Slide background
Slide background




Un caricatore universale per tutti i prodotti elettronici

ID 9936 | | Visite: 896 | News Marcatura CEPermalink: https://www.certifico.com/id/9936

Un caricatore universale per tutti i prodotti elettronici

Un caricatore universale per tutti i prodotti elettronici

Parlamento Europeo, 21.01.2020

Gli eurodeputati vogliono rendere la vita dei consumatori più semplice e ridurre i rifiuti elettronici con l’introduzione di un caricatore unico per tutti i dispositivi.
 
Durante il dibattito del 13 gennaio nella commissione Mercato interno, i deputati hanno chiesto alla Commissione europea di presentare entro luglio 2020 una proposta per la regolamentazione dei caricatori che accompagnano quasi ogni dispositivo elettronico, dal telefono alla macchina fotografica.

La vice-presidente della commissione Róża Thun und Hohenstein ha dichiarato: “La Commissione europea deve mostrare la sua leadership e smettere di lasciare che i giganti della tecnologia ci impongano i loro standard. Se la sovranità digitale significa qualcosa per questa nuova Commissione, ci aspettiamo che vengano stabiliti gli standard per un caricatore comune entro i prossimi sei mesi”. La deputata polacca del Partito popolare europeo ha per questo presentato un’interrogazione alla Commissione sulla questione.

L’introduzione di un caricatore unico per tutti i prodotti (non solo smartphone, lettori digitali, ma anche “wearable” come braccialetti digitali) ridurrebbe i rifiuti elettronici, abbasserebbe il costo dei prodotti e migliorerebbe la sicurezza e l’interoperabilità dei caricatori.

Uno studio del 2014 mostra come il numero di caricatori per telefoni cellulari si sia ridotto da 30 nel 2009 a tre principali nel 2014.

Secondo la Commissione europea i rifiuti elettronici sono uno dei tipi di rifiuti in maggior crescita nell’UE, e si stima che possano arrivare a più di 12 milioni di tonnellate entro il 2020.

L’approccio su base volontaria usato dalla Commissione
 
I legislatori UE hanno chiesto lo sviluppo di un caricatore unico nel 2014. Finora la Commissione europea ha preferito un approccio su base volontaria che incoraggiasse i produttori di telefoni a cooperare volontariamente.

Il commissario Maroš Šefčovič, che ha partecipato al dibattito in rappresentanza della Commissione europea, ha detto che secondo la Commissione l’approccio su base volontaria “è il modo migliore per raggiungere i nostri obiettivi senza ostacolare l’innovazione”.
 
_____
 
Campagna per l'introduzione dell'accordo volontario (MoU) per un caricabatterie comune per telefoni cellulari.
 
Promuovere il protocollo d'intesa (MoU) sull'uso comune dei caricabatterie per telefoni cellulari.
 
In passato, i telefoni cellulari erano compatibili solo con caricabatterie specifici per telefoni cellulari. Si stima che nel 2009 fossero in uso 500 milioni di telefoni cellulari in tutti i paesi dell'UE.
 
I caricabatterie utilizzati variavano spesso in base al produttore e al modello; e più di 30 diversi tipi di caricabatterie erano sul mercato. Oltre a causare disagi al consumatore, ciò ha creato inutili rifiuti elettronici.
 
In risposta, la Commissione europea ha facilitato un accordo tra i principali produttori di telefoni cellulari per l'adozione di un caricabatterie comune per telefoni cellulari abilitati ai dati venduti nell'UE.
 
Nel giugno 2009, è stato firmato un protocollo d'intesa (MoU) in cui i produttori di telefoni cellulari hanno concordato di armonizzare i caricabatterie per i nuovi modelli di telefoni abilitati ai dati, entrando sul mercato a partire dal 2011.
 
Di conseguenza, i principali produttori di telefonia mobile in Europa hanno concordato di adottare un caricabatterie universale per telefoni cellulari abilitati ai dati venduti nell'UE. Il protocollo d'intesa si è impegnato nel settore a fornire compatibilità con i caricabatterie sulla base del connettore micro-USB.
 
Esito del protocollo d'intesa sul caricatore comune
 
Il protocollo d'intesa è scaduto alla fine del 2012, ma è stato effettivamente esteso da alcuni dei suoi firmatari attraverso due successive "Lettere di intenti", firmate nel 2013 e 2014.
 
Nell'agosto 2014 è stato concluso uno studio per valutare i risultati raggiunti dal protocollo d'intesa e in particolare:
 
- analizzare come sono stati raggiunti gli obiettivi dichiarati di offrire benefici ai consumatori e all'industria;
- analizzare i risultati relativi alla riduzione dei rifiuti elettronici;
- fornire tutte le informazioni utili per considerare le opzioni per un adeguato follow-up.
 
...
 
Fonte: EU
 

Tags: Marcatura CE News Direttiva RED

Ultimi archiviati Marcatura CE

Regolamento INAIL PED
Mag 05, 2021 17

Regolamento certificazione PED - INAIL

Regolamento certificazione PED - INAIL 2020 L'INAIL ON 0100 è un organismo notificato per le direttiva 2014/68/UE PED. La direttiva 2014/68/UE è una direttiva di prodotto riguardante gli apparecchi a pressione emanata dalla Comunità Europea e recepita in Italia con decreto legislativo n. 26 del… Leggi tutto
Regolamento certificazione T PED   INAIL 2021
Mag 05, 2021 19

Regolamento certificazione T-PED - INAIL 2021

Regolamento certificazione T-PED - INAIL 2021 Certificazione in accordo alla direttiva 2010/35/UE T-PED Destinatari Fabbricante, proprietario o utilizzatore dell’attrezzatura Caratteristiche La direttiva T-PED (2010/35/UE) si applica alle attrezzature a pressione trasportabili (Apt), disciplinando:… Leggi tutto
FAQ NRMM 2021
Mag 03, 2021 27

Non-Road Mobile Machinery emissions - NRMM Guide | Update 2021

Non-Road Mobile Machinery emissions - NRMM Guide | Update 2021 CECE, January 2021 The purpose of this frequently asked questions (hereinafter ‘FAQ’) document is to contribute to a clear understanding of the Regulation (EU) 2016/1628, as amended by Regulation (EU) 2020/1040 (hereafter referred to as… Leggi tutto
Fig 1
Apr 30, 2021 42

Rettifica del regolamento (UE) 2020/740 | 30.04.2021

Rettifica del regolamento (UE) 2020/740 | 30.04.2021 Rettifica del regolamento (UE) 2020/740 del Parlamento europeo e del Consiglio del 25 maggio 2020 sull’etichettatura dei pneumatici in relazione al consumo di carburante e ad altri parametri, che modifica il regolamento (UE) 2017/1369 e che… Leggi tutto
Guidelines Regolations EU  n  811 812 813 814 2013
Apr 12, 2021 160

Guidelines Regulations (EU) n. 811-812-813-814/2013 and Regulations (EU) 2015/1187-1189

Guidelines Regulations (EU) n. 811-812-813-814/2013 and Regulations (EU) 2015/1187-1189 EC, 2018 The Ecodesign and Energy Labelling Regulations for space and water heaters were published in 2013 and for solid fuel boilers in 2015. The regulations establish minimum requirements and an energy… Leggi tutto
Mar 31, 2021 166

Rettifica del regolamento (UE) 2019/1020 | 31.03.2021

Rettifica del regolamento (UE) 2019/1020 | 31.03.2021 Rettifica del regolamento (UE) 2019/1020 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2019, sulla vigilanza del mercato e sulla conformità dei prodotti e che modifica la direttiva 2004/42/CE e i regolamenti (CE) n. 765/2008 e (UE) n.… Leggi tutto
Mar 27, 2021 181

Decreto 13 febbraio 2021

Decreto 13 febbraio 2021 Adozione delle tariffe per i servizi resi del Corpo delle Capitanerie di porto per le procedure di cui agli articoli 7, 11, 31, 32 e 33 del decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 2017, n. 239. (GU n.75 del 27.03.2021) ... Art. 1. Finalità 1. Il presente decreto… Leggi tutto

Più letti Marcatura CE

Giu 26, 2019 64853

Regolamento Prodotti da Costruzione (UE) 305/2011 - CPR

Regolamento CPR (UE) 305/2011 Regolamento (UE) N. 305/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 marzo 2011 che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione e che abroga la direttiva 89/106/CEE del Consiglio (Testo rilevante ai fini del SEE) GU L 88/10… Leggi tutto