Slide background
Slide background
Slide background




Controlli AIA Conoscenza condivisa in un sistema unitario a rete

ID 4785 | | Visite: 2146 | Documenti Ambiente EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/4785

Temi: Ambiente , AIA

Controlli AIA Conoscenza condivisa in un sistema unitario a rete

Quaderno Arpae - 2017

La legge 132 del 28/06/2017 ha costituito in Italia il sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente, dando nuovo impulso e prospettiva al metodo del confronto e del coordinamento che le Agenzie regionali e provinciali di protezione ambientale ed ISPRA stavano già da tempo perseguendo con impegno nel nostro Paese.

Il progetto “Controlli AIA - Conoscenza condivisa in un sistema unitario a rete” avviato prima dell’entrata in vigore della legge di riforma del sistema, è presentato nella collana de “I quaderni di Arpae” a pochi mesi dalla costituzione formale del SNPA.

Il presente lavoro è organizzato in due parti in analogia alla metodica operativa utilizzata per lo sviluppo del progetto.

La Parte A “Relazione di progetto: I controlli ambientali delle installazioni AIA” costituita da due capitoli che descrivono nel dettaglio i risultati delle elaborazioni del questionario, in particolare: il capitolo “Aspetti programmatico – organizzativi” descrive le elaborazioni delle sezioni 1-2-3-4-5-16, ed il capitolo “Aspetti tecnico-procedurali” relativo alle sezioni 6-7-8-9-10-11-12-13-14-15. Fa parte di questo capitolo anche la sezione 17 che offre un focus sulle installazioni AIA Statali.

La Parte B “La peer review presso Arpa Campania” è uno specifico capitolo dedicato alla descrizione della peer review effettuata presso Arpa Campania.

Ciascuna parte si conclude con un capitolo in cui sono riportati gli aspetti salienti del lavoro svolto ed alcune proposte di sviluppo per la costituzione di un osservatorio permanente sulle attività ispettive AIA e di miglioramento complessivo del sistema.

...

Indice

Prefazione di Stefano Laporta
La comunicazione ambientale e la valorizzazione degli strumenti presenti nelle Agenzie per la conoscenza, la diffusione e l’omogeneizzazione dei controlli AIA nel SNPA di Franco Zinoni
Il confronto tra pari: uno strumento centrale per la costruzione del Sistema per la Protezione dell’Ambiente di Giuseppe Sgorbati

Introduzione
1.1 La Direttiva IED ed il ruolo delle Agenzie Ambientali in Italia
1.2 Il Progetto
1.3 Il Questionario
1.4 Informazioni acquisite ed analisi delle risposte
1.5 Le attività di peer review
1.6 Struttura del documento

Parte A – Relazione di progetto
I controlli ambientali delle installazioni
Aspetti programmatico–organizzativi
2.1 Sezione n°1 – Identificazione del personale del team di ispezione
2.1.1 Scopo / Obiettivo
2.1.2 Risultati rilevanti
2.1.2.1 Sottosezione 1.1: Costituzione del team ispettivo
2.1.2.2 Sottosezione 1.2: Provenienza del personale dedicato
2.1.2.3 Sottosezione 1.3: Attuazione delle disposizioni anticorruzione
2.1.2.4 Sottosezione 1.4: Compensazione tra diverse strutture territoriali
2.1.2.5 Sottosezione 1.5: Compensazione con la direzione tecnica
2.1.2.6 Sottosezione 1.6: Personale con la qualifica di UPG
2.1.3 Conclusioni
2.2 Sezione n°2 – Frequenze programmate e stesura del piano dettagliato di controllo
2.2.1 Scopo / Obiettivo
2.2.2 Risultati rilevanti
2.2.2.1 Sottosezione 2.1-2.4: Verifica ordinaria e straordinaria
2.2.2.2 Sottosezione 2.5-2.6: Frequenza ispezioni
2.2.2.3 Sottosezione 2.7-2.9: Esiti autocontrolli ed esiti ispezioni
2.2.2.4 Sottosezione 2.10-2.12: Programmazione ed organizzazione ispezioni
2.2.2.5 Sottosezione 2.13-2.14: Peso dell’Autorità Giudiziaria e degli esiti pregressi
2.2.3 Conclusioni
2.3 Sezione n°3 – Tempi di esecuzione delle visite ispettive
2.3.1 Scopo / Obiettivo
2.3.2 Risultati rilevanti
2.3.3 Conclusioni
2.4 Sezione n°4 – Eventuali disposizioni/procedure/istruzioni emanate dalle Direzioni delle Agenzie partecipanti
2.4.1 Scopo
2.4.2 Risultati rilevanti
2.4.2.1 Sottosezione 4.1-4.4 e 4.8-4.9: Presenza di procedure per l’esecuzione delle diverse fasi delle Visite Ispettive
2.4.2.2 Sottosezione 4.5-4.7: Previsione di momenti di formazione normativa e tecnica per gli operatori
2.4.3 Conclusioni
2.5 Sezione n°5 – Trasmissione e valutazione dei dati di monitoraggio ed autocontrollo del gestore
2.5.1 Scopo/ Obiettivo
2.5.2 Risultati rilevanti
2.5.2.1 Sottosezione 5a: Trasmissione dei dati di monitoraggio e autocontrollo del gestore
2.5.2.2 Sottosezione 5b: Valutazione dei dati di monitoraggio ed autocontrollo da parte di ARPA
2.5.3 Conclusioni
2.6 Sezione n°16 – Ricadute economiche per arpa del programma delle ispezioni AIA
2.6.1 Scopo
2.6.1.1 Sottosezione 16.1: Numero Visite Ispettive ordinarie effettuate nel 2014
2.6.1.2 Sottosezione 16.2: Personale impiegato nel 2014
2.6.1.3 Sottosezione 16.3-16.4: Ammontare tariffe e tariffazione a prescindere dalle Visite Ispettive
2.6.2 Conclusioni
Aspetti tecnico–procedurali
3.1 Sezione n°6 – Valutazione da parte di ARPA degli obblighi di comunicazione in capo al gestore
3.1.1 Scopo/Obiettivo
3.1.2 Risultati rilevanti
3.1.3 Conclusioni
3.2 Sezione n°7 – Attività di campionamento e successiva analisi laboratoristica svolte da ARPA nel corso della visita ispettiva
3.2.1 Scopo/ Obiettivo
3.2.2 Risultati rilevanti
3.2.2.1 Analisi delle singole matrici
3.2.2.1.1 Acque reflue
3.2.2.1.2 Emissioni in atmosfera
3.2.2.1.3 Emissioni odorigene / molestie olfattive
3.2.2.1.4 Rumore
3.2.2.1.5 Acque di falda / acque di pozzi industriali
3.2.2.1.6 Reti piezometriche
3.2.2.1.7 Rifiuti
3.2.2.1.8 Discariche
3.2.3 Conclusioni
3.3 Sezione n°8 – Verifica da parte di ARPA delle prescrizioni e degli obblighi correlate alle matrici: acque reflue, emissioni in atmosfera, rifiuti prodotti, rumore, molestie olfattive, protezione del suolo e della falda.
3.3.1 Scopo / Obiettivo
3.3.2 Risultati rilevanti
3.3.2.1 Analisi delle singole matrici
3.3.3 Conclusioni
3.4 Sezione n°9 – Valutazione dell’applicazione delle BAT generali e di settore
3.4.1 Scopo / Obiettivo
3.4.2 Risultati rilevanti
3.4.2.1 Sottosezione 9.1: Verifiche circa l’applicazione delle BAT
3.4.2.2 Sottosezione 9.2: Indicazioni o suggerimenti circa l’applicazione di quelle non attuate
3.4.2.3 Sottosezione esito 9.3: Grado di preparazione del personale dell’Agenzia per il controllo delle nuove BAT
3.4.3 Conclusioni
3.5 Sezione n°10 – Promozione della conformità e del miglioramento continuo
3.5.1 Scopo
3.5.2 Risultati rilevanti
3.5.3 Conclusioni
3.6 Sezione n°11 – Indicazioni all’autorità competente
3.6.1 Scopo
3.6.2 Risultati rilevanti
3.6.3 Conclusioni
3.7 Sezione n° 12 – Relazione di riferimento
3.7.1 Scopo/ Obiettivo
3.7.2 Risultati rilevanti
3.7.3 Conclusioni
3.8 Sezione n° 13 – Emission Trading (CO2 e clima alteranti)
3.8.1 Scopo/obiettivo
3.8.2 Analisi dei dati
3.9 Sezione n°14 – Aziende a rischio di incidente rilevante RIR
3.9.1 Scopo/obiettivo
3.9.2 Analisi dei dati
3.9.3 Risultati rilevanti
3.9.4 Conclusioni
3.10Sezione n° 15 – Aziende zootecniche
3.10.1 Scopo / Obiettivo
3.10.2 Risultati rilevanti
3.10.3 Conclusioni
3.11 Impianti AIA di competenza nazionale
3.11.1 Scopo
3.11.2 Impianti soggetti ad AIA di competenza statale
3.11.3 Ripartizione regionale
3.11.4 Rapporto statali/totali
Conclusioni Parte A
4.1 Scopo del progetto
4.2 Sintesi dei risultati
4.2.1 Gli aspetti programmatici ed organizzativi
4.2.2 Gli aspetti tecnici e procedurali
4.3 Analisi SWOT
4.4 Proposte per proseguire il lavoro
Documentazione tecnica di corredo alla Parte A

Parte B La peer review presso Arpa Campania
Introduzione
5.1 Scopo e modalità di svolgimento della peer review
La peer review presso Arpa Campania
6.1 Organizzazione
6.2 Partecipanti
6.3 Contenuti dell’attività di revisione
6.4 Agenda
6.5 Presentazioni e documentazione
6.6 Punti focali del processo di peer review
6.6.1 Quadro normativo, regolamentare e procedurale
6.6.2 Il ruolo dell’Agenzia nel contesto autorizzativo
6.6.3 Quadro organizzativo
6.6.4 Quadro tecnico
6.6.5 Caso di studio
Conclusioni parte B
Documentazione tecnica di corredo alla Parte B

Fonte: Arpae

Consultazione correlati:

Pin It
Scarica questo file (Controlli AIA conoscenza condivisa in un sistema unitario a rete.pdf)Controlli AIA conoscenza condivisa in un sistema unitario a reteQuaderno Arpae 2017IT1290 kB(538 Downloads)

Tags: Ambiente AIA

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Il declino delle api e impollinatori  Riposte alle domande pi  frequenti
Lug 02, 2020 30

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti Quasi il 90% delle piante selvatiche che fioriscono e oltre il 75% delle principali colture agrarie esistenti necessitano dell'impollinazione animale per produzione, resa e qualità dei prodotti. Essi sono essenziali per… Leggi tutto
Giu 25, 2020 109

Direttiva 2013/12/UE

Direttiva 2013/12/UE Direttiva 2013/12/UE del Consiglio, del 13 maggio 2013, che adatta la direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sull’efficienza energetica, in conseguenza dell’adesione della Repubblica di Croazia GU L 141 del 28.5.2013 Collegati[box-note]Direttiva… Leggi tutto
Giu 25, 2020 100

Raccomandazione (UE) 786/2019

Raccomandazione (UE) 786/2019 Al fine di agevolare il recepimento entro il 10/03/2020 della Direttiva 30/05/2018 n.844 (recante le disposizioni modificative e integrative della Direttiva sulla Prestazione energetica nell’edilizia 2010/31/UE recepita in Italia con la L.90), è stata pubblicata nella… Leggi tutto
Linee guida licheni
Giu 23, 2020 76

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori ISPRA, 23.06.2020 Queste linee guida sono basate sulla revisione delle migliori pratiche e dei risultati di recenti studi metodologici e applicativi. Esse riguardano l’utilizzo di licheni epifiti (bioaccumulo mediante licheni nativi e… Leggi tutto
DIRETTIVA 2004 101 CE
Giu 17, 2020 73

Direttiva 2004/101/CE

Direttiva 2004/101/CE Direttiva 2004/101/CE del Parlamento europeo e Del consiglio del 27 ottobre 2004 recante modifica della direttiva 2003/87/CE che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità, riguardo ai meccanismi di progetto del Protocollo… Leggi tutto
D LGS 4 APRILE 2006 N  216
Giu 17, 2020 89

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216 Attuazione delle direttive 2003/87 e 2004/101/CE in materia di scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunita', con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto. (GU n.140 del 19-6-2006 - Suppl. Ordinario n. 150 ) Entrata in vigore… Leggi tutto

Più letti Ambiente