Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.


Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021
Slide background
CEM4: certifico machinery directive

Il software per Direttiva macchine

da Marzo 2000

Promo Anniversary 21°
Slide background
Certifico 2000/2021: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.

Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2021
Slide background
Certifico 2000/2020: Informazione Utile

Tutta la Documentazione presente è elaborata

o selezionata dalla nostra redazione su Standards riconosciuti.

Vedi i nostri abbonamenti e prodotti

Slide background
Certifico 2000/2020: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti sono elaborati direttamente

o selezionati su Norme Tecniche & Standards riconosciuti.


Vedi Abbonamenti Promo: 2X, 3X, 4X, Full | 2020
Slide background
Certifico 2000/2019: Informazione Utile

Tutti i Software, Prodotti e Documenti Tecnici presenti

sono elaborati direttamente o selezionati su Standards riconosciuti.

Vedi il Piano Promo "Fidelity"per l'acquisto dei nostri Prodotti

Eventi incidenti rilevanti: Metodo Shortcut

ID 248 | | Visite: 8990 | Documenti Chemicals EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/248

Eventi incidenti rilevanti: Metodo Shortcut

Metodo Shortcut per la valutazione delle conseguenze incidentali

Il “Metodo Shortcut” qui esposto, e finalizzato alla stima speditiva delle conseguenze derivanti da eventi incidentali rilevanti connessi allo stoccaggio, movimentazione e trasporto di sostanze pericolose.

Lo scopo del lavoro e fornire un rapido strumento, ad uso del valutatore pubblico, finalizzato alla verifica della correttezza dei risultati ottenuti dal gestore per altra via. Il valutatore porra a confronto le omologhe massime distanze di danno, per l'unita in esame, valutate dall'estensore del Rapporto di Sicurezza, con le distanze di riferimento, determinate con il presente metodo.

Nel caso in cui le prime risultino inferiori a queste ultime, il valutatore dovra verificare la sussistenza di eventuali
condizioni specifiche che giustifichino tale risultato.

Si ribadisce che la valutazione delle distanze di danno e comunque a carico del gestore, il quale e responsabile della formulazione delle ipotesi, della scelta dei termini di sorgente e dell'adozione di particolari modelli di calcolo.

L’impiego della metodologia qui riportata, in sostituzione di valutazioni analitiche piu specifiche e dettagliate che il gestore deve condurre, e da ritenersi non corretta.

In analogia con altri metodi speditivi, anche il Metodo Shortcut consente di stimare le distanze di danno relative ad incidenti da trasporto di sostanze pericolose mediante autobotte, ferrocisterna e condotta, tipologie escluse dal campo di applicazione del D.Lgs. 334/99, utili, in assenza di analisi piu dettagliate, per la pianificazione territoriale e di emergenza.

L’applicazione del Metodo Shortcut fornisce la stima delle distanze di danno per due tipologie di eventi incidentali, rappresentative di elevati livelli di sicurezza impiantistico-gestionali:
- ipotesi più probabile, caratterizzata da probabilità relativamente alta e magnitudo contenuta, ma
comunque rilevante;
- ipotesi media, associata a probabilità di accadimento più remote e termini di sorgente di media gravita, tipica di eventi incidentali rilevanti ma pur sempre credibili.

In relazione a quanto sopra esposto e bene chiarire che le distanze di danno fornite dal Metodo Shortcut non sono numericamente le maggiori, in assoluto, dell’insieme delle soluzioni possibili e non e quindi corretto considerarle sempre cautelative. Per ciascuna ipotesi incidentale sono fornite le distanze di danno alle soglie standard dell’evento modellato (elevata letalità, inizio letalità, lesioni irreversibili, lesioni reversibili) nelle condizioni meteorologiche mediamente rappresentative (D.5 ed F.2).

In questo contesto non e possibile prescindere da considerazioni in merito all’incertezza delle stime fornite dal metodo in questione. Il Metodo Shortcut si basa sull’applicazione dello schema caratteristico dell’analisi delle conseguenze.

Da dati tipici di impianto e da condizioni meteoclimati che più rappresentative sono desunti i termini di sorgente che costituiscono i parametri di input dei modelli di simulazione.

Correlando i risultati a criteri di vulnerabilità sono stimate le distanze di danno.

Giova ricordare che i fenomeni coinvolti in una sequenza incidentale sono, per gran parte, di natura stocastica.

L’aleatorietà delle variabili in gioco ne richiederebbe la descrizione attraverso funzioni di distribuzione di probabilità tali da rendere conto dello spettro di tutte le possibili soluzioni tipiche dell’evento reale.

E noto che esercizi di benchmarking hanno evidenziato scostamenti relativi, nella stima delle conseguenze, anche di diversi ordini di grandezza, pur partendo dallo stesso caso in studio.

I risultati forniti dal metodo proposto sono pertanto da assumersi come valori indicativi di riferimento: in relazione all’uso previsto dovrà essere tenuta presente l’incertezza insita nella stima delle distanze di danno.

I risultati riportati nelle tabelle finali rappresentano inoltre i valori massimi delle distanze di danno delle sostanze simulate presenti all’interno di ciascuna classe.

Il metodo puo essere utilizzato anche per sostanze non comprese negli elenchi impiegando i criteri di classificazione indicati.

Per le sostanze infiammabili la bontà del metodo di classificazione adottato nel Metodo Speditivo del gennaio del 1994 e stata confermata dai risultati delle simulazioni ed e stato riproposto nel presente lavoro.

Per le sostanze tossiche i risultati ottenuti hanno chiaramente dimostrato l’inidoneità dei criteri di classificazione basati esclusivamente sulla combinazione lineare di due indici legati alla tensione di vapore e al valore del LC50 4h ratto della sostanza in esame.

Il Metodo Shortcut si basa quindi su criteri di classificazione diversi.


APAT
Agenzia per la protezione dell’ambiente e per i servizi tecnici
Via Vitaliano Brancati, 48 - 00144 Roma

Scarica questo file (Metodo Shortcut valutazione conseguenze incidentali APAT.pdf)Metodo ShortcutAPATIT523 kB(1020 Downloads)

Tags: Chemicals Rischio Incidente Rilevante

Ultimi inseriti

Consultazione pubblica REACH
Mag 06, 2021 19

Consultazione pubblica REACH | Update elenco sostanze Allegato XVII

Consultazione pubblica REACH | Update elenco sostanze Allegato XVII Consultazione pubblica aperta dal 05 Maggio 2021 al 02 Giugno 2021. L'iniziativa mira a proteggere i consumatori aggiungendo sostanze recentemente classificate come cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (CMR)… Leggi tutto
Decreto 16 Aprile 2021
Mag 05, 2021 10

Decreto 16 aprile 2021 | Suppl. 10.4 Farmacopea Europea 10ª Ed.

Decreto 16 aprile 2021 Entrata in vigore dei testi, nelle lingue inglese e francese, pubblicati nel Supplemento 10.4 della Farmacopea europea 10ª edizione. (GU n.106 del 05.05.2021) ...[box-info]Aggiornamenti10.0 Decreto 9 febbraio 2020 | 10ª edizione della Farmacopea Europea10.1 Decreto 2 aprile… Leggi tutto
Global Report CCS 2020
Mag 05, 2021 19

Global Status of CCS Report 2020

Global Status of CCS Report 2020 Il Global Status of CCS Report 2020 dimostra il ruolo vitale delle tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) nel ridurre le emissioni a zero netto entro il 2050, oltre a documentare lo stato attuale e novità tecnologiche degli ultimi 12 mesi. Il rapporto… Leggi tutto
D Lgs  162 2011 Stoccaggio geologico del biossido di carbonio
Mag 05, 2021 93

Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 162

Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 162 Attuazione della direttiva 2009/31/CE in materia di stoccaggio geologico del biossido di carbonio, nonche' modifica delle direttive 85/337/CEE, 2000/60/CE, 2001/80/CE, 2004/35/CE, 2006/12/CE, 2008/1/CE e del Regolamento (CE) n. 1013/2006. (GU n.231 del… Leggi tutto
Mag 05, 2021 14

Decisione n. 2455/2001/CE

Decisione n. 2455/2001/CE Decisione n. 2455/2001/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2001, relativa all'istituzione di un elenco di sostanze prioritarie in materia di acque e che modifica la direttiva 2000/60/CE (GU L 331/1 del 15.12.2001) Collegati[box-note]Direttiva… Leggi tutto

Ultimi Documenti Abbonati

Guidance n  27
Mag 05, 2021 42

Guidance Document No. 27 Technical Guidance For DEQS

Guidance Document No. 27 Technical Guidance For Deriving Environmental Quality Standards EC Enviromet - Technical Report 2011/055 The EU Member States, Norway, and the European Commission in 2000 have jointly developed a common strategy for implementing Directive 2000/60/EC establishing a framework… Leggi tutto
UNI CEN TS 17606 2021
Mag 05, 2021 19

UNI CEN/TS 17606:2021

UNI CEN/TS 17606:2021 UNI CEN/TS 17606:2021 Installazione di attrezzature di refrigerazione, condizionamento dell'aria e pompe di calore contenenti refrigeranti infiammabili, a integrazione di norme esistenti Recepisce: CEN/TS 17606:2021 Data entrata in vigore: 29 aprile 2021 La specifica tecnica… Leggi tutto
FAQ NRMM 2021
Mag 03, 2021 27

Non-Road Mobile Machinery emissions - NRMM Guide | Update 2021

Non-Road Mobile Machinery emissions - NRMM Guide | Update 2021 CECE, January 2021 The purpose of this frequently asked questions (hereinafter ‘FAQ’) document is to contribute to a clear understanding of the Regulation (EU) 2016/1628, as amended by Regulation (EU) 2020/1040 (hereafter referred to as… Leggi tutto
EN IEC 60947 1 2021 Low voltage switchgear and controlgear
Mag 03, 2021 36

EN IEC 60947-1:2021 | Low-voltage switchgear and controlgear

EN IEC 60947-1:2021 Low-voltage switchgear and controlgear EN IEC 60947-1:2021 Low-voltage switchgear and controlgear – Part 1: General rules This document applies, when required by the relevant product standard, to low-voltage switchgear and controlgear hereinafter referred to as "equipment" or… Leggi tutto