decisione delegata (UE) 2019/1597]

Ex prodotti alimentari [di cui all'articolo 3, lettera e), della decisione delegata (UE) 2019/1597]

Produzione primaria

 

 

 

Trasformazione e fabbricazione

 

 

 

Vendita al dettaglio e altre forme di distribuzione degli alimenti

 

 

 

Ristoranti e servizi di ristorazione

 

 

 

Famiglie

 

 

 

Somma

 

 

 

- Celle bianche: dati obbligatori.

- Celle grigie: dati facoltativi.

- Dati facoltativi.

FORMATO PER LA RELAZIONE DI CONTROLLO DELLA QUALITÀ A CORREDO DEIDATIDI CUI ALLAPARTEA

1. Finalità della relazione

Le finalità della relazione di controllo della qualità sono le seguenti:

- valutare le metodologie per la misurazione dei rifiuti alimentari di cui agli allegati III e IV della decisione delegata (UE) 2019/1597;

- valutare la qualità dei dati sulle quantità di rifiuti alimentari comunicate;

- valutare la qualità dei processi di raccolta dei dati, compresi l'ambito e la convalida delle fonti dei dati amministrativi e la validità statistica degli approcci fondati su indagini;

- motivare le ragioni di cambiamenti significativi nei dati comunicati tra gli anni di riferimento e garantire l'accuratezza di tali dati.

2.  Informazioni generali

Stato membro:

Organizzazione che trasmette i dati e la descrizione:

Referente/informazioni di contatto:

Anno di riferimento:

Data di consegna/versione:

Eventuale link alla pubblicazione dei dati da parte dello Stato membro:

3. Informazioni generali sulla raccolta dei dati

Indicare la metodologia utilizzata per misurare la quantità di rifiuti alimentari prodotti nel determinato anno di riferimento, in ogni fase della filiera alimentare [apporre una croce nelle celle pertinenti per indicare se i dati sono raccolti utilizzando la metodologia di cui all'allegato III o all'allegato IV della decisione delegata (UE) 2019/1597].

Fase della filiera alimentare

Dati raccolti utilizzando la metodologia di cui all'allegato III della decisione delegata (UE) 2019/1597

Dati raccolti utilizzando la metodologia di cui all'allegato IV della decisione delegata (UE) 2019/1597

Produzione primaria

 

 

Trasformazione e fabbricazione

 

 

Vendita al dettaglio e altre forme di distribuzione degli alimenti

 

 

Ristoranti e servizi di ristorazione

 

 

Famiglie

 

 

 [...]

Collegati:

Scarica questo file (Decisione di esecuzione UE 2019 2000.pdf)Decisione di esecuzione (UE) 2019/2000 IT526 kB(117 Downloads)

Tags: Ambiente Rifiuti

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Ott 22, 2020 22

Decreto Legislativo 21 marzo 2005 n. 73

Decreto Legislativo 21 marzo 2005 n. 73 | Direttiva Zoo Attuazione della direttiva 1999/22/CE relativa alla custodia degli animali selvatici nei giardini zoologici (GU n. 100 del 2 maggio 2005) Collegati
Direttiva 1999/22/CEDirettiva UE sui giardini zoologici - Buone pratiche
Leggi tutto
Ott 22, 2020 26

Direttiva 1999/22/CE

Direttiva 1999/22/CE Direttiva 1999/22/CE del Consiglio, del 29 marzo 1999, relativa alla custodia degli animali selvatici nei giardini zoologici (GU L 94, 9.4.1999) Attuata con il Decreto Legislativo 21 marzo 2005 n. 73 Collegati[box-note]Decreto Legislativo 21 marzo 2005 n. 73Direttiva UE sui… Leggi tutto
Direttiva parchi zoologici   Buone pratiche
Ott 22, 2020 21

Direttiva UE sui giardini zoologici - Buone pratiche

Direttiva UE sui giardini zoologici - Documento sulle buone pratiche Scopo del presente documento sulle buone pratiche Gli sforzi maggiori profusi a favore della conservazione e dell'uso sostenibile della biodiversità devono concentrarsi sulle misure in natura. L'azione a livello UE si concentra… Leggi tutto
Legge 11 febbraio 1992 n  157
Ott 22, 2020 21

Legge 11 febbraio 1992 n. 157

Legge 11 febbraio 1992 n. 157 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio. (G.U. 25 febbraio 1992, n. 46 - S.O. n. 41) Recepimento Direttiva 2009/147/CE "Uccelli" (già Direttiva Direttiva 79/409/CEE) In allegato testo consolidato al 10.2020.… Leggi tutto
Rete Natura 2000
Ott 22, 2020 23

Rete Natura 2000

Rete Natura 2000: lo strumento europeo per conservazione della biodiversità Natura 2000 è il principale strumento della politica dell'Unione Europea per la conservazione della biodiversità. Si tratta di una rete ecologica diffusa su tutto il territorio dell'Unione, istituita ai sensi… Leggi tutto
Ott 22, 2020 21

Decreto 17 ottobre 2007

Decreto 17 ottobre 2007 Criteri minimi uniformi per la definizione di misure di conservazione relative a Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e a Zone di Protezione Speciale (ZPS) (G.U. 6 novembre 2007, n. 258) Art. 1. Finalità Il presente decreto integra la disciplina afferente la gestione dei… Leggi tutto
Decreto 11 gennaio 2013
Ott 22, 2020 48

Decreto 11 gennaio 2013

Decreto 11 gennaio 2013 Approvazione dell'elenco dei siti che non soddisfano i requisiti di cui ai commi 2 e 2-bis dell'art. 252 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e che non sono piu' ricompresi tra i siti di bonifica di interesse nazionale. (GU Serie Generale n.60 del 12-03-2013)… Leggi tutto
Inquinanti emergenti
Ott 20, 2020 74

Report Inquinanti Emergenti

Report Inquinanti Emergenti Rapporto del Gruppo di Lavoro-MIE, Settembre 2020 Report “Inquinanti Emergenti. Quadro delle conoscenze sulla presenza, le tecnologie di contenimento e lo stato della ricerca su microinquinanti e microplastiche nei compartimenti acquatici lombardi”. Il volume nasce come… Leggi tutto

Più letti Ambiente