Slide background
Slide background




Piattaforma Nazionale del Fosforo

ID 8066 | | Visite: 1487 | News ChemicalsPermalink: https://www.certifico.com/id/8066

Piattaforma Nazionale del Fosforo

Ambiente: materie prime critiche (CMRs), nasce la Piattaforma Nazionale del Fosforo

ID 8066 | Update 06 Giugno 2019

Roma - Al via la Piattaforma Nazionale del Fosforo promossa dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con ENEA nel ruolo di gestore. L’obiettivo è di raggiungere l’autosufficienza negli approvvigionamenti di questa materia prima strategica per la quale il nostro Paese è quasi totalmente dipendente dalle importazioni. Attraverso il suo recupero si potrebbe arrivare a un risparmio di circa 60 milioni di euro all’anno, secondo alcune stime.

La Piattaforma riunisce tutti gli stakeholder italiani attivi in tutte le fasi del ciclo di vita del fosforo e punta a individuare tecnologie, buone pratiche e strategie per la chiusura del ciclo del fosforo, fino all’elaborazione di un piano di sostenibilità a lungo termine. Sarà articolata in 4 gruppi di lavoro: connessione e coinvolgimento delle realtà italiane (imprese, associazioni, istituzioni); promozione ed organizzazione di eventi e seminari; individuazione di buone pratiche esistenti sul recupero del fosforo; elaborazione di proposte per rimuovere gli ostacoli normativi.

“Recuperare il fosforo da fanghi civili, agroalimentari e reflui organici per destinarlo all’agricoltura è un ottimo esempio di economia circolare. Significa limitare le importazioni e portare a una graduale autonomia in questo ciclo, limitare lo sversamento nei corpi idrici e perfino dare un contributo nella lotta alle specie aliene, se pensiamo che nel mare Adriatico sono arrivate specie aliene legate all’eccesso di fosforo e di temperatura del mare come la ‘noce di mare’ che si nutre di larve di altri pesci e sta già mettendo a rischio molti stock ittici”, spiega il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

“Il nostro Paese ha un tasso di riciclo a fine vita del fosforo pari a zero, con un trend dei costi in aumento a causa della diminuzione delle riserve, della scarsa efficienza nell’uso e della sua dispersione nell’ambiente. Per questo la Piattaforma che lanciamo oggi diventa cruciale per il recupero e il riciclo di una materia prima strategica in un’ottica di sostenibilità economica e ambientale”, sottolinea il presidente dell’ENEA Federico Testa.

Oltre che nell’ambito delle azioni Ue[1] per garantire all’industria manifatturiera un approvvigionamento sicuro e sostenibile delle materie prime definite critiche, questa  iniziativa si inquadra nel ruolo ENEA a supporto del sistema Paese nella transizione verso l’economia circolare. La Piattaforma Italiana del Fosforo, in particolare, sarà valorizzata come buona pratica nella Piattaforma degli Stakeholder dell’Economia Circolare (ICESP) di cui ENEA è promotore.

Il fosforo è utilizzato principalmente in agricoltura come fertilizzante, ma vanta anche numerosi utilizzi nell’industria per la produzione di alimenti zootecnici, pesticidi, detergenti e come componente di leghe metalliche.

Ogni anno il nostro Paese importa oltre 400 mila tonnellate di fosforo dal Marocco, dove viene estratto in miniere, sempre più in profondità e con sempre maggiori impurità. In Germania e Olanda gli impianti che recuperano fosforo hanno piena sostenibilità economica anche per la riduzione del volume dei fanghi e il miglioramento della loro qualità, per la minor necessità di manutenzione degli impianti e per la vendita del fosforo stesso.

Per maggiori informazioni sulla piattaforma europea: https://phosphorusplatform.eu/


[1] Materie prime essenziali per l'UE COM(2017) 490

Materia prima fosforo


Il Fosforo è una risorsa non rinnovabile, non sostituibile, fondamentale per la produzione alimentare, essenziale per l’agricoltura e direttamente legata alla sicurezza alimentare, oltre ad essere importante in una serie di altre applicazioni industriali. Le riserve minerali mondiali di fosforo sono limitate anche se si discute ancora sull’estensione e concentrazione geografica delle stesse. Tuttavia agli attuali ritmi di prelievo di materie prime e produzione alimentare, il fabbisogno di fosforo rimarrà elevato. Allo stesso tempo le perdite di fosforo determinano gravi impatti ambientali. Il fosforo è la sostanza che maggiormente contribuisce all’eutrofizzazione delle acque ed allo scadimento della qualità delle acque superficiali.

Le problematiche di sostenibilità del fosforo sono strettamente legate ad altre sfide cruciali incluse la gestione dell’azoto, il trattamento delle acque, gli scarti alimentari, l’erosione del suolo, la sicurezza alimentare.

Il fosforo è inserito nell’elenco delle “Critical Raw Materials (Materie prime critiche) redatto dalla Commissione europea.   

Terzo elenco di materie prime critiche per l'UE del 2017

Il nuovo elenco comprende 9 nuovi materiali in più rispetto all'elenco 2014:

baryte,
bismuth,
hafnium,
helium,
natural rubber,
phosphorus,
scandium,
tantalum,
vanadium. 

Ciò porta il numero di 27 materie prime che sono ora considerate critiche dalla Commissione. 3 di questi sono completamente nuovi alla lista: bismuto, elio, fosforo.

Le altre 17 materie prime critiche sono incluse nella tabella CRM di seguito. Per la prima volta sono disponibili risultati di valutazione individuali per i 3 metalli raggruppati: HREE (elementi di terre rare pesanti), LREE (elementi leggeri di terre rare) e PGM (metalli del gruppo del platino). Tutte le materie prime, anche se non classificate come critiche, sono importanti per l'economia dell'UE

CRM (27)
Antimony
Fluorspar
LREEs
Phosphorus
Baryte
Gallium
Magnesium
Scandium
Beryllium
Germanium
Natural graphite
Silicon metal
Bismuth
Hafnium
Natural rubber
Tantalum
Borate
Helium
Niobium
Tungsten
Cobalt
HREEs
PGMs
Vanadium
Coking coal
Indium
Phosphate rock

Piattaforma Italiana per il fosforo


Nel 2013 è nata la Piattaforma Europea del Fosforo e altre piattaforme sono in seguito state istituite in altri Paesi europei.

L’Italia, con la Legge 27 dicembre 2017, n. 205 recante “Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020” l’articolo 1, comma 122 ha previsto l’istituzione, nello stato di previsione del Ministero dell’Ambiente, di un fondo destinato alla realizzazione della Piattaforma Italiana del fosforo, con le seguenti finalità:

a) realizzazione di uno studio mirato al raggiungimento dell'autosufficienza del ciclo del fosforo;

b) raccolta delle migliori pratiche di recupero del fosforo dai rifiuti;

c) raccolta e diffusione di informazioni riguardanti la filiera di approvvigionamento del fosforo;

d) messa a punto di proposte per incoraggiare il recupero del fosforo e prevenirne gli sprechi;

e) istituzione di un tavolo tematico sulla conservazione e il recupero del fosforo;

f) realizzazione di un portale telematico per la raccolta e la pubblicazione delle attività.

La Direzione per i rifiuti e l’inquinamento ha stipulato una convenzione con Enea per realizzare le iniziative dirette a garantire il funzionamento della Piattaforma Italiana per il fosforo.

La Piattaforma Italiana per il fosforo riunisce tutti gli stakeholder italiani attivi in tutte le fasi del ciclo di vita del fosforo e ha il compito di individuare tecnologie, buone pratiche esistenti e strategie per la chiusura del ciclo su questa materia prima, fino all’elaborazione di un piano di sostenibilità a lungo termine.

La Piattaforma è articolata in 4 gruppi di lavoro che affrontano la tematica da diversi punti di vista: TECNOLOGICO; NORMATIVO; ECONOMICO

Le principali attività previste sono:

- la connessione di tutte le realtà italiane interessate alla chiusura del ciclo sul fosforo (imprese, associazioni, istituzioni);
- l’organizzazione di eventi, seminari e workshop sul tema;
- la raccolta di buone pratiche esistenti sul recupero del fosforo;
- l’elaborazione di proposte che mirino a rimuovere gli ostacoli normativi.

Normativa di riferimento


LEGGE 27 dicembre 2017, n. 205  Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020. (GU n.302 del 29-12-2017 - SO n. 62). Parte I  Sezione I Misure quantitative per la realizzazione degli obiettivi programmatici Art. 1 comma 122 

Comunicazione COM(2013) 517 final 8 luglio 2013 della Commissione al parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle Regioni. Comunicazione consultiva sull’uso sostenibile del fosforo

Comunicazione COM(2017) 490 final 13 settembre 2017 della Commissione al parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni concernente l'elenco 2017 delle materie prime essenziali per l'UE.

Pin It

Tags: Chemicals Materie CRMs

Ultimi archiviati Chemicals

Set 25, 2020 14

DPCM 25 febbraio 2005

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 febbraio 2005 Linee guida per la predisposizione del piano d'emergenza esterna di cui all´art. 20, comma 4, del decreto legislativo 17 agosto 1999 n. 334 (G.U. n. 61 del 16 marzo 2005 SO n. 40) Collegati[box-note]Seveso: timeline… Leggi tutto
Regolamento UE 2020 1245
Set 03, 2020 744

Regolamento (UE) 2020/1245

Regolamento (UE) 2020/1245 Regolamento (UE) 2020/1245 della Commissione del 2 settembre 2020 che modifica e rettifica il regolamento (UE) n. 10/2011 riguardante i materiali e gli oggetti di materia plastica destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari GU L 288/1 del 03.09.2020… Leggi tutto
Convention on Nuclear Safety
Set 03, 2020 97

Convention on Nuclear Safety

Convention on Nuclear Safety The Convention on Nuclear Safety (CNS) aims to commit Contracting Parties operating land-based civil nuclear power plants to maintain a high level of safety by establishing fundamental safety principles to which States would subscribe. The Convention is based on the… Leggi tutto
Report 2019 PIC
Ago 31, 2020 105

Relazione Annuale 2019 esportazioni importazioni Regolamento PIC

Relazione Annuale 2019 esportazioni importazioni Regolamento PIC ECHA - Reports on PIC chemicals exported and imported under Regulation 649/2012 | 2019 Le notifiche delle società dell'UE relative all'esportazione di determinate sostanze chimiche pericolose al di fuori dell'Unione hanno continuato a… Leggi tutto
Linee guida gestione del rischio filiera acque modello Water Safety Plan
Ago 25, 2020 170

Linee guida gestione del rischio filiera acque modello Water Safety Plan

Linee guida gestione del rischio filiera acque modello Water Safety Plan Linee guida per la valutazione e gestione del rischio nella filiera delle acque destinate al consumo umano secondo il modello dei Water Safety Plan Rapporti ISTISAN 14/21 L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha introdotto… Leggi tutto
Linee guida informazione apparecchiature trattamento acqua consumo umano
Ago 22, 2020 102

Linee guida informazione apparecchiature trattamento acqua consumo umano

Linee guida informazione apparecchiature trattamento acqua consumo umano Linee guida per l’informazione sulle apparecchiature per il trattamento dell’acqua destinata al consumo umano Rapporto ISTISAN 15 / 8 Le linee guida sono state elaborate al fine di contribuire a garantire un’adeguata… Leggi tutto
Linee guida dispositivi di trattamento acque destinate al consumo umano
Ago 22, 2020 185

Linee guida dispositivi di trattamento acque destinate al consumo umano

Linee guida dispositivi di trattamento acque destinate al consumo umano Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 20 marzo 2013 - In allegato Il Ministero della salute, in collaborazione con l’Istituto superiore di… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Feb 28, 2020 35058

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto
Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 29210

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto