Slide background

Camera iperbarica multiposto: il caso "Galeazzi"

ID 2873 | | Visite: 9187 | Guide Sicurezza lavoro INAIL

Camera iperbarica multiposto: il caso "Galeazzi"

Il giorno 31 ottobre 1997, in Milano, si verificava un grave incidente all’interno della struttura sanitaria privata denominata Istituto Ortopedico “Galeazzi”. Mentre alcuni pazienti, insieme ad un infermiere, si trovavano all’interno della camera iperbarica per essere sottoposti al trattamento di ossigenoterapia iperbarica, si sviluppava un incendio che causava la morte di 11 persone.

Ancora da normare, a 20 anni, la figura di "Tecnico Iperbarico Sanitario".

Sentenza di Primo Grado (estratto)

....
Ritenuta la causalità di natura omissiva la sentenza di primo grado ha poi affrontato il tema delle posizioni di garanzia ravvisabili nel caso di specie. In particolare, esaminando la posizione di garanzia del “datore di lavoro”, il Tribunale di Milano, premesse ampie considerazioni sulla natura non delegabile di alcune delle funzioni (valutazione del rischio, formazione e aggiornamento del relativo documento; designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione) e sui presupposti per una valida delega in relazione alle funzioni delegabili è pervenuto alla conclusione che, in base alla definizione di “datore di lavoro” contenuta nell’art. 2 del D.Lgs. n. 626 del 1994, dopo le modifiche introdotte con il D.Lgs. n. 242 del 1996, possono aversi, in una struttura imprenditoriale, più datori di lavoro.

Si precisa, nella sentenza, che il documento di valutazione del rischio predisposto dal RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dell’istituto) era “indiscutibilmente privo di contenuto” tanto da far ritenere che il redattore “non aveva mai visto in vita sua una camera iperbarica” aggiungendo, in nota, che “l'RSPP ha completamente ignorato nello specifico il funzionamento della camera iperbarica e la particolarità e concretezza del rischio incendio”, cioé quello che il Tribunale considera “il più temibile rischio di quella terapia” (l’ossigenoterapia iperbarica).
...

Sentenza di Secondo Grado (estratto)
...
Ha invece ritenuto in colpa all'amministratore delegato Istituto Ortopedico S.p.A, datore di lavoro, per aver recepito il documento di valutazione del rischio redatto dal RSPP senza rendersi conto della “macroscopica inconsistenza dello stesso” che doveva apparire evidente anche a chi non avesse le competenze scientifiche necessarie (la Corte sottolinea come il rischio incendio non fosse neppure menzionato) e per non aver considerato che la camera iperbarica non era mai stata omologata; su questo punto la Corte ha ritenuto irrilevante l’affidamento sulla verifica effettuata dal presidio multizonale (P.M.I.P.) della Usl competente il 15 maggio 1997 ritenendo che questo controllo non avesse ad oggetto il funzionamento del sistema antincendio.
...

La normativa di Prodotto

Le camere iperbariche multiposto in ambiente clinico sono apparecchi a pressione al cui interno vengono eseguite terapie mediche, e come tali devono essere progettate, costruite e collaudate in ottemperanza a quanto prescritto dalle:

- Direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici;
- Direttiva 97/23/CE PED (nuova Direttiva 2014/34/UE)
- Altre Direttive di Prodotto CE applicabili ATEX, EMC/BT.

La figura di Tecnico Iperbarico

Nel 2008 è stato presentata una Proposta di Legge di Istituzione della professione sanitaria di tecnico iperbarico (non si ha seguito):
...
1. È istituita la professione sanitaria di tecnico iperbarico, con il seguente profilo professionale: il tecnico iperbarico è l’operatore sanitario che, in possesso del titolo universitario abilitante, svolge direttamente, con  titolarità e autonomia professionali, attività dirette alla conduzione degli impianti iperbarici, al controllo e alla verifica del funzionamento ottimale delle camere iperbariche.
...

Ad oggi, non esiste, nel repertorio delle qualifiche professionali, la qualifica professionale di Operatore Tecnico Iperbarico Sanitario.

L'Operatore Tecnico Iperbarico è un professionista specializzato nell’impiego delle camere iperbariche, all’interno delle quali, secondo metodi precodificati, l’uomo viene sottoposto ad aumenti o diminuzioni di pressione dell’aria-ambiente appositamente controllati.
Spesso infatti l’uomo si trova a dover respirare aria ad una pressione superiore a quella atmosferica per un tempo tale da richiedere la decompressione in ambiente protetto (come le immersioni subacquee), oppure a scopo terapeutico per il trattamento di specifiche patologie (in ambiente ospedaliero attrezzato).
 
Le norme UNI ed IMCA attività subacquee ed iperbariche
 
La figura di Operatore Tecnico Iperbarico nelle attività subacquee ed iperbariche (in ambiente non sanitario), anche in questo caso non è normata adeguatamente (vedi DDL Senato 320/2015 Disciplina delle attività subacquee e iperbariche), ma è molto ben codificata dall'IMCA (International Marine Contractor Association) sia dalle norme del sistema di certificazione UNI, in particolare dalla UNI 11366:2010.
 
Nella dizione IMCA l'Operatore Tecnico Iperbarico di Alto Fondale è detto Life Support Technician LST, il quale opera con un assistente detto Assistant Life Support Technician.
Costoro, supervisionati da un LSS (Life Support Supervisor), sono gli addetti dell'impianto di saturazione, ovvero del complesso sistema che permette ai sommozzatori di lavorare in Alto Fondale.

Le corrispondenti figure nel sistema di qualità UNI, sono il Tecnico Iperbarico di Alto Fondale (TIAF), assistito da un Assistente del Tecnico Iperbarico di Alto Fondale (ATIAF) ed entrambi supervisionali da un Supervisiore alla saturazione (SSat).

Per i lavori in basso fondale la norma UNI identifica il TI, ovvero il Tecnico Iperbarico (Chamber Operator).
 
Agg. 04 Dicembre 2017
 
   
Allegati Free | Scaricabili
Scarica questo file (DDL Senato 320 2015.pdf)DDL Senato 320/2015Disciplina delle attività subacquee e iperbaricheIT623 kB(130 Downloads)
Scarica questo file (Istituzione della professione sanitaria di tecnico iperbarico DDL.pdf)Istituzione della professione sanitaria di tecnico iperbaricoDDL 2008IT213 kB(256 Downloads)
Scarica questo file (DM sanità 29 marzo 2001.pdf)DM sanità 29 marzo 2001Definizione Figure professionaliIT21 kB(191 Downloads)
Scarica questo file (Cass. pen. Sez. IV, (ud. 05-12-2003) 06-02-2004, n. 4981.pdf)Cass. pen. Sez. IV, (ud. 05-12-2003) 06-02-2004, n. 4981Caso GaleazziIT374 kB(338 Downloads)
Scarica questo file (Gestione sicurezza camere iperbariche.pdf)Gestione sicurezza camere iperbaricheINAIL 1997IT403 kB(413 Downloads)
Scarica questo file (Camera iperbarica Galeazzi - CT.pdf)Relazione Incidente camera iperbarica GalezzziTribunale MIIT1511 kB(352 Downloads)

Tags: Sicurezza lavoro Rischio atmosfere esplosive

Ultime Linee guida INAIL archiviate

Dossier scuola INAIL
Nov 27, 2017 105

Dossier scuola Inail 2017

Dossier scuola Inail 2017 I numerosi progetti formativi dedicati al mondo della scuola, realizzati dalle Direzioni regionali, testimoniano la capillare attenzione che l’Istituto riserva da anni alla diffusione dei valori e della cultura della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, di studio… Leggi tutto
Nov 07, 2017 378

Esecuzione in sicurezza dei lavori in copertura

Esecuzione in sicurezza dei lavori in copertura. Misure di prevenzione e protezione INAIL - Quaderno di ricerca 15/2017 La mancanza di una legislazione nazionale specifica, che prescriva la dotazione sulle coperture di sistemi necessari a garantire la sicurezza dei lavoratori che svolgono attività… Leggi tutto
Set 27, 2017 224

Amianto naturale: le pietre verdi calabresi

Amianto naturale: le pietre verdi calabresi Gli affioramenti ofiolitici presenti nella regione Calabria possono costituire un potenziale rischio per la salute umana. Il factsheet intende rendere edotta la popolazione e i lavoratori che vivono nel territorio calabrese sui rischi a cui sono soggetti… Leggi tutto
Set 27, 2017 348

Il rischio di esposizione a Legionella spp. in ambienti di vita e di lavoro

Il rischio di esposizione a Legionella spp. in ambienti di vita e di lavoro La legionellosi continua ad essere una patologia poco conosciuta, soprattutto in ambito occupazionale. Il factsheet intende promuovere la valutazione del rischio di esposizione a Legionella spp., attraverso la conoscenza… Leggi tutto
Set 27, 2017 223

Il campionamento di legionella nei bioaerosol: un brevetto Inail

Il campionamento di legionella nei bioaerosol: un brevetto Inail Il fatcsheet riporta la descrizione di un sistema di gorgogliamento per il campionamento dell’aria nei luoghi di lavoro, ideato e brevettato dall’Inail. Il sistema consente di campionare selettivamente i microrganismi di interesse con… Leggi tutto

Linee guida INAIL più lette

Set 15, 2017 12408

Linea guida ISPESL carrelli elevatori

Linea guida Ispesl carrelli elevatori Linea guida per il controllo periodico dello stato di manutenzione ed efficienza dei carrelli elevatori e delle relative attrezzature.ISPESL 2006 Vedasi prodotto: Leggi tutto