Slide background




Covid-19 | Contagi sul lavoro denunciati all’Inail: schede regionali 31 Agosto 2020

ID 10991 | | Visite: 944 | News SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/10991

schede regionali

Covid-19 | Contagi sul lavoro denunciati all’Inail sono 47mila. Schede regionali

Update 21.09.2020

Al 31 agosto denunciati 52.209 contagi sul lavoro da Covid-19

Rispetto al monitoraggio effettuato alla fine di luglio, le infezioni di origine professionale segnalate all’Inail sono 846 in più, di cui 323 riferite a contagi nel mese di agosto. I casi mortali sono 303 (+27, per lo più distribuiti tra marzo e aprile), pari a circa un terzo dei decessi registrati dall’inizio dell’anno. L’ottavo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto pubblicato oggi insieme alla versione aggiornata delle schede regionali di approfondimento

I contagi sul lavoro da Covid-19 denunciati all’Inail alla data del 31 agosto sono 52.209 (con un’incidenza del 19,4% rispetto al totale dei contagiati nazionali comunicati dall’Istituto superiore di sanità alla stessa data), 846 in più rispetto a quelli rilevati dal monitoraggio al 31 luglio. I casi mortali sono 303 (circa un terzo dei decessi denunciati all’Inail da inizio anno e con un’incidenza dello 0,9% rispetto al complesso dei deceduti nazionali da Covid-19 comunicati dall’Iss al 31 agosto), 27 in più rispetto ai dati rilevati al 31 luglio, concentrati soprattutto tra gli uomini (83,8%) e nelle fasce 50-64 anni (69,3%) e over 64 anni (19,8%), con un’età media dei deceduti di 59 anni. Prendendo in considerazione il totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’Istituto, il rapporto tra i generi si inverte – il 71,3% dei lavoratori contagiati sono donne – e l’età media scende a 47 anni.

In Lombardia oltre un terzo dei casi. A fare il punto della situazione è l’ottavo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, pubblicato oggi insieme alla versione aggiornata delle schede di approfondimento sui casi registrati nelle 19 regioni italiane e nelle due province autonome di Trento e Bolzano, diffuse con cadenza mensile. Dall’analisi territoriale emerge che più di otto denunce su 10 sono concentrate nel Nord Italia: il 56,1% nel Nord-Ovest e il 24,2% nel Nord-Est, seguiti da Centro (11,9%), Sud (5,7%) e Isole (2,1%). Focalizzando l’attenzione sui contagi con esito mortale, la percentuale del Nord-Ovest rispetto al totale è del 56,4%, mentre il Sud, con il 16,2% dei decessi, precede il Nord-Est (13,2%), il Centro (12,2%) e le Isole (2,0%). Tra le regioni si conferma il primato negativo della Lombardia, con oltre un terzo dei casi denunciati (36,0%) e il 42,6% dei decessi. La provincia più colpita è quella di Milano (11,0%), seguita da Torino (7,9%), Brescia (5,5%) e Bergamo (4,7%), che con 37 decessi, pari al 12,2% del totale, è al primo posto tra le province con più casi mortali, seguita da Milano (8,3%), Brescia (7,9%) e Napoli (6,3%).

Otto infezioni su 10 in ambito sanitario. Prendendo in considerazione le attività produttive, il 71,2% delle infezioni denunciate e il 23,3% dei casi mortali si concentra nel settore della Sanità e assistenza sociale (che comprende ospedali, case di cura e di riposo, istituti, cliniche, policlinici universitari, residenze per anziani e disabili), che insieme al settore degli organismi pubblici preposti alla sanità (Asl) porta all’80,2% la quota dei contagi e al 34,0% quella dei decessi avvenuti in ambito sanitario.

Seguono i servizi di vigilanza, pulizia, call center, il settore manifatturiero (addetti alla lavorazione di prodotti chimici, farmaceutici, alimentari) e le attività dei servizi di alloggio e ristorazione.

Dopo il lockdown in aumento l’incidenza di altri settori di attività. Con la graduale ripresa delle attività a partire dal mese di maggio, si osserva una progressiva riduzione dell’incidenza dei casi di contagio nel settore della sanità e assistenza sociale, che passa infatti dal 71,6% del periodo marzo-maggio al 56,0% di giugno-agosto, e un incremento in quelle attività economiche che, soprattutto nel periodo estivo, hanno avuto una ripresa lavorativa, come i servizi di alloggio e ristorazione (passati dal 2,5% di marzo-maggio, al 4,3% di giugno-agosto, con il 5,0% solo ad agosto) o noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese (cresciute dal 4,3% del periodo marzo-maggio al 7,7% di giugno-agosto e al 13,7% nel solo mese di agosto).

La categoria più a rischio è quella dei tecnici della salute. La categoria professionale dei tecnici della salute con il 39,7% dei contagi denunciati, oltre l’83% dei quali relativi a infermieri, si conferma la più colpita dal virus, seguita dagli operatori socio-sanitari (20,9%), dai medici (10,2%), dagli operatori socio-assistenziali (8,9%) e dal personale non qualificato nei servizi sanitari, come ausiliari, portantini e barellieri (4,8%), dagli impiegati amministrativi (3,1%), dagli addetti ai servizi di pulizia (1,9%) e dai dirigenti sanitari (1,0%).

Un decesso su tre tra il personale sanitario e socio-assistenziale. L’analisi dei decessi rivela come circa un terzo dei casi mortali codificati riguardi personale sanitario e socio-assistenziale, a partire dai tecnici della salute (il 58% sono infermieri), con il 10,3% dei decessi, seguiti da medici (7,5%), operatori socio-sanitari (5,6%), operatori socio-assistenziali e personale non qualificato nei servizi sanitari (3,6% per entrambe le categorie), e specialisti nelle scienze della vita, come tossicologi e farmacologi (2,4%). Le altre categorie coinvolte sono quelle degli impiegati amministrativi (11,5% dei decessi), degli addetti all’autotrasporto (6,3%), degli addetti alle vendite (2,8%), dei dipendenti nelle attività di ristorazione, degli addetti ai servizi di sicurezza, vigilanza e custodia e dei direttori, dirigenti ed equiparati dell’amministrazione pubblica e nei servizi di sanità, istruzione e ricerca (tutte con il 2,4% dei casi mortali denunciati).

Scheda nazionale - I dati sulle denunce da Covid-19 (monitoraggio al 31 Luglio 2020)

Abruzzo 31.07.2020
Basilicata 31.07.2020
Calabria 31.07.2020
Campania 31.07.2020
Emilia Romagna 31.07.2020
Friuli Venezia Giulia 31.07.2020
Lazio 31.07.2020
Liguria 31.07.2020
Lombardia 31.07.2020
Marche 31.07.2020
Molise 31.07.2020
Piemonte 31.07.2020
Provincia autonoma di Bolzano 31.07.2020
Provincia autonoma di Trento 31.07.2020
Puglia 31.07.2020
Sardegna 31.07.2020
Sicilia 31.07.2020
Toscana 31.07.2020
Umbria 31.07.2020
Valle d’Aosta 31.07.2020
Veneto 31.07.2020

_____

INAIL 21.07.2020 Pubblicate le nuove schede regionali

Covid-19, quasi 50mila i contagi sul lavoro denunciati all’Inail. Alla data del 30 giugno le infezioni di origine professionale segnalate all’Istituto sono 965 in più rispetto al monitoraggio precedente. I casi mortali sono 252 (+16), concentrati soprattutto tra gli uomini (82,5%) e nel Nord-Ovest (58,3%), con un’età media dei deceduti di 59 anni

I contagi sul lavoro da nuovo Coronavirus rilevati dall’Inail alla data del 30 giugno sono 49.986, 965 in più rispetto al monitoraggio del 15 giugno e pari a circa un quinto delle denunce di infortunio pervenute all’Istituto dall’inizio dell’anno. I casi mortali sono 252 (+16), concentrati soprattutto tra gli uomini (82,5%) e nelle fasce 50-64 anni (69,8%) e over 64 anni (19,5%), con un’età media dei deceduti di 59 anni. Prendendo in considerazione il totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’Inail, il rapporto tra i generi si inverte – il 71,6% dei lavoratori contagiati sono donne – e l’età media scende a 47 anni. A fare il punto della situazione è il sesto report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, pubblicato oggi insieme alla versione aggiornata delle schede di approfondimento sui casi registrati nelle 19 regioni italiane e nelle due province autonome di Trento e Bolzano, diffuse con cadenza mensile.

Nell'Italia settentrionale più di otto denunce su 10. Dall’analisi territoriale emerge che più di otto denunce su 10 sono concentrate nell’Italia settentrionale: il 56,2% nel Nord-Ovest e il 24,2% nel Nord-Est, seguiti da Centro (11,8%), Sud (5,7%) e Isole (2,1%). Concentrando l’attenzione sui contagi con esito mortale, la percentuale del Nord-Ovest rispetto al totale sale al 58,3%, mentre il Sud, con il 15,1% dei decessi, precede il Nord-Est (13,1%), il Centro (11,9%) e le Isole (1,6%). La Lombardia è la regione più colpita, con oltre un terzo dei casi denunciati (36,1%) e il 44,8% dei decessi. Nel dettaglio, il 30,2% dei 18.032 contagi sul lavoro denunciati nel territorio lombardo riguardano la provincia di Milano, ma con 32 decessi la provincia di Bergamo conferma il primato negativo per i casi mortali, seguita da Milano (22), Brescia (20) e Cremona (16).

Oltre un terzo dei decessi in ambito sanitario. Circa il 99% delle denunce riguarda la gestione assicurativa dell’Industria e servizi, mentre i casi registrati in Agricoltura, nella Navigazione e nella gestione per Conto dello Stato sono circa 600. Rispetto alle attività produttive, il 72,1% del complesso delle infezioni denunciate e il 26,1% dei casi mortali si concentra nel settore della Sanità e assistenza sociale (che comprende ospedali, case di cura e di riposo, istituti, cliniche, policlinici universitari, residenze per anziani e disabili), che insieme al settore degli organismi pubblici preposti alla sanità (Asl) porta all’81,2% la quota dei contagi e al 36,6% quella dei decessi avvenuti in ambito sanitario. Seguono i servizi di vigilanza, pulizia, call center, il settore manifatturiero (addetti alla lavorazione di prodotti chimici, farmaceutici, alimentari), le attività di alloggio e ristorazione, il commercio e il trasporto e magazzinaggio.

Tecnici della salute, medici e operatori socio-assistenziali le categorie più coinvolte. Con il 40,6% dei contagi denunciati, oltre l’83% dei quali relativi a infermieri, la categoria professionale dei tecnici della salute si conferma la più colpita dal virus, seguita dagli operatori socio-sanitari (21,3%), dai medici (10,5%), dagli operatori socio-assistenziali (8,7%) e dal personale non qualificato nei servizi sanitari, come ausiliari, portantini e barellieri (4,7%). L’analisi dei decessi rivela come circa il 40% riguardi personale sanitario e socio-assistenziale. Nel dettaglio, l’11,8% dei casi mortali codificati riguarda i tecnici della salute (il 63% sono infermieri), seguiti dai medici (9,3%), dagli operatori socio-sanitari (8,1%), dagli operatori socio-assistenziali e dal personale non qualificato nei servizi sanitari (4,3% per entrambe le categorie).

Scheda nazionale - I dati sulle denunce da Covid-19 (monitoraggio al 30 giugno 2020)

Abruzzo 30.06.2020
Basilicata 30.06.2020
Calabria 30.06.2020
Campania 30.06.2020
Emilia Romagna 30.06.2020
Friuli Venezia Giulia 30.06.2020
Lazio 30.06.2020
Liguria 30.06.2020
Lombardia 30.06.2020
Marche 30.06.2020
Molise 30.06.2020
Piemonte 30.06.2020
Provincia autonoma di Bolzano 30.06.2020
Provincia autonoma di Trento 30.06.2020
Puglia 30.06.2020
Sardegna 30.06.2020
Sicilia 30.06.2020
Toscana 30.06.2020
Umbria 30.06.2020
Valle d’Aosta 30.06.2020
Veneto 30.06.2020

_________

INAIL, 12.06.2020

Alla data del 31 maggio il quarto report sulle infezioni di origine professionale, elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, registra circa 3.600 denunce in più rispetto al monitoraggio del 15 maggio. I decessi sono 208 (+37) e quasi sei casi su 10 (58,7%) ricadono nel Nord-Ovest, con il primato negativo nella provincia di Bergamo.

ROMA - Le denunce di infortunio sul lavoro da nuovo Coronavirus pervenute all’Inail alla data del 31 maggio sono 47.022, 3.623 in più rispetto al monitoraggio precedente del 15 maggio. I casi mortali sono 208 (+37), pari a circa il 40% del totale dei decessi sul lavoro denunciati all’Istituto nel periodo preso in esame e concentrati soprattutto nei mesi di marzo (40%) e aprile (56%). A rilevarlo è il quarto report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Inail, che rispetto ai precedenti si arricchisce di un approfondimento a livello territoriale, con la predisposizione di 21 schede relative ai casi registrati nelle 19 regioni italiane e nelle due province autonome di Trento e Bolzano, che saranno aggiornate con cadenza mensile.

La Lombardia si conferma la regione più colpita. Più della metà delle denunce (55,8%) e quasi sei casi mortali su 10 (58,7%) ricadono nel Nord-Ovest. La Lombardia, in particolare, si conferma la regione più colpita, con il 35,5% delle denunce di contagio sul lavoro e il 45,2% dei decessi. Il 30,4% delle 16.700 infezioni denunciate nel territorio lombardo riguardano la provincia di Milano, ma il primato negativo dei casi mortali, con 25 decessi, è della provincia di Bergamo.

La maggioranza dei casi nel settore della sanità e assistenza sociale. Il settore della Sanità e assistenza sociale – che comprende ospedali, case di cura e di riposo, istituti, cliniche, policlinici universitari, residenze per anziani e disabili – registra, insieme agli organismi pubblici preposti alla sanità, l’81,6% delle denunce (e il 39,3% dei casi mortali). Seguono i servizi di vigilanza, pulizia, call center, il settore manifatturiero (industria alimentare, chimica e farmaceutica), le attività di alloggio e ristorazione e il commercio.

Più vittime tra infermieri e medici. L’analisi per professione evidenzia la categoria dei tecnici della salute come quella più coinvolta da contagi, con il 41,3% delle denunce complessive, circa l’84% delle quali relative a infermieri. Seguono gli operatori socio-sanitari (21,5%), i medici (11,0%), gli operatori socio-assistenziali (8,3%) e il personale non qualificato nei servizi sanitari, come ausiliari, portantini e barellieri (4,8%). Circa la metà dei decessi riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale. Le categorie più colpite sono quelle dei tecnici della salute (il 66% sono infermieri), con il 14,2% dei casi mortali codificati, e dei medici (13,2%).

Sette morti su 10 nella fascia di età 50-64 anni. Il 71,7% dei contagiati sono donne e il 28,3% uomini, ma il rapporto tra i generi si inverte nei casi mortali. I decessi degli uomini, infatti, sono pari all’82,7% del totale. L’età media dei lavoratori che hanno contratto il virus è di 47 anni per entrambi i sessi, ma sale a 59 anni (57 per le donne e 59 per gli uomini) per i casi mortali. Il 71,2% dei decessi è concentrato nella fascia di età 50-64 anni, seguita da quella over 64 anni (18,3%). La quota dei lavoratori stranieri è pari al 15,6% del totale delle denunce e al 10,1% dei decessi.

_______

Scheda nazionale - I dati sulle denunce da Covid-19 (monitoraggio al 31 maggio 2020)
Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Provincia autonoma di Bolzano
Provincia autonoma di Trento
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Umbria
Valle d’Aosta
Veneto

...

Fonte: INAIL

Collegati:

Scarica questo file (Veneto 31.07.2020.pdf)Veneto 31.07.2020 IT217 kB(10 Downloads)
Scarica questo file (Valle d Aosta 31.07.2020.pdf)Valle d’Aosta 31.07.2020 IT205 kB(12 Downloads)
Scarica questo file (Umbria 31.07.2020.pdf)Umbria 31.07.2020 IT164 kB(9 Downloads)
Scarica questo file (Toscana 31.07.2020.pdf)Toscana 31.07.2020 IT206 kB(10 Downloads)
Scarica questo file (Sicilia 31.07.2020.pdf)Sicilia 31.07.2020 IT169 kB(9 Downloads)
Scarica questo file (Sardegna 31.07.2020.pdf)Sardegna 31.07.2020 IT213 kB(13 Downloads)
Scarica questo file (Puglia 31.07.2020.pdf)Puglia 31.07.2020 IT173 kB(14 Downloads)
Scarica questo file (Provincia autonoma di Trento 31.07.2020.pdf)Provincia autonoma di Trento 31.07.2020 IT188 kB(9 Downloads)
Scarica questo file (Provincia autonoma di Bolzano 31.07.2020.pdf)Provincia autonoma di Bolzano 31.07.2020 IT194 kB(13 Downloads)
Scarica questo file (Piemonte 31.07.2020.pdf)Piemonte 31.07.2020 IT205 kB(10 Downloads)
Scarica questo file (Molise 31.07.2020.pdf)Molise 31.07.2020 IT209 kB(9 Downloads)
Scarica questo file (Marche 31.07.2020.pdf)Marche 31.07.2020 IT214 kB(11 Downloads)
Scarica questo file (Lombardia 31.07.2020.pdf)Lombardia 31.07.2020 IT217 kB(9 Downloads)
Scarica questo file (Liguria 31.07.2020.pdf)Liguria 31.07.2020 IT198 kB(13 Downloads)
Scarica questo file (Lazio 31.07.2020.pdf)Lazio 31.07.2020 IT166 kB(15 Downloads)
Scarica questo file (Friuli Venezia Giulia 31.07.2020.pdf)Friuli Venezia Giulia 31.07.2020 IT169 kB(14 Downloads)
Scarica questo file (Emilia Romagna 31.07.2020.pdf)Emilia Romagna 31.07.2020 IT219 kB(11 Downloads)
Scarica questo file (Campania 31.07.2020.pdf)Campania 31.07.2020 IT200 kB(12 Downloads)
Scarica questo file (Calabria 31.07.2020.pdf)Calabria 31.07.2020 IT199 kB(9 Downloads)
Scarica questo file (Basilicata 31.07.2020.pdf)Basilicata 31.07.2020 IT164 kB(13 Downloads)
Scarica questo file (Abruzzo 31.07.2020.pdf)Abruzzo 31.07.2020 IT215 kB(11 Downloads)
Scarica questo file (Scheda nazionale - I dati sulle denunce da Covid-19.pdf)Scheda nazionale - I dati sulle denunce da Covid-1931.07.2020IT236 kB(38 Downloads)
Scarica questo file (Veneto 30.06.2020.pdf)Veneto 30.06.2020 IT167 kB(39 Downloads)
Scarica questo file (Valle d’Aosta 30.06.2020.pdf)Valle d’Aosta 30.06.2020 IT200 kB(37 Downloads)
Scarica questo file (Umbria 30.06.2020.pdf)Umbria 30.06.2020 IT153 kB(42 Downloads)
Scarica questo file (Toscana 30.06.2020.pdf)Toscana 30.06.2020 IT203 kB(44 Downloads)
Scarica questo file (Sicilia 30.06.2020.pdf)Sicilia 30.06.2020 IT211 kB(40 Downloads)
Scarica questo file (Sardegna 30.06.2020.pdf)Sardegna 30.06.2020 IT165 kB(41 Downloads)
Scarica questo file (Puglia 30.06.2020.pdf)Puglia 30.06.2020 IT209 kB(36 Downloads)
Scarica questo file (Provincia autonoma di Trento 30.06.2020.pdf)Provincia autonoma di Trento 30.06.2020 IT181 kB(45 Downloads)
Scarica questo file (Provincia autonoma di Bolzano 30.06.2020.pdf)Provincia autonoma di Bolzano 30.06.2020 IT180 kB(44 Downloads)
Scarica questo file (Piemonte 30.06.2020.pdf)Piemonte 30.06.2020 IT207 kB(37 Downloads)
Scarica questo file (Molise 30.06.2020.pdf)Molise 30.06.2020 IT163 kB(44 Downloads)
Scarica questo file (Marche 30.06.2020.pdf)Marche 30.06.2020 IT151 kB(43 Downloads)
Scarica questo file (Lombardia 30.06.2020.pdf)Lombardia 30.06.2020 IT209 kB(39 Downloads)
Scarica questo file (Liguria 30.06.2020.pdf)Liguria 30.06.2020 IT197 kB(63 Downloads)
Scarica questo file (Lazio 30.06.2020.pdf)Lazio 30.06.2020 IT137 kB(51 Downloads)
Scarica questo file (Friuli Venezia Giulia 30.06.2020.pdf)Friuli Venezia Giulia 30.06.2020 IT219 kB(41 Downloads)
Scarica questo file (Emilia Romagna 30.06.2020.pdf)Emilia Romagna 30.06.2020 IT217 kB(37 Downloads)
Scarica questo file (Campania 30.06.2020.pdf)Campania 30.06.2020 IT207 kB(41 Downloads)
Scarica questo file (Calabria 30.06.2020.pdf)Calabria 30.06.2020 IT208 kB(42 Downloads)
Scarica questo file (Basilicata 30.06.2020.pdf)Basilicata 30.06.2020 IT205 kB(35 Downloads)
Scarica questo file (Abruzzo 30.06.2020.pdf)Abruzzo 30.06.2020 IT176 kB(38 Downloads)
Scarica questo file (Scheda nazionale - I dati sulle denunce da Covid-19 monitoraggio al 30 giugno 2020.pdf)Scheda nazionale - I dati sulle denunce da Covid-1930.06.2020IT245 kB(38 Downloads)
Scarica questo file (022. Veneto.pdf)Veneto IT193 kB(77 Downloads)
Scarica questo file (021. Valle d’Aosta.pdf)Valle d’Aosta IT176 kB(76 Downloads)
Scarica questo file (020. Umbria.pdf)Umbria IT118 kB(77 Downloads)
Scarica questo file (019. Toscana.pdf)Toscana IT193 kB(74 Downloads)
Scarica questo file (018. Sicilia.pdf)Sicilia IT204 kB(64 Downloads)
Scarica questo file (017. Sardegna.pdf)Sardegna IT153 kB(76 Downloads)
Scarica questo file (016. Puglia.pdf)Puglia IT194 kB(72 Downloads)
Scarica questo file (015. Provincia autonoma di Trento.pdf)Provincia autonoma di Trento IT178 kB(73 Downloads)
Scarica questo file (014. Provincia autonoma di Bolzano.pdf)Provincia autonoma di Bolzano IT181 kB(67 Downloads)
Scarica questo file (013. Piemonte.pdf)Piemonte IT258 kB(71 Downloads)
Scarica questo file (012. Molise.pdf)Molise IT174 kB(89 Downloads)
Scarica questo file (011. Marche.pdf)Marche IT124 kB(68 Downloads)
Scarica questo file (010. Lombardia.pdf)Lombardia IT197 kB(73 Downloads)
Scarica questo file (09. Liguria.pdf)Liguria IT182 kB(72 Downloads)
Scarica questo file (08. Lazio.pdf)Lazio IT126 kB(81 Downloads)
Scarica questo file (07. Friuli Venezia Giulia.pdf)Friuli Venezia Giulia IT208 kB(73 Downloads)
Scarica questo file (06. Emilia Romagna.pdf)Emilia Romagna IT187 kB(74 Downloads)
Scarica questo file (05. Campania.pdf)Campania IT187 kB(140 Downloads)
Scarica questo file (04. Calabria.pdf)Calabria IT201 kB(63 Downloads)
Scarica questo file (03. Basilicata.pdf)Basilicata IT188 kB(74 Downloads)
Scarica questo file (02. Abruzzo.pdf)Abruzzo IT154 kB(76 Downloads)
Scarica questo file (01. Scheda nazionale.pdf)Scheda nazionale IT288 kB(71 Downloads)

Tags: Sicurezza lavoro INAIL Coronavirus

Ultimi archiviati Sicurezza

VVF 27 10 2020
Ott 30, 2020 29

Misure VVF per il contrasto contagio SARS-CoV-2 luoghi di lavoro

Misure per il contrasto contagio SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro Ministero dell'interno, Dipartimento VVF 27 ottobre 2020 (aggiornamento) Misure per il contrasto al rischio da contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro per il personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco _____ Sommario1.… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Ott 30, 2020 15

Cassazione Penale Sent. Sez. 3 Num. 29818 | 27 Ottobre 2020

Cassazione Penale Sez. 3 del 27 ottobre 2020 n. 29818 Certificato di prevenzione incendi. La violazione della procedura amministrativa da parte dell'organo di vigilanza non è causa di improcedibilità dell'azione penale Penale Sent. Sez. 3 Num. 29818 Anno 2020Presidente: ACETO ALDORelatore: GAI… Leggi tutto
Decreto direttoriale n  66 del 29 ottobre 2020
Ott 30, 2020 19

Decreto direttoriale n. 66 del 29 ottobre 2020

Decreto direttoriale n. 66 del 29 ottobre 2020 Esperti di radioprotezione: Decreto per gli esami a distanza MLPS, 29 ottobre 2020 ​Come stabilito dal Decreto direttoriale n. 66 del 29 ottobre 2020, in considerazione dell'emergenza epidemiologica e al fine di contrastare e contenere la diffusione… Leggi tutto
DMS mappatura
Ott 28, 2020 26

Mappatura dell’organismo e dei pericoli nella prevenzione DMS

Mappatura dell’organismo e dei pericoli nella prevenzione DMS Mappatura dell’organismo e dei pericoli nella prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici (DMS) EU-OSHA, Ottobre 2020 La presente scheda informativa fornisce una panoramica delle tecniche di mappatura dell’organismo e dei pericoli e ne… Leggi tutto
Reinserimento persone con disabilit
Ott 26, 2020 42

Reinserimento e integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro

Reinserimento e integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro INAIL, 2020 I due opuscoli, realizzati in occasione della nuova campagna sul reinserimento lavorativo delle persone con disabilità da lavoro, contengono una sintesi delle misure di sostegno proposte dall’Istituto. Inail… Leggi tutto
Gli infortuni mortali causati da esplosioni
Ott 23, 2020 51

Infor.MO | Gli infortuni mortali causati da esplosioni

Infor.MO | Gli infortuni mortali causati da esplosioni INAIL, 23 Ottobre 2020 La scheda presenta l’approfondimento dei dati descrittivi, delle dinamiche infortunistiche e dei fattori causali caratteristici delle esplosioni registrate nella banca dati del sistema di sorveglianza nazionale degli… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Ott 23, 2020 54

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 28726 | 16 Ottobre 2020

Cassazione Penale Sez. 4 del 16 ottobre 2020 n. 28726 Infortunio mortale durante la movimentazione di travi. Responsabilità del direttore di stabilimento colpevole di aver tollerato, avallato e non corretto prassi lavorative pericolose Penale Sent. Sez. 4 Num. 28726 Anno 2020Presidente: DOVERE… Leggi tutto

Più letti Sicurezza