Slide background
Slide background
Slide background




Decreti e Regolamenti End of Waste (EoW) | Status

ID 10940 | | Visite: 2606 | Documenti Riservati AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/10940

Cover End of Waste EoW   Status Rev  3 0 2020

Decreti e Regolamenti inerenti l'End of Waste (EoW) | Status ai sensi Art. 184-ter del D.Lgs. n. 152/2006

ID 10940 | Update 24.09.2020

Note normative ed Elenco Decreti / Regolamenti inerenti la Cessazione della qualifica di rifiuto / End of Wast (EoW), Art. 184-ter del D.Lgs. n. 152/2006

Rev. 3.0 del 24 Settembre 2020
Decreto Legislativo 3 settembre 2020 n. 116
Attuazione della direttiva (UE) 2018/851 che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti e attuazione della direttiva (UE) 2018/852 che modifica la direttiva 1994/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio. (GU n.226 dell’11.09.2020) Entrata in vigore del provvedimento: 26/09/2020

L’End of Waste è la disciplina giuridica riguardante la cessazione della qualifica di rifiuto al termine di un processo di recupero.

Si intende quindi il processo che, concretamente, permette ad un rifiuto di tornare a svolgere un ruolo utile come prodotto. Non si riferisce al risultato finale, bensì al percorso che porterà a tale conclusione.

I criteri dell’End of Waste sono regolamentati dall’articolo 6 della direttiva 2008/98/CE e recepiti nel nostro ordinamento nell’articolo 184 ter del D.Lgs. n. 152/2006.

Quest’ultimo articolo ha dunque previsto che la definizione dei criteri relativi all’End of Waste avvenga primariamente mediate regolamento comunitario, oppure mediante uno o più decreti ministeriali.

End of Waste Decreti e Regolamenti

Fig. 1 - Criteri da appliocare per l'EoW

L'End of Waste è previsto dall'articolo 6 della direttiva 2008/98/CE (Direttiva quadro rifiuti):

Direttiva 2008/98/CE

Articolo 6 Cessazione della qualifica di rifiuto 

1. Gli Stati membri adottano misure appropriate per garantire che i rifiuti sottoposti a un’operazione di riciclaggio o di recupero di altro tipo cessino di essere considerati tali se soddisfano le seguenti condizioni:

a) la sostanza o l’oggetto è destinata/o a essere utilizzata/o per scopi specifici;
b) esiste un mercato o una domanda per tale sostanza od oggetto;
c) la sostanza o l’oggetto soddisfa i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispetta la normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti; e
d) l’utilizzo della sostanza o dell’oggetto non porterà a impatti complessivi negativi sull’ambiente o sulla salute umana.

2. La Commissione monitora l’evoluzione dei criteri nazionali per la cessazione della qualifica di rifiuto negli Stati membri e valuta la necessità di sviluppare a livello di Unione criteri su tale base. A tale fine e ove appropriato, la Commissione adotta atti di esecuzione per stabilire i criteri dettagliati sull’applicazione uniforme delle condizioni di cui al paragrafo 1 a determinati tipi di rifiuti.
...

Timeline norme nazionali inerenti l'End of Waste

La L. 128 del 2 novembre 2019 (GU n.257 del 02-11-2019) di conversione del DL. 3 settembre 2019, n. 101 (GU n.207 del 04-09-2019), “recante disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali”, all’art. 14 bis contiene la riforma della “cessazione della qualifica di rifiuto”, comunemente identificata come “End of waste” ha modificato l'Art. 184-terdel D.Lgs. n. 152/2006.

Il comma 2 del DL. 3 settembre 2019, n. 101 riscrive il comma 3 dell’art. 184-ter del D.Lgs. 152/2006 che reca la disciplina transitoria applicabile nelle more dell’emanazione dei criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto (end of waste).

Si tratta di una nuova riscrittura, dopo quella recentemente operata dall’art. 1, comma 19, del D.L. 32/2019 (c.d. decreto-legge sblocca cantieri), con cui si è cercato di superare i problemi generatisi in seguito alla sentenza del Consiglio di Stato n° 1229 del 28 febbraio 2018, senza però pervenire, a detta di molti operatori del settore e della dottrina, ad una soluzione soddisfacente.

L'art. 184-ter del Codice dispone che un rifiuto cessa di essere tale quando è stato sottoposto a un'operazione di recupero, incluso il riciclaggio e la preparazione per il riutilizzo, e soddisfa i criteri specifici, da adottare nel rispetto delle condizioni individuate nelle lettere da a) a d) del medesimo comma (che riproducono sostanzialmente le condizioni indicate dalla direttiva).

Lo stesso articolo (al comma 2) dispone che l'operazione di recupero può consistere semplicemente nel controllare i rifiuti per verificare se soddisfino i criteri elaborati conformemente alle predette condizioni.

Il comma 2, in particolare, dispone che i criteri di cui al comma 1 sono adottati in conformità a quanto stabilito dalla disciplina comunitaria ovvero "in mancanza di criteri comunitari, caso per caso per specifiche tipologie di rifiuto attraverso uno o più decreti del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare".
...

D.Lgs. n. 152/2006
...

Art. 184-ter (Cessazione della qualifica di rifiuto)
...
1. Un rifiuto cessa di essere tale, quando e' stato sottoposto a un'operazione di recupero, incluso il riciclaggio e la preparazione per il riutilizzo, e soddisfi i criteri specifici, da adottare nel rispetto delle seguenti condizioni: 

a) la sostanza o l'oggetto sono destinati a essere utilizzati per scopi specifici; (L. 128 del 2 novembre 2019)
b) esiste un mercato o una domanda per tale sostanza od oggetto; 
c) la sostanza o l'oggetto soddisfa i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispetta la normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti; d) l'utilizzo della sostanza o dell'oggetto non portera' a impatti complessivi negativi sull'ambiente o sulla salute umana. 

2. L'operazione di recupero puo' consistere semplicemente nel controllare i rifiuti per verificare se soddisfano i criteri elaborati conformemente alle predette condizioni. I criteri di cui al comma 1 sono adottati in conformita' a quanto stabilito dalla disciplina comunitaria ovvero, in mancanza di criteri comunitari, caso per caso per specifiche tipologie di rifiuto attraverso uno o piu' decreti del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400. I criteri includono, se necessario, valori limite per le sostanze inquinanti e tengono conto di tutti i possibili effetti negativi sull'ambiente della sostanza o dell'oggetto.
...

End of Waste Status

ID Decreto Oggetto TUA Stato Fonte
01 Regolamento (UE) n. 333/2011 Rottami metallici --- Pubblicato EU
02 Regolamento (UE) 1179/2012 Rottami vetrosi --- Pubblicato EU
03 Regolamento (UE) 715/2013 Rottami di rame --- Pubblicato EU
04 Decreto 14 febbraio 2013 n. 22 Combustibile Solido Secondario (CSS) Art. 184-ter c.2 Pubblicato IT
05 Decreto 28 marzo 2018 n. 69  Conglomerato bituminoso (Fresato d'asfalto) Art. 184-ter c.2 Pubblicato IT
06 Decreto 15 maggio 2019 n. 62  Prodotti assorbenti per la persona (PAP) Art. 184-ter c.2 Pubblicato IT
07 Decreto 31 marzo 2020 n. 78 Gomma riciclata da pneumatici fuori uso (PFU) Art. 184-ter c.2 Pubblicato IT
08 Decreto EoW in iter Carta e Cartone Art. 184-ter c.2 Notificato EC IT
09 Decreto EoW in iter Rifiuti inerti non pericolosi spazzamento stradale Art. 184-ter c.2 Notificato EC IT
10 Preview Costruzione e demolizione (terre e rocce da scavo) --- ---  

...
Segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 3.0.2020
©Copia autorizzata Abbonati

Matrice Revisioni

Rev. Data Oggetto Autore
3.0 24.09.2020 Decreto Legislativo 3 settembre 2020 n. 116 Certifico Srl
2.0  21.07.2020 Decreto 31 marzo 2020 n. 78 
Gomma riciclata da pneumatici fuori uso (PFU)
Certifico Srl
1.0 07.07.2020 Regolamento (EoW)
rifiuti spazzamento stradale
Certifico Srl
0.0 07.06.2020 --- Certifico Srl

Collegati



Tags: Ambiente Rifiuti Abbonati Ambiente

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Ott 22, 2020 34

Decreto Legislativo 21 marzo 2005 n. 73

Decreto Legislativo 21 marzo 2005 n. 73 | Direttiva Zoo Attuazione della direttiva 1999/22/CE relativa alla custodia degli animali selvatici nei giardini zoologici (GU n. 100 del 2 maggio 2005) Collegati
Direttiva 1999/22/CEDirettiva UE sui giardini zoologici - Buone pratiche
Leggi tutto
Ott 22, 2020 42

Direttiva 1999/22/CE

Direttiva 1999/22/CE Direttiva 1999/22/CE del Consiglio, del 29 marzo 1999, relativa alla custodia degli animali selvatici nei giardini zoologici (GU L 94, 9.4.1999) Attuata con il Decreto Legislativo 21 marzo 2005 n. 73 Collegati[box-note]Decreto Legislativo 21 marzo 2005 n. 73Direttiva UE sui… Leggi tutto
Direttiva parchi zoologici   Buone pratiche
Ott 22, 2020 30

Direttiva UE sui giardini zoologici - Buone pratiche

Direttiva UE sui giardini zoologici - Documento sulle buone pratiche Scopo del presente documento sulle buone pratiche Gli sforzi maggiori profusi a favore della conservazione e dell'uso sostenibile della biodiversità devono concentrarsi sulle misure in natura. L'azione a livello UE si concentra… Leggi tutto
Legge 11 febbraio 1992 n  157
Ott 22, 2020 26

Legge 11 febbraio 1992 n. 157

Legge 11 febbraio 1992 n. 157 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio. (G.U. 25 febbraio 1992, n. 46 - S.O. n. 41) Recepimento Direttiva 2009/147/CE "Uccelli" (già Direttiva Direttiva 79/409/CEE) In allegato testo consolidato al 10.2020.… Leggi tutto
Rete Natura 2000
Ott 22, 2020 27

Rete Natura 2000

Rete Natura 2000: lo strumento europeo per conservazione della biodiversità Natura 2000 è il principale strumento della politica dell'Unione Europea per la conservazione della biodiversità. Si tratta di una rete ecologica diffusa su tutto il territorio dell'Unione, istituita ai sensi… Leggi tutto
Ott 22, 2020 24

Decreto 17 ottobre 2007

Decreto 17 ottobre 2007 Criteri minimi uniformi per la definizione di misure di conservazione relative a Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e a Zone di Protezione Speciale (ZPS) (G.U. 6 novembre 2007, n. 258) Art. 1. Finalità Il presente decreto integra la disciplina afferente la gestione dei… Leggi tutto
Decreto 11 gennaio 2013
Ott 22, 2020 72

Decreto 11 gennaio 2013

Decreto 11 gennaio 2013 Approvazione dell'elenco dei siti che non soddisfano i requisiti di cui ai commi 2 e 2-bis dell'art. 252 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e che non sono piu' ricompresi tra i siti di bonifica di interesse nazionale. (GU Serie Generale n.60 del 12-03-2013)… Leggi tutto

Più letti Ambiente