Slide background
Slide background

Sovraimballaggi ADR (Overpack) | Riferimenti e illustrazioni

ID 4993 | | Visite: 4700 | ImballaggiPermalink: https://www.certifico.com/id/4993

Sovraimballaggi ADR Riferimenti illustrazioni

Sovraimballaggi ADR (Overpack) | Riferimenti e illustrazioni

Il Documento allegato, di cui a seguire un excursus, intende fornire risposte con illustrazioni per i Sovraimballaggi ADR (Overpack) relativamente a:
- uso sui colli, 
- predisposizione, 
- etichettatura.

I Sovraimballaggi, possono, infatti, consentire una più facile movimentazione e stivaggio durante il trasporto dei colli, ma devono garantire il rispetto della funzionalità degli stessi e delle prescrizioni del trasporto ADR.

Premessa

Un Sovrimballaggio è un involucro utilizzato per contenere uno o più colli e farne un'unità di più facile movimentazione e stivaggio durante il trasporto. 

Gli imballaggi, infatti, devono essere abbastanza robusti per resistere ai colpi ed alle sollecitazioni normalmente incontrati durante il trasporto, in particolare in fase di trasbordo fra mezzi di trasporto o fra mezzi di trasporto e magazzini così come qualsiasi rimozione per susseguente movimentazione manuale o meccanica.

Il sovraimballaggio spesso consente una migliore resistenza alle sollecitazioni durante le movimentazioni o lo stivaggio del collo o di più colli ma non deve comprometterne la loro funzionalità (5.1.2.2.)

Excursus

imagen58572g

Definizione Sovrimballaggio ADR (overparck)

Il Sovrimballaggio è un involucro utilizzato (nel caso dei materiali radioattivi, da uno stesso speditore) per contenere uno o più colli e farne un'unità di più facile movimentazione e stivaggio durante il trasporto. Esempi di sovrimballaggi:

a) un piatto di carico, come una paletta sulla quale più colli sono sistemati o impilati e fissati mediante una striscia di plastica, una pellicola termoretraibile o stirabile o mediante altri mezzi adeguati;
oppure
b) un imballaggio esterno di protezione come una cassa o una gabbia;

Esempi:

Gefahrgutversand


Chazardous goods handling agent 500x500


gefahrgut 2

12501709 946555252046263 1614731074 n

imballaggi merci pericolose
overpacks

CAPITOLO 4.1 - Utilizzazione di imballaggi, di grandi imballaggi (recipienti) per il trasporto alla rinfusa (GIR) e di grandi imballaggi

4.1.1.
Disposizioni generali relative all'imballaggio di merci pericolose in imballaggi, compresi i GIR o i grandi imballaggi
____

ARTE 5 - PROCEDURE DI SPEDIZIONE

CAPITOLO 5.1 - Disposizioni generali

5.1.2. Impiego di sovrimballaggi
...
____

5.2.1 Marcatura dei colli
....

5.2.1.7.1.
Ogni collo deve portare, sulla superficie esterna dell'imballaggio, l'indicazione dello speditore o del destinatario o di entrambi, scritta in modo leggibile e durevole. Ogni sovrimballaggio deve recare in modo leggibile e durevole sulla superficie esterna l'indicazione dello speditore o del destinatario o di entrambi, a meno che questi marchi non siano perfettamente visibili per tutti i colli all'interno del sovrimballaggio.

5.2.1.7.2.
Ogni collo, escluso i colli esenti, deve portare, sulla superficie esterna dell'imballaggio, il numero ONU preceduto dalle lettere "UN" e la designazione ufficiale di trasporto, scritte in modo leggibile e durevole. La marcatura dei colli esenti deve essere conforme a quanto indicato al 5.1.5.4.1.

5.2.1.7.3.
Ogni collo avente una massa lorda superiore a 50 kg deve portare sulla superficie esterna dell'imballaggio l'indicazione della sua massa lorda ammissibile, scritta in modo leggibile e durevole.

5.2.1.7.4.
Ogni collo conforme a:
a) un modello di "collo industriale di tipo IP-1", "collo industriale di tipo IP-2", "collo industriale di tipo IP-3" deve portare sulla superficie esterna dell'imballaggio la dicitura "TIPO IP-1", "TIPO IP-2" o "TIPO IP-3", come appropriato, scritta in modo leggibile e durevole;

Le proporzioni sono basate sul cerchio centrale di raggio X
La dimensione minima ammissibile di X è di 4 mm

5.2.1.7.7.
Quando i materiali LSA-I o SCO-I sono contenuti in recipienti o materiali di contenimento e sono trasportati in uso esclusivo conformemente al 4.1.9.2.4, la superficie esterna di questi recipienti o materiali di contenimento può portare la dicitura "RADIOATTIVA LSA-I" o "RADIOATTIVA SCO-I", come appropriato.

5.2.1.7.8.
In tutti i casi di trasporto internazionale di colli il cui modello deve essere approvato o la spedizione approvata dall'autorità competente e per i quali si applicano modalità di approvazione diverse nei vari paesi interessati dalla spedizione, la marcatura deve essere conforme al certificato del paese d'origine del modello.
...

5.2.1.10.
Frecce di orientamento

Frece orientamento

(1) È permesso utilizzare uno dei seguenti termini in luogo della denominazione tecnica:
- per il n. 1078 gas frigorifero, n.a.s.: miscela F1, miscela F2, miscela F3;
- per il n. 1060 metilacetilene e propadiene in miscela stabilizzata: miscela P1, miscela P2;
- per il n. 1965 idrocarburi gassosi liquefatti, n.a.s.: miscela A o butano, miscela A01 o butano, miscela A02 o butano, miscela A0 o butano, miscela A1, miscela B, miscela B1, miscela B2, miscela C o propano;
- per il n. ONU 1010 Butadieni, stabilizzati: Butadiene -1.2, stabilizzato, Butadiene -1.3, stabilizzato.
(2) Sigla distintiva dello Stato di immatricolazione utilizzata sui veicoli automobilistici e i rimorchi in circolazione stradale internazionale, ad esempio in base alla Convenzione di Ginevra sulla circolazione stradale del 1949 o della Convenzione di Vienna sulla circolazione stradale del 1968.


Certifico Srl - IT | Rev. 00 2017


Tags: Merci Pericolose Imballaggi ADR Abbonati Trasporto ADR

Articoli correlati

Ultimi archiviati Merci Pericolose

Modello comunicazione esenzione consulente ADR
Nov 12, 2018 118

Modello comunicazione esenzione nomina consulente ADR

Modello comunicazione esenzione nomina consulente ADR In allegato modello di Comunicazione esenzione di nomina consulente ADR, ai sensi dell'articolo 11 D.lgs 35/2010, in formato .doc/pdf. Il modello riguarda l'esenzione per tipologia di attività ed interessa precisamente le imprese che effettuano… Leggi tutto
DM 4 luglio 2000
Nov 11, 2018 138

D.M. 4 luglio 2000

D.M. 4 luglio 2000 Individuazione delle imprese esenti dalla disciplina dei consulenti alla sicurezza per trasporto di merci pericolose su strada e per ferrovia, ai sensi dell'art. 3, comma 3, lettera b) del decreto legislativo 4 febbraio 2000, n. 40. (GU n. 170 del 22 luglio 2000)_______...Art. 1.… Leggi tutto
Circolare protocollo 25480 del 18 10 2018
Nov 10, 2018 44

Circolare protocollo 25480 del 18/10/2018

Circolare protocollo 25480 del 18/10/2018 Oggetto: Approvazione valvole, ed altri equipaggiamento di servizio, per i quali nella tabella del punto 6.8.2.6.1 dell’ADR è indicata una norma di riferimento, destinate a cisterne per il trasporto di merci pericolose ad esclusione della classe 2 (gas). Il… Leggi tutto
Equipaggiamento di servizio
Ott 06, 2018 291

Cisterne trasporto di merci pericolose - Equipaggiamento di servizio

Cisterne per il trasporto di merci pericolose - Equipaggiamento di servizio Serie norme tecniche UNI, in vigore dal 04 Ottobre 2018, relative alle cisterne per il trasporto di merci pericolose, e precisamente: 1 - UNI EN 14596:2018 - Cisterne per il trasporto di merci pericolose - Equipaggiamenti… Leggi tutto
Posizione UE ADR 2019
Ott 05, 2018 126

Decisione (UE) 2018/1485

Posizione dell'UE sull'ADR 2019 Decisione (UE) 2018/1485 Decisione (UE) 2018/1485 del Consiglio del 28 settembre 2018 relativa alla posizione da adottare a nome dell'Unione europea in merito alle modifiche degli allegati dell'accordo europeo relativo al trasporto internazionale di merci pericolose… Leggi tutto
UNI EN 14025 2018
Set 07, 2018 352

UNI EN 14025:2018 | Cisterne per il trasporto di merci pericolose

UNI EN 14025:2018 | Cisterne per il trasporto di merci pericolose Cisterne per il trasporto di merci pericolose - Cisterne metalliche a pressione - Progettazione e costruzione La norma, aggiornata nel suo contenuto tecnico in modo sostanziale, specifica i requisiti minimi per la progettazione e la… Leggi tutto

Più letti Merci Pericolose

Set 07, 2017 36943

GHS - Fourth revised edition

in GHS
GHS - Fourth revised edition GHSGlobally Harmonized System of Classification and Labelling of Chemicals Il GHS è un regolamento internazionale per la classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio di sostanze chimiche che deve essere integrato nel diritto nazionale.Nel quadro della Conferenza… Leggi tutto