Slide background




Modello relazione utilizzo-vita residua apparecchio sollevamento ISO 4301-1

ID 17786 | | Visite: 1091 | Documenti Riservati NormazionePermalink: https://www.certifico.com/id/17786

Modello relazione utilizzo vita residua apparecchio di sollevamento Rev  00 2022

Modello relazione utilizzo-vita residua (anche a supporto indagine supplementare) apparecchio di sollevamento / ISO 4301-1

ID 17786 | 08.10.2022 / Documento completo in allegato formato doc/pdf

Modello esempio di relazione utilizzo-vita residua (anche Indagine supplementare D.M. 11 aprile 2011 / vedi a seguire) apparecchio di sollevamento (gru a ponte bitrave) in accordo con UNI ISO 4301-1:1988, completa di:

1, Relazione di utilizzo e vita residua apparecchio di sollevamento (in accordo UNI ISO 4301-1:1988)
2. Appendice normativa D. Lgs. 09.04.2008 n.81D.M. 11 aprile 2011 / UNI ISO 4301-1 / UNI ISO 12482 / UNI ISO 9927-1:2016

La relazione deve essere redatta da "ingegnere esperto" ai sensi della ISO 9927-1.

D.M. 11 aprile 2011

ALLEGATO II MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE

2. Definizioni

c) Indagine supplementare:
Attività finalizzata ad individuare eventuali vizi, difetti o anomalie, prodottisi nell’utilizzo dell’attrezzatura di lavoro messe in esercizio da oltre 20 anni. nonché a stabilire la vita residua in cui la macchina potrà ancora operare in condizioni di sicurezza con le eventuali relative nuove portate nominali.

3. Verifiche delle attrezzature di lavoro appartenenti ai gruppi SC e SP
..
3.2.3. Nel corso delle verifiche periodiche, sulle gru mobili. sulle gru trasferibili e sui ponti sviluppabili su carro ad azionamento motorizzato. sono esibite dal datore di lavoro le risultanze delle indagini supplementari di cui al punto 2, lettera c), effettuate secondo le norme tecniche.

Excursus

Indice
1. Modello Relazione utilizzo/vita residua apparecchio sollevamento
2. Dichiarazione dell’utilizzatore
3. Documentazione / Foto
4. Appendice normativa

Riferimenti normativi

D. Lgs. 09.04.2008 n.81 e s.m.i., Art.71 comma 11;
D.M. 11.04.2011 e s.m.i. (con riferimento diretto ad art. 3.2.3 e punto 2 lettera c);
UNI ISO 4301-1:1988 - Apparecchi di sollevamento. Classificazione. Generalita;
ISO 4301-1:2016 - Cranes - Classification - Part 1: General;
UNI ISO 4301-2:2011 - Apparecchi di sollevamento - Classificazione - Parte 2: Gru mobili;
UNI ISO 9927-1:2016 - Apparecchi di sollevamento - Ispezioni - Parte 1: Generalità
UNI ISO 4306-1:2010 - Apparecchi di sollevamento - Vocabolario – Generalita
UNI ISO 9927-1:2016 - Apparecchi di sollevamento - Ispezioni - Parte 1: Generalità
UNI EN ISO 9712:2022 - Prove non distruttive - Qualificazione e certificazione del personale addetto alle prove non distruttive
UNI ISO 12482:2020 - Apparecchi di sollevamento - Monitoraggio del periodo di utilizzazione di progettazione dell'apparecchio di sollevamento

Premessa

La presente relazione di analisi ha l'obiettivo di calcolare, sulla base delle condizioni di servizio, del carico con cui e stato utilizzato l'apparecchio di sollevamento e dei cicli di lavoro svolti (registrazioni strumentali / cartacee / ricostruzioni) i cicli di vita residui (a fatica) rimanenti dell’apparecchio rispetto ai numero massimo cicli di vita operativi.

Fig  1   Cicli di vita residua   Step

Fig. 1 - Cicli di vita residua apparecchio sollevamento / Step

(Si assume, per l’apparecchio in esame, lo stesso spettro di carico per le strutture ed i meccanismi (si veda a seguire)

A1. Strutture dell’intero apparecchio

A2. Classe di funzionamento A

Individuata la classe di funzionamento A da documenti / (classificazione dell’apparecchio nel suo compresso - accordo contrattuale/tecnico utilizzatore/costruttore - non progettuale)

Modello relazione utilizzo vita residua apparecchio di sollevamento   Fig  2

Fig. 2 - Numero residuo di cicli operativi Strutture / Step
...

A3. Regime di carico Q

Il regime di carico Q può essere desunto dal numero dei cicli di lavoro compiuti dalle strutture dall’apparecchio attraverso il calcolo dello fattore di spettro di carico Kp.

Fattore di spettro di carico Kp

Kp fattore di spettro di carico
Ci rappresenta il numero medio di cicli di carico che si hanno a ciascun livello di carico
CT è il numero totale dei cicli di carico singoli
Pi rappresenta il numero di grandezze individuali di carico (livelli di carico) caratteristiche del servizio dell’apparecchio
Pmax è il carico  consentito più pesante che deve essere sollevato dall’apparecchio
m = 3

Calcolo Fattore di spettro di carico Kp   1

(*) Fornito dall’utilizzatore
Percentuale di carico sopportata dall'apparecchio rispetto al Carico nominale massimo apparecchio (%Pmax)

C1 = 15 x 150 x 16 = 36.000
C2
= 15 x 150 x 16 = 36.000
C2 = 10 x 150 x 16 = 24.000
CT
= C1 + C2 + C3 = 96.000
m = 3

Calcolo Fattore di spettro di carico Kp   2

A4. Cicli di utilizzo presunto equivalente

I Cicli di utilizzo presunto equivalente C possono calcolati in base alla seguente formula (elaborata da UNI ISO 12482 Appendice A):

Cicli di utilizzo presunto equivalente

dove:

C = Cicli di utilizzo presunto equivalente
Kp = Fattore di spettro del carico
CT = Cicli di carico singoli
f = Fattore di sicurezza per ii conteggio del servizio (3)

(3) L'adozione di un coefficiente amplificativo dei cicli di carico pari a f =1,2 deriva dall'incertezza nel risalire all'effettivo utilizzo della macchina nel suo passato (UNI ISO 12482)

Con f  = 1,2

Cicli di utilizzo presunto equivalente Calcolo   1

A5. Condizione di impiego U

La condizione di impiego U (a Kp =1) può essere estrapolata dal Prospetto III (UNI ISO 4301-1)

Prospetto III Classe dell’apparecchio nel suo insieme (UNI ISO 4301-1)

Prospetto III Classe dell apparecchio nel suo insieme  UNI ISO 4301 1

Quindi:

Classe di funzionamento: A6
Fattore dello spettro di carico Kp = 1
Regime di carico: Q4
Condizione di impiego U = U4

Individuato U=U4 è possibile stabilire il numero massimo di operativi cicli dal Prospetto I (UNI ISO 4301-1)

Prospetto I (UNI ISO 4301-1)

Mumero massimo di cicli operativi

A6. Cicli di vita residua strutture

Cicli di vita residui strutture

Cr = Cicli di vita residui
Cmax
= Numero massimo di cicli operativi
C = Numero di cicli di utilizzo presunto equivalente

Cicli di vita residui strutture   1
...

B1 Meccanismi

B2. Classe del meccanismi nel loro insieme M

Individuata la classe dei meccanismi M da documenti / (classificazione dell’apparecchio nel suo compresso - accordo contrattuale/tecnico utilizzatore/costruttore - non progettuale) 
...

2. Dichiarazione dell’utilizzatore
...

3. Documentazione / Foto
...

4. Appendice normativa
...
segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2022
©Copia autorizzata Abbonati 

Collegati

Tags: Normazione Direttiva macchine Abbonati Normazione

Articoli correlati

Ultimi archiviati Normazione

Feb 06, 2023 14

Direttiva 98/34/CE

Direttiva 98/34/CE Direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 22 giugno 1998 che prevede una procedura d'informazione nel settore delle norme e delle regolamentazioni tecniche (OJ L 204, 21.7.1998) Abrogata da: Direttiva (UE) 2015/1535 Collegati[box-note]Direttiva (UE)… Leggi tutto
Norme tecniche UNI  pubblicazioni mese
Gen 31, 2023 93

Norme tecniche UNI: Pubblicazioni mensili 2023

Norme tecniche UNI: pubblicazioni mensili 2023 Pubblicazioni mensili 2023 delle nuove norme tecniche da UNI. Allegati al presente articolo un elenco di tutte le novità di ogni mese. Gli elenchi intendono essere uno strumento di rapida consultazione dei titoli di nuove norme introdotte. 01 Gennaio… Leggi tutto
Gen 30, 2023 34

CEN/TR 16829:2016+AC:2019

CEN/TR 16829:2016+AC:2019 / Prevenzione e protezione da incendi ed esplosioni per elevatori a tazze Fire and explosion prevention and protection for bucket elevators This European Technical Report applies to bucket elevators that may handle combustible products capable of producing potentially… Leggi tutto
IFA 2 0 8 Sistema
Gen 23, 2023 89

SISTEMA ISO 13849-1 Versione 2.0.8 Build 4

SISTEMA ISO 13849-1 Versione 2.0.8 Build 4 Safety Integrity Software Tool for the Evaluation of Machine Applications Rilasciata da IFA la Versione stabile di SISTEMA 2 (2.0.8 Build 4) del 05 febbraio 2020. I progetti e le librerie delle versioni precedenti 1.x.x non sono compatibili e devono essere… Leggi tutto
Gen 21, 2023 88

ISO Update 2023

ISO Update 2023 International Standards in process List of CD (committee draft) registered; DIS (draft International Standard) circulated, FDIS (final draft International Standard) circulated and Standards published, confirmed and withdrawn for a given period.____View Safety of machinery ISO/TC 199 Leggi tutto

Più letti Normazione