Slide background

Radiazioni ionizzanti e CEM: valutazione e protezione alla luce della nuova normativa UE

ID 5409 | | Visite: 515 | Documenti Riservati SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/5409

radiazioni ionizzanti e CEM convegno 2017

Atti convegno radiazioni ionizzanti 2017 

Radiazioni ionizzanti e non ionizzanti: valutazione e protezione alla luce della nuova normativa europea

Il convegno approfondisce i temi delle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti (CEM), in particolare in considerazione del recepimento della Direttiva 2013/59/Euratom (previsto entro il 6 febbraio 2018) e della recente entrata in vigore del nuovo Capo IV del Titolo VIII sui CEM.

L'intento, grazie al prezioso contributo degli esperti e dei professionisti del settore, è quello di condividere conoscenze ed esperienze per la valutazione del rischio occupazionale derivante dalla esposizione a radiazioni ionizzanti e CEM, mediante la presentazione delle novità legislative in materia, l'analisi delle criticità derivanti dalla loro applicazione, nonché di casi e studi in ambito industriale, sanitario e di ricerca.

Nel dettaglio, gli atti del convegno:

01.  Schema di recepimento della direttiva Euratom 59/2013: stato dell'arte e prospettive.
Stefano Adamo De Crescenzo (Ospedale Niguarda Milano), Paolo Rossi (Ministero della Salute)

02.  Il punto di vista dell'Esperto Qualificato nell'applicazione della nuova direttiva in campo industriale, sanitario e di ricerca.
Luisa Biazzi (Università degli Studi di Pavia, ANPEQ)

03. Il ruolo del Fisico Medico nella sicurezza in ambito ospedaliero
Michele Stasi (AIFM), Elisabetta Genovese (AIFM)

04. La pianificazione dell'emergenza nelle pratiche con materie radioattive.
Gian Marco Contessa (ENEA)

05. Il controllo dell'esposizione al radon negli ambienti di lavoro: situazione e prospettive.
Rosabianca Trevisi (INAIL)

06. Il D.Lgs. 159/2016 ad un anno dall'entrata in vigore: FAQ e criticità.
Iole Pinto (USL Toscana Sud Est)

07. Due esempi di sorgenti in black list CEI 50499: stima e gestione del rischio di esposizione a campi elettromagnetici.
Massimiliano Seren Tha (Ingegnere Libero Professionista,Torino) 

08. CEM e ultrasuoni in ambito sanitario: sorgenti, rischi, prevenzione e protezione degli operatori del settore.
Riccardo Di Liberto (IRCCS Policlinico San Matteo Pavia) 

09. Effetti dei campi elettromagnetici nei lavoratori professionalmente esposti: le evidenze scientifiche, le decisioni della magistratura.
Fabriziomaria Gobba (Cattedra di Medicina del Lavoro, Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze, Università di Modena e Reggio Emilia - AIRM)

_______

Di seguito, alcune considerazioni estratte dalla relazione 01. "Schema di recepimento della direttiva Euratom 59/2013: stato dell'arte e prospettive" del Dott. Stefano Adamo De Crescenzo (Ospedale Niguarda Milano) e del Dott. Paolo Rossi (Ministero della Salute).

...

La direttiva 59/2013: le principali novità
- unica norma relativa a tutte le fonti di esposizione
- ridefinizione dei criteri di esenzione e di clearance (allontanamento)
- gestione integrata delle sorgenti di radiazioni naturali
- la giustificazione di nuove pratiche mediche dovrebbe tenere conto anche delle dosi assorbite dai lavoratori
- registrazione delle esposizioni e informazione del paziente nelle esposizioni mediche
- attenzione alle esposizioni mediche accidentali e involontarie
- protezione di lavoratori esterni
- revisione del limite di dose per il cristallino
- revisione del livello di riferimento per la concentrazione del Rn negli ambienti di lavoro
- revisione del sistema di gestione delle situazioni di emergenza.

Il metodo

-  Su proposta del D.G. Energia del M.I.S.E. è stato proposto un G.D.L. per l’istruttoria tecnica della bozza condivisa del decreto di recepimento
-  Presidenza C.d.M. - Dipartimento Protezione civile
-  Ministero dell’Ambiente e della Tutela Territorio e Mare
-  Ministero dell’Interno - Dipartimento VVFF
-  Ministero del lavoro e delle politiche sociali
-  Ministero della salute
-  Ministero della difesa
-  Ministero della giustizia
-  Ministero dell’istruzione, Università e Ricerca
-  I.S.P.R.A., I.S.S. e I.N.A.I.L

Il metodo: due novità

- coinvolgimento delle Regioni già nella fase istruttoria con l’obiettivo di concorrere alla redazione di una proposta condivisa
- non viene esclusa la possibilità di “adeguate iniziative di informazione, quali ad esempio, la consultazione di specifici soggetti portatori di interesse”

Tecnica legislativa : lo stato attuale

- Il decreto legislativo 26 maggio 2000, n.187, recepisce la direttiva 97/43/Euratom (esposizioni mediche)
- Il decreto legislativo 6 febbraio 2007, n.52, recepisce la direttiva 2003/122/Euratom (sorgenti sigillate e ad alta attività e sorgenti orfane)
- Il decreto legislativo 17 marzo 1995, n.230, recepisce sei direttive Euratom:
- 89/618/Euratom (emergenze radiologiche)
- 90/641/Euratom (outside workers)
- 96/29/Euratom (BSS)
- 2006/117/Euratom (spedizione rifiuti radioattivi e combustibile esaurito)
- 2009/71/Euratom (gestione sicura degli impianti nucleari) (modificata dalla 2014/87/Euratom in fase finale di recepimento)
- 2011/70/Euratom (gestione sicura del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi)
- abrogata e sostituita dalla 2013/59/Euratom
- abrogata e sostituita dalla 2013/59/Euratom
- abrogate e sostituite dalla 2013/59/Euratom
- non modificate dalla 2013/59/Euratom

Alcuni criteri specifici di recepimento

- riordino e coordinamento delle disposizioni vigenti (un unico testo tratta l’intera normativa)
- chiara identificazione di requisiti compiti e responsabilità delle figure professionali coinvolte anche garantendo coerenza e continuità con le disposizioni del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230
- attuazione del piano nazionale radon

In buona sostanza: fatte salve le modifiche all’attuale quadro normativo che si rendevano necessarie per renderlo conforme alle raccomandazioni comunitarie, si è lavorato cercando di mantenere ciò che si è dimostrato funzionare bene e di correggere ciò che poteva essere migliorato

Alcuni orientamenti: campo di applicazione e sistema regolatorio

- adozione del campo di applicazione della direttiva
- resta invariato il concetto di non rilevanza radiologica ma cambiano (conformemente alla direttiva) i valori che ne definiscono la pratica applicazione
- possibili implicazioni soprattutto sul sistema regolatorio relativo a:
- le soglie di applicazione della notifica di pratica
- le soglie di applicazione dei nulla osta
- le sorgenti mobili
- I livelli di clearance (allontanamento) dei rifiuti radioattivi solidi e degli effluenti liquidi e aeriformi
- il sistema regolatorio basato su notifica e nulla osta (B e A) non dovrebbe cambiare in maniera sostanziale: rispetta già il criterio di gradualità

Alcuni orientamenti: protezione del paziente

- possibile qualche cambiamento nel sistema di responsabilità per garantire maggiore efficacia al sistema: in particolare attribuzione al Fisico Specialista di responsabilità in tema di ottimizzazione
- auspicabile un rimando costante alle norme di buona prassi:
- nei controlli di qualità
- nella gestione dell’ospedalizzazione del pz sottoposto a trattamenti terapeutici con sostanze radioattive
- nella verifica del Livelli Diagnostici di Riferimento
- necessaria una definizione chiara di ruoli funzioni e responsabilità nel campo della fisica medica e dei controlli di qualità alla luce del principio di gradualità
- particolare attenzione a:
- esposizioni potenziali (approccio graduale, prevenzione e gestione ricondotta al percorso di segnalazione degli eventi sentinella)
- attività che comportano alte dosi al paziente
- informazione del paziente, comunicazione al prescrivente e tracciabilità dei dati relativi alla sua esposizione
- programmi di screening
- non dovrebbero cambiare le attribuzioni in materia di vigilanza: necessità di rivisitazione e di riqualificazione dell’attività di vigilanza

Alcuni orientamenti: protezione dei lavoratori

- non cambia il sistema di responsabilità
- auspicabile ridefinizione dell’attività di vigilanza in un quadro di ottimizzazione delle risorse e sulla base di un razionale sostenibile
- auspicabile integrazione con il D.Lgs 81/2008:
- - migliore definizione di compiti del DDL, dei dirigenti e dei preposti
- - formazione dei lavoratori
- - non dovrebbe cambiare il sistema attuale di sorveglianza fisica basato su un’unica figura professionale (Esperto in radioprotezione, RPE)
- - auspicabili modifiche al sistema di sorveglianza medica più orientato al EBM e alla specializzazione della figura del medico addetto
- - necessarie modifiche al percorso di formazione e aggiornamento degli addetti
- - nuovo limite di dose per il cristallino
- - nuovo livello ri riferimento per la concentrazione di 222Rn negli ambienti di lavoro (da 500 Bq/m3 a 300 Bq/m3)

Alcune criticità che dovrebbero essere sciolte

- RPE vs RPO
- il ruolo dei servizi di dosimetria vs le attribuzioni dell’Esperto in radioprotezione
- la conflittualità tra Esperto in Radioprotezione e Fisico Specialista
- la formazione e l’aggiornamento dell’Esperto in Radioprotezione e del Medico Aggetto alla Sorveglianza Sanitaria

Conclusioni

 Il Recepimento della Direttiva 2013/59/EURATOM è un'occasione da non perdere per

-  superare i limiti dell’attuale quadro normativo
-  disallineamento con la normativa sulla sicurezza del lavoro
- conflittualità tra figure professionali
- ambiguità nel campo di applicazione
- mettere alla prova un nuovo (almeno nel campo della radioprotezione) metodo di condivisione tra gli enti centrali e le regioni
... 

Fonte:
Servizio Sanitario Emilia Romagna
14 Settembre 2017
 


Tags: Sicurezza lavoro Rischio radiazioni ionizzanti Abbonati Sicurezza Radon

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Manuale Sicurezza settore refrattari
Feb 16, 2018 30

Manuale per la Sicurezza nel settore Refrattari

Manuale per la Sicurezza nel settore Refrattari Il Manuale Refrattari esce per ora come documento tecnico, elaborato da un Gruppo di lavoro di esperti che rappresentano le aziende associate a Confindustria Ceramica. I Manuali per la Sicurezza si contraddistinguono per il metodo rigoroso e per la… Leggi tutto
Cheope CLP
Feb 16, 2018 42

La Metodologia CHEOPE-CLP VR chimico

La Metodologia CHEOPE-CLP VR chimico Dall’entrata in vigore del D. Lgs. 626/94, ormai più di 16 anni fa, l’approccio alla sicurezza e igiene del lavoro basato sulla valutazione del rischio è entrato nella mentalità di tutti gli operatori del settore e, di conseguenza, nel modo di gestire questi… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Feb 16, 2018 45

Cassazione Penale Sent. Sez. 3 Num. 7009 | 14 Febbraio 2018

Lavori di saldatura: mancanza idoneo impianto di aspirazione per la cattura dei fumi Cassazione Penale Sez. 3 del 14 febbraio 2018 n. 7009 Penale Sent. Sez. 3 Num. 7009 Anno 2018Presidente: ROSI ELISABETTARelatore: MACRI' UBALDAData Udienza: 30/11/2017 [panel]Fatto1. Con sentenza in data 27.4.2017… Leggi tutto
Rettifica direttiva  2017 2398
Feb 14, 2018 50

Rettifica direttiva (UE) 2017/2398

Rettifica direttiva (UE) 2017/2398 Rettifica della direttiva (UE) 2017/2398 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2017, che modifica la Direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il… Leggi tutto

Più letti Sicurezza

Ott 11, 2017 44070

Modello Piano Operativo Sicurezza POS compilabile

Modello Piano Operativo di Sicurezza POS compilabile Formato doc Il Piano Operativo di Sicurezza (P.O.S.) è il documento che un datore di lavoro deve redigere prima di iniziare le attività operative in un cantiere temporaneo o mobile di cui all'articolo 89, lettera h ed i cui contenuti minimi sono… Leggi tutto
Gen 09, 2018 17593

UNI EN 689:1997 Guida Valutazione esposizione per inalazione

UNI EN 689:1997 Valutazione del rischio chimico La norma UNI EN 689:1997 è la principale norma tecnica di riferimento per la valutazione del rischio chimico nei luoghi di lavoro. Tale norma indica strategie e metodologie per misurare la concentrazione degli agenti chimici, mettere in… Leggi tutto