Slide background

Linee guida Rapporto Controlli AIA-SEVESO

ID 3088 | | Visite: 2346 | Documenti Ambiente ISPRAPermalink: https://www.certifico.com/id/3088

Linee guida Rapporto dei Controlli SNPA

Struttura reporting controlli ambientali AIA-SEVESO

Il presente documento è stato redatto nell’ambito delle attività dei gruppi di lavoro interagenziali ISPRA-ARPA, nominati e attivati per il triennio 2014-2016.

Si tratta in particolare del gruppo di lavoro 32, costituito al fine di predisporre la struttura del rapporto dei controlli ambientali, con specifico riferimento ai controlli svolti dal sistema agenziale su impianti soggetti al rispetto dell’autorizzazione integrata ambientale ai sensi dell’art. 29-decies d.lgs. 152/2006 e smi e quelli soggetti al rispetto della Direttiva Seveso, ovvero del d.lgs. 334/99, dal 2015 sostituito dal Dlgs. 105 del 26/6/2015 “Attuazione della Direttiva 2012/18/UE relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose”.

Il gruppo di lavoro 32 è inserito all’interno dell’Area 5 assieme ad altri 6 gruppi, tutti impegnati nella predisposizione di reportistiche inerenti diversi temi quali lo stato dell’ambiente, i rifiuti, la qualità dell’aria, l’ambiente urbano.
Nell’ambito delle tematiche ambientali il sistema agenziale si è sempre interessato della divulgazione di informazioni, estratte ed elaborate da dati disponibili di diversa origine, inerenti aspetti quali le produzioni annue di rifiuti pericolosi e non pericolosi, le quantità annue di sostanze inquinanti emesse in atmosfera, la qualità dell’aria ambiente, la qualità delle acque di ogni genere e genesi (superficiali, potabili, reflue, sotterranee); tuttavia sono pochi i contributi esistenti a livello nazionale in merito alle attività di controllo svolte da ISPRA e ARPA/APPA.

La predisposizione di un rapporto dei controlli ambientali di sistema si è resa necessaria in quanto, nonostante le svariate attività ispettive che sono svolte da ISPRA e APPA/ARPA in varie tematiche ambientali, non esisteva ancora un documento univoco che riassumesse le attività svolte dagli enti di controllo ed al contempo evidenziasse i risultati raggiunti. Essendo inoltre un lavoro senza precedenti nell’ambito delle attività di controllo, si è deciso che le tematiche d’interesse in questa prima sessione avrebbero riguardato solo i controlli svolti in ambito AIA e Seveso, i cui esiti sono già piuttosto ricchi di contenuti, rimandando eventualmente ad una successiva attività l’inserimento di altre tematiche.
ll gruppo di lavoro ha dato avvio all’attività a seguito dell’approvazione, in data 31/01/2015, del piano operativo di dettaglio (POD) da parte del Comitato Tecnico Permanente. Le attività proposte sono di seguito descritte:

1) Predisposizione e trasmissione al GdL, per condivisione, di un questionario volto ad acquisire informazioni in materia di reportistica sui controlli AIA/Seveso esistente a livello regionale;
2) Ricognizione di prodotti analoghi di reportistica a livello europeo e/o internazionale;
3) Trasmissione del questionario, dopo approvazione del GdL, alla Rete dei Referenti;
4) Compilazione e trasmissione dei questionari da parte della rete dei referenti con annessi esempi di reportistica, se presenti;
5) Valutazione del materiale acquisito, estrapolazione di indicatori comuni, predisposizione e presentazione di una proposta di reportistica al GdL;
6) Trasmissione da parte del GdL di ulteriori contributi alla proposta di report trasmessa;
7) Stesura finale della struttura di report
8) Presentazione della proposta di reportistica, approvata dal GdL, alla rete dei referenti.

Definita la struttura del rapporto, a seguito di approvazione da parte del CTP, si darà avvio alla fase di acquisizione dati da parte delle Agenzie per le attività di controllo svolte dal sistema agenziale nel 2015 presso gli impianti soggetti all’ottemperanza dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, di cui all’art. 29-decies del D.lgs. 152/06 e presso gli impianti soggetti alla Direttiva Seveso II, di cui al d.lgs. 334/99, ora Dlgs. 105/2015, al fine della stesura e divulgazione del primo rapporto controlli AIA/Seveso 2015, attività che sarà effettuata a partire dal 2016 dal gruppo di lavoro RR38 - Area 6.

Al gruppo di lavoro 32 ha inizialmente partecipato il personale delle Agenzie Regionali sotto riportato e il personale di ISPRA appartenente ai servizi ISP (Servizio interdipartimentale per l'indirizzo, il coordinamento ed il controllo delle attività ispettive) e RIS (Rischio industriale).

ISPRA 2016



Tags: Chemicals Rischio Incidente Rilevante

Più lette Guide ISPRA

Feb 27, 2017 11542

Rapporto rifiuti Urbani 2013

Rapporto rifiuti urbani 2013 Il presente Rapporto è stato elaborato dal Servizio Rifiuti, dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Il Rapporto conferma l’impegno dell’ISPRA affinché le informazioni e le conoscenze relative ad un importante settore, quale quello dei… Leggi tutto

Ultime Guide ISPRA

ISPRA 186 2019
Mar 15, 2019 54

Accreditamento del saggio di tossicità acuta con Daphnia Magna

Indicazioni per l’accreditamento del saggio di tossicità acuta con Daphnia Magna ISPRA - Manuali e linee guida 186/2019 Il documento realizzato nel quadro dell’Accordo di Collaborazione tra ISPRA e ACCREDIA, ha lo scopo di fornire indicazioni operative per condurre il saggio con Daphnia magna in… Leggi tutto
Rapporto ambiente SNPA 2018
Mar 04, 2019 96

Rapporto Ambiente | SNPA Edizione 2018

Rapporto Ambiente | SNPA Edizione 2018 SNPA, 27/02/2019 Il Rapporto Ambiente - SNPA nasce nell’ambito del SNPA per un’ampia ed efficace divulgazione dei dati e dell’informazione ambientale prodotta da ISPRA e dalle ARPA/APPA. La base dati è l’Annuario dei dati ambientali ISPRA. Il Rapporto è… Leggi tutto
Carta idrogeologica Italia
Feb 25, 2019 91

Carta idrogeologica d'Italia

Carta idrogeologica d'Italia alla scala 1:50.000 La pubblicazione di queste Linee Guida vuole contribuire a far prendere atto che la cartografia idrogeologica è un’attività fondamentale per ogni tentativo di tutela e di razionale gestione del patrimonio idrico, che deve essere conosciuto con il… Leggi tutto
Spreco alimentare
Feb 05, 2019 169

Spreco alimentare: un approccio sistemico per la prevenzione e la riduzione strutturali

Spreco alimentare: un approccio sistemico per la prevenzione e la riduzione strutturali ISPRA Rapporti 279/2018 La riduzione della perdita e dello spreco di alimenti è considerata dalle Nazioni Unite e da molte istituzioni internazionali come una delle principali strade per procedere verso la… Leggi tutto
Ridurre emissioni climalteranti
Feb 04, 2019 173

ISPRA Quaderni 20/2019 | Ridurre le emissioni climalteranti

Ridurre le emissioni climalteranti: indicazioni operative e buone pratiche per gli Enti Locali ISPRA 20/2019 - Quaderni Ambiente e Società Le politiche per affrontare i Cambiamenti Climatici sono principalmente la mitigazione e l’adattamento. Questa pubblicazione si concentra sulla mitigazione,… Leggi tutto
Linea guida 19 2018
Gen 23, 2019 180

Procedure operative applicazione e esecuzione dei controlli QA/QC

Procedure operative per l’applicazione e l’esecuzione dei controlli di QA/QC per le reti di monitoraggio della qualità dell’aria SNPA - Linee Guida n. 19/2018 Il presente manuale, redatto nell’ambito delle attività del gruppo di lavoro 3 bis “Procedure di QA/QC per la qualità dell’aria” del SNPA,… Leggi tutto
rete gamma
Gen 17, 2019 139

ISPRA Rapporti 292/2018 | Rete gamma

Rete gamma: rete automatica di monitoraggio radiologico dell'ambiente ai fini di pronto allarme e di controllo della ricaduta radioattiva ISPRA Rapporti 292/2018 Edizione 2015 Rete gamma: rete automatica di monitoraggio radiologico dell'ambiente ai fini di pronto allarme e di controllo della… Leggi tutto
EMAS Economia circolare
Gen 14, 2019 176

EMAS ed Economia Circolare - Settore manifatturiero del metallo

EMAS ed Economia Circolare - Il caso studio del settore manifatturiero del metallo Rapporto ISPRA 299/2018 Tra gli strumenti forniti dalle istituzioni europee per le imprese che desiderano adattare la propria produzione ai principi dell’Economia circolare uno su tutti potrebbe guidare questa… Leggi tutto