Slide background
Slide background




Rapporto ECHA - Restrizioni Allegato XVII REACH

ID 5612 | | Visite: 6220 | Documenti Chemicals ECHAPermalink: https://www.certifico.com/id/5612

ECHA Forum
Rapporto ECHA - Restrizioni Allegato XVII REACH

Helsinki, 13 febbraio 2018

Forum REF - 4 Project Report - Harmonised Enforcement Project on Restrictions

REF-4 è stato il quarto progetto REACH-EN-FORCE del Forum.

Gli obiettivi del progetto sensibilizzare alle restrizioni di cui all'allegato XVII del regolamento REACH, al fine di identificare le non conformità correlate a restrizioni sul mercato UE, per dare seguito alle azioni di applicazione e per conseguire una maggiore grado di conformità e quindi un maggior grado di protezione della salute e dell'ambiente.

Le restrizioni mirano a proteggere la salute umana e l'ambiente da rischi inaccettabili posti dalle sostanze chimiche. Le restrizioni sono normalmente utilizzate per limitare o vietare la fabbricazione, l'immissione sul mercato (comprese le importazioni) o l'uso di una sostanza. Si possono richiedere misure tecniche o etichette specifiche.
Esempio di restrizione:
In base a REACH, i giocattoli e i prodotti per l'infanzia che contengono ftalati superiori allo 0,1% in peso che possono essere messi in bocca dai bambini sono proibiti. La restrizione degli ftalati è stata messa in atto per proteggere i bambini dagli effetti dannosi delle sostanze chimiche. Alcuni ftalati sono sospettati di essere tossici per la riproduzione e perturbazione endocrina.

Il rapporto mostra un numero relativamente elevato di prodotti sul mercato europeo contenenti sostanze chimiche soggette a restrizioni ai sensi di REACH. Gli ispettori di 27 paesi europei hanno controllato 1 009 miscele, 4 599 articoli e 17 sostanze. Complessivamente, su 5 625 controlli di prodotto mirati, il 18% non ha rispettato le restrizioni.

REF  4 Project Tabel 1

Le violazioni più frequenti sono state: ftalati nei giocattoli (il 20% dei giocattoli ispezionati conteneva Bis (2-etilesil) (DEHP), Dibutilftalato (DBP) o Benzilbutilftalato (BBP) a livelli superiori a quelli consentiti), cadmio nei filler per brasatura ( 14%) e fibre di amianto nei prodotti (14%). I prodotti contenenti amianto - ad esempio catalizzatori, thermos, pastiglie dei freni - erano per lo più di seconda mano e probabilmente prodotti prima che entrassero in vigore le restrizioni che vietano la vendita di prodotti contenenti amianto.

Gli ispettori hanno anche trovato alte concentrazioni di cromo VI negli articoli in pelle (il 13% dei prodotti testati) e il cadmio nella gioielleria (12%).

Complessivamente, la maggior parte delle violazioni è stata riscontrata con prodotti che avevano origini non identificabili (il 39% di tali prodotti non era conforme), seguiti da prodotti importati dalla Cina (17%).

La relazione sottolinea la responsabilità delle imprese di ottenere informazioni sulla composizione chimica dei loro prodotti dai loro fornitori. Ciò può anche includere la verifica proattiva dei prodotti e la stipula di accordi tra i fornitori in modo che la composizione chimica sia conforme alla legislazione sulle sostanze chimiche. Le autorità preposte all'applicazione continueranno a far rispettare le restrizioni REACH analizzando altri prodotti sul mercato.

La decisione finale sull'inclusione delle sostanze nell'elenco delle autorizzazioni e sulle date entro le quali le società dovranno chiedere l'autorizzazione all'ECHA saranno prese dalla Commissione europea in collaborazione con gli Stati membri e il Parlamento europeo.

Risultati conclusivi

Livello di attuazione dell'articolo 67, paragrafo 1, del regolamento REACH.

- Il tasso medio di non conformità è stato del 18% del totale di 5 625 controlli di prodotto per il progetto. Si tratta di un tasso di non conformità molto elevato considerando che le restrizioni REACH hanno stato stabilito per gli usi di prodotti chimici con i rischi più elevati e inaccettabili per salute umana o l'ambiente. Tuttavia, i campioni presi per il progetto non possono necessariamente essere considerato come un riflesso dell'intero mercato europeo.

- Il tasso di non conformità era molto alto per quei prodotti che non contenevano un marchio dell'origine nella loro etichetta o dove l'origine non potrebbe essere trovata fuori altrimenti (39%). Il la mancanza di informazioni sull'origine potrebbe essere un'indicazione per un maggiore interesse da parte di autorità preposte all'applicazione della legge - e dovrebbe anche essere tale per le imprese nella catena di approvvigionamento.

- La maggior parte dei prodotti ispezionati sono stati importati dalla Cina. Il tasso di non conformità per quelli i prodotti (17%) è superiore a quello dei prodotti originari dell'area UE/SEE. Sebbene la non conformità rilevata per i prodotti fabbricati nel SEE /UE sia inferiore, può essere considerato come significativamente alta (10%).

- Sono state intraprese azioni legali per 858 prodotti non conformi. Come nel precedente REF progetti, le misure di applicazione sono state variabili tra i controlli sui prodotti. Questo è da azioni volontarie a multe e denunce penali ed è collegato al cittadino disposizioni e procedure di ciascun paese. Azioni di follow-up alla fine del funzionamento fase sono stati indicati per gli altri 168 prodotti non conformi.

- La non conformità media per gli ftalati limitata nei giocattoli e negli articoli di puericultura per le due voci dell'allegato XVII erano del 19,7% per la voce 51 e del 10,4% per la voce 52. Questo può essere considerato un punto di interesse speciale tenendo conto del fatto che il gruppo target di quei prodotti sono bambini e neonati.

- Nei prodotti di gioielleria controllati, tutti i metalli pesanti ristretti sono stati trovati da articoli testati intorno all'area UE / SEE. C'è stato un tasso di non conformità del 6,7% con piombo (significato il 6,7% dei prodotti di gioielleria testati conteneva piombo al di sopra della concentrazione ristretta limite), tasso di non conformità del 7,9% con nichel e tasso di non conformità del 12,1% con cadmio. Il cadmio è anche un problema nei filler per brasatura (tasso di non conformità del 14%).

- Sebbene le fibre di amianto siano limitate in quasi tutti gli usi e questa limitazione è presente nell'area UE/SEE da decenni, le autorità preposte all'applicazione della legge hanno riscontrato il non rispetto nel 13,6% dei prodotti controllati. Questi prodotti erano principalmente di seconda mano.

- Altre voci in cui sono stati identificati tassi di inadeguatezza elevati sono: Cromo (VI) in pelle, mostrando un tasso di non conformità del 13,3%, nichel in parti metalliche di vestiti (11,1%) e idrocarburi policiclici aromatici (IPA) in articoli di consumo (7,9%). In tutti questi gruppi di prodotti, azioni future per migliorare la conformità nell'UE / SEE dovrebbe anche essere considerato.

- Il mercurio nei dispositivi di misurazione presenta tassi di non conformità particolarmente elevati con l'88,5% non conformità in quasi 400 prodotti controllati. Questa voce è stata applicata solo per uno paese (Regno Unito) e controlli sui prodotti sono stati specificamente rivolti a società di piccole dimensioni o individui che utilizzano aste online per pubblicizzare e posizionare questi prodotti sul mercato.

I risultati non riflettono l'intero mercato, ma è ancora suggerito che altri paesi dovrebbe anche controllare i dispositivi di misurazione contro il mercurio.

Categorie di titolari di diritti con una maggiore probabilità di immissione sul mercato, fabbricare o utilizzare prodotti non conformi (sostanze, articoli, miscele).

- In termini di numero totale di non conformità rilevate, gli articoli rappresentavano il gruppo di prodotti con il maggior numero di non conformità (901). Questo è 20% del numero totale di articoli ispezionati. La maggior parte dei prodotti è stata archiviata società di distribuzione (principalmente dettaglianti) seguite da importatori. Pertanto, sembra che controllare i prodotti alla fine della catena di approvvigionamento è l'opzione più comune per gli ispettori per trovare possibili non conformità.

- Sebbene sia stato rilevato il più alto tasso di non conformità per categoria di prodotto sostanze (53%), questo risultato non può essere considerato rappresentativo nel contesto di il progetto, perché il numero di sostanze ispezionate era piccolo (17) rispetto a il numero di articoli controllati Inoltre, la selezione dei controlli i produttori / importatori di sostanze per il progetto potrebbero essere realizzati in base al rischio fattori.

Fonte: ECHA

__________

Articolo 67 Regolamento REACH  Disposizioni generali

1. Una sostanza, in quanto tale o in quanto componente di una o di un articolo, per la quale l'allegato XVII prevede una restrizione non è fabbricata, immessa sul mercato o utilizzata se non ottempera alle condizioni di tale restrizione. Questa disposizione non si applica alla fabbricazione, all'immissione sul mercato e all'uso di una sostanza nell'ambito di attività di ricerca e sviluppo scientifici. L'allegato XVII specifica se la restrizione non si applica ad attività di ricerca e sviluppo orientate ai prodotti e ai processi, nonché il quantitativo massimo soggetto ad esenzione.
2. Il paragrafo 1 non si applica all'uso delle sostanze in prodotti cosmetici quali definiti nella direttiva 76/768/CEE, in relazione alle restrizioni destinate a controllare i rischi per la salute umana contemplati da detta direttiva.
3. Fino al 1° giugno 2013, uno Stato membro può mantenere in vigore eventuali restrizioni esistenti più rigorose in relazione all'allegato XVII in materia di fabbricazione, immissione sul mercato o uso di una sostanza, a condizione che esse siano state notificate conformemente al trattato. La Commissione compila e pubblica un inventario di tali restrizioni entro il 1° giugno 2009.

Collegati:



Tags: Chemicals Reach Abbonati Chemicals Guida ECHA

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Ott 20, 2020 51

D.P.R. 10 settembre 1982 n. 904

D.P.R. 10 settembre 1982 n. 904 Attuazione della direttiva (CEE) n. 76/769 relativa alla immissione sul mercato ed all'uso di talune sostanze e preparati pericolosi. (GU n.336 del 7-12-1982) In allegato testo consolidato 2020 Collegati[box-note]Direttiva 76/769/CEERegolamento (CE) n. 1907/2006… Leggi tutto
Ott 19, 2020 54

Direttiva 76/769/CEE

Direttiva 76/769/CEE Direttiva 76/769/CEE del Consiglio, del 27 luglio 1976, concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati Membri relative alle restrizioni in materia di immissione sul mercato e di uso di talune sostanze e preparati… Leggi tutto
Ott 19, 2020 36

Direttiva 2002/62/CE

Direttiva 2002/62/CE Direttiva 2002/62/CE della Commissione, del 9 luglio 2002, che adegua al progresso tecnico per la nona volta l'allegato I alla direttiva 76/769/CEE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri… Leggi tutto
EU chemical strategy
Ott 14, 2020 58

EU Chemicals Strategy for Sustainability

EU Chemicals Strategy for Sustainability 14.10.2020 - Chemicals Strategy for Sustainability Towards a Toxic-Free Environment La Commissione europea ha pubblicato una strategia per la sostenibilità delle sostanze chimiche il 14 ottobre 2020. Fa parte del progetto inquinamento zero dell'UE, che è un… Leggi tutto
IARC monograpsh 100C
Ott 03, 2020 247

IARC monographs 100C

IARC monograpsh 100C Arsenic, metals, fibres, and dusts Soon after IARC was established in 1965, it received frequent requests for advice on the carcinogenic risk of chemicals, including requests for lists of known and suspected human carcinogens. It was clear that it would not be a simple task to… Leggi tutto
EIGA 233 20
Set 30, 2020 105

Emergency response planning

Emergency Response Planning Doc. EIGA 233/20 Companies are required to take reasonable measures to prevent emergency situations such as fires or leaks from happening, but emergencies are still possible on any site. Every site should therefore have an emergency plan and the necessary resources in… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Feb 28, 2020 36738

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto
Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 29947

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto