Slide background

Valutazione conformità macchine: Ispezione OHSAS 18001

ID 2239 | | Visite: 7591 | Organismi normazionePermalink: https://www.certifico.com/id/2239

Valutazione conformità macchine necessaria per il rilascio di certificati OHSAS 18001

Cosa deve controllare un Organismo di Certificazione durante un'ispezione OHSAS 18001 per valutare la conformità macchine.

Di seguito sono elencate le attività che ogni OdC accreditato deve svolgere per valutare la conformità delle macchine e attrezzature di lavoro, valutazione necessaria per il rilascio e mantenimento di certificati BS OHSAS 18001:2007.

1) Cosa ci si aspetta dall’Organizzazione: valutazione di conformità e valutazione dei rischi

L'OdC deve valutare che l'Organizzazione richiedente la certificazione BS OHSAS 18001:2007 abbia effettuato:

- una valutazione di conformità per ogni singola attrezzatura di lavoro ai sensi dell’art. 70 del D. Lgs. 81708 e s.m.i. (presenza della marcatura CE o, per ogni attrezzatura di lavoro costruita in assenza di disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive di prodotto – e, quindi, non marcata CE - una valutazione di conformità all’allegato V del Decreto 81/08 e s.m.i.),

- una valutazione dei rischi, ai sensi del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., relativa all’uso macchine nel contesto aziendale(1).

2) Attività successive che l’Organizzazione deve effettuare sulle attrezzature non idonee

A seguito dell’analisi iniziale, l’OdC deve valutare che l'Organizzazione certificanda abbia:

- messo fuori servizio le attrezzature di lavoro dichiarate non utilizzabili perché pericolose (si veda l’art.15 punto f e l’Art. 70 del Decreto 81 e il relativo allegato V.), e per cui non sia opportuno procedere ad una riparazione / adeguamento.
Questa scelta compete al Datore di lavoro, che valuterà se adeguare comunque una attrezzatura basando le sue scelte su motivazioni di ordine economico (es: comprare una macchina nuova potrebbe essere più conveniente di sistemare una macchina vecchia), temporale, tecnologico….
Queste attrezzature pericolose, fino a quando non rese idonee, non possono essere rimesse in servizio, per evitare di esporre gli operatori a rischi non accettabili.

- per le attrezzature conformi ai requisiti del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. (quindi macchine marcate CE, o comunque conformi all’allegato V del decreto 81), in considerazione agli esiti della valutazione dei rischi che corrono i lavoratori nell’utilizzo di tale attrezzatura, abbia:

a. definito, ove necessario, una priorità degli interventi previsti sulle attrezzature in funzione della valutazione del rischio, incluse azioni di tipo organizzativo e procedurale. Tali interventi sono da intendersi esclusivamente quelli che comportano miglioramenti rispetto a quanto previsto dalla legislazione.

b. abbia approvato il cronoprogramma degli interventi di cui sopra, definendo tempi e responsabilità e stanziando le relative risorse economiche. L’attuazione del cronoprogramma deve essere monitorata nel tempo da parte dell’OdC, deve essere valutata l’adeguatezza dello stato di avanzamento, compreso il rispetto dei tempi previsti.

3) Evidenze che occorre annotare nei documenti di verifica (Rapporti, check list…)

In coerenza con il cronoprogramma realizzato, l’OdC deve riportare nei documenti di verifica, oltre alle attività verificate, adeguati dettagli relativi in merito:

- al cronoprogramma di miglioramento o riparazione delle attrezzature di lavoro
- alla valutazione effettuata su ciascuno dei punti sopra riportati in questa circolare
- alle scelte adottate dal GVI, compreso il campionamento effettuato, al fine di permettere all’OdC di prendere una decisione informata sul rilascio e sul mantenimento della certificazione. In presenza di un cronoprogramma, durante le verifiche successive dovranno essere registrati eventuali scostamenti riscontrati rispetto al piano presentato all’OdC inizialmente. Rimane nella responsabilità del GVI valutare questi scostamenti, e segnalarli eventualmente come una NC maggiore, nel cui caso dovrà essere sottoposta nuovamente al parere del decision maker dell’OdC. Si veda ISO 17021, 9.3.3 a.

L’Organizzazione certificanda si deve inoltre impegnare a comunicare all'OdC gli stati di avanzamento degli interventi.

(1) Si ricorda che la marcatura CE risponde a delle normative europee per la sicurezza dei cittadini nell’utilizzo di specifici prodotti tra cui le attrezzature di lavoro ed, in particolare, delle macchine. Tuttavia, ciò non garantisce automaticamente l’utilizzo in sicurezza della attrezzatura nello specifico contesto lavorativo. Si ricorda, inoltre, che secondo l’art.71
comma 2 del D.Lgs. 81/08, il Datore di Lavoro al momento della scelta delle attrezzature di lavoro deve prendere in considerazione:

a) le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro da svolgere;
b) i rischi presenti nell’ambiente di lavoro; 
c) i rischi derivanti dall’impiego delle attrezzature stesse, d) i rischi derivanti da interferenze con le altre attrezzature già in uso.

Circolare ACCREDIA n. 13/2014

Collegati



Tags: Normazione Abbonati Normazione OHSAS 18001

Ultimi archiviati Normazione

Apr 13, 2019 69

CEI 82-25 Guida realizzazione sistemi e fotovoltaici

CEI 82-25 Guida realizzazione sistemi e fotovoltaici Guida alla realizzazione di sistemi di generazione fotovoltaica collegati alle reti elettriche di Media e Bassa Tensione Data: 01/set/2010 La presente Guida tecnica fornisce i criteri per la progettazione, l'installazione e la verifica dei… Leggi tutto
Apr 13, 2019 36

CEI 104-44: Guida alle prove ambientali (Meccaniche e climatiche)

CEI 104-44 Guida alle prove ambientali (Meccaniche e climatiche) La presente Guida Tecnica descrive il significato e le finalità della prove ambientali (Meccaniche e Climatiche). La Guida fornisce una panoramica estesa sulle svariate e molteplici prove ambientali attualmente in uso, si sofferma sui… Leggi tutto
Esposdizione Campi elettromagnetici
Apr 13, 2019 48

CEI EN 62209-1 e CEI EN 50527-2-2: Esposizione dispositivi comunicazione/medici EMC

CEI EN 62209-1 e CEI EN 50527-2-2 esposizione dispositivi di comunicazione/medici EMC Aggiornate le prescrizioni per i dispositivi di comunicazione a contatto con il corpo, tra i quali telefoni cellulari, cordless, auricolari, bypass e affini. Disponibili da novembre due importanti aggiornamenti in… Leggi tutto
UNI EN ISO 14064 1 2019
Apr 12, 2019 60

UNI EN ISO 14064-1:2019

UNI EN ISO 14064-1:2019 Gas ad effetto serra - Parte 1: Specifiche e guida, al livello dell'organizzazione, per la quantificazione e la rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra e della loro rimozione La norma specifica i principi e i requisiti, al livello dell'organizzazione, per la… Leggi tutto
Serie UNI ISO 20816 X 2019 Vibrazioni meccaniche
Mar 22, 2019 128

Serie norme UNI ISO 20816-X:2019 | Vibrazioni meccaniche

Serie norme UNI ISO 20816-X:2019 | Vibrazioni meccaniche - UNI ISO 20816-8:2019 - Vibrazioni meccaniche - Misurazione e valutazione delle vibrazioni della macchina - Parte 8: Sistemi di compressione alternativi - UNI ISO 20816-5:2019 - Vibrazioni meccaniche - Misurazione e valutazione delle… Leggi tutto
Decisione di esecuzione UE 2019 450
Mar 20, 2019 212

Decisione di esecuzione (UE) 2019/450

Decisione di esecuzione (UE) 2019/450 della Commissione del 19 marzo 2019 relativa alla pubblicazione dei documenti per la valutazione europea per i prodotti da costruzione elaborati a sostegno del regolamento (UE) n. 305/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio GU L77/78 del 20.03.2019 Entrata… Leggi tutto

Più letti Normazione