Slide background




Vademecum Impianti a gas uso domestico N. 1 | UNI 7129-1:2015

ID 4913 | | Visite: 250369 | Documenti impianti riservatiPermalink: https://www.certifico.com/id/4913

Vademecum Impianti a gas uso domestico N. 1 | UNI 7129-1: 2015

Il presente documento (N. 1 della serie di 5 documenti previsti) illustra, con il supporto di immagini, le tipologie di impianti a gas ad uso domestico, individuandone il dimensionamento, i materiali ed i criteri di posa in opera, in base a quanto indicato nella norma UNI 7129:1:2015.

Download Preview

Ai sensi della legge n. 1083/71 e del Decreto MISE 30 Settembre 2015, la norma UNI 7129-1:X è "regola della buona tecnica" (vedi commento in calce) per la sicurezza dell'impiego del gas combustibile.

La norma UNI 7129:1:2015 - Impianti a gas per uso domestico e similare alimentati da rete di distribuzione - Progettazione, installazione e messa in servizio - Parte 1: Impianto interno, si applica agli impianti domestici e similari per l'utilizzazione dei gas combustibili appartenenti alla I, II e III famiglia di cui alla UNI EN 437 ed alimentati da rete di distribuzione di cui alla UNI 9165 e UNI 10682.

La norma fissa i criteri per la costruzione ed i rifacimenti di impianti interni o parte di essi, asserviti ad apparecchi utilizzatori aventi singola portata termica nominale massima non maggiore di 35 kW.

Excursus

Dimensionamento dell'impianto interno

Per il dimensionamento dell'impianto interno si rimanda all'appendice A. In presenza di progetto è consentito ricorrere a procedure di dimensionamento diverse purché sia garantito un risultato equivalente, in termini di funzionalità e sicurezza.

Le sezioni delle tubazioni devono essere tali da garantire una fornitura di gas sufficiente a coprire la massima richiesta limitando la perdita di pressione (pressione statica misurata in condizioni dinamiche, ovvero durante il funzionamento degli apparecchi a potenza nominale massima) fra il contatore e qualsiasi apparecchio di utilizzazione a valori non maggiori di:

- 0,5 mbar per i gas della 1a famiglia (gas manifatturato);
- 1,0 mbar per i gas della 2a famiglia (gas naturale);
- 2,0 mbar per i gas della 3a famiglia (GPL).

Qualora a monte del contatore sia installato un regolatore di pressione, si ammettono perdite di carico doppie di quelle sopra riportate.

...

Tubazioni

Le tubazioni che costituiscono la parte fissa degli impianti possono essere di:

a. ACCIAIO

b. RAME

c. POLIETILENE

d. MULTISTRATO METALLO-PLASTICO

e. ACCIAIO INOSSIDABILE CORRUGATE PLT-CSST

...

Tubazioni corrugate formabili PLT-CSST in acciaio inossidabile

I tubi di acciaio corrugate semirigido devono essere conformi alla UNI EN 15266.

I tubi per sistema PLT-CSST devono essere dotati di idoneo rivestimento protettivo (figura 2); tale rivestimento deve essere di materiale conforme alla UNI EN 15266.

I tratti di tubo, in cui il rivestimento e stato rimosso per realizzare una giunzione, e lo stesso raccordo utilizzato allo scopo devono essere ricoperti con un "nastro protettivo" fornito o dichiarato idoneo dal fabbricante del sistema.

La posa in opera del nastro protettivo deve essere effettuata come indicate nelle procedure riportate sul libretto d'istruzioni ed avvertenze fornito dallo stesso fabbricante del sistema.

Per l'utilizzo dei sistemi PLT-CSST vedere appendice F.

Figura 2 Dimensioni dei tubi

Legenda

1 Rivestimento
2 Tubo PLT-CSST
D1 Diametro esterno con il rivestimento
D2 Diametro esterno senza il rivestimento
D3 Diametro interno
S Spessore

Per i diametri di uso corrente, gli spessori minimi da impiegare sono indicati nel prospetto 6.

Prospetto 6 - Tubi di acciaio corrugato - Diametri e spessori

Dimensione nominale DN
DN10 DN12 DN15 DN20 DN25 DN32 DN40 DN50
Spessore s (valori minimi) [mm]
0,18 0,20 0,20 0,25 0,25 0,30 0,30 0,30
Diametro interno D3 (valori minimi) [mm]
9,8 11,8 14,7 19,6 24,5 31,4 39,2 49,0

a) II diametro interno del tubo deve essere almeno il 98% della sua dimensione nominale in millimetri.

...

Installazione in canaletta all'esterno dell'edificio

Nel caso di tubazioni multistrato metallo-plastiche, è consentita la posa delle tubazioni del gas in canaletta sulla parete perimetrale esterna dell'edificio, purché siano sempre adeguatamente protette lungo tutto il loro percorso esterno dall'azione dei raggi UV (per esempio canaletta chiusa oppure canaletta grigliata più guaina, figure 3b e 3c) e da danneggiamenti meccanici (con particolare attenzione alle zone soggette a transito o manovra di mezzi), ove necessario.

La canaletta deve essere realizzata con materiali resistenti agli agenti atmosferici. La superficie di chiusura, anche se grigliata, deve essere di tipo rimovibile per permettere, all'occorrenza, ispezioni e manutenzioni.

Figura 3b

Legenda

1 Canaletta grigliata
2 Copertura grigliata
3 Raccordo
4 Tubazione gas multistrato
5 Guaina

...

Indice
Premessa
1. Dimensionamento impianto interno
2. Materiali - Tubazioni
2.1 Tubi di acciaio
Tubi di acciaio non legato
Tubi di acciaio non legato a parete sottile
Tubi di acciaio inossidabile a parete sottile
2.1.1 Giunzioni per tubi di acciaio
2.1.2 Dispositivi di intercettazione per tubi di acciaio
2.2 Tubi di rame
2.2.1 Giunzioni per tubi di rame
2.2.2 Dispositivi di intercettazione per tubi di rame
2.3 Tubi di polietilene.
2.3.2 Dispositivi di intercettazione per tubi di polietilene
2.4 Tubi di materiale multistrato metallo-plastico
2.4.1 Giunzioni per tubi di materiale multistrato metallo-plastico
2.4.2 Dispositivi di intercettazione per tubi di materiale multistrato metallo-plastico
2.5 Tubazioni corrugate formabili PLT-CSST in acciaio inossidabile
2.5.1 Giunzioni per tubi PLT-CSST
2.5.1 Dispositivi di intercettazione per tubi PLT-CSST
3. Criteri generali di posa in opera dell'impianto interno
3.1 Divieti
4. Tipologie di installazione
4.1 Installazione di tubazioni a vista
4.2 Installazione in alloggiamento tecnico
4.3 Installazione in canaletta all'esterno dell'edificio
4.4 Installazione in canaletta all'interno dell'edificio
4.5 Installazione in asola di servizio

Fonte:
UNI 7129-1:2015
Impianti a gas per uso domestico e similare alimentati da rete di distribuzione - Progettazione, installazione e messa in servizio - Parte 1: Impianto interno

Certifico Srl - IT Rev. 00 2017

______________

Riquadro di commento:

UNI 7129:2008 e 7129:2015

Ai sensi della Legge 1083/71 e del Decreto MISE 30 Settembre 2015 la UNI 7129:2008 non è abrogata ma in questo momento "convive" con la UNI 7129:2015, e lo sarà fino all'abrogazione dell'Ed. 2008 per decreto, contestualmente all'approvazione come norma "stato della buona tecnica" della nuova Ed. 2015.

La possibilità per gli operatori di scegliere comunque, l'una o l'altra edizione, consentirà di comprendere e applicare le novità dell'edizione 2015 In particolare per i “nuovi materiali” ed anche per i riferimenti a nuove norme / modifiche / sostituzioni / abrogazioni rispetto a quelle riportate nell’edizione 2008.

Articoli correlati:

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Vademecum illustrato Impianti gas domestici N. 1 - UNI 7129-1 2015..pdf
Certifico Srl - Rev. 00 2017
1273 kB 351
DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Vademecum illustrato Impianti gas domestici N. 1 - UNI 7129-1 2015 - Preview.pdf)Vademecum illustrato impianti gas domestici N. 1
Certifico Srl - Rev. 00 2017 Preview
IT754 kB28471

Tags: Impianti Abbonati Impianti Impianti gas Vademecum

Ultimi archiviati Sicurezza

Sentenze cassazione penale
Ago 05, 2022 39

Cassazione Penale Sent. Sez. 3 Num. 30690 | 04 Agosto 2022

Cassazione Penale, Sez. 3 del 04 agosto 2022 n. 30690 Modifica del dispositivo di segnalazione luminosa del carrello elevatore: mancanza di formazione e prassi non conformi Penale Sent. Sez. 3 Num. 30690 Anno 2022Presidente: RAMACCI LUCARelatore: GAI EMANUELAData Udienza: 23/06/2022 [panel]Ritenuto… Leggi tutto
Dati INAIL 07 2022
Ago 04, 2022 78

Dati INAIL 07/2022 - Andamento infortuni sul lavoro e malattie professionali

Dati INAIL 07/2022 - Andamento infortuni sul lavoro e malattie professionali Nel 2021 meno contagi sul lavoro da Covid-19, ma sono aumentati infortuni e casi mortali “tradizionali” Dopo la presentazione della Relazione annuale a Montecitorio, il nuovo numero del periodico Dati Inail, curato dalla… Leggi tutto
Ago 03, 2022 92

Circolare Inail n. 31 del 3 agosto 2022

Circolare Inail n. 31 del 3 agosto 2022 ID 17260 | 03.08.2022 / In allegato Circolare Comunicazioni dei rapporti di lavoro in regime di codatorialità. Modello Unirete. Decreto del Ministro del lavoro 29 ottobre 2021, n. 205. Inquadramento previdenziale e assicurativo. Indicazioni operative. Con… Leggi tutto
La stampa 3d e le implicazioni per la salute dei lavoratori
Ago 02, 2022 62

La stampa 3d e le implicazioni per la salute dei lavoratori

La stampa 3d e le implicazioni per la salute dei lavoratori ID 17246 | 02.08.2022 / Fact sheet INAIL 2022 La stampa 3d e le implicazioni per la salute dei lavoratori: lavorare in sicurezza con le nuove tecnologie Il crescente utilizzo della stampa 3D tra i processi di produzione innovativi… Leggi tutto

Più letti Sicurezza