Slide background
Certifico 2000/2022: Informazione Utile

/ Documenti disponibili: 30.755 *

/ Totale documenti scaricati: 17.883.016 *

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full, Full Plus | 2022

* Dati in real-time da Aprile 2014 alla data odierna.
Slide background
Certifico 2000/2022: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.


Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full, Full Plus | 2022
Slide background
Certifico 2000/2022: Informazione Utile


/ Documenti disponibili: 30.755 *

/ Totale documenti scaricati: 17.883.016 *

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full, Full Plus | 2022

* Dati in real-time da Aprile 2014 alla data odierna.
Slide background
Slide background
Certifico 2000/2022: Informazione Utile

/ Documenti disponibili: 30.755 *

/ Totale documenti scaricati: 17.883.016 *

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full, Full Plus | 2022

* Dati in real-time da Aprile 2014 alla data odierna.
Slide background
Certifico 2000/2022: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.


Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2022
Slide background
Certifico 2000/2022: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.


Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2022
Slide background
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

/ Documenti disponibili: 30.755 *

/ Totale documenti scaricati: 17.883.016 *

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021

* Dati da Aprile 2014 alla data odierna.
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021
Slide background
CEM4: certifico machinery directive

Il software per Direttiva macchine

da Marzo 2000

Promo Anniversary 21°
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021
Slide background
Certifico 2000/2020: Informazione Utile

Tutta la Documentazione presente è elaborata

o selezionata dalla nostra redazione su Standards riconosciuti.

Vedi i nostri abbonamenti e prodotti

ISO 20607:2019 Redazione manuale di istruzioni

ID 8769 | | Visite: 15615 | Documenti Riservati Direttiva macchinePermalink: https://www.certifico.com/id/8769

ISO 20607 2019 IT

ISO 20607:2019 Redazione manuale di istruzioni

ID 8769 | 15.07.2019

EN ISO 20607:2019 Armonizzazione MD

Con la Decisione di esecuzione (UE) 2020/480 (GU L 102/6 del 02.04.2020), la EN ISO 20607:2019 entra in regime di armonizzazione per la Direttiva 2006/42/CE "macchine" a partire dalla data del 02 Aprile 2020.

La norma EN ISO 20607:2019 diventa il riferimento per la redazione del Manuale di Istruzioni per l'Uso e Manutenzione di macchine in Presunzione di Conformità alla Direttiva 2006/42/CE Macchine.

Il presente elaborato, basato sulla norma tecnica ISO 20607:2019, illustra e dettaglia i contenuti da inserire all'interno di un manuale di istruzioni redatto per un prodotto rientrante nel campo di applicazione della Direttiva 2006/42/CE.

La norma tecnica ISO 20607:2019 specifica i requisiti di un manuale di istruzioni per i prodotti rientranti nel campo di applicazione della Direttiva 2006/42/CE Macchine.

La norma è una norma di tipo B secondo la classificazione riportata nella EN ISO 12100:2010.

La norma fornisce ulteriori specifiche per la redazione delle istruzioni per l’uso rispetto quanto già riportato al capitolo 6.4.5 della norma tecnica EN ISO 12100:2010.

(!) Traduzione non ufficiale IT (Licensed Certifico ISO - EN)

Download Preview Rev. 00 2019

INDICE

Premessa
Termini e definizioni
Gruppi cui è destinato il manuale di istruzioni
Le informazioni necessitano di
Vocabolario e terminologia comprensibili
Presentazione del manuale di istruzioni
Informazioni dai fornitori di componenti o sottosistemi
Leggibilità
Avvertenze, pittogrammi di pericolo e di sicurezza usati nel manuale di istruzioni
Struttura
Rischi residui
Segnali e dispositivi di allarme forniti con la macchina
Sicurezza informatica
Contenuto e struttura del manuale di istruzioni
Elementi base del manuale di istruzioni
Sommario
Sicurezza
Regole generali per la preparazione del capitolo "Sicurezza"
Situazioni di emergenza
Panoramica della macchina
Trasporto, movimentazione e stoccaggio
Assemblaggio della macchina
Posizionamento della macchina
Installazione
Controllo e collaudo dei sistemi di sicurezza
Messa in servizio
Impostazioni del Fabbricante
Funzionamento
Cambio di prodotto o capacità
Ispezione, test e manutenzione
Pulizia e sanificazione
Ricerca guasti / risoluzione dei problemi e riparazione
Smontaggio, disattivazione e rottamazione
Documenti e disegni
Indice
Glossario
Allegati
Lingua e formulazione/guida di stile
Versione (e) linguistica
Guida alla redazione delle istruzioni
Formulazione semplice per le istruzioni
Avvertenze
Forme di pubblicazione
Presentazione e formattazione (Allegato B)
Enfatizzare le informazioni
Titoli
Uso dei colori
Raccomandazioni per la scrittura delle istruzioni (Allegato C)

Data pubblicazione: 06.2019, Edizione 1

Comitato tecnico: ISO / TC 199 Sicurezza dei macchinari

EN ISO 12100:2010

6.4.5 Documenti di accompagnamento (in particolare manuale di istruzioni)

6.4.5.1 Contenuto

Il manuale di istruzioni o altre istruzioni scritte (per esempio, sull’imballaggio) devono contenere, tra l’altro, quanto segue:

a) informazioni relative al trasporto, alla movimentazione e all’immagazzinamento della macchina, come:

1) condizioni di immagazzinamento della macchina,
2) dimensioni, valore(i) della massa, posizione del(i) baricentro(i), e
3) indicazioni per la movimentazione (per esempio, disegni indicanti i punti di applicazione per l’attrezzatura di sollevamento);

b) informazioni relative all’installazione e alla messa in funzione della macchina, come:

1) requisiti per il fissaggio/ancoraggio e per la riduzione di rumore e vibrazioni,
2) condizioni di assemblaggio e di montaggio,
3) spazio richiesto per l'uso e la manutenzione,
4) condizioni ambientali ammissibili (per esempio, temperatura, umidità, vibrazioni, radiazioni elettromagnetiche),
5) istruzioni per il collegamento della macchina alla fonte di energia (in particolare riguardo alla protezione da sovraccarico elettrico),
6) indicazione sulla rimozione/smaltimento dei rifiuti, e
7) se necessario, raccomandazioni sulle misure di protezione da implementare da parte dell’utilizzatore - per esempio, mezzi di protezione supplementari (vedere figura 2, nota a piè di pagina d), distanze di sicurezza, segni e segnali di sicurezza;

c) informazioni relative alla macchina stessa, come:

1) descrizione dettagliata della macchina, suoi accessori, ripari e/o dispositivi di protezione,
2) gamma esaustiva delle applicazioni per cui è prevista la macchina, compresi gli eventuali usi non consentiti, tenendo conto delle eventuali variazioni della macchina originale,
3) diagrammi (in particolare la rappresentazione schematica delle funzioni di sicurezza),
4) dati sulla rumorosità e le vibrazioni generate dalla macchina e sulle radiazioni, i gas, i vapori e la polvere emessi dalla stessa, in riferimento ai metodi di misurazione utilizzati (comprese le incertezze di misurazione),
5) documentazione tecnica sull’equipaggiamento elettrico (vedere IEC 60204), e
6) documenti dichiaranti che la macchina soddisfa i requisiti obbligatori;

d) informazioni relative all’uso della macchina, come quanto segue:

1) uso previsto,
2) comandi manuali (attuatori),
3) messa a punto e regolazione,
4) modi e mezzi per l'arresto (in particolare arresto di emergenza),
5) rischi che non potrebbero essere eliminati mediante misure di protezione implementate dal progettista,
6) rischi particolari che possono essere generati da alcune applicazioni, mediante l’uso di particolari accessori, e su specifici mezzi di protezione necessari per tali applicazioni,
7) uso scorretto ragionevolmente prevedibile e applicazioni vietate,
8) identificazione e localizzazione delle avarie, per la riparazione e il riavviamento dopo un intervento, e
9) dispositivi di protezione individuale che è necessario utilizzare e formazione richiesta;

e) informazioni per la manutenzione, come:

1) natura e frequenza delle ispezioni per le funzioni di sicurezza,
2) specifiche delle parti di ricambio da utilizzare quando queste possono influire sulla salute e la sicurezza degli operatori,
3) istruzioni correlate a operazioni di manutenzione che richiedono una conoscenza tecnica definita o capacità particolari e di conseguenza devono essere eseguite esclusivamente da personale qualificato (per esempio, personale addetto alla manutenzione, specialisti),
4) istruzioni relative alle azioni di manutenzione (sostituzione di parti, ecc.) che non
richiedono capacità particolari e quindi possono essere eseguite dagli utilizzatori (per esempio
operatori), e
5) disegni e diagrammi che consentono al personale addetto alla manutenzione di eseguire le proprie mansioni in modo razionale (in particolare le mansioni della ricerca delle avarie);

f) informazioni relative a messa fuori servizio, smantellamento e smaltimento;

g) informazioni per situazioni di emergenza, come:

1) metodo operativo da seguire in caso di infortunio o rottura,
2) tipo di attrezzatura antincendio da utilizzare, e
3) un avvertimento su possibili emissioni o perdita di una sostanza(e) pericolosa(e) e, se possibile, indicazione dei mezzi per combatterne gli effetti;

h) istruzioni di manutenzione fornite per persone qualificate [voce e) 3) sopra] e istruzioni di manutenzione fornite per le persone non qualificate [voce e) 4) sopra], che è necessario appaiano chiaramente separate le une dalle altre.

6.4.5.2 Redazione del manuale di istruzioni

Quanto segue si applica alla redazione e presentazione del manuale di istruzioni.

a) Il carattere e la dimensione della stampa devono garantire la migliore leggibilità possibile. Avvertimenti e/o precauzioni di sicurezza dovrebbero essere enfatizzati dall'uso di colori, simboli e/o caratteri stampati in grande.

b) Le informazioni per l’uso devono essere fornite nella(e) lingua(e) del paese in cui la macchina è utilizzata per la prima volta e nella versione originale. Se più di una lingua è utilizzata, ogni lingua dovrebbe essere immediatamente distinguibile dall’altra e dovrebbero essere compiuti sforzi per mantenere insieme il testo tradotto e l’illustrazione pertinente.

Nota In alcuni paesi l’uso di una lingua(e) specifica(specifiche) è contemplato da requisiti legali.

c) Ogni qualvolta sia utile alla comprensione, il testo dovrebbe essere supportato da illustrazioni. Queste illustrazioni dovrebbero essere corredate di dettagli scritti che consentano, per esempio, di localizzare e identificare i comandi manuali (attuatori). Non dovrebbero essere separate dal testo di accompagnamento e dovrebbero seguire la sequenza delle operazioni.

d) Dovrebbe essere presa in considerazione una presentazione delle informazioni sotto forma di tabulati qualora questo agevoli la comprensione. Le tabelle dovrebbero essere poste accanto al testo pertinente.

e) Dovrebbe essere tenuto in considerazione l’uso dei colori, in particolare relativamente a componenti che richiedono una rapida identificazione.

f) Quando le informazioni per l’uso sono lunghe, dovrebbe essere fornito un sommario e/o un indice.

g) Le istruzioni relative alla sicurezza che implicano un’azione immediata dovrebbero essere fornite in una forma prontamente disponibile per l’operatore.

6.4.5.3 Stesura e redazione delle informazioni per l’uso

Quanto segue si applica alla stesura e alla redazione delle informazioni per l’uso.

a) Relazione con il modello: le informazioni devono chiaramente riferirsi allo specifico modello della macchina e, se necessario, ad altra identificazione appropriata (per esempio, numero di serie).

b) Principi di comunicazione: quando le informazioni per l'uso sono in fase di elaborazione, dovrebbe essere seguito il processo di comunicazione "vedere - pensare - utilizzare" per raggiungere il massimo effetto e dovrebbe rispettare la sequenza delle operazioni. Dovrebbero essere anticipate le domande "Come?" e "Perché?" e dovrebbero essere fornite le risposte.

c) Le informazioni per l’uso devono essere più semplici e più brevi possibile, e dovrebbero essere espresse in termini e unità coerenti, con una chiara spiegazione dei termini tecnici inusuali.

d) Quando si prevede che una macchina sia destinata a un uso non professionale, le istruzioni dovrebbero essere scritte in una forma immediatamente comprensibile all’utilizzatore non professionale. Se per l’utilizzo sicuro della macchina sono richiesti dispositivi di protezione individuale, dovrebbe essere fornita un’indicazione chiara, per esempio sull’imballaggio così come sulla macchina, in modo tale che questa informazione sia esposta in modo ben visibile presso il punto vendita.

e) Durata e disponibilità dei documenti: i documenti che forniscono istruzioni per l'uso dovrebbero essere prodotti in una forma durevole (cioè dovrebbero resistere a una manipolazione frequente da parte dell'utilizzatore). Può essere utile contrassegnarli con la dicitura “conservare per successiva consultazione”. Laddove le informazioni per l’uso siano conservate in formato elettronico (CD, DVD, nastro, disco rigido, ecc.) le informazioni relative ad aspetti della sicurezza che richiedono un’azione immediata devono essere sempre accompagnate da una copia cartacea immediatamente disponibile.

 Tabella corrispondenza EN ISO 12100

Tabella di corrispondenza con la norma tecnica EN ISO 12100

Excursus

Termini e definizioni

Ai fini del presente documento, si applicano i termini e le definizioni indicati nella ISO 12100 e le seguenti.

ISO e IEC gestiscono database terminologici da utilizzare nel processo di creazione delle norme tecniche ai seguenti indirizzi:

- Piattaforma di navigazione online ISO: disponibile su https://www.iso.org/obp

- IEC Electropedia: disponibile all'indirizzo http://www.electropedia.org/

MANUALE DI ISTRUZIONI – parte delle istruzioni per l’uso fornite da un Fabbricante di macchine all’utilizzatore che contiene istruzioni ed avvertimenti per l’uso della macchina durante tutte le fasi del suo ciclo di vita.

Nota 1: il manuale di istruzioni è una parte delle informazioni per l’uso. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla ISO 12100:2010, 6.4

INTEGRATORE – colui che progetta, fornisce, produce o assembla un sistema di produzione integrato ed è incaricato di stabilire la strategia per la sicurezza, comprese le misure di protezione, le interfacce di controllo e le interconnessioni nel sistema di comando.

Nota 1: l’integratore può essere un Fabbricante, un assemblatore, una società di ingegneria o l’utilizzatore.

MISURA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO – azioni o misure per l’eliminazione del pericolo o la riduzione del rischio

Nota 1: la frase “misura per la riduzione del rischio” usata in questo documento corrisponde alla frase “misure di protezione” usata nella ISO 12100.

Esempio: misure di protezione integrate nella progettazione, dispositivi di protezione, dispositivi di protezione personale, informazioni per l’uso e l’installazione, organizzazione del lavoro, addestramento, uso di attrezzature, supervisione.

UTENTE VULNERABILE – utente a maggior rischio di danno da prodotti o sistemi, a causa dell’età, del livello di alfabetizzazione, delle condizioni o limitazioni fisiche o mentali, o impossibilitato ad accedere alle informazioni sulla sicurezza del prodotto.

____

Elementi base del manuale di istruzioni

Le seguenti informazioni devono essere incluse nel manuale di istruzioni, a seconda dei casi:

a) frontespizio;

- data di rilascio, versione della pubblicazione del manuale di istruzioni;
- designazione della macchina (modello e / o tipo);
- informazioni sufficienti per identificare le macchine alle quali si applica il manuale (ad es. Identificazione) numero, numero (i) di serie, periodo di riferimento);

b) indice;
c) introduzione/scopo di questo manuale di istruzioni;
d) come leggere e utilizzare il manuale di istruzioni;
e) nome del fabbricante e dettagli per contattarlo (indirizzo postale, numeri di telefono, indirizzo e-mail, sito web);
f) tipo di manuale di istruzioni (ad esempio, funzionamento, manutenzione, software di controllo, guida per l'utente);
g) data di fabbricazione;
h) contrassegni al fine di indicare la conformità con i requisiti obbligatori/legali;
i) elenco delle abbreviazioni utilizzate;
j) simboli e segni, quali strumenti di evidenziazione del testo.

Se un manuale di istruzioni è composto da più di una parte, a ciascuna parte viene assegnata una propria pagina dal titolo definito sopra. L'identificazione di queste informazioni deve essere in un posto prominente.

Se un manuale di istruzioni è costituito da più di una parte, ciascuna parte deve essere identificata in relazione a le altre parti (ad esempio, parte 2 di 5 parti). Devono essere inclusi i seguenti argomenti, a seconda dei casi:

- gruppi di destinatari;
- capacità/abilità richieste dai gruppi
- guida per il lettore/convenzioni sulla marcatura/struttura del manuale di istruzioni.

____

Raccomandazioni per la scrittura delle istruzioni (Allegato C)

Questo allegato fornisce raccomandazioni ed esempi per:

- istruzioni (vedi Tabella 4.1);
- frasi (vedi Tabella 4.2);
- parole (vedi Tabella 4.3);
- verbi (vedi Tabella 4.4); e
- scrittura (vedi Tabella 4.5).

Tabella 4 1 Istruzioni

Tabella 4.1 – Istruzioni

...

segue in allegato

Fonti
ISO 20607:2019
(!) Traduzione non ufficiale IT (Licensed Certifico ISO - EN)

Certifico Srl - IT | Rev. 00 2019
©Copia autorizzata Abbonati

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato ISO 20607 Principi di redazione del Manuale di Istruzioni Rev. 00 2019 IT.pdf
Certifico Srl - Rev. 00 2019
354 kB 847
DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (ISO 20607 Principi di redazione del Manuale di Istruzioni Rev. 00 2019 IT Preview.pdf)ISO 20607 Principi di redazione del Manuale di Istruzioni - Preview
Certifico Srl - Rev. 00 2019
IT230 kB3462

Tags: Direttiva macchine Manuale Istruzioni Abbonati Direttiva macchine

Ultimi inseriti

Circolare VVF n  15438 del 15 ottobre 2019   Fig  1
Set 30, 2022 63

Circolare VVF n. 15438 del 15 ottobre 2019

Circolare VVF n. 15438 del 15 ottobre 2019 Chiarimenti applicativi allegato L al D.Lgs. 105/2015 - procedure semplificate di prevenzione incendi per gli stabilimenti di soglia superiore. Finalità La presente circolare fornisce chiarimenti applicativi dell'allegato L del D.Lgs 105/15 relativo alle… Leggi tutto
Set 30, 2022 20

Legge 3 agosto 2009 n. 102

in News
Legge 3 agosto 2009 n. 102 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, recante provvedimenti anticrisi, nonche' proroga di termini e della partecipazione italiana a missioni internazionali. (GU n.179 del 04.08.2009 - SO n. 140)_______ Aggiornamenti all'atto… Leggi tutto
Set 30, 2022 20

Decreto-Legge 1 luglio 2009 n. 78

in News
Decreto-Legge 1 luglio 2009 n. 78 / Consolidato 09.2022 Provvedimenti anticrisi, nonche' proroga di termini (GU n.150 del 01.07.2009) [box-info]Conversione Legge 3 agosto 2009 n. 102 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, recante provvedimenti anticrisi,… Leggi tutto
Set 30, 2022 24

Decreto Legislativo 15 febbraio 2016 n. 27

Decreto Legislativo 15 febbraio 2016 n. 27 Attuazione della direttiva 2013/56/UE che modifica la direttiva 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori per quanto riguarda l'immissione sul mercato di batterie portatili e di accumulatori contenenti cadmio destinati a… Leggi tutto
Set 30, 2022 27

Decreto Legislativo 11 febbraio 2011 n. 21

Decreto Legislativo 11 febbraio 2011 n. 21 Modifiche al decreto legislativo 20 novembre 2008, n. 188, recante l'attuazione della direttiva 2006/66/CE concernente pile, accumulatori e relativi rifiuti e che abroga la direttiva 91/157/CEE, nonche' l'attuazione della direttiva 2008/103/CE. (GU n.61… Leggi tutto
Ordinanza CC Sez 5 n  19767 del 22 09 2020
Set 30, 2022 38

Ordinanza CC Sez 5 n. 19767 del 22.09.2020

Ordinanza CC Sez 5 n. 19767 del 22.09.2020 Tassi sui Rifiuti (TARI): riduzione sino al 40% se il servizio è assente o ridotto. Tributi – TARI – Immobili situati all’interno dell’Interporto di Nola – Servizio raccolta espletato fino ai punti di accesso – Ampiezza dell’area – Concetto di “zona” –… Leggi tutto
Ordinanza CC Sez 5 n  22531 del 29 07 2017
Set 30, 2022 80

Ordinanza CC Sez 5 n. 22531 del 29.07.2017

Ordinanza CC Sez 5 n. 22531 del 29.07.2017 ID 17720 | 30.09.2022 Massima: In caso di disservizi nella raccolta dei rifiuti l'utente ha diritto ad una riduzione della tariffa anche se le negligenze non sono addebitabili al Comune ... Ordinanza CC Sez 5 n. 22531 del 29.07.2017 [...] [panel]Rilevato… Leggi tutto
Il metano nell inventario nazionale
Set 30, 2022 40

Il metano nell’Inventario nazionale delle emissioni di gas serra

Il metano nell’Inventario nazionale delle emissioni di gas serra ID 17719 | 30.09.2022 Rapporto ISPRA n. 374/2022 - Il metano nell’Inventario nazionale delle emissioni di gas serra. L’Italia e il Global Methane Pledge Il metano è un potente gas serra secondo solo all’anidride carbonica in termini… Leggi tutto

Ultimi Documenti Abbonati

Circolare VVF n  15438 del 15 ottobre 2019   Fig  1
Set 30, 2022 63

Circolare VVF n. 15438 del 15 ottobre 2019

Circolare VVF n. 15438 del 15 ottobre 2019 Chiarimenti applicativi allegato L al D.Lgs. 105/2015 - procedure semplificate di prevenzione incendi per gli stabilimenti di soglia superiore. Finalità La presente circolare fornisce chiarimenti applicativi dell'allegato L del D.Lgs 105/15 relativo alle… Leggi tutto
Ordinanza CC Sez 5 n  19767 del 22 09 2020
Set 30, 2022 38

Ordinanza CC Sez 5 n. 19767 del 22.09.2020

Ordinanza CC Sez 5 n. 19767 del 22.09.2020 Tassi sui Rifiuti (TARI): riduzione sino al 40% se il servizio è assente o ridotto. Tributi – TARI – Immobili situati all’interno dell’Interporto di Nola – Servizio raccolta espletato fino ai punti di accesso – Ampiezza dell’area – Concetto di “zona” –… Leggi tutto
Ordinanza CC Sez 5 n  22531 del 29 07 2017
Set 30, 2022 80

Ordinanza CC Sez 5 n. 22531 del 29.07.2017

Ordinanza CC Sez 5 n. 22531 del 29.07.2017 ID 17720 | 30.09.2022 Massima: In caso di disservizi nella raccolta dei rifiuti l'utente ha diritto ad una riduzione della tariffa anche se le negligenze non sono addebitabili al Comune ... Ordinanza CC Sez 5 n. 22531 del 29.07.2017 [...] [panel]Rilevato… Leggi tutto
UNI EN ISO 19014 2 2022
Set 30, 2022 34

UNI EN ISO 19014-2:2022

UNI EN ISO 19014-2:2022 ID 17717 | 30.09.2022 / In allegato Preview UNI EN ISO 19014-2:2022 Macchine movimento terra - Sicurezza funzionale - Parte 2: Progettazione e valutazione dei requisiti hardware e di architettura per le parti del sistema di comando legate alla sicurezza La norma specifica i… Leggi tutto
Set 29, 2022 57

UNI EN 15259:2008

UNI EN 15259:2008 ID 17775 | 29.09.2022 / Preview in allegato UNI EN 15259:2008 Qualità dell aria - Misurazione di emissioni da sorgente fissa - Requisiti delle sezioni e dei siti di misurazione e dell obiettivo, del piano e del rapporto di misurazione La presente norma è la versione ufficiale in… Leggi tutto
Requisiti tecnici postazioni in altezza emissioni in atmosfera
Set 29, 2022 135

Requisiti tecnici postazioni in altezza emissioni in atmosfera

Requisiti tecnici postazioni in altezza emissioni in atmosfera ID 17712 | 29.09.2022 / Documento completo allegato ARPAT Con la Delibera 528 del 1° luglio la Giunta regionale ha approvato il Documento “Requisiti tecnici delle postazioni in altezza per il prelievo e la misura delle emissioni in… Leggi tutto
Campionamento emissioni in atmosfera   Requisiti postazioni ARPA FVG
Set 29, 2022 158

Campionamento emissioni in atmosfera - Requisiti tecnici postazioni

Campionamento emissioni in atmosfera - Requisiti tecnici postazioni / ARPA FVG 2019 ID 17711 | 29.09.2022 / Documento completo allegato ARPA FVG 2016 / 2019 Le presenti linee guida sono state redatte con la finalità di costituire un utile riferimento per la progettazione e la realizzazione delle… Leggi tutto
Standardizzazione metodologie operative controllo emissioni in atmosfera ARPAV
Set 29, 2022 133

Standardizzazione metodologie operative controllo emissioni in atmosfera

Standardizzazione metodologie operative controllo emissioni in atmosfera / ARPAV 2018 ID 17709 | 29.09.2022 / Documento completo allegato ARPAV 2018 I controlli delle emissioni in atmosfera provenienti dagli insediamenti industriali sono attualmente regolamentati dal D. Lgs. 3 aprile 2006 n. 152 e… Leggi tutto