Slide background
Slide background
Slide background




Nuove etichette elettrodomestici dal 1° marzo 2021

ID 7965 | | Visite: 477 | News ambientePermalink: https://www.certifico.com/id/7965

Nuove etichette elettrodomestici

Nuove etichette elettrodomestici dal 1° marzo 2021

CE, 11 Marzo 2019

Dopo un processo di consultazione in seguito all'accordo del 2017, la Commissione ha adottato il formato finale e l'identità visiva delle nuove etichette per 6 gruppi di prodotti:

1) lavastoviglie,

2) lavatrici e lavasciuga,

3) frigoriferi, compresi frigoriferi per la conservazione del vino,

4) lampade e

5) display elettronici tra cui televisori.

Un nuovo gruppo di prodotti di etichettatura per apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta utilizzati nei negozi e nei distributori automatici.

Queste nuove etichette saranno visibili per i consumatori europei nei negozi fisici e online dal 1 ° marzo 2021.

Un nuovo elemento in queste etichette è un codice QR con cui i consumatori saranno in grado di ottenere informazioni aggiuntive, ufficiali (non commerciali) mediante la scansione del codice con uno smartphone comune.

Questi dati vengono inseriti dai produttori nella banca dati EPREL UE che sarà disponibile per tutti i cittadini europei nei prossimi mesi. Anche il settore privato e le diverse ONG sono in procinto di creare app che aiuteranno ulteriormente nella scelta di acquisto (ad esempio, contribuendo a calcolare i costi di ritorno e confrontare i diversi prodotti).

A seconda del prodotto, le etichette energetiche mostreranno non solo il consumo di elettricità, ma anche altre informazioni energetiche e non energetiche, con pittogrammi intuitivi, per confrontare i prodotti ed effettuare una scelta di acquisto più informata: informazioni sull'acqua utilizzata per ciclo di lavaggio, capacità di stoccaggio , rumore emesso, ecc.

Lavastoviglie Lavastoviglie
 LavasciugaLavasciuga2  Lavatrici e lavasciuga
FrigoriferiFriforiferi2   Frigoriferi
 LampadeLampade1  Lampade
 Display  Display elettronici
 Frigoriferi commerciali3Frigoriferi commercialiFrigoriferi commerciali2  Frigoriferi commerciali

Dal 1995 l'etichetta energetica dell'UE si è dimostrata un successo: l'85% dei consumatori europei lo riconosce e lo utilizza al momento dell'acquisto. Ha inoltre guidato gli sviluppi del settore innovativo e la concorrenza, con nuovi prodotti immessi sul mercato che si stanno progressivamente evolvendo nelle classi energetiche. Sebbene inizialmente la maggior parte dei modelli fosse nelle classi più basse (cioè E, F, G), i nuovi modelli meritavano più alto fino alla situazione in cui oggi la maggior parte si trova ora nelle migliori classi (A +++, A ++, A +) e nessun prodotto è ora nel classi più basse (in alcuni casi, anche A). Tuttavia, un risultato così positivo ora rende difficile per i consumatori distinguere i prodotti più performanti: potrebbero pensare che acquistando un prodotto di classe A + stiano acquistando uno dei più efficienti sul mercato, mentre in realtà a volte acquistano una media prodotto o anche uno dei meno efficienti.

Al fine di rendere più facile per i consumatori comprendere e confrontare i prodotti, l'UE ha deciso di avere in futuro solo etichette energetiche "dalla A alla G".

Nel 2017 l'UE ha adottato un sistema riveduto di etichettatura energetica comprendente:

Un ritorno alla ben nota ed efficace scala di etichettatura energetica "dalla A alla G" per prodotti efficienti dal punto di vista energetico, incluso un processo per la riscalatura delle etichette esistenti.
Una banca dati digitale per i nuovi prodotti efficienti dal punto di vista energetico, in modo che tutti i nuovi prodotti immessi sul mercato dell'UE siano registrati su una banca dati online, consentendo una maggiore trasparenza e una più facile sorveglianza del mercato da parte delle autorità nazionali.

Ciò migliorerà la comprensione e la coerenza, facilitando così i consumatori a identificare correttamente i prodotti più efficienti.

Database per i nuovi prodotti

È stato stimato che il 10-25% dei prodotti sul mercato non rispetta pienamente le normative in materia di etichettatura dell'efficienza energetica e che circa il 10% dei potenziali risparmi energetici sono persi a causa della non conformità. Ciò è dovuto, almeno in parte, alla difficile applicazione da parte delle autorità nazionali di vigilanza del mercato a causa dei lunghi controlli.

Per rendere l'attività di controllo della conformità più efficiente ed efficace, è stato creato un database di registrazione del prodotto (EPREL), in cui produttori e importatori devono registrare i loro prodotti, compresa tutta la documentazione tecnica dettagliata necessaria per l'attività di controllo della conformità. Ciò rende le informazioni chiave disponibili a livello centrale, semplificando così l'attività di controllo del mercato.

La banca dati renderà l'etichetta e le informazioni chiave sui prodotti disponibili per i consumatori e i rivenditori e faciliterà la digitalizzazione dell'etichetta energetica.

Vantaggi dell'etichettatura energetica e dei pacchetti di progettazione ecocompatibile

Le stime interne della Commissione stimano il risparmio energetico totale annuo finale di queste nuove etichette entro il 2030 a 38 TWh / anno, equivalente al consumo annuo di elettricità dell'Ungheria. Il pacchetto sull'etichettatura energetica costituisce un importante contributo agli obiettivi energetici e climatici dell'UE.

All'inizio di luglio 2019, la Commissione prevede di adottare una serie di 11 regolamenti di progettazione ecocompatibile (il pacchetto per la progettazione ecocompatibile), che coprono i 6 gruppi di prodotti con le nuove etichette e altri 5 gruppi di prodotti (per i quali non è prevista alcuna etichetta). La normativa sulla progettazione ecocompatibile affronta aspetti complementari all'etichettatura energetica, fissando requisiti minimi su aspetti quali l'uso dell'energia in standby, la riparabilità, la disponibilità di pezzi di ricambio o facilitando lo smantellamento e il riciclaggio una volta che il prodotto sarà al termine della sua vita, sostenendo così l'attuazione di l'economia circolare. Complessivamente, questa nuova serie di misure dovrebbe portare ulteriori risparmi energetici annuali entro il 2030 al livello di 94 TWh all'anno, più del consumo annuale di elettricità del Belgio e del Lussemburgo.

Atri paesi non UE che adottano le etichette

Una revisione conclusa nel 2014 su un certo numero di paesi nel mondo sugli attuali standard minimi di rendimento energetico (MEPS) e programmi di etichettatura energetica hanno trovato già in quel momento che 59 paesi non UE avevano adottato l'etichettatura energetica per le apparecchiature che utilizzano energia (vedi figura sotto).

carta geografica

Un'analoga revisione è stata eseguita simultaneamente dal Dipartimento dell'Industria australiana sottolineando anche l'impressionante numero di paesi terzi che imitano l'etichetta UE.

Il marchio energetico dell'UE è diventato un simbolo internazionale di efficienza energetica il cui impatto si è esteso ben oltre i confini dell'UE e il settore degli elettrodomestici in cui è nato. Nell'UE stessa, il motivo dell'etichetta delle frecce colorate accatastate che vanno da A (verde) a G (rosso) è stato utilizzato in paesi non UE per etichettare l'efficienza di edifici, pneumatici e automobili e per altri tipi di apparecchiature del settore commerciale o dei consumatori . Elementi dello stesso motivo si trovano nelle etichette energetiche adottate in tutto il mondo, sia come copie dirette o quasi dirette (la maggior parte dei paesi dell'America centrale e meridionale, in Africa, in molti paesi del Medio Oriente, della Russia e di altri stati dell'ex Unione Sovietica ), versioni leggermente modificate (Cina, Hong Kong, Iran, Tunisia) o versioni che copiano solo la codifica a colori (Corea, Taipei cinese). Alcuni esempi sono elencati di seguito.

Quadro legislativo in vigore per i prodotti efficienti dal punto di vista energetico

I prodotti efficienti sotto il profilo energetico sono attualmente disciplinati da due atti quadro: una direttiva e un regolamento:

La direttiva sulla progettazione ecocompatibile (2009/125/CE) - lo strumento per rendere i prodotti più efficienti dal punto di vista energetico

Il regolamento sull'etichettatura energetica ((UE) 2017/1369) - lo strumento attraverso il quale il consumatore può riconoscere i prodotti più performanti.

Le misure dei singoli prodotti adottate in base a tali atti consentono ai consumatori di acquistare i prodotti più efficienti dal punto di vista energetico e garantire condizioni di parità per le società europee.

Attualmente (non tenendo conto dei nuovi gruppi di prodotti del pacchetto di etichettatura energetica e del futuro pacchetto Ecodesign che sarà adottato a luglio 2019) sul mercato sono disponibili i seguenti prodotti a risparmio energetico:

- 14 gruppi di prodotti coperti dalle norme sull'efficienza energetica e sull'etichettatura: lavastoviglie, lavatrici, asciugabiancheria, frigoriferi, lampade, televisori, climatizzatori, apparecchi per la cottura domestica, riscaldatori, scaldabagni, unità di ventilazione residenziali, refrigerazione professionale, stufe e apparecchi per il riscaldamento locale caldaie a carburante.

- 9 gruppi di prodotti coperti da requisiti di efficienza (e non dall'etichettatura): semplici set-top box, alimentatori esterni, motori elettrici, circolatori, ventilatori industriali, pompe dell'acqua, computer e server, trasformatori di potenza e prodotti per il riscaldamento dell'aria.

- 2 misure orizzontali che coprono quanto segue: consumo in modalità standby / spento di prodotti elettrici ed elettronici, consumo in standby di dispositivi in ​​rete.

...

Fonte:CE

Collegati:

Pin It

Tags: Marcatura CE Direttiva ecodesign Ambiente Energy

Ultimi archiviati Ambiente

Il danno ambientale
Ott 17, 2019 82

Il danno ambientale in Italia: i casi accertati negli anni 2017 e 2018

Il danno ambientale in Italia: i casi accertati negli anni 2017 e 2018 Rapporto ISPRA 312/2019 L’edizione 2019 del Rapporto sul Danno Ambientale in Italia rappresenta il primo rapporto ISPRA sull’azione dello Stato in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale. Il Rapporto si… Leggi tutto
Direttiva 2000 29 CE
Ott 16, 2019 60

Direttiva 2000/29/CE

Direttiva 2000/29/CE Direttiva 2000/29/CE del Consiglio, dell'8 maggio 2000, concernente le misure di protezione contro l'introduzione nella Comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali e contro la loro diffusione nella Comunità GU L 169, 10.7.2000 [box-info]Attuazione D. Lgs. 19… Leggi tutto
Ott 16, 2019 49

Direttiva di esecuzione (UE) 2019/523

Direttiva di esecuzione (UE) 2019/523 Direttiva di esecuzione (UE) 2019/523 della Commissione, del 21 marzo 2019, che modifica gli allegati da I a V della direttiva 2000/29/CE del Consiglio concernente le misure di protezione contro l'introduzione nella Comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai… Leggi tutto
Ott 16, 2019 56

Decreto 2 settembre 2019

Decreto 2 settembre 2019 Modifica degli allegati da I a V del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214, in applicazione di direttive dell'Unione europea concernenti le misure di protezione contro l'introduzione e la diffusione di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali: recepimento… Leggi tutto
Ott 15, 2019 74

Ordinanza ministeriale 26 giugno 1986

Ordinanza ministeriale 26 giugno 1986 Restrizioni all'immissione sul mercato ed all'uso della crocidolite e dei prodotti che la contengono. Collegati
Legge 27 marzo 1992 n. 257 Circolare Ministero Sanità 10 luglio 1986 n.45Circolare Ministero Sanità 1 luglio 1986 n.42
Leggi tutto
Circolare Ministero Sanit  10 luglio 1986 n 45
Ott 15, 2019 68

Circolare Ministero Sanità 10 luglio 1986 n.45

Circolare Ministero Sanità 10 luglio 1986 n.45 Piano di interventi e misure tecniche per la individuazione ed eliminazione del rischio connesso all'impiego di materiali contenenti amianto in edifici scolastici e ospedalieri pubblici e privati (G.U. 23-7-1986, n.169) Collegati[box-note]Ordinanza… Leggi tutto
Ott 15, 2019 69

Circolare Ministero Sanità 1 luglio 1986 n.42

Circolare Ministero Sanità 1 luglio 1986 n.42 Indicazioni esplicative per l'applicazione dell'ordinanza ministeriale 26 giugno 1986 relativa alle restrizioni sul mercato ed all'uso della crocidolite e di taluni prodotti che la contengono (G.U. 23-7-1986, n. 169) Collegati[box-note]Ordinanza… Leggi tutto
Ott 15, 2019 61

Legge 14 gennaio 2013 n. 10

Legge 14 gennaio 2013 n. 10 Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani. (GU n.27 del 01-02-2013) Testo consolidato 2019 con le modifiche apportate dagli atti: 28/08/2014DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 (in SO n.73, relativo alla G.U. 28/08/2014, n.199) 19/04/2016 DECRETO LEGISLATIVO… Leggi tutto

Più letti Ambiente