Slide background

Armadi stoccaggio liquidi infiammabili e gas pressurizzati: EN 14470-1/2

ID 4401 | | Visite: 10979 | Documenti Riservati SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/4401

Armadi stoccaggio liquidi infiammabili e gas pressurizzati

Le norme di Prodotto EN 14470-1 e 2 dettano le caratteristiche di sicurezza antincendio per gli armadi destinati allo stoccaggio di liquidi e gas pressurizzati, tali armadi devono essere sottoposti a prova individuale secondo la EN 1363-1 (Prove di resistenza al fuoco).

Lo scopo principale di un armadio di sicurezza è lo stoccaggio sicuro di sostanze pericolose (gas o liquidi), in caso di incendio, per un periodo di tempo definito.

La temperatura interna dell’armadio durante il periodo di tempo definito non dovrà superare i 180° (50° in caso di gas) per evitare esplosioni, per garantire la fuga del personale e l’azione delle squadre antincendio e di soccorso.

Le caratteristiche tecniche che questi armadi devono possedere sono elencate nelle norme:

a) EN 14470-1:2005 - Armadi di stoccaggio di sicurezza antincendio - Parte 1: Armadi di stoccaggio di sicurezza per liquidi infiammabili;

b) EN 14470-2:2007 - Armadi di stoccaggio di sicurezza antincendio - Parte 2: Armadi di sicurezza per bombole di gas pressurizzato.


Fig. 1: Esempio armadio stoccaggio liquidi infiammabili


Fig. 2 Armadi di sicurezza per bombole di gas pressurizzato


Excursus
...

EN 14470-1:2005
La norma si applica solo ad armadi con un volume inferiore o pari ad 1 m3, la classificazione prevista:


...

a) Protezione contro l’incendio

In caso di incendio l'armadio deve garantire che, per almeno 15 minuti, il suo contenuto non contribuisca alla propagazione del fuoco.

b) Porte

Le ante dell’armadio devono chiudersi completamente, in qualsiasi posizione esse si trovino (tempo di chiusura max. 20 secondi).

I dispositivi di chiusura automatica (se presenti) devono bloccare le porte se la temperatura di 50 °C viene raggiunta in prossimità dell’armadio stesso.

La forza di chiusura delle porte non deve eccedere i 100 N.

Deve essere possibile il funzionamento con una sola mano e le porte devono chiudersi completamente anche se sono del tipo bloccabile.

c) Pareti laterali e posteriore

Le pareti laterali e quella posteriore dell’armadio devono avere lo stesso spessore e strutture comparabili.

d) Ventilazione

Gli armadi devono disporre di aperture per l’ingresso e l’uscita dell’aria, tali da rendere possibile il collegamento ad un sistema di estrazione dell’aria.

Le aperture per la ventilazione devono chiudersi automaticamente se soggette ad una temperatura di 70 ± 10 °C.

La ventilazione deve essere in funzione in modo permanente e sfociare all’aperto, in un punto non a rischio. La caduta di pressione dell’armadio non deve superare 150 Pa. Per un armadio ventilato, il ricambio d’aria deve essere almeno uguale a 10 volte il volume d’aria dell’armadio per ora.

e) Sistemi di stoccaggio (ripiani o cassetti)

Le superfici per lo stoccaggio devono essere in grado di sostenere il carico specificato dal fabbricante, per tutto il periodo del test nella camera ardente.

f) Bacino di contenimento perdite

Il bacino di contenimento delle perdite deve mantenere la propria capacità di funzionamento, anche dopo il test di resistenza al fuoco. Ciò si può controllare visivamente riempiendo la vasca con acqua.
...

EN 14470-2:2007

La norma si applica solo ad armadi con un volume interno adatto ad immagazzinare contenitori di gas in pressione con un volume totale che non superi i 220 L.

Ad esempio posso immagazzinare 4 bombole da 50 L oppure 3 bombole da 70 L.

2.1 Caratteristiche costruttive

a) Protezione contro l’incendio

In caso di incendio l'armadio deve garantire che, per almeno 15 minuti, il suo contenuto non contribuisca alla propagazione del fuoco.

b) Ventilazione

Gli armadi devono disporre di aperture per l’ingresso e l’uscita dell’aria, tali da rendere possibile il collegamento ad un sistema di estrazione dell’aria.

Negli armadi ventilati, il ricambio dell’aria, con le porte chiuse e bloccate, deve essere:

- almeno 10 volte il volume d’aria dell’armadio per ora, quando si usano sostanza infiammabili;
- almeno 120 volte il volume d’aria dell’armadio per ora, quando si usano gas tossici.

La ventilazione deve essere in funzione in modo permanente e sfociare all'aperto, in un punto non a rischio. La caduta di pressione dell’armadio non deve superare 150 Pa.

In caso di incendio le bocchette per l’ingresso e l’estrazione dell’aria si devono chiudere immediatamente.

c) Bloccaggio bombole

All’interno dell’armadio deve essere presente un sistema che impedisca la caduta delle bombole.

d) Inserimento ed estrazione delle bombole

L’armadio deve permettere l’inserimento e l’estrazione delle bombole con il minimo sforzo manuale.
... 

segue

Fonte UNI

EN 14470-1:2005 - Armadi di stoccaggio di sicurezza antincendio - Parte 1: Armadi di stoccaggio di sicurezza per liquidi infiammabili

EN 14470-2:2007 - Armadi di stoccaggio di sicurezza antincendio - Parte 2: Armadi di sicurezza per bombole di gas pressurizzato

EN 1363-1:2012 - Prove di resistenza al fuoco - Parte 1: Requisiti generali

Certifico Srl - Rev. 00 Luglio 2017

Pin It


Tags: Sicurezza lavoro Rischio attrezzature lavoro Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Sentenze cassazione penale
Set 20, 2019 22

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 38380 | 17 Settembre 2019

Infortunio mortale per inalazione di gas nella centrale termoelettrica Cassazione Penale, Sez. 4, 17 settembre 2019, n. 38380 Infortunio mortale per inalazione di gas nella centrale termoelettrica: mancata bonifica preventiva, mancata chiusura dell'altoforno, mancata predisposizione di rapide via… Leggi tutto
Set 15, 2019 32

Circolare n. 24 del 04-08-2005

Circolare n. 24 del 04-08-2005 Circolare esplicativa concernente il D.M. 07.01.2005 recante "Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili di incendio" Collegati
Decreto 7 gennaio 2005Vademecum estintori: Controllo | Manutenzione | Uso
Leggi tutto
Set 15, 2019 29

Circolare n. 661 del 20 gennaio 2012

Circolare n. 661 del 20 gennaio 2012 Apparecchi estintori carreallati d’incendio omologati ai sensi del D.M. 06/03/1992 ___________ MINISTERO DELL'INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICAAREA… Leggi tutto
Set 15, 2019 27

Circolare n. 655 del 20 gennaio 2012

Circolare n. 655 del 20 gennaio 2012 Apparecchi estintori portatili d’incendio omologati ai sensi del Decreto Ministeriale del 7 gennaio 2005 ________ DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICAAREA VI -… Leggi tutto
Set 15, 2019 36

Decreto 6 marzo 1992 | Estintori carrellati

Decreto 6 marzo 1992 Norme tecniche e procedurali per la classificazione della capacita' estinguente e per l'omologazione degli estintori carrellati di incendio. (GU n.66 del 19-03-1992) Leggi tutto
Set 15, 2019 29

Decreto 6 marzo 1992

Decreto 6 marzo 1992 Norme tecniche e procedurali per la classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei prodotti vernicianti ignifughi applicati su materiali legnosi. (GU n.66 del 19-03-1992) Leggi tutto
Valutazione dei rischi e lesioni da punture da aghi
Set 15, 2019 53

EU-OSHA: Valutazione dei rischi e lesioni da punture da aghi

EU-OSHA: Valutazione dei rischi e lesioni da punture da aghi E-fact n. 40: Valutazione dei rischi e lesioni da punture da aghi La salute dei lavoratori, in particolare di quelli occupati nei settori della sanità e dell’assistenza, è a rischio a causa dell’esposizione sul luogo di lavoro a germi… Leggi tutto

Più letti Sicurezza