Slide background

Cassazione Penale Sent. Sez. 4. n. 21 | 02 gennaio 2018

ID 5398 | | Visite: 604 | Cassazione Sicurezza lavoroPermalink: https://www.certifico.com/id/5398

Sentenze cassazione penale

Adeguamento automatico della delega ex art. 16 all'ampliamento della struttura aziendale in assenza di una modifica scritta

Infortunio provocato da un muletto in retromarcia

Penale Sent. Sez. 4 Num. 21 Anno 2018
Presidente: CIAMPI FRANCESCO MARIA
Relatore: PICARDI FRANCESCA
Data Udienza: 30/11/2017

Ritenuto in fatto

1. La Corte di Appello di Brescia, con sentenza emessa all'udienza del 7 giugno 2016, depositata in data 28 giugno 2016, nel termine di cui all'art. 544, terzo comma, cod.proc.pen., e notificata all'imputato libero contumace in data 31 luglio 2017, pur modificando la pena (e, cioè, riducendola a 15 giorni di reclusione e sostituendola con la sanzione di euro 3.750,00 di multa), ha confermato la sentenza di condanna del Tribunale di Mantova nei confronti di A.C. per il reato di cui all'art. 590 cod.pen., per avere, nella sua qualità di procuratore e delegato alla igiene e sicurezza del lavoro della ditta C.A.E.M. Soc.Coop., unitamente all'operaio L.G., in data 23 gennaio 2009, in San Giorgio a Mantova, procurato lesioni personali gravi a M.M., la quale, dopo aver parcheggiato la propria autovettura negli appositi spazi all'interno della predetta azienda, per raggiungere il posto di lavoro, attraversava il piazzale e veniva investita col carrello del muletto con cui L.G. era intento ad eseguire, in fase di retromarcia, lo scarico di materiale da autotreno. La colpa di A.C. è stata indicata nel capo di imputazione e ravvisata dai giudici di merito nel non aver adeguatamente valutato i rischi e non aver individuato le misure tecniche necessarie per la prevenzione di infortuni sul lavoro e precisamente per non aver munito un carrello elevatore di apposito specchietto retrovisore e per non aver provveduto ad organizzare i parcheggi delle macchine dei lavoratori in modo da evitare che gli stessi, scendendo dalle auto, dovessero attraversare il piazzale a piedi.

Avverso tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione l'imputato a mezzo del proprio difensore di fiducia in data 23 settembre 2016.

2. Con il primo motivo formulato ex art. 606 lett b cod.proc.pen. si è dedotta l'erronea applicazione dell'art. 16 del d.lgs. n. 81 del 2008, avendo la Corte di Appello ritenuto che la delega di funzioni in esame non avesse alcun riferimento ad una qualche territorialità e dovesse, quindi, estendersi anche agli stabilimenti, come quello di San Giorgio di Mantova, acquisiti successivamente al suo conferimento, in questo modo ammettendone una modifica unilaterale da parte del delegante, in difetto di accettazione da parte del delegato, peraltro a corrispettivo invariato e senza alcun adeguamento del relativo potere di spesa; con il secondo motivo formulato ex art. 606 lett b ed e cod.proc.pen. si è dedotta la contraddittorietà della motivazione e l'erronea lettura del documento di valutazione dei rischi, avendo la sentenza impugnata fatto discendere la consapevolezza dell'imputato circa l'uso promiscuo del piazzale dal documento di valutazione dei rischi da lui redatto nel maggio 2003 e, quindi, in epoca di molto anteriore all'acquisto dello stabilimento di San Giorgio di Mantova - al contrario, "esclusa la conoscenza in capo all'imputato di una irregolare attività di scarico nel piazzale, viene meno anche il necessario presupposto per imputare all'imputato le contestate violazioni in materia di prevenzione infortuni, ovvero l'omessa installazione dello specchietto retrovisore sul muletto e l'omessa delimitazione della zona di carico scarico nel piazzale".

Considerato in diritto

1. Preliminarmente, osserva il collegio come il reato per il quale l'imputato è stato tratto a giudizio deve ritenersi prescritto in data 23 agosto 2016, trattandosi di delitto ex art. 590, secondo e terzo comma, cod.pen., commesso 23 gennaio 2009, per il quale non ricorrono ipotesi di sospensione.

Al riguardo deve sottolinearsi che l’odierno ricorso avanzato dall'imputato non appare manifestamente infondato, sottoponendo al collegio una questione giuridica opinabile, concernente la possibilità dell'adeguamento automatico della delega ex art. 16 del d.lgs. n. 81 del 2008 all'ampliamento della struttura aziendale, in assenza di una modifica scritta. Lo stesso non risulta neppure affetto da profili d'inammissibilità di altra natura.

A ciò si aggiunga che, in conformità all'insegnamento ripetutamente impartito da questa Corte, in presenza di una causa estintiva del reato, l'obbligo del giudice di pronunciare l'assoluzione dell'imputato per motivi attinenti al merito si riscontri nel solo caso in cui gli elementi rilevatori dell'insussistenza del fatto, ovvero della sua non attribuibilità penale all'imputato, emergano in modo incontrovertibile, tanto che la relativa valutazione, da parte del giudice, sia assimilabile più al compimento di una 'constatazione', che a un atto di 'apprezzamento' e sia quindi incompatibile con qualsiasi necessità di accertamento o di approfondimento (v. Cass., n. 35490/2009, Rv. 244274). E invero il concetto di 'evidenza', richiesto dal secondo comma dell'art. 129 c.p.p., presuppone la manifestazione di una verità processuale così chiara e obiettiva, da rendere superflua ogni dimostrazione, concretizzandosi così in qualcosa di più di quanto la legge richieda per l'assoluzione ampia, oltre la correlazione a un accertamento immediato (cfr. Cass., n. 31463/2004, Rv. 229275). Da ciò discende che, una volta sopraggiunta la prescrizione del reato, al fine di pervenire al proscioglimento nel merito dell'imputato occorre applicare il principio di diritto secondo cui 'positivamente' deve emergere dagli atti processuali, senza necessità di ulteriore accertamento, l'estraneità dell'imputato a quanto allo stesso contestato, e ciò nel senso che si evidenzi l'assoluta assenza della prova di colpevolezza di quello, ovvero la prova positiva della sua innocenza, non rilevando l'eventuale mera contraddittorietà o insufficienza della prova che richiede il compimento di un apprezzamento ponderato tra opposte risultanze (v. Cass., n. 26008/2007, Rv. 237263). Ciò non è riscontrabile nel caso di specie, in cui questa Corte - anche tenendo conto degli elementi evidenziati nella motivazione della sentenza di merito - non ravvisa alcuna delle ipotesi sussumibili nel quadro delle previsioni di cui al secondo comma dell'art. 129 c.p.p.

3. Ne discende che, ai sensi del richiamato art. 129 c.p.p., la sentenza impugnata va annullata senza rinvio per essere il reato contestato all'imputato estinto per prescrizione.

P.Q.M.
annulla senza rinvio la sentenza impugnata perché il reato è estinto per prescrizione.
Così deciso 30 novembre 2017.

___________

Articolo 16 D.lgs 81/08 - Delega di funzioni
1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, è ammessa con i seguenti limiti e condizioni:
a) che essa risulti da atto scritto recante data certa;
b) che il delegato possegga tutti i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate;
c) che essa attribuisca al delegato tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate;
d) che essa attribuisca al delegato l’autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle funzioni delegate.
e) che la delega sia accettata dal delegato per iscritto.
2. Alla delega di cui al comma 1 deve essere data adeguata e tempestiva pubblicità.
3. La delega di funzioni non esclude l’obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. L’obbligo di cui al primo periodo si intende assolto in caso di adozione ed efficace attuazione del modello di verifica e controllo di cui all’articolo 30, comma 4.
3-bis. Il soggetto delegato può, a sua volta, previa intesa con il datore di lavoro delegare specifiche funzioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro alle medesime condizioni di cui ai commi 1 e 2. La delega di funzioni di cui al primo periodo non esclude l’obbligo di vigilanza in capo al delegante in ordine al corretto espletamento delle funzioni trasferite. Il soggetto al quale sia stata conferita la delega di cui al presente comma non può, a sua volta, delegare le funzioni delegate.



Tags: Sicurezza lavoro Cassazione

Ultimi archiviati Sicurezza

Decreto 23 marzo 2000
Mag 25, 2018 21

Decreto 23 marzo 2000

Decreto 23 marzo 2000 Riconoscimento di conformità alle vigenti norme di mezzi e sistemi di sicurezza relativi alla costruzione ed all'impiego di scale portatili Art. 1. 1. E riconosciuta la conformità alle vigenti norme, ai sensi dell'art. 28, lettera a), del decreto legislativo 19 settembre 1994,… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Mag 25, 2018 21

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 22022 | 18 Maggio 2018

Amianto nel cantiere navale di Monfalcone Penale Sent. Sez. 4 Num. 22022 Anno 2018 Penale Sent. Sez. 4 Num. 22022 Anno 2018Presidente: FUMU GIACOMORelatore: CAPPELLO GABRIELLAData Udienza: 22/02/2018 [panel]Ritenuto in fatto Con sentenza del 20/07/2016, la Corte d'appello di Trieste ha parzialmente… Leggi tutto
Sentenze cassazione civile
Mag 25, 2018 21

Cassazione Civile Sent. Sez. Lav. n. 12807 | 23 Maggio 2018

Cassazione Civile Sent. Sez. Lav. 23 Maggio 2018 n. 12807 Infortunio operatore del camion di raccolta dei rifiuti Responsabilità del Comune Civile Ord. Sez. L Num. 12807 Anno 2018Presidente: D'ANTONIO ENRICARelatore: BELLE' ROBERTOData pubblicazione: 23/05/2018 [panel]Ritenuto che il Comune di… Leggi tutto
Mag 23, 2018 27

Decreto 6 agosto 2013

Decreto 6 agosto 2013 Modifica del decreto 9 luglio 2012, recante: Contenuti e modalità di trasmissione delle informazioni relative ai dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori, ai sensi dell’articolo 40 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 GU n.212 del 10-09-2013 Modificato… Leggi tutto
Dlgs 271 1999
Mag 19, 2018 67

Decreto legislativo 27 luglio 1999 n. 271

Decreto legislativo 27 luglio 1999 n. 271 Adeguamento della normativa sulla sicurezza e salute dei lavoratori marittimi a bordo delle navi mercantili da pesca nazionali, a norma della legge 31 dicembre 1998, n. 485. GU Serie Generale n.185 del 09-08-1999 - Suppl. Ordinario n. 151 Entrata in vigore… Leggi tutto
Decreto 27 aprile 2018
Mag 19, 2018 102

Decreto MLPS 27 aprile 2018

Decreto 27 aprile 2018 Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Individuazione delle attività lavorative a bordo delle navi o delle unità, di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 271, alle quali è vietato adibire i minori di anni diciotto 1. Il presente decreto… Leggi tutto

Più letti Sicurezza

Gen 09, 2018 23700

UNI EN 689:1997 Guida Valutazione esposizione per inalazione

UNI EN 689:1997 Valutazione del rischio chimico La norma UNI EN 689:1997 è la principale norma tecnica di riferimento per la valutazione del rischio chimico nei luoghi di lavoro. Tale norma indica strategie e metodologie per misurare la concentrazione degli agenti chimici, mettere in… Leggi tutto