Slide background
Slide background
Slide background

Linee guida Rapporto Controlli AIA-SEVESO

ID 3088 | | Visite: 643 | Documenti Ambiente ISPRA

Linee guida Rapporto dei Controlli SNPA

Struttura reporting controlli ambientali AIA-SEVESO

Il presente documento è stato redatto nell’ambito delle attività dei gruppi di lavoro interagenziali ISPRA-ARPA, nominati e attivati per il triennio 2014-2016.

Si tratta in particolare del gruppo di lavoro 32, costituito al fine di predisporre la struttura del rapporto dei controlli ambientali, con specifico riferimento ai controlli svolti dal sistema agenziale su impianti soggetti al rispetto dell’autorizzazione integrata ambientale ai sensi dell’art. 29-decies d.lgs. 152/2006 e smi e quelli soggetti al rispetto della Direttiva Seveso, ovvero del d.lgs. 334/99, dal 2015 sostituito dal Dlgs. 105 del 26/6/2015 “Attuazione della Direttiva 2012/18/UE relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose”.

Il gruppo di lavoro 32 è inserito all’interno dell’Area 5 assieme ad altri 6 gruppi, tutti impegnati nella predisposizione di reportistiche inerenti diversi temi quali lo stato dell’ambiente, i rifiuti, la qualità dell’aria, l’ambiente urbano.
Nell’ambito delle tematiche ambientali il sistema agenziale si è sempre interessato della divulgazione di informazioni, estratte ed elaborate da dati disponibili di diversa origine, inerenti aspetti quali le produzioni annue di rifiuti pericolosi e non pericolosi, le quantità annue di sostanze inquinanti emesse in atmosfera, la qualità dell’aria ambiente, la qualità delle acque di ogni genere e genesi (superficiali, potabili, reflue, sotterranee); tuttavia sono pochi i contributi esistenti a livello nazionale in merito alle attività di controllo svolte da ISPRA e ARPA/APPA.

La predisposizione di un rapporto dei controlli ambientali di sistema si è resa necessaria in quanto, nonostante le svariate attività ispettive che sono svolte da ISPRA e APPA/ARPA in varie tematiche ambientali, non esisteva ancora un documento univoco che riassumesse le attività svolte dagli enti di controllo ed al contempo evidenziasse i risultati raggiunti. Essendo inoltre un lavoro senza precedenti nell’ambito delle attività di controllo, si è deciso che le tematiche d’interesse in questa prima sessione avrebbero riguardato solo i controlli svolti in ambito AIA e Seveso, i cui esiti sono già piuttosto ricchi di contenuti, rimandando eventualmente ad una successiva attività l’inserimento di altre tematiche.
ll gruppo di lavoro ha dato avvio all’attività a seguito dell’approvazione, in data 31/01/2015, del piano operativo di dettaglio (POD) da parte del Comitato Tecnico Permanente. Le attività proposte sono di seguito descritte:

1) Predisposizione e trasmissione al GdL, per condivisione, di un questionario volto ad acquisire informazioni in materia di reportistica sui controlli AIA/Seveso esistente a livello regionale;
2) Ricognizione di prodotti analoghi di reportistica a livello europeo e/o internazionale;
3) Trasmissione del questionario, dopo approvazione del GdL, alla Rete dei Referenti;
4) Compilazione e trasmissione dei questionari da parte della rete dei referenti con annessi esempi di reportistica, se presenti;
5) Valutazione del materiale acquisito, estrapolazione di indicatori comuni, predisposizione e presentazione di una proposta di reportistica al GdL;
6) Trasmissione da parte del GdL di ulteriori contributi alla proposta di report trasmessa;
7) Stesura finale della struttura di report
8) Presentazione della proposta di reportistica, approvata dal GdL, alla rete dei referenti.

Definita la struttura del rapporto, a seguito di approvazione da parte del CTP, si darà avvio alla fase di acquisizione dati da parte delle Agenzie per le attività di controllo svolte dal sistema agenziale nel 2015 presso gli impianti soggetti all’ottemperanza dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, di cui all’art. 29-decies del D.lgs. 152/06 e presso gli impianti soggetti alla Direttiva Seveso II, di cui al d.lgs. 334/99, ora Dlgs. 105/2015, al fine della stesura e divulgazione del primo rapporto controlli AIA/Seveso 2015, attività che sarà effettuata a partire dal 2016 dal gruppo di lavoro RR38 - Area 6.

Al gruppo di lavoro 32 ha inizialmente partecipato il personale delle Agenzie Regionali sotto riportato e il personale di ISPRA appartenente ai servizi ISP (Servizio interdipartimentale per l'indirizzo, il coordinamento ed il controllo delle attività ispettive) e RIS (Rischio industriale).

ISPRA 2016

   

Tags: Chemicals Rischio Incidente Rilevante

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

PV Status report 2017
Nov 16, 2017 26

Photovoltaics status report 2017

Photovoltaics status report 2017 JRC November 2017 Il fotovoltaico è un'opzione tecnologica chiave per implementare il passaggio a un approvvigionamento energetico decarbonizzato e può essere distribuito in modo modulare quasi ovunque su questo pianeta. Per il 7 ° anno consecutivo, energia solare… Leggi tutto
Nov 16, 2017 43

Circolare MATTM 5205 del 2005

Circolare MATTM n. 5205 del 2005 Indicazioni per l'operativita' nel settore edile, stradale e ambientale, ai sensi del decreto ministeriale 8 maggio 2003, n. 203. 1. Materiale riciclato. Definizione di materiale riciclato. Materiale realizzato utilizzando rifiuti post-consumo da costruzione e… Leggi tutto
Final report biobased products
Nov 16, 2017 38

Final report: Bio-based Products

Final report: Bio-based Products 16.11.2017 Commission Expert Group on Bio-based Products Final Report Increased use of bio-based products can help accelerate the shift towards a more sustainable EU economy, creating both jobs and growth, where both dependence on fossil based carbon and CO2… Leggi tutto
Nov 15, 2017 22

Regolamento di esecuzione (UE) 2017/2090

Regolamento di esecuzione (UE) 2017/2090 della Commissione del 14 novembre 2017 che approva la birra come sostanza di base in conformità al regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari, e che modifica l'allegato… Leggi tutto
Nov 14, 2017 31

Decreto Legge 24 giugno 2014 n. 91

Decreto Legge 24 giugno 2014 n. 91 Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l’efficientamento energetico dell’edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la… Leggi tutto
Nov 14, 2017 38

Decreto Legislativo 29 marzo 2010 n. 56

Decreto Legislativo 29 marzo 2010 n. 56 Modifiche ed integrazioni al decreto 30 maggio 2008, n. 115, recante attuazione della direttiva 2006/32/CE, concernente l’efficienza degli usi finali dell’energia e i servizi energetici e recante abrogazioni della direttiva 93/76/CEE. G.U. n. 92 del 21 aprile… Leggi tutto
Nov 14, 2017 37

Decreto Legislativo 3 marzo 2011 n. 28

Decreto Legislativo 3 marzo 2011 n. 28 Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE. G.U. n. 71 del 28 marzo 2011 S.O. n. 81/L Entrata in vigore del provvedimento:… Leggi tutto
Nov 14, 2017 30

Prodotti fitosanitari: stato approvazioni

Prodotti fitosanitari: stato approvazioni delle sostanze di base in conformità al regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari, e che modifica l'allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 della… Leggi tutto

Più letti Ambiente

Feb 27, 2017 7784

Rapporto rifiuti Urbani 2013

Rapporto rifiuti urbani 2013 Il presente Rapporto è stato elaborato dal Servizio Rifiuti, dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Il Rapporto conferma l’impegno dell’ISPRA affinché le informazioni e le conoscenze relative ad un importante settore, quale quello dei… Leggi tutto
Apr 19, 2016 4645

Catalogo Europeo Rifiuti CER

Codice CER 2015 Nome Codificato 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti da estrazione di minerali 01 01 01 rifiuti da estrazione di minerali metalliferi 01 01 02 rifiuti da estrazione di minerali non… Leggi tutto