Slide background

Verifiche attrezzature e insiemi a pressione: UNI 11325-12:2018

ID 5428 | | Visite: 3220 | Documenti Riservati SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/5428

UNI 11325 12 2018 Verifiche attrezzature pressione

Verifiche periodiche delle attrezzature e degli insiemi a pressione | UNI 11325-12:2018

Il Documento allegato illustra la nuova norma UNI 11325-12:2018 elaborata per dettagliare le procedure generali per effettuare le verifiche periodiche delle attrezzature a pressione e degli insiemi.

La norma UNI 11325-12:2018 - Attrezzature a pressione - Messa in servizio ed utilizzazione delle attrezzature e degli insiemi a pressione - Parte 12: Verifiche periodiche delle attrezzature e degli insiemi, è stata elaborata in conformità alle indicazioni dell'art. 3 del decreto del Ministero delle attività produttive 1° dicembre 2004, n. 329 "Regolamento recante norme per la messa in servizio ed utilizzazione delle attrezzature a pressione e degli insiemi di cui all'articolo 19 del decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 93" (di seguito indicate con D.M. 329/2004) con il contributo dell’INAIL, del Forum degli organismi notificati, del Coordinamento tecnico interregionale e delle associazioni di categoria interessate nell'ambito di un incarico conferito all’UNI dal Ministero delle Attività produttive al fine di supportare le disposizioni del D.M. 329/2004.

Riferimenti normativi:

Decreto 1 dicembre 2004, n. 329 - Regolamento recante norme per la messa in servizio ed utilizzazione delle attrezzature a pressione e degli insiemi di cui all'articolo 19 del decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 93

Decreto Legislativo 25 febbraio 2000, n. 93 - Attuazione della direttiva 97/23/CE in materia di attrezzature a pressione e della direttiva 2014/68/UE concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato di attrezzature a pressione (rifusione), che ne dispone l’abrogazione. s.m.i.

- Decreto Legislativo n. 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. s.m.i.

- Decreto 11 aprile 2011 Disciplina delle modalita' di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all'All. VII del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, nonche' i criteri per l'abilitazione dei soggetti di cui all'articolo 71, comma 13, del medesimo decreto legislativo.

 - UNI 11325-12:2018 -Attrezzature a pressione - Messa in servizio ed utilizzazione delle attrezzature e degli insiemi a pressione - Parte 12: Verifiche periodiche delle attrezzature e degli insiemi a pressione.
http://store.uni.com/catalogo/index.php/uni-11325-12-2018.html

Excursus

...

Valutazione dello stato di conservazione dell’attrezzatura/insieme effettuato mediante esame visivo e controllo spessimetrico

Premesso che l'esame visivo consiste nell'ispezione delle superfici interne ed esterne, esso può essere coadiuvato con l'utilizzo di apparecchiature endoscopiche.

Nota 1 Per l'esecuzione dell'esame visivo si può far riferimento alla Linea Guida ISPESL "L'esame visivo su attrezzature a pressione ai fini delle verifiche di costruzione in esercizio”.

Prima dell'effettuazione dell'esame visivo interno, l'attrezzatura/insieme, sotto responsabilità dell'utilizzatore, deve essere bonificata e pulita e ne deve essere resa sicura l'accessibilità e l'eventuale recupero dell'operatore in caso di necessità, in applicazione della legislazione vigente 7).

L’ispezione visiva deve essere integrata da un esame spessimetrico:

- nei casi di limitata accessibilità e/o ispezionabilità dell'attrezzatura/insieme (in questi casi l'esame visivo deve essere anche integrato da una prova a pressione);

- quando previsto dal fabbricante per attrezzature costruite e certificate secondo le direttive di prodotto (97/23/CE e 2014/68/UE, 87/404/CEE, 90/488/CEE, 2009/105/CE e 2014/29/UE);

- a fronte di visibili o attese riduzioni di spessore (presenza di fenomeni corrosivi/erosivi).

L’esame spessimetrico è comunque necessario laddove nella documentazione a corredo dell'attrezzatura siano previsti sovraspessori di corrosione.

________

7) Allo stato attuale sono applicabili il D.P.R. 14 settembre 2011, n. 177, e, limitatamente alle attrezzature a pressione installate in luoghi di lavoro, le disposizioni del decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali 11 aprile 2011, Allegato II, punto 5.3.1.

UNI 11325 12 2018 Verifiche attrezzature pressione 01

...

Controlli non distruttivi

I controlli devono essere effettuati in accordo alle indicazioni eventualmente previste nel manuale di istruzioni predisposto dal fabbricante o, laddove mancanti, in accordo alle norme tecniche di riferimento nelle zone più critiche e di maggior interesse.

Il personale addetto ai controlli deve essere qualificato in conformità alla UNI EN ISO 9712.

In relazione alla tipologia di danneggiamento prevedibile, una singola tecnica di controllo può non essere sufficiente per rilevare in maniera efficace i relativi difetti; in tal caso si devono predisporre piani di controllo che includano diverse tecniche.

Il piano di controllo deve essere predisposto da personale qualificato in conformità alla UNI EN ISO 9712.

Nel prospetto 1 presentato un elenco non esaustivo di alcune tecniche di controllo con il relativo grado di efficacia in relazione alla tipologia di danneggiamento.

Prospetto 1 - Efficacia di alcune tecniche di controllo per tipologia di danneggiamento

UNI 11325 12 2018 Verifiche attrezzature pressione 00
Segue...

...

Premessa
1. Scopo e campo dl applicazione
2. Esame documentale
3. Verifica di funzionalità dei dispositivi di protezione
4. Verifica dei parametri operativi
5. Verifica di funzionamento dei generatori di vapore d'acqua e/o acqua surriscaldata
6. Verifica di funzionamento di attrezzature o insiemi in cui sono presenti aperture o portelle a manovra unica o multipla
7. Verifica di integrità
8. Verifica documentale
9. Valutazione dello stato di conservazione dell’attrezzatura/insieme effettuato mediante esame visivo e controllo spessimetrico
10. Indagini supplementari
10.1 Generalità
10.2 Controlli non distruttivi
11. Verifica di membrature non ispezionabili
12. Casi particolari
13. Verifica di integrità e di idoneità all'ulteriore esercizio di attrezzature soggette a fenomeni di scorrimento viscoso e/o fatica
14. Visita interna dei generatori di vapore d'acqua e/o di acqua surriscaldata
Fonti

Certifico Srl - IT Rev. 00 2018
©Riproduzione vietata 
Elaborazione copia/stampa autorizzata Abbonati su PDF Sicurezza/2X/3X/4X/Full

Correlati:



Tags: Sicurezza lavoro Abbonati Sicurezza Soggetti verifiche attrezzature

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Giu 22, 2018 13

D.M. 29 novembre 1985

D.M. 29 novembre 1985 Disciplina dell'autorizzazione e uso delle apparecchiature diagnostiche a risonanza magnetica nucleare (R.M.N.) sul territorio nazionale G.U. 10 dicembre 1985, n. 290 Articoli abrogati D.M. 29/11/1985: 3, 4, 5 Collegati[box-note]Esperto responsabile RMND.M. 2 agosto 1991D.P.R.… Leggi tutto
Giu 22, 2018 23

D.P.R. 8 agosto 1994 n. 542

D.P.R. 8 agosto 1994 n. 542 Regolamento recante norme per la semplificazione del procedimento di autorizzazione all'uso diagnostico di apparecchiature a risonanza magnetica nucleare sul territorio nazionale. GU n.219 del 19-09-1994_________ Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento… Leggi tutto
DM 02 08 1991 RM
Giu 22, 2018 52

D.M. 2 agosto 1991

D.M. 2 agosto 1991 Autorizzazione alla installazione ed uso di apparecchiature diagnostiche a risonanza magnetica. (GU n.194 del 20-08-1991 - SO n. 51) NBArticoli vigenti: 7, Allegati da 1 a 6 Modifiche: Allegato 1 - modificato in base a quanto disposto dall’art.4 Decreto agosto 1993 (in allegato… Leggi tutto
INAIL Benessere lavorativo 2018
Giu 21, 2018 32

INAIL | Il benessere lavorativo ad ogni età

Il benessere lavorativo ad ogni età Opuscolo INAIL 2018 L’Italia è già oggi uno dei paesi più anziani dell’Ocse, ma lo sarà ancora di più nei prossimi anni a causa di un’accelerazione del processo di invecchiamento della popolazione. Obiettivo dell’opuscolo è diffondere informazioni di base sui… Leggi tutto
Schema D I  sorveglianza radiometrica elenco prodotti semilavorati metallici
Giu 20, 2018 36

Schema D.I. sorveglianza radiometrica elenco prodotti

Schema D.I. sorveglianza radiometrica elenco prodotti semilavorati metallici Schema di decreto interministeriale di attuazione dell'articolo 157, comma 3 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modifiche, recante modalità di applicazione, contenuti delle attestazioni della… Leggi tutto
Prevenzione incendi mercati aree pubbliche
Giu 20, 2018 21

Nota prot. 003794 del 12.03.2014

Nota prot. 003794 del 12.03.2014 OGGETTO: lndicazioni tecniche di prevenzione incendi per l'installazione e la gestione di mercati su aree pubbliche con presenza di strutture fisse, rimovibili e autonegozi Un gruppo di lavoro costituito da rappresentanti del Corpo Nazionale dei Vigili delfuoco, del… Leggi tutto
Giu 20, 2018 22

Direttiva 2008/96/CE

Direttiva 2008/96/CE Direttiva 2008/96/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture stradaliGU L 319/59 29.11.2008 Leggi tutto
VeSafe
Giu 20, 2018 53

Guida elettronica UE sicurezza rischi da veicoli durante l’attività

Guida elettronica dell’UE sui rischi per la sicurezza posti dai veicoli durante l’attività professionale (VeSafe) La guida è rivolta a conducenti/datori di lavoro, dipendenti ed esperti in materia di sicurezza in tutti i settori dell’UE, interessati ai rischi derivanti dai veicoli. E' possibile… Leggi tutto

Più letti Sicurezza

Gen 09, 2018 25088

UNI EN 689:1997 Guida Valutazione esposizione per inalazione

UNI EN 689:1997 Valutazione del rischio chimico La norma UNI EN 689:1997 è la principale norma tecnica di riferimento per la valutazione del rischio chimico nei luoghi di lavoro. Tale norma indica strategie e metodologie per misurare la concentrazione degli agenti chimici, mettere in… Leggi tutto