Slide background




Circolare Inail n. 20 del 13 maggio 2020

ID 10775 | | Visite: 805 | News SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/10775

Circolare Inail n  20 del 13 maggio 2020

Circolare Inail n. 20 del 13 maggio 2020

Con la circolare n. 20 del 13 maggio 2020 l’Inail fornisce le istruzioni per ottenere la prestazione del Fondo per le vittime dell’amianto da parte dei malati non professionali o loro eredi, che per il 2020 è stata incrementata da 5.600 a 10mila euro. Chi ne ha beneficiato tra il 2015 e il 2019 può richiedere l’integrazione. Come disposto dal decreto Cura Italia, scadenze e adempimenti sono sospesi fino al primo giugno

La legge n. 8 dello scorso 28 febbraio ha aumentato da 5.600 a 10mila euro la prestazione assistenziale una tantum del Fondo per le vittime dell’amianto in favore dei malati di mesotelioma non professionale che hanno contratto tale patologia nel periodo 2015-2020, o dei loro eredi. Chi ne ha già beneficiato nel periodo compreso tra il 2015 e il 2019, inoltre, può richiedere l’integrazione di 4.400 euro.

Lo chiarisce la circolare Inail n. 20 del 13 maggio 2020, nella quale l’Istituto indica anche modalità e scadenze per presentare l’istanza, tenuto conto della sospensione dei termini legata all’emergenza Coronavirus.

Il decreto legge Cura Italia dello scorso 17 marzo, infatti, ha sospeso il decorso dei termini di decadenza relativi alle richieste di prestazioni erogate dall’Istituto dal 23 febbraio fino al primo giugno 2020.

Modalità di presentazione delle istanze da parte dei malati. I malati, per richiedere la prestazione, devono inviare il modulo 190, tramite raccomandata A/R o posta elettronica certificata (Pec), alla sede territoriale Inail competente per domicilio entro 120 giorni (termine ordinatorio) dalla data di accertamento della patologia, insieme alla documentazione sanitaria che attesta che il soggetto è affetto da mesotelioma, con l’indicazione dell’epoca della prima diagnosi.

Modalità di presentazione delle istanze da parte degli eredi. Gli eredi, invece, devono presentare l’istanza, a pena di decadenza, entro 120 giorni a partire dalla data di entrata in vigore della legge (1° marzo 2020), utilizzando il modulo 190/E. Per i decessi avvenuti dopo tale data, le domande devono essere presentate entro 120 giorni dalla data della morte. Tuttavia, per effetto della sospensione dei termini di decadenza disposta dal decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020, n. 27 (decreto Cura Italia), detti termini sono da intendersi sospesi fino al 1° giugno. Conseguentemente, il termine ultimo di scadenza per la presentazione delle istanze di accesso alle prestazioni da parte degli eredi, per i decessi avvenuti entro il 1° giugno, è il 29 settembre 2020, mentre per i decessi intervenuti dopo tale data, il termine di presentazione dell’istanza da parte degli eredi rimane quello dei 120 giorni dalla data della morte.

Come richiedere l’integrazione. I malati di mesotelioma non professionale o i loro eredi che hanno beneficiato della prestazione di 5.600 euro tra il 2015 e il 2019, hanno 120 giorni di tempo, a partire dalla data di entrata in vigore della legge (1° marzo 2020), a pena di decadenza, per richiedere l’integrazione, utilizzando il modulo 190/I. Lo stesso termine si applica anche alle istanze di integrazione relative a prestazioni ottenute nel periodo successivo al 31 dicembre 2019. Tuttavia, anche per le richieste di integrazione, per effetto della sospensione dei termini di decadenza disposta dal decreto-legge Cura Italia, detti termini sono da intendersi sospesi fino al 1° giugno ed il termine ultimo di scadenza è il 29 settembre 2020.

Disposizioni transitorie per le istanze in corso di istruttoria. Le istanze di accesso alla prestazione in corso di istruttoria alla data di emanazione della presente circolare sono considerate valide ai fini della erogazione del nuovo importo pari a 10.000 euro della prestazione una tantum a favore dei malati di mesotelioma non professionale o dei loro eredi, mentre eventuali istanze prodotte successivamente alla data di emanazione della presente circolare, devono essere regolarizzate, sempre entro i predetti termini decadenziali.

L’esposizione può essere familiare o ambientale. Hanno diritto alla prestazione economica, indipendentemente dalla loro cittadinanza, tutte le persone affette da mesotelioma contratto nel nostro Paese per esposizione familiare o ambientale e i loro eredi. L’esposizione familiare, in particolare, è comprovata se il malato di mesotelioma ha convissuto in Italia in un periodo in cui un familiare era impiegato in una lavorazione che lo esponeva all’amianto. L’esposizione ambientale, invece, è comprovata in caso di residenza sul territorio nazionale in periodi compatibili con l’insorgenza della patologia.

Ai fini del riconoscimento la latenza deve essere di almeno 10 anni. I periodi di esposizione devono essere compatibili con l’insorgenza della malattia, che può avere una latenza molto lunga. Sulla base delle evidenze della letteratura scientifica, ai fini del riconoscimento del beneficio è considerata utile una latenza di almeno 10 anni dall’inizio dell’esposizione all’amianto. Se la documentazione amministrativa e sanitaria allegata all’istanza risulta completa, l’Inail erogherà entro 90 giorni, in un’unica soluzione, la prestazione per il 2020 o l’integrazione per il periodo 2015-2019.

...

Fonte: INAIL

Collegati:

Scarica questo file (Mod. 190I.pdf)Mod. 190I IT185 kB(90 Downloads)
Scarica questo file (Mod. 190E.pdf)Mod. 190E IT181 kB(95 Downloads)
Scarica questo file (Mod. 190.pdf)Mod. 190 IT164 kB(101 Downloads)
Scarica questo file (Testo integrale della circolare Inail n. 20 del 13 maggio 2020.pdf)Testo integrale della circolare Inail n. 20 del 13 maggio 2020 IT365 kB(101 Downloads)

Tags: Sicurezza lavoro Rischio amianto INAIL

Ultimi archiviati Sicurezza

Sentenze cassazione penale
Mar 05, 2021 27

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 7939 | 01 Marzo 2021

Cassazione Penale Sez. 4 del 1° marzo 2021 n. 7939 Mancanza di protezioni periferiche del macchinario: configurabilità dell'ipotesi delittuosa descritta dall'art. 437 cod. pen. Penale Sent. Sez. 4 Num. 7939 Anno 2021Presidente: PICCIALLI PATRIZIARelatore: NARDIN MAURAData Udienza: 25/11/2020… Leggi tutto
Dossier donne 2021
Mar 02, 2021 48

Dossier donne 2021

Dossier donne 2021 In controtendenza rispetto al complesso degli infortuni sul lavoro, tra i quali i casi femminili si fermano al 36%, le lavoratrici sono le più colpite dai contagi professionali da Covid-19, come emerge dai dati del nuovo Dossier donne dell’Inail, pubblicato a pochi giorni dalla… Leggi tutto
Apparecchi sollevamento materiali
Mar 02, 2021 63

Apparecchi di sollevamento materiali - L'accertamento tecnico per la verifica periodica

Apparecchi di sollevamento materiali - L'accertamento tecnico per la verifica periodica Partendo dal patrimonio informativo che negli anni l’Istituto ha costituito e dalle competenze maturate nell’espletamento delle attività di verifica periodica e di accertamento tecnico, il documento rappresenta… Leggi tutto
Guida al lavoro in sicurezza COVID 19 ATS Brianza Febbraio 2021
Mar 01, 2021 141

Guida al lavoro in sicurezza COVID-19 | ATS Brianza Febbraio 2021

Guida al lavoro in sicurezza COVID-19 | ATS Brianza Febbraio 2021 Guida al lavoro in sicurezza nelle aziende nel corso dell’attuale emergenza Covid-19 ATS Brianza - vers. 2.7 16 febbraio 2021 Il presente documento nasce nell’ambito delle attività di assistenza alle aziende ed ai lavoratori proprie… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Feb 25, 2021 59

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 7113 | 24 Febbraio 2021

Cassazione Penale Sez. 4 del 24 febbraio 2021 n. 7113 Infortunio con una pressa FTV 40/60 priva di ripari atti ad impedire il contatto degli arti superiori. Ricorso inammissibile Penale Sent. Sez. 4 Num. 7113 Anno 2021Presidente: CIAMPI FRANCESCO MARIARelatore: NARDIN MAURAData Udienza: 02/02/2021… Leggi tutto
Mercato del lavoro 2020
Feb 25, 2021 70

Il mercato del lavoro 2020

Quarto Rapporto di Inail, Istat, Ministero del Lavoro, Inps e Anpal il mercato del lavoro al tempo del Covid-19 La nuova pubblicazione valorizza le diverse fonti sull’occupazione per offrire un’analisi approfondita della situazione nell’anno della pandemia. Bettoni: “Lockdown e smart working hanno… Leggi tutto

Più letti Sicurezza