Slide background




Sicurezza Carrelli industriali senza conducente (AGV-LGV) conformi ISO 3691-4

ID 15477 | | Visite: 1103 | Documenti Riservati NormazionePermalink: https://www.certifico.com/id/15477

 Sicurezza Carrelli industriali senza conducente  AGV LGV  conformi ISO 3691 4

Sicurezza Carrelli industriali senza conducente (AGV-LGV) conformi ISO 3691-4:2020

ID 15477 | 17.01.2022 / Documento completo allegato

Documento sulla sicurezza per l’uso dei sui carrelli industriali senza conducente a bordo AGV/LGV con:

- 1. Note principali norma (IT)
- 2. Estratto dei punti principali della norma di riferimento UNI EN ISO 3691-4:2020 (EN)

- 3. Documento SUVA AVG

UNI EN ISO 3691-4:2020

Carrelli industriali - Requisiti di sicurezza e verifiche - Parte 4: Carrelli industriali senza guidatore a bordo e loro sistemi

La norma specifica i requisiti di sicurezza e i mezzi per la loro verifica per i carrelli industriali senza guidatore e i loro sistemi.

La norma, che ha sostituito integralmente la EN 1525:1999, è tipo di tipo C ed è il riferimento per la sicurezza dei carrelli industriali senza conducente.

La norma, alla Data del Documento, non è armonizzata per la Direttiva macchine 2006/42/CE.

Vedi tutte le norme armonizzate Direttiva macchine

1. Note principali norma

CARRELLI

I Carrelli industriali senza conducente si distinguono in generale in:

AGV (Veicoli a Guida Automatica)
LGV (Veicoli a Guida Laser)

La norma definisce in generale la sicurezza degli AGV/LGV e delle aree/impianti asserviti da AGV/LGV

ALLEGATO A
L'allegato A stabilisce definisce le zone per il percorso del carrello ed i requisiti minimi per operare in sicurezza.

ZONA OPERATIVA
:
Su entrambi i lati del percorso del carrello deve essere previsto uno spazio libero minimo di 0,5 m di larghezza per un'altezza di 2,1 m.
Questo deve essere misurato tra il percorso e le strutture fisse adiacenti lungo il percorso.

ZONA OPERATIVA PERICOLOSA:
Una zona con spazio libero inadeguato (vedi A.2.1) o una zona che non può essere protetta da mezzi di rilevamento del personale essere designata come "zona di pericolo operativo" (vedi tabella A.1 e tabella A.2) e contrassegnata di conseguenza. Una zona di pericolo operativo deve essere chiaramente indicata da opportuna segnaletica o preferibilmente da segnaletica a terra. Deve essere evitata confusione con altri segni e segni.

In questa zona di pericolo operativo, la velocità del carrello deve essere conforme alla tabella A.1 e alla tabella A.2 e il carrello deve emettere avvisi acustici e/o ottici aggiuntivi.

Se c'è spazio libero insufficiente e nessuna via di fuga pedonale di almeno 0,5 m di larghezza e 2,1 m di altezza (vedi Tabella A.1 e Tabelle A.2, C.1, C.2 e C.3 dimensioni di ingombro), i mezzi di rilevamento del personale devono essere attivi per garantire il rilevamento di persone entro 180 mm tra il bordo dei campi di sicurezza dell'ESPE e gli oggetti circostanti al fine di verificare che questa zona sia libera da persone (ad esempio depositi a blocchi).

ESEMPIO Un esempio di zona di pericolo operativa può essere l'area di trasferimento del carico (vedere A.2.5).

ZONA RISTRETTA
Una zona con spazio libero inadeguato (vedere A.2.1) e che non può essere protetta da mezzi di rilevamento del personale secondo 4.8.2.1 deve essere designata "zona ristretta" (vedere Tabella A.1 e Tabella A.2) e contrassegnata di conseguenza.

ESEMPIO
Esempi di zone soggette a restrizioni possono essere un magazzino a blocchi o un magazzino a corsie strette o Very Narrow Aisle (VNA).

La zona ristretta deve:

a) essere chiaramente contrassegnata da segnaletica e segnaletica orizzontale a terra;
b) avere accesso limitato al personale autorizzato e formato sui rischi specifici;
c) non includere alcun luogo di lavoro;
d) essere muniti di ripari fissi perimetrali conformi alla norma ISO 13857:2008, Tabella 2 e Tabella 4 di almeno 2,1 m di altezza;
e) essere muniti di un riparo mobile (es. porta) per consentire l'accesso al personale autorizzato.

ZONA CONFINATA: 
Una zona in cui i mezzi di rilevamento del personale possono essere omessi e in cui è consentita qualsiasi velocità. Questa zona deve essere designata "zona confinata" e contrassegnata di conseguenza.

La zona confinata deve:

a) essere chiaramente contrassegnati da segnaletica e segnaletica orizzontale/terra;
b) avere accesso limitato al personale autorizzato;
c) non includere alcun luogo di lavoro;
d) essere chiusa con ripari fissi conformi al 4.1.6 e alti almeno 2,1 m; e
e) essere munita di un riparo mobile interbloccato con blocco del riparo (porta) conforme al punto A.2.4.2 per consentire l'accesso al personale autorizzato.
...

2. Estratto norma UNI EN ISO 3691-4:2020 (EN)

4.7 Stability

4.7.1 General

The truck shall remain stable in all operating conditions and during all load-handling and travelling movements, including an emergency stop.

4.8.1 Emergency stop

Trucks shall be provided with an emergency stop function that complies with ISO 13850:2015. When the emergency stop device is actuated, all truck movements shall stop.

The emergency stop devices shall be clearly visible, identifiable and accessible from both ends and both sides of the truck. If the truck has a defined operator position with controls, an emergency stop device shall be fitted near these controls.

However, in the case of trucks carrying a load that restricts access to the emergency stop device(s), the emergency stop device(s) shall be mounted on accessible rigid part(s) of the truck closest to the hazard zone (see Figure 2, for example).

The safety-related parts of the control system for emergency stop function shall be in accordance with Table 1, item 15.

NOTE
Depending on the size and design of the truck, more than one device can be necessary on each side of
the truck.

Figure 2   Example of emergency stops positions in case of truck with a load on fork side

Key
1 truck
2 load
3 emergency stops on both sides
Figure 2 - Example of emergency stops positions in case of truck with a load on fork side
...

4.8.2 Detection of persons in the path

4.8.2.1 Detection of persons in the intended path in automatic mode

The safety-related parts of the detection of persons in the intended path in automatic mode shall be in accordance with Table 1, items 4, 16, 17 and 20.

Trucks shall be fitted with personnel detection means, the following requirements apply.

a) Trucks shall be fitted with pressure-sensitive device according to 4.1.11 (e.g. bumpers) or ESPE (e.g. virtual bumpers) according to 4.1.10 for the detection of persons.
b) Personnel detection means shall operate at least over the maximum width of the truck and its load in the direction(s) of travel.
c) Personnel detection means shall be so designed that trucks shall stop before contact between the rigid parts of the truck or load and a stationary person (not a person stepping into the truck path or moving toward it) and comply with 5.2 or in case of contact they shall be designed such that forces shall not exceed the values of 5.2. In turning direction and in pivoting direction, for the truck side protection measures, compliance with 5.2 Test B is sufficient.

NOTE 1
For non-contact protective equipment, additional requirements according to non-contact protective equipment manufacturer’s information for use (e.g. reflection) can apply.
...

6.2 Warning systems

The warning systems shall comply with ISO 12100:2010, 6.4.3.

When the truck starts any movement after a stop condition longer than 10 s, a visible and/or acoustical warning signal shall be activated at least 2 s, prior to the start of any movement, including any moving part of the truck (e.g. forks, conveyors, parts protruding from the load). A visible and/or acoustical warning signal shall be active during any movement, including any moving part of the truck (e.g. forks, conveyors). This signal may be the same signal as the prior to the start warning signal.

If personnel detection means are not active, the visible and/or acoustical warning signal shall bedifferent than the prior to the start and moving signals.

The visible and acoustical signal shall be designed taking into account the environmental conditions (e.g. noise, light, brightness).

When the truck changes its travel direction from a straight path, a visible indication of the direction to be taken shall be given (e. g. turning signals) prior to the change of direction.

The safety-related parts of the warning systems shall be in accordance with Table 1, item 28.

Annex A (normative)

Requirements for preparation of the operating zones

A.1 General

This annex establishes minimum requirements for the preparation of the zones so that the truck(s) can safely operate.

When a truck travels along a continuous fixed closed structure preventing persons from entering or reaching into the path, speed and other data in Table A.1 shall be applied.

When a truck travels near to a fixed structure or an object different from continuous fixed closed structure preventing persons from entering or reaching into the path, truck speed and other data in

Table A.2 shall be applied. See Figures A.1 and A.2 for examples of clearances.
...

A.2 Zones

A.2.1 Operating zone

A minimum clearance of 0,5 m wide for a height of 2,1 m shall be provided on both sides of the path.

This shall be measured between the path and adjacent fixed structures along the path.

A.2.2 Operating hazard zone

A zone of inadequate clearance (see A.2.1) or a zone which cannot be protected by personnel detection means shall be designated "operating hazard zone" (see Table A.1 and Table A.2) and marked accordingly. An operating hazard zone shall be clearly indicated by suitable signs or preferably floor/ ground markings. Confusion with other markings and signs shall be avoided.

In this operating hazard zone, the truck speed shall be in accordance with Table A.1 and Table A.2 and the truck shall emit additional acoustical and/or optical warnings.

If there is inadequate clearance and no pedestrian escape route of at least 0,5 m wide and 2,1 m high (see Table A.1 and Tables A.2, C.1, C.2 and C.3 clearance dimensions), then personnel detection means shall be active to ensure detection of persons to within 180 mm between edge of safety fields of ESPE and surrounding objects in order to check this zone is free of persons (e.g. block storages).

EXAMPLE
One example of an operating hazard zone can be the load transfer area (see A.2.5).
...

Table A.1 - Required zone classification and other requirements in areas with continuous fixed closed structures, considering clearances

ISO 3691 4 2020 Table A1
...
continued
...

3. Estratto Documento SUVA AVG

Organizzazione delle vie di circolazione e dei posti di lavoro

Capita raramente che i sistemi di movimentazione senza conducente lavorino in una zona «securizzata», delimitata in modo chiaro e netto e riservata solo a questi veicoli. Di solito questi veicoli operano negli stessi spazi in cui si muovono le persone e altri veicoli. Pertanto, possono crearsi varie situazioni critiche.

ISO 3691 4 2020 Table F 2

Fig. 2: incrocio tra le corsie dei veicoli AGV e le zone dedicate ai pedoni

In linea generale, si prediligono le zone usate in comune in quanto non sono riservate esclusivamente ai sistemi AGV; in questo modo le persone possono trovarsi nelle immediate vicinanze del veicolo automatizzato o sulle corsie di marcia.
Le vie di circolazione riservate esclusivamente alle persone devono invece essere separate dalle corsie dei sistemi AGV e in questi casi può bastare un'adeguata istruzione del personale e una segnaletica orizzontale.
Nelle aree a elevata frequentazione o destinate alla canalizzazione (ad esempio agli incroci, lungo i bordi dei percorsi o alle estremità dell'officina) può essere necessario installare una barriera.
...
segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2022
©Copia autorizzata Abbonati 

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Sicurezza Carrelli industriali senza conducente (AGV-LGV) conformi ISO 3691-4 Rev. 00 2022.pdf
Certifico Srl - Rev. 0.0 2022
1636 kB 156

Tags: Normazione Norme UNI Abbonati Normazione

Articoli correlati

Ultimi archiviati Normazione

Linee guida per la gestione delle emergenze sanitarie nelle RSA
Mag 09, 2022 94

Linee guida per la gestione delle emergenze sanitarie nelle RSA

Linee guida per la gestione delle emergenze sanitarie nelle RSA - UNI/PdR XX:2021 ID 16590 | 09.05.2022 / In allegato bozza PdR In consultazione pubblica, fino al 23 maggio 2022, il progetto di prassi di riferimento "Linee guida per la gestione delle emergenze sanitarie nelle Residenze Sanitarie… Leggi tutto
UNI PdR 117 2022
Apr 22, 2022 170

UNI/PdR 117:2022 - Linee guida utilizzo responsabile della plastica

UNI/PdR 117:2022 Linee guida per l'utilizzo responsabile della plastica Data entrata in vigore: 21 aprile 2022 La presente prassi di riferimento fornisce i requisiti minimi di un sistema di gestione finalizzato a un utilizzo responsabile della plastica. Essa si applica alle organizzazioni di… Leggi tutto
UNI EN 12542 2020
Apr 21, 2022 97

UNI EN 12542:2020

UNI EN 12542:2020 Attrezzature e accessori per GPL - Recipienti a pressione fissi cilindrici di acciaio saldato, prodotti in serie per lo stoccaggio di gas di petrolio liquefatto (GPL) con un volume non maggiore di 13 m³ - Progettazione e fabbricazione La norma specifica i requisiti per la… Leggi tutto

Più letti Normazione