Slide background

Prevenzione e protezione esplosione polvere di zucchero

ID 4397 | | Visite: 150 | Documenti Riservati Sicurezza

Prevenzione e protezione dall’esplosione della polvere di zucchero

Quando è sotto forma di polvere secca, lo zucchero presenta un elevato rischio di combustione. All’interno di un impianto di processo chiuso, un’esplosione di polvere di zucchero fine può generare una sovrapressione di 100 psi (ca. 6.890 mbar) in meno di 100 millisecondi. Recentemente, il settore si è dotato di strumenti aggiornati per la gestione di questo rischio, ovvero gli standard pubblicati dall’Associazione nazionale americana di protezione antincendio (NFPA).

Gli standard NFPA che riguardano la prevenzione e la protezione dalle esplosioni (68-2007, 69-2008, 654-2006) richiedono l’applicazione di un programma di gestione del rischio documentato per tutti i rischi legati alla polvere combustibile. Il Programma Nazionale di richiamo sui rischi degli impianti di processo in cui viene manipolata polvere combustibile emanato dall’OSHA il 18 ottobre 2007 sottolinea la necessità della totale conformità agli standard NFPA.

Il proprietario/operatore di un impianto di movimentazione o trasformazione della polvere di zucchero deve scegliere le misure di sicurezza da applicare per soddisfare i requisiti posti da questi standard. Di norma, verranno adottate una o più delle seguenti misure di sicurezza:

  • misure di ordine e pulizia:
    eliminazione o minimizzazione dell’accumulo di polvere combustibile in fase di progettazione dell’impianto o attraverso procedure operative controllate.
  • messa a terra dell’impianto e utilizzo di sistemi e apparecchi elettronici appropriati:
    eliminazione o minimizzazione della formazione di elettricità statica e ispezioni periodiche  per verificare che tali misure si mantengano efficaci, in combinazione con impianti elettrici specificamente progettati per le aree di rischio in cui vengono utilizzati

  • sistemi di sfogo dell’impianto:
    scarico in sicurezza - all’esterno - dei prodotti di combustione generati da un’esplosione di polvere, per contenere la pressione generata all’interno dell’impianto protetto entro i limiti di sicurezza previsti nel progetto

    • garantire che la palla di fuoco generata possa essere sopportata dal sistema di sfogo
      • utilizzare “sistemi di sfogo senza fiamma”
      • utilizzare canalizzazioni verso l’esterno se l’impianto è situato all’interno

  • isolamento impianto:
    introduzione di barriere alla propagazione delle fiamme in grado di prevenire che un’esplosione di polvere primaria si trasformi in un’esplosione secondaria, di norma molto più grave
    • installazione di valvole rotative appropriate
    • installazione di trasportatori a coclea appropriati
    • installazione di barriere di isolamento meccanico
      • valvole a manicotto
      • valvole a saracinesca
    • installazione di barriere di isolamento chimico (particolarmente adatte in caso di condutture ampie e irregolari)

  • soppressione dell’esplosione nell’impianto:
    prevenzione dello sviluppo di un’esplosione di polvere individuandone le fasi preliminari ed estinguendone lo sviluppo, iniettando nell’impianto un agente estinguente appropriato

  • rilevazione scintilla:
    rilevazione ottica della presenza di particelle surriscaldate in un impianto di trasporto pneumatico o nastro trasportatore, prima che esse raggiungano l’impianto di processo, all’interno del quale diventerebbero una fonte di combustione

Di norma, la polvere di zucchero viene lavorata o movimentata nei seguenti impianti di processo:

  • filtri / aspiratori
  • sistemi di trasporto verticale (ad es. elevatori a tazza)
  • sistemi di trasporto orizzontale (ad es. nastri trasportatori)
  • silo, blocchi e contenitori

Quando polvere di zucchero e aria si combinano insieme in uno spazio confinato, un’esplosione di polvere ha conseguenze catastrofiche. In normali condizioni operative, i dispositivi di filtraggio che trattano polvere combustibile contengono quasi certamente una rischiosa concentrazione di materiale. Altri componenti del sistema potrebbero contenere solo temporaneamente un “carico d’incendio” costituito da materiale pericoloso, ad esempio durante la fase di avviamento, spegnimento, carico e scarico. In ogni caso, quando è presente il carico di incendio, il rischio non risulta meno grave. Se il potenziale del carico di incendio non può essere eliminato, sono necessarie misure di protezione.

Documento in elaborazione

   

Tags: Sicurezza lavoro Rischio atmosfere esplosive

Ultimi archiviati Sicurezza

Set 25, 2017 7

The European Network of Cancer Registries

The European Network of Cancer Registries The European Network of Cancer Registries (ENCR), established within the framework of the Europe Against Cancer Programme of the European Commission, has been in operation since 1990. The ENCR promotes collaboration between cancer registries, defines data… Leggi tutto
Set 24, 2017 10

Guidelines for Carcinogen Risk Assessment EPA

Guidelines for Carcinogen Risk Assessment EPA The Guidelines for Carcinogen Risk Assessment provide EPA staff with guidance for developing and using risk assessments. They also provide basic information to the public about the Agency's risk assessment methods. These guidelines revise and replace… Leggi tutto
Set 24, 2017 10

National Toxicology Program

National Toxicology Program Specifications for the conduct of studies to evaluate the toxic and carcinogenic potential of chemical, biological and physical agents in laboratory animals for the National Toxicology Program (NTP) NTP 2011 https://ntp.niehs.nih.gov/ Leggi tutto
Set 24, 2017 13

Occupatonal cancer NIOSH

Occupatonal cancer NIOSH Around the world, 12.7 million people are diagnosed with cancer every year, and the number is expected to increase due to the growth and aging of the population, as well as reductions in childhood mortality and deaths from infectious diseases in developing countries(1).… Leggi tutto
Set 24, 2017 12

Risk Assessment for Carcinogenic Effects Tables Dose Response

Risk Assessment for Carcinogenic Effects Table Dose Response Assessment Tables Notizia aggiornata al 24.09.2017 The information below presents tabulated dose-response assessments that the Office of Air Quality Planning and Standards (OAQPS) uses for risk assessments of hazardous air pollutants. Two… Leggi tutto
Set 24, 2017 32

Rischio chimico: Modello RISKOFDERM

Modello RISKOFDERM Versione non più aggiornata dal 2004Il modello RISKOFDERM (http://product-testing.eurofins.com) è stato sviluppato da un consorzio di 15 società di 11 paesi e aventi come coordinamamento l’ente olandese TNO (Netherlands Organisation for Applied Scientific Research).Questo modello… Leggi tutto
Set 22, 2017 94

Cassazione Penale, Sez. 4, 15 settembre 2017, n. 42294

Cassazione Penale, Sez. 4, 15 settembre 2017, n. 42294 - Lavori di rifacimento del manto stradale e caduta di una passante. Responsabile il coordinatore per la sicurezza "Secondo i consolidati approdi della giurisprudenza di legittimità, al coordinatore per la sicurezza fa capo la vigilanza sulla… Leggi tutto
Set 22, 2017 45

Cassazione Civile, Sez. Lav., 19 settembre 2017, n. 21666

Cassazione Civile, Sez. Lav., 19 settembre 2017, n. 21666 - Indennità di rischio da radiazioni ionizzanti La Corte d'Appello di Roma con sentenza n. 3629/2011, respingeva l'appello proposto dall'INAIL avverso la sentenza di primo grado che aveva accolto la domanda di C.G., già dipendente… Leggi tutto

Più letti Sicurezza

Set 15, 2017 10309

Linea guida ISPESL carrelli elevatori

Linea guida Ispesl carrelli elevatori Linea guida per il controllo periodico dello stato di manutenzione ed efficienza dei carrelli elevatori e delle relative attrezzature.ISPESL 2006 Vedasi prodotto: Leggi tutto