Slide background
Slide background
Slide background




Nuove etichette energetiche elettrodomestici dal 1° marzo 2021

ID 7965 | | Visite: 10777 | News ambientePermalink: https://www.certifico.com/id/7965

Nuove etichette elettrodomestici dal 01 marzo 2021

Nuove etichette energetiche elettrodomestici dal 1° marzo 2021

ID 7965 | 01 Febbraio 2021 / Documento completo allegato

Dopo un processo di consultazione in seguito all'accordo del 2017, in applicazione del Regolamento (UE) 2017/1369 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 luglio 2017, che istituisce un quadro per l'etichettatura energetica e che abroga la Direttiva 2010/30/UE (GU L 198 del 28.7.2017), sono stati emanati nel 2019 i Regolamenti delegati con i quali la Commissione ha adottato il formato finale e l'identità visiva delle nuove etichette (che sono "riscalate" dalla A alla G) per 6 (1) gruppi di prodotti (e relativi regolamenti delegati / data di applicazione):

1) lavastoviglie, (Regolamento delegato (UE) 2019/2017(1° Marzo 2021)

2) lavatrici e lavasciuga, (Regolamento delegato (UE) 2019/2014(1° Marzo 2021)

3) frigoriferi, compresi frigoriferi per la conservazione del vino (Regolamento delegato (UE) 2019/2016) (1° Marzo 2021)

4) lampade, (Regolamento delegato (UE) 2019/2015) (1° Settembre 2021)

5) display elettronici tra cui televisori (Regolamento delegato (UE) 2019/2013) (1° Marzo 2021)

6) frigoriferi vendita diretta (Regolamento delegato (UE) 2019/2018) (1) (2) (1° Marzo 2021)
 


(1) Per i frigoriferi vendita diretta (Regolamento delegato (UE) 2019/2018), si tratta di etichetta energetica nuova, non c'è rescaling.

(2) Nuovo gruppo di prodotti di etichettatura per apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta utilizzati nei negozi e nei distributori automatici.

Queste nuove etichette saranno visibili per i consumatori europei nei negozi fisici e online dal 1° marzo 2021 (lampade dal 1° settembre 2021)

Download Nuovi Modelli di etichetta energetica elettrodomestici

Nuove etichette elettrodomestici

Un nuovo elemento in queste etichette è un codice QR con cui i consumatori saranno in grado di ottenere informazioni aggiuntive, ufficiali (non commerciali) mediante la scansione del codice con uno smartphone comune.

Questi dati vengono inseriti dai produttori nella banca dati EPREL UE che sarà disponibile per tutti i cittadini europei nei prossimi mesi. Anche il settore privato e le diverse ONG sono in procinto di creare app che aiuteranno ulteriormente nella scelta di acquisto (ad esempio, contribuendo a calcolare i costi di ritorno e confrontare i diversi prodotti).

A seconda del prodotto, le etichette energetiche mostreranno non solo il consumo di elettricità, ma anche altre informazioni energetiche e non energetiche, con pittogrammi intuitivi, per confrontare i prodotti ed effettuare una scelta di acquisto più informata: informazioni sull'acqua utilizzata per ciclo di lavaggio, capacità di stoccaggio , rumore emesso, ecc.

Lavastoviglie

Lavastoviglie

Regolamento delegato (UE) 2019/2017

 LavasciugaLavasciuga2

 Lavatrici e lavasciuga

Regolamento delegato (UE) 2019/2014

FrigoriferiFriforiferi2 

 Frigoriferi

Regolamento delegato (UE) 2019/2016

 LampadeLampade1

 Lampade

Regolamento delegato (UE) 2019/2015

 Display

 Display elettronici

Regolamento delegato (UE) 2019/2013

 Frigoriferi commerciali3Frigoriferi commercialiFrigoriferi commerciali2

 Frigoriferi vendita diretta

Regolamento delegato (UE) 2019/2018

Es. Dettaglio etichetta Apparecchi di refrigerazione (frigoriferi)

Regolamento delegato (UE) 2019/2016 della Commissione dell’11 marzo 2019 che integra il regolamento (UE) 2017/1369 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’etichettatura energetica degli apparecchi di refrigerazione e abroga il regolamento delegato (UE) n. 1060/2010 della Commissione (GU L 315/102 del 05.12.2019)

ALLEGATO III  Etichetta degli apparecchi di refrigerazione

1. ETICHETTA DEGLI APPARECCHI DI REFRIGERAZIONE, AD ECCEZIONE DEI FRIGORIFERI CANTINA

1.1. Etichetta:

Modello nuova etichetta Enery 2021

1.2. L’etichetta riporta le seguenti informazioni:


I. codice QR;
II. marchio o nome del fornitore;
III. identificativo del modello del fornitore;
IV. scala delle classi di efficienza energetica da A a G;
V. classe di efficienza energetica determinata conformemente all’allegato II;
VI. consumo annuo di energia (AE), espresso in kWh/anno e arrotondato all’intero più vicino;
VII.
- somma dei volumi degli scomparti per prodotti congelati, espressa in litri e arrotondata all’intero più vicino;
- se l’apparecchio di refrigerazione non è dotato di scomparti congelatori, il pittogramma e il valore in litri nel punto VII sono omessi.
VIII.
- somma dei volumi degli scomparti di raffreddamento e degli scomparti per prodotti non congelati, espressa in litri e arrotondata all’intero più vicino;
- se l’apparecchio di refrigerazione non è dotato né di scomparti di raffreddamento né di scomparti per prodotti non congelati, il pittogramma e il valore in litri nel punto VIII sono omessi;
IX. emissioni di rumore aereo espresse in dB(A) re 1 pW e arrotondate all’intero più vicino. La classe di emissione di rumore aereo come indicato nella tabella 2;
X. numero del presente regolamento, ossia «2019/2016».

Download Nuovi Modelli di etichetta energetica elettrodomestici

Etichetta energetica UE

Dal 1995 l'etichetta energetica dell'UE si è dimostrata un successo: l'85% dei consumatori europei lo riconosce e lo utilizza al momento dell'acquisto. Ha inoltre guidato gli sviluppi del settore innovativo e la concorrenza, con nuovi prodotti immessi sul mercato che si stanno progressivamente evolvendo nelle classi energetiche. Sebbene inizialmente la maggior parte dei modelli fosse nelle classi più basse (cioè E, F, G), i nuovi modelli meritavano più alto fino alla situazione in cui oggi la maggior parte si trova ora nelle migliori classi (A +++, A ++, A +) e nessun prodotto è ora nel classi più basse (in alcuni casi, anche A). Tuttavia, un risultato così positivo ora rende difficile per i consumatori distinguere i prodotti più performanti: potrebbero pensare che acquistando un prodotto di classe A + stiano acquistando uno dei più efficienti sul mercato, mentre in realtà a volte acquistano una media prodotto o anche uno dei meno efficienti.

Al fine di rendere più facile per i consumatori comprendere e confrontare i prodotti, l'UE ha deciso di avere in futuro solo etichette energetiche "dalla A alla G".

Nel 2017 l'UE ha adottato un sistema riveduto di etichettatura energetica comprendente:

Un ritorno alla ben nota ed efficace scala di etichettatura energetica "dalla A alla G" per prodotti efficienti dal punto di vista energetico, incluso un processo per la riscalatura delle etichette esistenti.
Una banca dati digitale per i nuovi prodotti efficienti dal punto di vista energetico, in modo che tutti i nuovi prodotti immessi sul mercato dell'UE siano registrati su una banca dati online, consentendo una maggiore trasparenza e una più facile sorveglianza del mercato da parte delle autorità nazionali.

Ciò migliorerà la comprensione e la coerenza, facilitando così i consumatori a identificare correttamente i prodotti più efficienti.

Database per i nuovi prodotti

È stato stimato che il 10-25% dei prodotti sul mercato non rispetta pienamente le normative in materia di etichettatura dell'efficienza energetica e che circa il 10% dei potenziali risparmi energetici sono persi a causa della non conformità. Ciò è dovuto, almeno in parte, alla difficile applicazione da parte delle autorità nazionali di vigilanza del mercato a causa dei lunghi controlli.

Per rendere l'attività di controllo della conformità più efficiente ed efficace, è stato creato un database di registrazione del prodotto (EPREL), in cui produttori e importatori devono registrare i loro prodotti, compresa tutta la documentazione tecnica dettagliata necessaria per l'attività di controllo della conformità. Ciò rende le informazioni chiave disponibili a livello centrale, semplificando così l'attività di controllo del mercato.

La banca dati renderà l'etichetta e le informazioni chiave sui prodotti disponibili per i consumatori e i rivenditori e faciliterà la digitalizzazione dell'etichetta energetica.

Vantaggi dell'etichettatura energetica e dei pacchetti di progettazione ecocompatibile

Le stime interne della Commissione stimano il risparmio energetico totale annuo finale di queste nuove etichette entro il 2030 a 38 TWh / anno, equivalente al consumo annuo di elettricità dell'Ungheria. Il pacchetto sull'etichettatura energetica costituisce un importante contributo agli obiettivi energetici e climatici dell'UE.

All'inizio di luglio 2019, la Commissione prevede di adottare una serie di 11 regolamenti di progettazione ecocompatibile (il pacchetto per la progettazione ecocompatibile), che coprono i 6 gruppi di prodotti con le nuove etichette e altri 5 gruppi di prodotti (per i quali non è prevista alcuna etichetta). La normativa sulla progettazione ecocompatibile affronta aspetti complementari all'etichettatura energetica, fissando requisiti minimi su aspetti quali l'uso dell'energia in standby, la riparabilità, la disponibilità di pezzi di ricambio o facilitando lo smantellamento e il riciclaggio una volta che il prodotto sarà al termine della sua vita, sostenendo così l'attuazione di l'economia circolare. Complessivamente, questa nuova serie di misure dovrebbe portare ulteriori risparmi energetici annuali entro il 2030 al livello di 94 TWh all'anno, più del consumo annuale di elettricità del Belgio e del Lussemburgo.

Atri paesi non UE che adottano le etichette

Una revisione conclusa nel 2014 su un certo numero di paesi nel mondo sugli attuali standard minimi di rendimento energetico (MEPS) e programmi di etichettatura energetica hanno trovato già in quel momento che 59 paesi non UE avevano adottato l'etichettatura energetica per le apparecchiature che utilizzano energia (vedi figura sotto).

carta geografica

Un'analoga revisione è stata eseguita simultaneamente dal Dipartimento dell'Industria australiana sottolineando anche l'impressionante numero di paesi terzi che imitano l'etichetta UE.

Il marchio energetico dell'UE è diventato un simbolo internazionale di efficienza energetica il cui impatto si è esteso ben oltre i confini dell'UE e il settore degli elettrodomestici in cui è nato. Nell'UE stessa, il motivo dell'etichetta delle frecce colorate accatastate che vanno da A (verde) a G (rosso) è stato utilizzato in paesi non UE per etichettare l'efficienza di edifici, pneumatici e automobili e per altri tipi di apparecchiature del settore commerciale o dei consumatori . Elementi dello stesso motivo si trovano nelle etichette energetiche adottate in tutto il mondo, sia come copie dirette o quasi dirette (la maggior parte dei paesi dell'America centrale e meridionale, in Africa, in molti paesi del Medio Oriente, della Russia e di altri stati dell'ex Unione Sovietica ), versioni leggermente modificate (Cina, Hong Kong, Iran, Tunisia) o versioni che copiano solo la codifica a colori (Corea, Taipei cinese). Alcuni esempi sono elencati di seguito.

Quadro legislativo in vigore per i prodotti efficienti dal punto di vista energetico

I prodotti efficienti sotto il profilo energetico sono attualmente disciplinati da due atti quadro: una direttiva e un regolamento:

- La direttiva sulla progettazione ecocompatibile (2009/125/CE) - lo strumento per rendere i prodotti più efficienti dal punto di vista energetico

- Il regolamento sull'etichettatura energetica ((UE) 2017/1369) - lo strumento attraverso il quale il consumatore può riconoscere i prodotti più performanti.

Le misure dei singoli prodotti adottate in base a tali atti consentono ai consumatori di acquistare i prodotti più efficienti dal punto di vista energetico e garantire condizioni di parità per le società europee.

Attualmente (non tenendo conto dei nuovi gruppi di prodotti del pacchetto di etichettatura energetica e del futuro pacchetto Ecodesign che sarà adottato a luglio 2019) sul mercato sono disponibili i seguenti prodotti a risparmio energetico:

- 14 gruppi di prodotti coperti dalle norme sull'efficienza energetica e sull'etichettatura: lavastoviglie, lavatrici, asciugabiancheria, frigoriferi, lampade, televisori, climatizzatori, apparecchi per la cottura domestica, riscaldatori, scaldabagni, unità di ventilazione residenziali, refrigerazione professionale, stufe e apparecchi per il riscaldamento locale caldaie a carburante.

- 9 gruppi di prodotti coperti da requisiti di efficienza (e non dall'etichettatura): semplici set-top box, alimentatori esterni, motori elettrici, circolatori, ventilatori industriali, pompe dell'acqua, computer e server, trasformatori di potenza e prodotti per il riscaldamento dell'aria.

- 2 misure orizzontali che coprono quanto segue: consumo in modalità standby / spento di prodotti elettrici ed elettronici, consumo in standby di dispositivi in ​​rete.

...
segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2021
©Copia autorizzata Abbonati 

Collegati:



Tags: Marcatura CE Direttiva ecodesign Ambiente Energy Abbonati Marcatura CE

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Indicazioni messa in sicurezza siti minerario dismessi
Mag 10, 2021 11

Indicazioni per la messa in sicurezza dei siti minerari dismessi

Indicazioni per la messa in sicurezza dei siti minerari dismessi Pubblicazione della REMI Il Documento Tecnico della Rete Remi riporta alcune pratiche adottate per la messa in sicurezza di siti minerari dismessi e valorizzati ai fini culturali, in assenza di una norma tecnica nazionale dedicata,… Leggi tutto
Global Report CCS 2020
Mag 05, 2021 40

Global Status of CCS Report 2020

Global Status of CCS Report 2020 Il Global Status of CCS Report 2020 dimostra il ruolo vitale delle tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) nel ridurre le emissioni a zero netto entro il 2050, oltre a documentare lo stato attuale e novità tecnologiche degli ultimi 12 mesi. Il rapporto… Leggi tutto
D Lgs  162 2011 Stoccaggio geologico del biossido di carbonio
Mag 05, 2021 121

Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 162

Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 162 Attuazione della direttiva 2009/31/CE in materia di stoccaggio geologico del biossido di carbonio, nonche' modifica delle direttive 85/337/CEE, 2000/60/CE, 2001/80/CE, 2004/35/CE, 2006/12/CE, 2008/1/CE e del Regolamento (CE) n. 1013/2006. (GU n.231 del… Leggi tutto
Mag 05, 2021 25

Decisione n. 2455/2001/CE

Decisione n. 2455/2001/CE Decisione n. 2455/2001/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2001, relativa all'istituzione di un elenco di sostanze prioritarie in materia di acque e che modifica la direttiva 2000/60/CE (GU L 331/1 del 15.12.2001) Collegati[box-note]Direttiva… Leggi tutto
Mag 05, 2021 22

Direttiva 2008/32/CE

Direttiva 2008/32/CE Direttiva 2008/32/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’ 11 marzo 2008, che modifica la direttiva 2000/60/CE che istituisce un quadro per l’azione comunitaria in materia di acque, per quanto riguarda le competenze di esecuzione conferite alla Commissione (GU L 81 del… Leggi tutto
Mag 05, 2021 69

Direttiva 2009/31/CE

Direttiva 2009/31/CE Direttiva 2009/31/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa allo stoccaggio geologico di biossido di carbonio e recante modifica della direttiva 85/337/CEE del Consiglio, delle direttive del Parlamento europeo e del Consiglio 2000/60/CE,… Leggi tutto
Mag 05, 2021 24

Direttiva 2014/101/UE

Direttiva 2014/101/UE Direttiva 2014/101/UE della Commissione, del 30 ottobre 2014 , che modifica la direttiva 2000/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un quadro per l'azione comunitaria in materia di acque Testo rilevante ai fini del SEE (GU L 311 del 31.10.2014)… Leggi tutto
Manuale ISPRA 116 2014
Mag 05, 2021 41

Linea guida ISPRA 116/2014 | Monitoraggio delle acque TUA

Progettazione di reti e programmi di monitoraggio delle acque ai sensi del D.Lgs. 152/2006 e relativi decreti attuativi ISPRA Manuali e linee guida 116/2014 Delibera del Consiglio Federale delle Agenzie Ambientali. Seduta del 30 giugno 2014. DOC. n.42/14-CF L'implementazione della direttiva… Leggi tutto

Più letti Ambiente