Slide background




Dispositivi di protezione delle vie respiratorie (RPE): Criteri di scelta HSE

ID 9905 | | Visite: 3863 | Documenti Sicurezza EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/9905

Respiratory protective equipment at work   A practical guide

Dispositivi di protezione delle vie respiratorie (RPE): Criteri di scelta HSE

Interessante documento di HSE (UK) che illustra i dispositivi di protezione delle vie respiratorie (RPE - Respiratory Protective Equipment) e la loro scelta in relazione al tipo di lavoro svolto.

I dispositivi di protezione delle vie respiratorie (RPE), sono particolari pezzi di DPI (PPE) utilizzati per proteggere i lavoratori dall'inalazione di sostanze pericolose sul luogo di lavoro.

La guida è destinata a coloro che devono gestire l'esposizione dove non può essere evitata. La valutazione del rischio aiuterà a decidere se sono necessari controlli nell'ambiente di lavoro in presenza di polvere, nebbia, vapore, gas o fumi. L'RPE può essere richiesto perché non ci sono altre misure di sicurezza adatte o se altre misure di sicurezza non sono sufficiente da soli.

Sarà richiesto un DPI adeguato e idoneo a garantire che chi lo indossa sia protetto.

Questo significa:

- Adeguato: è adatto al pericolo e riduce l'esposizione al livello richiesto per proteggere la salute di chi lo indossa.
- Adatto: adatto a chi lo indossa, al compito e all'ambiente, in modo tale che chi lo indossa può lavorare liberamente e senza rischi aggiuntivi dovuti all'RPE.

Per selezionare un RPE che protegga chi lo indossa è necessario avere una conoscenza di base di: 

- la sostanza pericolosa e la quantità nell'aria (esposizione);
- la forma della sostanza nell'aria (ad es. gas, particelle solide, vapore);
- il tipo di lavoro svolto;
- eventuali requisiti specifici di chi lo indossa, come altri DPI o necessità di occhiali.

La Figura 1 illustra un processo che è possibile seguire per raccogliere queste informazioni e selezionare le opzioni RPE più adatte.

Select RPE
Figura 1 - Processo scelta RPE

Forma e proprietà delle particelle

Le sostanze pericolose possono essere presenti nell'aria come particelle (solide o liquide), vapore o gas. In determinate condizioni, possono esistere in più di una forma a allo stesso tempo (ad es. durante la spruzzatura di vernice). È necessario identificare la forma del sostanze pericolose nell'aria per selezionare l'RPE corretto (vedere la Tabella 1). Si noti che:

- forme solide e liquide saranno presenti come particelle; 
- spray e nebbie sottili sono costituiti da particelle liquide (goccioline); 
- i fumi sono particelle solide molto fini e non gas o vapore; 
- fumo, fumi e liquidi dispersi nell'aria richiedono un RPE idoneo all'uso contro particelle.

Oltre a quanto sopra, in determinate condizioni possono diventare liquidi volatili aereo come particelle e vapore.

Forme sostanze pericolose

Tabella 1 - Esempi delle diverse forme di sostanze pericolose

Decidere il fattore di protezione

È necessario assicurarsi che l'RPE selezionato sia in grado di proteggere il lavoratore dal sostanza pericolosa nell'aria che li circonda. La decisione dipenderà dal quantità nell'aria e nella sua forma (ad esempio particelle, vapore).

Esistono vari tipi di respiratori e autorespiratore disponibili. La protezione che offrono sarà determinata da a numero di fattori, incluso il fattore di protezione assegnata (APF ). In termini semplici, questo è il rapporto di sostanza pericolosa esterna all'RPE fino alla quantità all'interno dell'RPE.

Ogni tipo e classe RPE è classificato da un fattore protezione assegnato (APF - Assigned Protection Factor). L'APF è un numero che indica quanta protezione l'RPE è in grado di fornire.

Respiratori monouso: Classificazione per protezione dalle polveri

Classification RPE

Tabella 2 - Classificazione RPE monouso e relativo APF

Ad esempio, RPE con un APF di 10 ridurrà esposizione di chi lo indossa di almeno un fattore 10 se usato correttamente, o, in altri termini, chi lo indossa respirerà solo un decimo o meno della quantità di sostanza presente nell'aria. 

Vengono utilizzate solo alcune classificazioni numeriche, quindi gli APF RPE saranno: 4; 10; 20; 40; 200 o 2000. Quando si calcola il fattore di protezione, occorre  scegliere sempre un APF sopra il valore calcolato.

Se non ci sono consigli sull'APF richiesto nella SDS o negli elementi essenziali di COSHH(*), è possibile calcolare il fattore di protezione richiesto utilizzando il WEL e la quantità della sostanza nell'aria. La quantità di sostanza nell'aria è individuate eseguendo misurazioni dell'esposizione sul posto di lavoro.

Se la sostanza ha un limite di esposizione sul luogo di lavoro (WEL) prescritto è necessario assicurarsi che chi lo indossa sia protetto a un livello inferiore al WEL (vedere Documento EH40 Limiti di esposizione sul posto di lavoro - allegato).

Esempio selezione APF

Sostanza - Toluene (un solvente comune)

Concentrazione misurata di toluene nell'aria: 350 ppm (parti per milione) entro otto ore media ponderata nel tempo (TWA).

Toluene WEL: 50 ppm (da EH40 Documento HSE limiti di esposizione - allegato).
Richiesto APF da ridurre a WEL = 350/50 = 7. Selezionare il dispositivo RPE con un APF superiore al fattore di protezione richiesto. In questo caso sarà un APF di 10.

...

Tipi RPE

Tipi di RPE

Tipi di RPE II
Tabella 3 - Tipi RPE
...

A seguire dettaglio dei diversi tipi di RPE disponibili. Andando attraverso le sezioni precedenti di questa guida, è possibile selezionare quale RPE appropriato per un determinato luogo di lavoro.

Disposable half mask respirators
...
Full face mask respirators   particle filter
...
Constant flow airline breathing apparatus with hoods helmets   light duty
Tabella 4 - Schede dettaglio dei diversi tipi di RPE
...

(*) Il COSHH (Control of Substances Hazardous to Health Regulations 2002 (as amended)) è il regolamento UK nel quale sono recepite le Direttive UE sugli agenti chimici.

Regulations COSHH

Il COSHH (Control of Substances Hazardous to Health Regulations 2002 (as amended)) è il regolamento UK che recepisce le Direttive UE sugli agenti chimici.

L'ultima versione del Documento EH40/2005 "Limiti di esposizione sul luogo di lavoro" (allegato) è stato aggiornato per includere i nuovi e rivisti limiti di esposizione sul luogo di lavoro (WEL) introdotti dalla direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni Direttiva (UE) 2017/2398 che modifica la direttiva 2004/37/CE.


...

Segue in allegato

http://www.legislation.gov.uk/uksi/2002/2677/contents

Collegati




Tags: Sicurezza lavoro Dispositivi Protezione Individuale DPI Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Esposizione occupazionale a farmaci antineoplastici in ambito sanitario
Giu 11, 2021 25

Esposizione occupazionale a farmaci antineoplastici in ambito sanitario

Esposizione occupazionale a farmaci antineoplastici in ambito sanitario Attualmente vengono utilizzati più di 100 farmaci antineoplastici di cui molti classificati come cancerogeni certi per l'uomo e fin dal 1970 studi epidemiologici condotti su infermieri che manipolavano farmaci antiblastici… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Giu 11, 2021 27

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 22271 | 08 Giugno 2021

Cassazione Penale Sez. 4 08 giugno 2021 n. 22271 Caduta dalla struttura metallica (rack) durante l'allestimento del negozio. Utilizzo di un presidio inadatto al lavoro in quota e obblighi del responsabile del reparto Penale Sent. Sez. 4 Num. 22271 Anno 2021Presidente: PICCIALLI PATRIZIARelatore:… Leggi tutto
Giu 10, 2021 29

Nota INL prot. n. 120/2017/RIS del 13 aprile 2017

Nota INL prot. n. 120/2017/RIS del 13 aprile 2017 Attività di vigilanza - Commissioni di programmazione Premessa L'art. 3 del protocollo sottoscritto con l'INPS il 21 febbraio u.s. prevede l'istituzione di una Commissione centrale e di Commissioni regionali di programmazione dell'attività di… Leggi tutto
Giu 10, 2021 29

Circolare MLPS n. 41 del 9 dicembre 2010

Circolare MLPS n. 41 del 9 dicembre 2010 Accesso ispettivo, potere di diffida e verbalizzazione unica, art. 33 Legge n. 183/2010 (cd. Collegato Lavoro) - Istruzioni operative al personale ispettivo. Facendo seguito alle previsioni dell'art. 33, Legge n. 183/2010 con la presente Circolare il… Leggi tutto
Rapporto ISS 11 2021
Giu 04, 2021 117

Rapporto ISS COVID-19 n. 11/2021 | Indicazioni ad interim ambienti indoor

Rapporto ISS COVID-19 n. 11/2021| Indicazioni ad interim prevenzione e gestione degli ambienti indoor Rapporto ISS COVID-19 n. 11/2021| Indicazioni ad interim per la prevenzione e gestione degli ambienti indoor in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2. Aggiornamento del… Leggi tutto

Più letti Sicurezza