Slide background
Slide background
Slide background

Assessment of photovoltaics (PV)

ID 4097 | | Visite: 1492 | Documenti Ambiente UEPermalink: https://www.certifico.com/id/4097

Temi: Ambiente , Energy

Assessment of photovoltaics (PV)

Final report - Studio

Commissione Europea, DG 2017

Questo studio mira a sviluppare una strategia per la ricostruzione del settore manifatturiero fotovoltaico europeo (PV), che sarebbe auspicabile per gli obiettivi dell'UE come la crescita economica, la leadership nelle tecnologie dell'energia rinnovabile e la sicurezza dell'approvvigionamento. L'Europa ha perso la sua forte posizione in diverse parti di questo settore e il restante settore soffre di condizioni quadro sfavorevoli. Tuttavia, esistono opportunità promettenti per la reindustrializzazione implementando una strategia focalizzata sui prodotti fotovoltaici su misura, sulle parti intensive alla conoscenza della catena del valore e sulla commercializzazione di nuove tecnologie.

Tale strategia potrebbe essere attuata da un insieme di nove misure che mirano alla domanda, alla fornitura, alla ricerca, allo sviluppo e all'innovazione (RD & I) e agli aspetti relativi al commercio. Queste misure sembrano essere fattibili ma richiedono uno sforzo coordinato per avere successo. La direzione generale per il mercato interno, l'industria, l'imprenditoria e le PMI (DG GROW), Direzione generale dell'energia (DG ENER) e Direzione generale per la ricerca e l'innovazione (DG RTD) sarebbero meglio posizionati per guidare la strategia.

Obiettivi dello studio
Questa è la relazione finale della valutazione del fotovoltaico (PV) Studio 2015/RTD/SC/PP-03601-2015, effettuata per la Commissione europea, DG Ricerca (Directorate-General for Research and Innovation Assessment of Photovoltaics).

Gli obiettivi generali dello studio dovevano includere:

1. "Valutazione della situazione attuale del settore fotovoltaico in Europa e nel mondo e sintesi delle cause del declino industriale dell'UE nel settore della produzione di PV".
2. "Individuazione delle opzioni per una strategia per ricostruire il settore della produzione PV a livello mondiale e possibili priorità, basata su una chiara comprensione dei punti di forza e di debolezza e considerando i vari studi recentemente prodotti e in corso su questo settore".

Lo studio si è concentrato sulla ricostruzione del settore manifatturiero fotovoltaico e ha proposto raccomandazioni specificamente orientate verso questo obiettivo. Questa relazione finale fornisce una panoramica sintetica dei principali risultati dello studio e si concentra in modo approfondito sulla strategia per la ricostruzione del settore e sulle misure concrete e le parti interessate coinvolte nella sua esecuzione.
sfondo
Il PV solare dovrebbe svolgere un ruolo importante nel futuro sistema energetico. La tecnologia sta migliorando ad un passo veloce e si prevede che i tassi di distribuzione futuri crescano in modo significativo. Nel frattempo, i produttori dell'UE hanno perso una parte della loro posizione forte, in particolare nella produzione di wafer, celle e moduli. La ricostruzione di una posizione forte nella produzione di PV sarebbe auspicabile in quanto contribuisce agli obiettivi dell'UE come la crescita economica, l'innovazione e la sicurezza dell'approvvigionamento.

Posizione attuale dell'industria fotovoltaica dell'UE

Mentre l'Europa ha perso una notevole quota di mercato, attualmente esiste ancora un settore fotovoltaico significativo, con un fatturato annuo stimato di 5 miliardi di euro. L'industria rimasta è costituita, in gran parte, da produttori di apparecchiature (63% del fatturato UE) e dai produttori di inverter (20% del fatturato UE).
Le forze e le debolezze dell'industria europea possono essere spiegate in gran parte esaminando le condizioni quadro dell'UE. Queste condizioni quadro comportano costi relativamente elevati per ingressi quali il lavoro, l'energia, i materiali e le attrezzature più importanti per la produzione di polisilicio, wafer, celle e moduli. Le attrezzature più intensive a livello di conoscenza e le industrie di produzione dell'inverter sono meno influenzate da queste condizioni quadro e possono trarre vantaggio da una forza lavoro qualificata e da una forte infrastruttura di ricerca. Nel frattempo, la debole domanda locale, la catena di fornitura e la mancanza di un impegno di governo per ricostruire l'industria incidono negativamente su tutte le parti del settore.

Strategia per la ricostruzione dell'industria fotovoltaica dell'UE

Nonostante il declino storico dell'industria dell'UE e le condizioni quadro in gran parte sfavorevoli, abbiamo ancora identificato diverse opportunità per ricostruire l'industria. Queste opportunità sono state tradotte in una strategia di differenziazione composta da tre pilastri.
L'obiettivo del primo pilastro è quello di sviluppare una forte posizione nel segmento di mercato per i prodotti fotovoltaici adattati. Concludiamo che questo segmento di mercato offre opportunità interessanti per la reindustrializzazione. Ciò è dovuto alle prospettive di mercato relativamente alte rispetto alle regioni mondiali concorrenti, all'importanza della vicinanza del cliente e alla relativa immaturità del settore in tutto il mondo, che non porta ancora a una catena di fornitura significativa e agli svantaggi di scala. Nel corso del tempo, una forte posizione in questo segmento di mercato potrebbe portare a importanti opportunità di esportazione in tutto il mondo.
L'obiettivo del secondo pilastro è quello di mantenere e, ove possibile, rafforzare la posizione di mercato delle apparecchiature dell'UE e dei produttori di inverter. La posizione in continua crescita in queste industrie non può essere presa in conto per motivi di minacce quali la mancanza di clienti locali Wafer, produttori di celle e moduli) e gli sforzi delle regioni in concorrenza per ottenere una quota di mercato. Questo pilastro della strategia mira a contrastare queste minacce per preservare una posizione di leader nel mercato fotovoltaico mondiale.
L'obiettivo del terzo pilastro è che l'Unione europea diventi leader nelle tecnologie fotovoltaiche di prossima generazione. Il vantaggio delle tecnologie di prossima generazione è che gli svantaggi di costo derivanti dalla catena di approvvigionamento e dalle economie di scala sono meno importanti e possono anche essere invertiti se l'industria europea riesce a scalare la concorrenza. Per farlo, dovrebbero essere stabiliti un sufficiente vantaggio tecnologico in queste tecnologie e trasferiti con successo l'industria. L'Europa ha forti capacità di ricerca e di lavoro che possono essere utilizzate per stabilire un tale vantaggio tecnologico e trarre vantaggio dalla presenza di produttori di attrezzature leader.

Misure di attuazione

È stato proposto un insieme di nove misure di attuazione. Queste includono misure per aumentare la domanda di prodotti fotovoltaici personalizzati, migliorare la trasparenza sulla qualità dei prodotti e migliorare le prospettive di vendita dell'industria europea nei mercati globali. Inoltre, sono incluse misure per migliorare l'accesso al capitale e stimolare la formazione dei cluster. Infine, vengono proposte misure per migliorare la generazione, il trasferimento e la protezione delle conoscenze a beneficio dell'industria.
La maggior parte delle misure di attuazione può essere implementata entro un lasso di tempo relativamente breve (da 2 a 5 anni) e richiede solo costi limitati. Pertanto, consideriamo la strategia e le relative misure di attuazione relativamente realizzabili, pur riconoscendo che sarà necessaria una sostanziale volontà politica e perseveranza degli stakeholder coinvolti.

Stakeholders principali

L'esecuzione della strategia richiederebbe un coinvolgimento strategico dei rimanenti grandi produttori di fotovoltaici dell'UE, del settore finanziario e dei principali istituti di ricerca europei. Inoltre, proponiamo coinvolgere aziende interessate da settori correlati, come la costruzione, l'olio, il gas e l'elettronica. Il settore pubblico dovrebbe essere rappresentato da decisori di alto livello della DG GROW, della DG ENER e della DG RST nonché delle loro controparti negli Stati membri più rilevanti. Inoltre, un ampio gruppo di altre parti dovrebbe essere coinvolto per l'esecuzione di misure specifiche di attuazione.

Conclusioni

Concludiamo che ricostruire una posizione forte nella produzione di PV può contribuire a diversi obiettivi dell'UE e che ci sono diverse opportunità per farlo. La strategia e le misure di attuazione che proponiamo sembrano essere fattibili ma richiedono uno sforzo coordinato per avere successo. La DG GROW, la DG ENER e la DG RTD sarebbero meglio posizionati per guidare la strategia, ma richiederebbero una leadership impegnata dal settore industriale e finanziario.

Fonte: Commissione Europea

Scarica questo file (Assessment of Photovoltaics (PV) .pdf)Assessment of Photovoltaics (PV) .pdfEC 2017EN831 kB(222 Downloads)

Tags: Ambiente Energy

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Gen 15, 2019 6

Direttiva 2006/40/CE

Direttiva 2006/40/CE Direttiva 2006/40/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2006, relativa alle emissioni degli impianti di condizionamento d'aria dei veicoli a motore, che modifica la direttiva 70/156/CEE del Consiglio. GU L 161 del 14.06.2006 Leggi tutto
SAM EPA
Gen 15, 2019 28

Selected Analytical Methods for Environmental Remediation and Recovery (SAM) 2017 - EPA

Selected Analytical Methods for Environmental Remediation and Recovery (SAM) 2017 (Metodi analitici per la bonifica e il ripristino ambientale) After the terrorist attacks of September 11, 2001 and the anthrax attacks in the fall of 2001, federal and state personnel provided response, recovery and… Leggi tutto
Gen 15, 2019 14

D.Lgs. 5 marzo 2013 n. 26

D.Lgs. 5 marzo 2013 n. 26 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra. (GU n.74 del 28.03.2013) Entrata in vigore del provvedimento: 12/04/2013Collegati[box-note]Regolamento (CE) 842/2006Regolamento… Leggi tutto
EMAS Economia circolare
Gen 14, 2019 29

EMAS ed Economia Circolare - Settore manifatturiero del metallo

EMAS ed Economia Circolare - Il caso studio del settore manifatturiero del metallo Rapporto ISPRA 299/2018 Tra gli strumenti forniti dalle istituzioni europee per le imprese che desiderano adattare la propria produzione ai principi dell’Economia circolare uno su tutti potrebbe guidare questa… Leggi tutto
La certificazione ambientale nei Parchi e nelle Aree Naturali Protette
Gen 10, 2019 62

La certificazione ambientale Parchi e Aree Naturali Protette

La certificazione ambientale nei Parchi e nelle Aree Naturali Protette Rapporto ISPRA 301/18 Il rapporto analizza gli indicatori ambientali utilizzati ed i programmi ambientali adottati dai Parchi e dalle Aree Naturali Protette registrate EMAS. Viene poi analizzato lo stato di attuazione di… Leggi tutto
Gen 10, 2019 45

Regolamento (CE) n. 305/2008

Regolamento (CE) n. 305/2008 Regolamento (CE) n. 305/2008 della Commissione, del 2 aprile 2008 , che stabilisce, in conformità al regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, i requisiti minimi e le condizioni per il riconoscimento reciproco della certificazione del… Leggi tutto
Gen 10, 2019 54

Regolamento (CE) n. 303/2008

Regolamento (CE) n. 303/2008 Regolamento (CE) n. 303/2008 della Commissione, del 2 aprile 2008 , che stabilisce, in conformità al regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, i requisiti minimi e le condizioni per il riconoscimento reciproco della certificazione delle… Leggi tutto
Gen 10, 2019 41

Regolamento (CE) n. 306/2008

Regolamento (CE) n. 306/2008 Regolamento (CE) n. 306/2008 della Commissione, del 2 aprile 2008 , che stabilisce, in conformità al regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, i requisiti minimi e le condizioni per il riconoscimento reciproco della certificazione del… Leggi tutto
Gen 10, 2019 50

Regolamento (CE) n. 304/2008

Regolamento (CE) n. 304/2008 Regolamento (CE) n. 304/2008 della Commissione, del 2 aprile 2008 , che stabilisce, in conformità al regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, i requisiti minimi e le condizioni per il riconoscimento reciproco della certificazione delle… Leggi tutto
Gen 10, 2019 49

Regolamento (CE) n. 307/2008

Regolamento (CE) n. 307/2008 Regolamento (CE) n. 307/2008 della Commissione, del 2 aprile 2008 , che stabilisce, in conformità al regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, i requisiti minimi per i programmi di formazione e le condizioni per il riconoscimento reciproco… Leggi tutto

Più letti Ambiente