Slide background

Cassazione Civile, Sez. 3, 31 ottobre 2017, n. 25838

ID 4873 | | Visite: 767 | Cassazione Sicurezza lavoroPermalink: https://www.certifico.com/id/4873

Cavedio killer

Cassazione Civile, Sez. 3, 31 ottobre 2017, n. 25838 - Cavedio killer per due tecnici intenti a fare un rilievo: responsabilità della società proprietaria dell'immobile da ristrutturare

1. Nel 2000 V.M., S.L. e G.L. convennero dinanzi al Tribunale di Grosseto la società Unicoop Tirreno soc. coop. a r.l. (d'ora innanzi, per brevità, "la Unicoop"), esponendo:

(-) di essere, rispettivamente, madre e sorelle di Cesare L.;

(-) il 22 marzo 1994 Cesare L. perse la vita in conseguenza di un infortunio sul lavoro;

(-) quel giorno Cesare L., dipendente del geometra M.D., accompagnò quest'ultimo ad eseguire un'ispezione all'interno di un immobile di proprietà della società convenuta sito a Sticciano Scalo, frazione di Roccastrada (GR), nel quale occorreva eseguire dei lavori di sistemazione;

(-) per effettuare i rilievi ritenuti necessari, venne praticato un foro sul pavimento che immetteva in un sottostante cavedio, privo di aperture ed all'interno del quale non vi era ossigeno; sicché i due tecnici, calatisi nel cavedio, morirono per asfissia. Conclusero pertanto invocando la responsabilità della società convenuta ai sensi dell'articolo 2051 c.c., e chiedendone la condanna al risarcimento dei danni rispettivamente patiti.

2. Con sentenza 22 aprile 2008 n. 383 il Tribunale di Grosseto rigettò la domanda.

La Corte d'appello di Firenze, adita dalle soccombenti, con sentenza 7 gennaio 2014 n. 2 accolse il gravame e condannò la società Unicoop al risarcimento del danno.

Per quanto in questa sede ancora rileva, la Corte d'appello ritenne che:

(-) il geometra M.D. ed il suo dipendente Cesare L. avevano praticato un foro nel pavimento per ispezionare il punto esatto ove far passare delle tubazioni; si erano così immessi in una "camera stagna" priva di vespaio e di bocchette di areazione; quivi erano deceduti per ipossia, perché in quella camera stagna non vi era ossigeno;

(-) il proprietario dell'immobile dunque doveva rispondere ex articolo 2051 c.c. dell'accaduto, dal momento che la situazione di pericolo era "connessa in modo immanente alla struttura"; in ogni caso, quella struttura non era stata costruita in modo conforme alle prescrizioni del regolamento edilizio del Comune di Roccastrada, in quanto priva di bocchette di aerazione;

(-) era irrilevante la circostanza che la scelta di praticare il foro nel pavimento e di calarsi nel cavedio fosse stata compiuta dal datore di lavoro della vittima; tale circostanza infatti, quand'anche accertata, avrebbe avuto quale unico effetto l'insorgere della responsabilità solidale del datore di lavoro e del custode, ma non avrebbe escluso certo la responsabilità di quest'ultimo.

3. La sentenza d'appello è stata impugnata per cassazione dalla Unicoop con ricorso fondato su un solo motivo ed illustrato da memoria.

Hanno resistito con controricorso V.M., S.L. e G.L..



Tags: Sicurezza lavoro Rischio cantieri

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Decreto 23 marzo 2000
Mag 25, 2018 21

Decreto 23 marzo 2000

Decreto 23 marzo 2000 Riconoscimento di conformità alle vigenti norme di mezzi e sistemi di sicurezza relativi alla costruzione ed all'impiego di scale portatili Art. 1. 1. E riconosciuta la conformità alle vigenti norme, ai sensi dell'art. 28, lettera a), del decreto legislativo 19 settembre 1994,… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Mag 25, 2018 21

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 22022 | 18 Maggio 2018

Amianto nel cantiere navale di Monfalcone Penale Sent. Sez. 4 Num. 22022 Anno 2018 Penale Sent. Sez. 4 Num. 22022 Anno 2018Presidente: FUMU GIACOMORelatore: CAPPELLO GABRIELLAData Udienza: 22/02/2018 [panel]Ritenuto in fatto Con sentenza del 20/07/2016, la Corte d'appello di Trieste ha parzialmente… Leggi tutto
Sentenze cassazione civile
Mag 25, 2018 21

Cassazione Civile Sent. Sez. Lav. n. 12807 | 23 Maggio 2018

Cassazione Civile Sent. Sez. Lav. 23 Maggio 2018 n. 12807 Infortunio operatore del camion di raccolta dei rifiuti Responsabilità del Comune Civile Ord. Sez. L Num. 12807 Anno 2018Presidente: D'ANTONIO ENRICARelatore: BELLE' ROBERTOData pubblicazione: 23/05/2018 [panel]Ritenuto che il Comune di… Leggi tutto
Mag 23, 2018 27

Decreto 6 agosto 2013

Decreto 6 agosto 2013 Modifica del decreto 9 luglio 2012, recante: Contenuti e modalità di trasmissione delle informazioni relative ai dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori, ai sensi dell’articolo 40 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 GU n.212 del 10-09-2013 Modificato… Leggi tutto
Dlgs 271 1999
Mag 19, 2018 67

Decreto legislativo 27 luglio 1999 n. 271

Decreto legislativo 27 luglio 1999 n. 271 Adeguamento della normativa sulla sicurezza e salute dei lavoratori marittimi a bordo delle navi mercantili da pesca nazionali, a norma della legge 31 dicembre 1998, n. 485. GU Serie Generale n.185 del 09-08-1999 - Suppl. Ordinario n. 151 Entrata in vigore… Leggi tutto
Decreto 27 aprile 2018
Mag 19, 2018 102

Decreto MLPS 27 aprile 2018

Decreto 27 aprile 2018 Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Individuazione delle attività lavorative a bordo delle navi o delle unità, di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 271, alle quali è vietato adibire i minori di anni diciotto 1. Il presente decreto… Leggi tutto

Più letti Sicurezza

Gen 09, 2018 23700

UNI EN 689:1997 Guida Valutazione esposizione per inalazione

UNI EN 689:1997 Valutazione del rischio chimico La norma UNI EN 689:1997 è la principale norma tecnica di riferimento per la valutazione del rischio chimico nei luoghi di lavoro. Tale norma indica strategie e metodologie per misurare la concentrazione degli agenti chimici, mettere in… Leggi tutto