Slide background
Slide background
Slide background




Relazioni annuali controlli residui fitosanitari alimenti

ID 5664 | | Visite: 3299 | Legislazione PesticidiPermalink: https://www.certifico.com/id/5664

Controllo ufficiale residui prodotti fitosanitari alimenti

Controllo ufficiale sui residui di prodotti fitosanitari negli alimenti

Update 22.08.2020

In allegato le Relazioni annuali Min. Salute previste dal Regolamento CE N. 882/2004 e dallo stesso Regolamento CE N. 396/2005 dal 2013 al 2020.

1. Controllo ufficiale sui residui negli alimenti: in generale

Il controllo ufficiale sui residui di prodotti fitosanitari nei prodotti alimentari viene effettuato per la verifica del rispetto dei livelli massimi stabiliti con il Regolamento CE N. 396/2005. Tale controllo rappresenta una delle priorità sanitarie più rilevanti nell’ambito della sicurezza alimentare, ed ha la finalità di garantire un livello elevato di protezione del consumatore

Per tutelare la salute dei consumatori e per verificare i livelli massimi di residui di prodotti fitosanitari in alimenti stabiliti con il Regolamento (CE) N. 396/2005 di seguito chiamato regolamento vengono eseguiti i controlli ufficiali dei residui di prodotti fitosanitari in alimenti.

Il regolamento stabilisce che vengano, attraverso programmi nazionali, effettuati campionamenti rappresentativi del mercato, e tenendo in considerazione gli esiti dei controlli dei precedenti anni.

Per effettuare i controlli, come previsto dal Regolamento CE N. 882/2004 che da disposizioni generiche sui controlli ufficiali, è necessario che siano individuate le Autorità di controllo. In Italia chi coordina e definisce i piani in materia di residui di prodotti fitosanitari negli alimenti è Il Ministero della salute – Direzione Generale per l’Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione (DGISAN), chi pianifica a livello territoriale le attività dei controlli sono gli Assessorati alla sanità delle regioni e chi esegue i controlli sono gli ispettori delle Aziende Sanitarie locali.

Il Ministero della salute per coordinare le attività di controllo, ancor prima dell’entrata in vigore del regolamento ha definito con il decreto ministeriale del 23 dicembre 1992 di seguito chiamato decreto i piani annuali di controllo sui residui dei prodotti fitosanitari ed emana delle note d’indirizzo annualmente in modo che la programmazione delle regioni tenga conto degli esiti dei controlli degli anni precedenti.

Il decreto prevede un programma dettagliato di attuazione dei controlli in ambito regionale e delle Province autonome, con l’indicazione tra l’altro del numero minimo e del tipo di campioni da analizzare. La ripartizione dei campioni per ogni Regione e Provincia autonoma è calcolata in base ai dati sul consumo e sulla produzione degli alimenti interessati.

Lo stesso decreto stabilisce più in dettaglio rispetto al regolamento, le categorie di alimenti (ortaggi, frutta, cereali, olio, vino, latte, uova, carni e pesci), i luoghi in cui effettuare i campionamenti e stabilisce che i laboratori del controllo ufficiale debbano trasmettere direttamente al Ministero della salute i risultati dei controlli.

Inoltre il Ministero della salute ogni anno tiene conto dei risultati dei controlli dei precedenti anni grazie ai quali individua sostanze e alimenti prioritari per il controllo, con opportuni indirizzi operativi.

I campionamenti devono essere standardizzati in modo che i risultati siano confrontabili e per tale ragione è stata emanata la direttiva 2002/63/EC che in Italia è stata recepita con il decreto ministeriale del 23 luglio 2003. Inoltre per migliorare le attività di campionamento nel 2013 Il Ministero della salute ha collaborato con l’Istituto superiore di sanità per la stesura di una linea guida sul campionamento dei prodotti di origine vegetale. Tale linea guida è contenuta nel rapporto Istisan 13/19 dell’ Istituto Superiore di Sanità.

Le analisi per la ricerca di residui di prodotti fitosanitari vengono effettuate dai Laboratori del controllo ufficiale (Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente/Laboratori di sanità pubblica e Istituti Zooprofilattici Sperimentali). I laboratori come previsto dal Regolamento 882/2004 sono accreditati e i metodi di analisi da loro utilizzati devono essere almeno validati. Ulteriore requisito stabilito dal regolamento per i laboratori del controllo ufficiale è la partecipazione ai circuiti interlaboratorio (proficiency test) organizzati dai laboratori nazionali e comunitari di riferimento.

Il regolamento stabilisce inoltre che nei programmi nazionali di controllo siano contenuti i campioni previsti dal regolamento comunitario che viene aggiornato ogni anno relativo ad un programma coordinato comunitario. Tale piano prevede il campionamento di 10 specifiche tipologie di alimenti vegetali e di 2 di origine animale, prevede anche il campionamento di baby food e di alimenti di origine biologica. Le tipologie di alimenti variano al variare dell’anno.

I risultati dei controlli trasmessi dai laboratori vengono raccolti tramite il nuovo sistema informativo sanitario del Ministero della salute, vengono validati dalle regioni/province e verificati dal Ministero della salute – Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione (DGISAN). Il Ministero trasmette all’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) tali risultati.

I risultati del controllo vengono pubblicati sul sito del Ministero e di questo è data comunicazione a tutte le autorità coinvolte.

2. Piano di controllo ufficiale

Ancor prima del regolamento (CE) N.396/2005 in Italia era stato emanato il decreto ministeriale del 23 dicembre 1992 che rappresenta il piano nazionale sui residui di prodotti fitosanitari in alimenti ha fornito dei requisiti minimi alle Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano per la programmazione dei controlli sui residui di sostanze attive da parte delle unità sanitarie locali.

Il Decreto del Ministro della Sanità del 23 dicembre 1992, che recepisce la Direttiva 90/642/CEE, relativa ai limiti massimi di residui di sostanze attive nei presidi sanitari tollerate su e nei prodotti alimentari, ha fornito dei requisiti minimi alle Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano per la programmazione dei controlli sui residui di sostanze attive da parte delle unità sanitarie locali. 

Il decreto contiene delle tabelle riportanti il numero di campioni da prelevarsi in ogni Regione o Provincia Autonoma per le seguenti matrici alimentari: ortaggi, frutta, cereali, vino, oli, carni, latte e derivati, uova. 

Sono distinti in tabelle separate i campioni da prelevare per gli alimenti prodotti nell'ambito della Regione o Provincia Autonoma e quelli per gli alimenti provenienti dal di fuori della Regione o Provincia autonoma di riferimento. 

Gli Assessorati delle Regioni/Province si avvalgono dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL per il prelievo dei campioni alimentari, che vengono analizzati dai Laboratori (ARPA/PMP, IZS). Questi ultimi provvedono ad inviare i risultati sui residui dei prodotti fitosanitari, direttamente e via web, al Ministero – Direzione Generale della Sicurezza Alimentare e Nutrizione. 

La programmazione regionale è effettuata tenendo conto del valore minimo indicato dalla direttiva e dei dati del consumo e produzione di frutta e ortaggi. 
In particolare in essa figurano il dettaglio del numero di campioni attesi per Regione o Provincia autonoma, ed il numero di Laboratori che hanno inviato i dati via web i dati sulle analisi per la ricerca di residui di prodotti fitosanitari; il numero complessivo minimale di campioni di ortofrutticoli stabilito dal Piano Nazionale Residui Prodotti fitosanitari (PNRA) è pari a 4370, di cui 2361 di frutta e 2009 di ortaggi. 

I punti di prelievo consigliati sono:

- per i prodotti vegetali: i centri di raccolta aziendale e cooperativi per i prodotti provenienti dall'interno della Regione o Provincia autonoma, i mercati generali specializzati, quelli non specializzati, i depositi all'ingrosso, gli ipermercati e i supermercati per i prodotti provenienti dal di fuori della Regione o Provincia autonoma;

- per i prodotti di origine animale: i centri di macellazione, i centri di raccolta aziendale, i centri commerciali per i prodotti provenienti dall'interno della Regione o Provincia autonoma, i mercati generali specializzati, quelli non specializzati, i depositi all'ingrosso, gli ipermercati, i supermercati e gli esercenti vari per i prodotti provenienti dal di fuori della regione o provincia autonoma.

3. Relazione annuale

La relazione che è un obbligo previsto dal Regolamento CE N. 882/2004 e dallo stesso Regolamento CE N. 396/2005 consente, oltre la verifica delle attività di controllo anche di valutare il rischio per la salute dei consumatore derivante dal grado di contaminazione dei prodotti.

Min. Salute

Collegati



Tags: Chemicals Abbonati Chemicals Pesticidi

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Rapporto ISPRA 343 2021
Mag 13, 2021 13

Indicatori di efficienza e decarbonizzazione del sistema energetico nazionale

Indicatori di efficienza e decarbonizzazione del sistema energetico nazionale e del settore elettrico ISPRA, Rapporti 343/2021 Nel rapporto sono esaminate le dinamiche temporali degli indicatori energetici ed economici in relazione alle emissioni di gas a effetto serra e al consumo di energia.… Leggi tutto
Rapporto ISPRA 333 2020
Mag 11, 2021 34

Prima indagine conoscitiva misure di prevenzione produzione rifiuti urbani adottate dai comuni

Prima indagine conoscitiva sulle misure di prevenzione della produzione dei rifiuti urbani adottate dai comuni Il Rapporto presenta una prima indagine conoscitiva sulle misure di prevenzione della produzione di rifiuti urbani adottate dalle amministrazioni locali a cui è stato somministrato uno… Leggi tutto
Indicazioni messa in sicurezza siti minerario dismessi
Mag 10, 2021 16

Indicazioni per la messa in sicurezza dei siti minerari dismessi

Indicazioni per la messa in sicurezza dei siti minerari dismessi Pubblicazione della REMI Il Documento Tecnico della Rete Remi riporta alcune pratiche adottate per la messa in sicurezza di siti minerari dismessi e valorizzati ai fini culturali, in assenza di una norma tecnica nazionale dedicata,… Leggi tutto
Global Report CCS 2020
Mag 05, 2021 45

Global Status of CCS Report 2020

Global Status of CCS Report 2020 Il Global Status of CCS Report 2020 dimostra il ruolo vitale delle tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) nel ridurre le emissioni a zero netto entro il 2050, oltre a documentare lo stato attuale e novità tecnologiche degli ultimi 12 mesi. Il rapporto… Leggi tutto
D Lgs  162 2011 Stoccaggio geologico del biossido di carbonio
Mag 05, 2021 133

Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 162

Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 162 Attuazione della direttiva 2009/31/CE in materia di stoccaggio geologico del biossido di carbonio, nonche' modifica delle direttive 85/337/CEE, 2000/60/CE, 2001/80/CE, 2004/35/CE, 2006/12/CE, 2008/1/CE e del Regolamento (CE) n. 1013/2006. (GU n.231 del… Leggi tutto
Mag 05, 2021 41

Decisione n. 2455/2001/CE

Decisione n. 2455/2001/CE Decisione n. 2455/2001/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2001, relativa all'istituzione di un elenco di sostanze prioritarie in materia di acque e che modifica la direttiva 2000/60/CE (GU L 331/1 del 15.12.2001) Collegati[box-note]Direttiva… Leggi tutto
Mag 05, 2021 29

Direttiva 2008/32/CE

Direttiva 2008/32/CE Direttiva 2008/32/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’ 11 marzo 2008, che modifica la direttiva 2000/60/CE che istituisce un quadro per l’azione comunitaria in materia di acque, per quanto riguarda le competenze di esecuzione conferite alla Commissione (GU L 81 del… Leggi tutto
Mag 05, 2021 73

Direttiva 2009/31/CE

Direttiva 2009/31/CE Direttiva 2009/31/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa allo stoccaggio geologico di biossido di carbonio e recante modifica della direttiva 85/337/CEE del Consiglio, delle direttive del Parlamento europeo e del Consiglio 2000/60/CE,… Leggi tutto

Più letti Ambiente