Slide background
Slide background




IARC Monographs Volume 124

ID 12277 | | Visite: 1132 | Documenti Chemicals EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/12277

IARC Vol 124

IARC Monographs Volume 124

Night Shift Work / Lavoro notturno IARC

Lo IARC, Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, con la Monografia Volume 124, analizza la correlazione e gli effetti del lavoro notturno con alcuni fattori chiave dello sviluppo del cancro quali l'immunodepressione, l'infiammazione cronica e la proliferazione cellulare.

Il "lavoro notturno" implica il lavoro, inclusi i viaggi che comportano il cambio di fuso orario, in quelle che sono le ore di sonno per la maggior parte della popolazione. L'interruzione dei ritmi circadiani delle funzioni del corpo come risultato di alterazioni della normale esposizione a luce/buio è l'effetto più importante del lavoro notturno.

Il ritmo circadiano, in cronobiologia e in cronopsicologia, è un ritmo caratterizzato da un periodo di circa 24 ore. Il termine "circadiano", coniato da Franz Halberg, viene dal latino circa diem e significa appunto "intorno al giorno".

I ritmi circadiani sono importanti per determinare i modelli di sonno e veglia di tutti gli animali, inclusi gli esseri umani. Vi sono chiari modelli dell'attività cerebrale, di produzione di ormoni, di rigenerazione cellulare e altre attività biologiche collegate a questo ciclo giornaliero.

Il ritmo è collegato al ciclo luce-buio.

Circadian Rhythms   Internal Body Cock

Fig. 1 - Ritmo circadiano

La "Notte" è generalmente definita come il periodo dal tramonto all'alba in 24 ore.  La notte biologica umana dipende da ritmi circadiani individuali, ma normalmente include l'orario dalle 23:00 alle 07:00 nel quale la maggior parte degli adulti usualmente dorme.

Il lavoro notturno è essenziale per garantire che produzione e attività possano proseguire 24 ore su 24. Nella moderna "società 24/7" (24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana) la natura del lavoro notturno sta cambiando come risultato della diversificazione di modelli di orario di lavoro. La sua prevalenza è diversa tra i settori e si verifica più comunemente in sanità, produzione, trasporti, vendita al dettaglio, e servizi. Si stima che 1 su 5 lavoratori di tutto il mondo siano impegnati nel turno lavorativo di notte, sebbene definizioni, qualità e portata dei dati statistici varino. La globalizzazione del mercato del lavoro ha portato ad un aumento dell'uso del lavoro notturno su turni nei paesi a basso e medio reddito. Approcci normativi per il lavoro notturno e il loro grado di implementazione varia notevolmente tra regioni e settori.

I lavoratori del turno di notte possono essere co-esposti a rischio biologico, chimico e da agenti cancerogeni. Inoltre, diversi fattori individuali, legati allo stile di vita e ambientali possono mediare, confondere o moderare il potenziale rischio di contrarre il cancro nei turni di notte.

Esposizione a turni di lavoro notturni e cambio di fuso orario possono essere valutati in ambito di studi epidemiologici con questionari, interviste o diari, così come usando dei dati registrati (es. busta paga) o pianificazione delle ore di lavoro. La quantità di dettagli e la qualità delle informazioni sull'esposizione durante il lavoro notturno a turni negli studi epidemiologici varia notevolmente tra i singoli studi.

L'obiettivo del programma IARC è stato quello di analizzare il fenomeno coinvolgendo gruppi di lavoro internazionali ed esperti interdisciplinari, in modo da analizzare valutazioni, documenti, evidenze dell'influenza del lavoro notturno sulla possibilità di contrarre il cancro.

Ci sono stati, pertanto, molti studi condotti su gruppi professionali specifici (come ad esempio gli infermieri) e sulla popolazione in generale che hanno permesso nel tempo di migliorare i metodi valutativi. 

Nota

Riassumendo, lo studio dello IARC ha portato ad una evidente correlazione tra il lavoro notturno ed alcuni fattori chiave dello sviluppo del cancro: immunodepressione, infiammazione cronica, proliferazione cellulare. Nei casi studiati si è, inoltre, riscontrato un aumento significativo dei livelli di estrogeni nelle lavoratrici notturne ed una diminuzione generale nella produzione di melatonina.

Monographs on the Identification of Carcinogenic Hazards to Humans Volume 124

...
segue in allegato

Collegati



Tags: Chemicals Abbonati Chemicals Agente chimico

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Regolamento delegato UE 2021 642
Apr 20, 2021 3

Regolamento delegato (UE) 2021/642

Regolamento delegato (UE) 2021/642 della Commissione del 30 ottobre 2020 che modifica l’allegato III del regolamento (UE) 2018/848 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda determinate informazioni da indicare sull’etichetta dei prodotti biologici GU L 133 del 20.4.2021… Leggi tutto
Apr 16, 2021 51

Seconda relazione consuntiva CE: furani e i bifenili policlorurati - 2007

Seconda relazione consuntiva CE: furani e i bifenili policlorurati - 2007 Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento Europeo e al Comitato economico e sociale europeo relativa all’attuazione della strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati (COM(2001)… Leggi tutto
Decisione UE 2021 592
Apr 13, 2021 40

Decisione (UE) 2021/592 del Consiglio del 7 aprile 2021

Decisione (UE) 2021/592 del Consiglio del 7 aprile 2021 relativa alla presentazione, a nome dell’Unione europea, di una proposta di inclusione del clorpirifos nell’allegato A della convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti GU L 125/52 del 13.04.2021 Entrata in vigore:… Leggi tutto
Report EFSA 2019 Pesticide
Apr 12, 2021 53

Reports EFSA on pesticide residue analysis performed in 2019

Reports EFSA on pesticide residue analysis performed in 2019 EFSA, 07 Aprile 2021 Pubblicato l’ultimo rapporto sui residui di pesticidi negli alimenti nell’Unione europea, uno spaccato dei tenori di residui riscontrati nell’intero territorio in un paniere di prodotti di largo consumo. Nel 2019 sono… Leggi tutto
Apr 09, 2021 87

Protocollo inquinanti organici persistenti della convenzione del 1979

Protocollo sugli inquinanti organici persistenti della convenzione del 1979 sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero a grande distanza (GU L 81, 19.3.2004) Collegati
La Convenzione di Stoccolma: Inquinanti organici persistentiRegolamento (UE) 2019/1021 (POPs) | Consolidato
Leggi tutto
Apr 09, 2021 103

Comunicazione 2001/C 322/02

Comunicazione 2001/C 322/02 Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento europeo e al Comitato economico e sociale - Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati 2001/C 322/02 (COM/2001/0593 definitivo) (GU n. 322 del 17.11.2001) Leggi tutto
Apr 01, 2021 71

Direttiva 2001/60/CE

Direttiva 2001/60/CE Direttiva 2001/60/CE della Commissione, del 7 agosto 2001, recante adeguamento al progresso tecnico della direttiva 1999/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Feb 28, 2020 43614

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto